Terrorismo Archivi - www.altreinfo.org

Category: Terrorismo

L’FBI fabbrica regolarmente terroristi da usare negli attentati. Maurizio Blondet

Proprio in questi giorni in USA è emerso il retroscena di un ”attentato islamico” gestito dall’FBI il 3 maggio 2015  in Texas. In quel giorno, nella località di Garland, due americani fanatici di estrema destra razzista e anti-islamici, Robert Spencer e Pamela Geller, riuniscono una gara di “vignette contro Maometto” (a gennaio era avvenuto l’attentato contro Charlie Hebdo); era presente all’impresa, invitato d’onore, l’olandese sovranista Geert Wilders. Verso sera, cercano di far irruzione nell’edificio che ospitata il concorso provocatorio, due musulmani provenienti dall’Arizona, Elton Simpson e Nadir Sufi, con due...

Le assurde rivendicazioni di Rita Katz

Carcassonne: le assurde rivendicazioni di Rita Katz. Alba Giusi

Ritorniamo sull’attentato di Carcassonne, rivendicato dall’ISIS per il tramite di Rita Katz, unico essere vivente sul pianeta che può accedere all’agenzia stampa criptata dell’ISIS, sedicente AMAQ. Si, perché i jihadisti hanno scelto come unico portavoce delle loro rivendicazioni una ebrea sionista vicina al Mossad. Strano? Certo che è strano, molto strano. Anzi, utilizziamo le parole giuste: è una presa in giro. Bisognerebbe controllare se Rita Katz, o qualche suo amico del Mossad, ha depositato all’Uffico Marchi e Brevetti degli Stati Uniti le sigle ISIS, Daesh e Amaq. Sono tutte creazioni che...

Anche a Carcassonne c’è stata un’esercitazione. Come per Skripal. Maurizio Blondet

Anche a Carcassonne c’è stata un’esercitazione. E simulava proprio “una strage di massa che ha avuto luogo in un supermercato”. E’ accaduto a Carcassonne, il 13 dicembre. E a guidare l’esercitazione coi suoi 60 uomini, era il tenente colonnello Arnaud Beltrame. Quello che il 23 marzo ha offerto di sostituirsi a un ostaggio, una donna, e il terrorista, Redouane Lakdim, 25 anni, ha accettato. https://www.ladepeche.fr/article/2017/12/14/2703994-attentat-un-exercice-mobilisateur.html I giornali locali riportano l’incredibile coincidenza, “que donne le froid dans le dos”, che da i brividi. Il tenente colonnello è morto eroicamente. Ucciso, ma...

isis dichiara guerra a gaza e a hamas

Isis dichiara guerra anche ad Hamas (a Israele proprio MAI?), Maurizio Blondet

Un video di 22 minuti. Dove uno speaker dell’ISIS (Stato Islamico, sezione Penisola del Sinai) dichiara guerra ad  Hamas, l’organizzazione ultrà che controlla la striscia di Gaza, bollandola come “apostata”, e alla fine, compie l’esecuzione di un barbuto in tuta gialla, che si dice essere un membro della Brigata Izzeddin al-Qassam, la milizia armata di Hamas. Lo speaker, che parla brandendo un coltello, incita i giovani dentro Gaza a distruggere Hamas, dando come motivo che non ha saputo impedire il riconoscimento da parte americana di Gerusalemme come capitale di Israele....

Un’occhiata nella fabbrica dei terroristi islamici. Maurizio Blondet

“Anis Amri fu istigato da un informatore della polizia”. L’indagine che fa tremare l’intelligence tedesca Titolo di Huffington Post Anis Amri è il tunisino che, partito da Sesto San Giovanni, la notte del 19 dicembre 2016 alla guida di un TIR fece strage fra la folla al mercatino di Natale di Berlino: 12 morti di molte nazionalità e 56 feriti. Sceso dal camion, il guidatore era scomparso. Ma la polizia tedesca, due giorni dopo il fatto, guardando meglio, scoprì nel vano porta-oggetti del camion il documento di prolungamento della permanenza in Germania...

“Insider trading” sospetti “prima” della strage di Las Vegas. Maurizio Blondet

Le azioni della OSI Systems, leader mondiale nei macchinari del controllo-bagagli e persone negli aeroporti di tutto il pianeta (un business miliardario globale, dopo l’11 Settembre che hanno reso obbligatori quei macchinari), sono salite giorni prima. Precisamente hanno cominciato a salire dall’11 settembre, con aumento del volume delle share/options. Da quel giorno fino alla strage, l’OSI ha guadagnato il 16%. Il lettore attento ricorderà che la OSI è la ditta nominata da “John” che, su 4Chain, ha annunciato una strage a Las Vegas con tre settimane d’anticipo. Il fantomatico “John” precisava che l’incidente...

La strage di Las Vegas è stata annunciata 3 settimane prima. Maurizio Blondet

Sul sito 4chan, un tale “John” ha postato, l’11 Settembre scorso, questi post: Traduco  i post essenziali: l’1 e il 5 e 6 Lunedì 11 settembre, ore 6:08   – N. 141100963 “Sentite, mi spiace per alcuni di voi, per cui vi dirò un piccolo segreto. Se vivete a Las Vegas o Henderson [un sobborgo. Ndr.] state a casa domani. Non andate in nessun luogo dove ci sia un grande assembramento di folla. E anche: se vedete tre furgoni neri parcheggiati l’uno vicino all’altro, lasciate la zona immediatamente. Prego. John Lunedì...

16 domande senza risposta di cui i media mainstream non vogliono parlare sulla sparatoria di Las Vegas. Michael Snyder

Al pubblico non sta venendo detta la verità su quanto veramente successo a Las Vegas. Le prove dicono che ci fossero più tiratori e che l’intera operazione fosse stata ben pianificata precedentemente. Secondo i mainstream media, tuttavia, un 64enne ragioniere con un fisico flaccido, senza alcun addestramento militare e non pratico di armi è stato in grado di fare tutto da solo. Ci viene detto che Paddock è un “lupo solitario”, senza legami con  gruppi terroristici. Dato che ora è morto nessuno potrà mai interrogarlo. Il popolo americano merita però...

Strage Las Vegas: risposte e domande

Della strage di Las Vegas, la più grave in America dopo quella dell’11 settembre, hanno parlato a diffusione i media. Così, al di là dello sconforto per l’ennesimo eccidio, ci limitiamo ad alcuni cenni. L’assassino sarebbe Stephen Paddock, un pensionato di 64 anni, e avrebbe sparato da una camera d’albergo che dominava l’area affollata di spettatori di un concerto country. Si sarebbe suicidato all’appressarsi delle forze di sicurezza, quindi non potrà mai negare la sua colpevolezza. Aveva armi, come usuale in tanta parte d’America. Diciannove ne sono state trovate presso la sua...

Strage di Las Vegas: Ma Rita Katz, che cosa stai dicendo? Alba Giusi

A Las Vegas un certo Stephen Paddock ha ucciso 59 persone e ne ha ferite più di 500. Si è appostato in una stanza del 32° piano del Mandalay Bay ed ha sparato sulla folla che stava assistendo a un concerto. Nella sua stanza sono state trovate armi automatiche di precisione. La polizia fa fatto irruzione e lui si è suicidato. Stephen Paddock era un americano di 64 anni, di razza bianca. Fin qui la storia. Interviene poi Rita Katz, l’unica al mondo ad avere accesso ai siti jihadisti e dice: 22)...

attentato di Marsiglia, rivendicato dall'ISIS di Rita Katz

Attentato di Marsiglia: i jihadisti festeggiano! E’ stato l’ISIS! Parola di Rita Katz (lei sa tutto… solo lei sa). Alba Giusi

Ecco le tanto attese rivendicazioni dell’ISIS. A Marsiglia sono stati loro. Chi lo dice? La fonte è sempre la stessa. Si tratta di Rita Katz, sionista legata al Mossad che gestisce il SITE. Lei e soltanto lei riesce a vedere il sito criptato di Amaq, la improbabile agenzia informativa dei terroristi. Soltanto lei è in grado di entrare nel deep web. Soltanto lei riesce a decriptare i siti jihadisti. E Rita Katz compare ogni qualvolta qualcuno fa un attentato. La prima cosa che dice è: “I terroristi festeggiano” Poco dopo...

ISIS – Rivendica sempre-sempre la propria responsabilità. Peter Koenig

Ogni volta che un attacco terroristico colpisce da qualche parte in Europa o nel mondo, la polizia e i media riferiscono in poco tempo che l’ISIS/ISIL/Daesh ha rivendicato la propria responsabilità. Per aumentare credibilità, solitamente sostengono che la notizia sia stata confermata dall’agenzia di stampa dell’ISIS Amaq. Non appena questo stralcio di informazione è resa pubblica, il popolo sconvolto prende un respiro profondo e si lascia convincere. Sono i soliti colpevoli. Sono loro, non noi. Noi stiamo bene. Possiamo tornare al lavoro come al solito. Questo solo in Europa è successo...

Site di rita katz

Il katziatone di Rita Katz: o zitti e buoni, o l’attentatone. Fulvio Grimaldi

ISIS/SITE: tocca a voi! A proposito dell’annuncio post-Barcellona di un imminente attentato in Italia,  ce ne sono stati altri che minacciavano sfracelli in Vaticano, al Colosseo, la conquista di Roma. Ma stavolta potrebbe essere diverso. Intanto la notizia proviene da fonte autorevole e credibile: il sito SITE di Rita Katz, portavoce e diffusore da anni del jihadismo più efferato, in particolare dell’ISIS, con il quale la collaborazione nella promozione di quel panico che si sa funzionale alle aggressioni belliche e all’instaurazione di regimi di polizia, è stretta e, come provano...

_il rabbino Meir Bar-Hen

Il Rabbino di Barcellona: “L’Europa è perduta”. Proprio come dice Netanyahu. Maurizio Blondet

Questo è il rabbino-capo di Barcellona, Meir Bar-Hen. Dopo l’attentato alla Rambla, ha fatto appello agli ebrei di Spagna: comprate un terreno in Israele e andate ad abitarci, prima che sia troppo tardi: “L’Europa è perduta”. Strano, è la stessa espressione che un mese fa ha adoperato Netanyahu, durante un incontro a porte chiuse (ma qualche microfono era aperto) con i governanti del Gruppo di Visegrad: “L’Europa deve decidere se vuole  vivere e prosperare o se vuole deperire e sparire“, ha detto. “Non sono molto politicamente corretto. So che è...

Terrorista ucciso a cambrils era disarmato e non opponeva resistenza

Video di uno dei cinque terroristi uccisi a Cambrils. Era disarmato, aveva le mani alzate e urlava NO. Alba Giusi

Questo video è apparso il 18 agosto 2017 sul sito de El Pais , uno dei più importanti giornali spagnoli. Il titolo del video è: Così è stato abbattuto il quinto terrorista di Cambrils Si tratta quindi della uccisione di uno dei terroristi. Da notare che il terrorista non è armato, si muove da una parte all’altra, dice NO, alza le mani, ma viene comunque ucciso. Ha una cintura esplosiva ben in vista, risultata poi falsa. I poliziotti sparano molti colpi e non sembrano affatto intimoriti dalla sua cintura. L’uccisione...

error: Alert: Content is protected !!