dicembre 2016 - www.altreinfo.org

Monthly Archive: dicembre 2016

I bambini fanno oh, canzone ispirata di Giuseppe Povia. Ora è un cantautore impegnato, escluso dai circuiti mainstream

I bambini fanno no. Povia bandito dai circuiti mainstream. Francesco Carraro

Correva l’anno 2005 quando una canzone inattesa e abbagliante vinse il festival di Sanremo senza vincerlo davvero. Il brano si intitolava I bambini fanno oh e fu escluso dalla fase finale della manifestazione per una faccenda di scartoffie, ma in realtà il suo interprete, Giuseppe Povia, si rivelò il trionfatore morale di quella edizione della kermesse dei fiori. Da allora, il motivetto e il testo non ci hanno più abbandonati. Facciamo la prova: basta accennare, anche solo mentalmente, alle prime note e alle prime parole dell’incipit e la sua magia...

Barack Obama

Che squallore Obama! Ora capite che uomo è (e perché Trump fa tanta paura). Marcello Foa

Eh sì, ora potete verificare di persona che tipo di persona sia Barack Obama. E soprattutto potete rendervi conto di quanto importante e destabilizzante sia stata la vittoria di Trump, che ha posto fine a un lunghissimo periodo di potere esercitato da un gruppo élitario – neoconservatore ma non solo – che, ha dominato Washington, rovinando sia gli Usa sia il mondo. Circa tre settimane fa in un’intervista al blog di Beppe Grillo affermavo che l’establishment di Obama, che riva le sue radici strategiche e ideologiche nell’amministrazione Bush, avrebbe fatto...

Il Ministero della Verità

L’Italia chiede alla Unione Europea di censurare la libertà di espressione su internet

ZeroHedge analizza freddamente il significato delle dichiarazioni del nostro capo dell’antitrust, Pitruzzella, in merito alle “fake news”. Come al solito, dietro una richiesta apparentemente ragionevole, si cela una verità inconfessabile. L’establishment vuole mettere in atto un “Ministero della Verità” orwelliano, una schiera di individui non eletti, ovviamente coordinati da Bruxelles, che non rispondono a nessuno delle loro azioni ma che possono decidere cosa è vero e cosa no. Chi controlla il presente controlla il passato, e chi controlla il passato controlla il futuro (Orwell, 1984).  I primi sono stati gli...

Putin non reagisce alle provocazioni di Obama

A Obama il Premio Nobel per la guerra, Putin resiste alle provocazioni, è l’uomo dell’anno. Paolo Becchi

Paolo Becchi, filosofo e accademico italiano, intervistato da IntelligoNews, boccia duramente il comportamento di Obama, dopo la decisione del presidente uscente di espellere 35 diplomatici russi con l’accusa di essere delle “spie”. Scontro aperto tra America e Russia, alla vigilia dell’insediamento di Trump. Che idea si è fatto della vicenda? «Quello che sta facendo Obama rappresenta un serio pericolo per la pace nel mondo, altro che Premio Nobel per la pace bisognava dargli il Premio Nobel per la guerra. Il rischio è grossissimo, lui sta prendendo decisioni alla soglia dell’addio...

ordine mondiale liberale in agonia

2016: l’agonia dell’ordine mondiale “liberale”. Federico Dezzani

Il 2016 volge al termine e non ha disatteso le nostre previsioni: avevamo promesso un anno ad alta tensione e così è stato. Attentati terroristici, assalti speculativi, operazioni sporche dei servizi, putsch militari, consultazioni dagli esiti sorprendenti, lampi di guerra, hanno scandito i dodici mesi appena trascorsi: dopo averli esaminati uno per uno, è il momento di inquadrali in un’analisi complessiva. Nel corso del 2016 l’ordine mondiale “liberale”, uscito dall’ultima guerra e basato sull’egemonia angloamericana, è entrato ufficialmente in agonia, dopo un periodo di crisi iniziato con il crack di...

La menorah, simbolo ebraico, a Washington, costruita davanti alla Casa Bianca

Gli americani sono in maggioranza cristiani. Perché di fronte alla Casa Bianca c’è una menorah gigante e non un presepe?

In America le lobbies sioniste hanno combattuto tutto ciò che rappresenta il cristianesimo. Oggi in America e’ diventato illegale porre la croce o un simbolo cristiano sul demanio mentre la menorah e’ consentita ed applaudita. Le organizzazioni ebraiche sono state leader nella battaglia legale per vietare i simboli cristiani del Natale dalla vita pubblica americana. Le maggiori organizzazioni ebraiche in America, come l’America Jewish Committee, ha finanziato e patrocinato numerose cause che dicono che i simboli cristiani come la mangiatoia e croci cristiane non possono essere eretti su qualsiasi terreno pubblico. Hanno...

Il governo egiziano ratifica l'accordo con l'Arabia Saudita per la cessione delle isole di Tiran e Sanafir

Il governo egiziano ratifica l’accordo con l’Arabia Saudita per la cessione delle isole di Tiran e Sanafir

Colpo di scena oggi, nei rapporti tra l’Egitto e l’Arabia Saudita. Dopo settimane di crescente tensione tra i due paesi, Il governo egiziano guidato da al Sisi ha approvato l’accordo di demarcazione marittima con la monarchia saudita, che prevede anche il controverso passaggio di sovranità delle strategiche isole Tiran e Sanafir. Lo ha reso noto lo stesso del Cairo con un comunicato ripreso dai media locali. La vicenda, però, non è chiusa, in quanto si attende ancora il verdetto dell’Alta corte amministrativa dell’Egitto che si pronuncerà sulla cessione delle isole...

Altro che sogno americano, negli USA dilaga il precariato. Questo è il modello importato da Renzi

Altro che sogno americano, negli USA dilaga il precariato. Questo è il modello importato da Renzi

Gli anni di Barack Obama sono stati davvero una storia di successi per il lavoratore americano? Così ha sostenuto molte volte il presidente uscente, e su questo ha costruito ad esempio gran parte del suo discorso sullo Stato dell’Unione del gennaio 2016. E lo ha ripetuto cercando di aiutare Hillary Clinton, a settembre e ottobre 2016, nella complicata campagna presidenziale. Era un viatico, il successo di Obama, regalato da Obama. In tanti, anche da noi, hanno creduto che grazie a Barack per Hillary era fatta. Ma le cose non stanno...

Sono state trovate tonnellate di armi ad Aleppo Est, ma i media di regione tacciono

Armi e militari della NATO ad Aleppo est. I media di regime continuano a tacere

Enormi scorte di armi e munizioni, molte con segni della NATO, sono state scoperte ad Aleppo est, quando i terroristi di al-Nusra, affiliata ad al-Qaida, furono scacciati dalla città dalle forze siriane. Le relazioni precedenti su personale della NATO catturato sono rientrate, essendo stati autorizzati ad andarsene con i terroristi sui bus forniti secondo l’accordo, risparmiando dall’imbarazzo la NATO. L’intervista di FWM al deputato siriano Faras Shahabi, residente ad Aleppo, che definisce la scoperta “SyriaGate”. Signor Shahabi, i media mainstream e i politici europei sono irritati dalla liberazione di Aleppo...

Iraq: riprende l’offensiva su Mosul, ma gli USA stanno a guardare

Iraq: riprende l’offensiva su Mosul, ma gli USA stanno a guardare

Dopo due settimane di pausa, le forze irachene hanno dato il via a una seconda fase dell’offensiva per liberare Mosul. Le Forze Speciali stanno avanzando nei quartieri Karama e Quds, mentre l’Esercito e la Polizia Federale guadagnano terreno nei quartieri Intisa, Salam e Sumor. L’operazione è cominciata 9 settimane fa e da allora la gran parte dei distretti di Mosul sulla riva est del Tigri sono stati liberati; tuttavia, le forze di Baghdad devono avanzare con cautela per la presenza di un altissimo numero di civili che i Daesh usano...

Che muoiano gli Stati Uniti. Rivelate le ultime parole di Saddam prima della morte

“Che muoiano gli Stati Uniti”. Rivelate le ultime parole di Saddam prima della morte

Dopo il suo rovesciamento da parte degli Stati Uniti, l’ex presidente dell’Iraq, Saddam Hussein, non ha mai chiesto o implorato perdono. Lo ha detto in un’intervista esclusiva con RT Mowaffak al-Rubaie, che tra il 2004 e il 2009 è stato consigliere per la sicurezza nazionale dell’allora primo ministro iracheno, Nouri al-Maliki. Secondo Rubaie, Hussein non ha dato l’impressione di essere un uomo timorato di Dio e nemmeno come uno che volesse utilizzare la religione “a fini di propaganda o per ingannare la gente” – e i carcerieri dovettero ricordargli di...

Mosca spiega perché non ha reagito all'espulsione dei diplomatici russi da parte di Obama

Mosca spiega perché non sono stati espulsi i diplomatici USA in risposta alle sanzioni di Obama

Decidendo sulla risposta all’espulsione dei diplomatici russi dagli Stati Uniti, Mosca ha tenuto conto degli interessi dei diplomatici americani e dei loro figli, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. “Comprendendo che la diplomazia si basa su risposte e misure simmetriche, abbiamo preso in considerazione molto seriamente e con molta serietà abbiamo tenuto conto di come si sarebbero sentiti i nostri colleghi americani e le loro famiglie. Soprattutto dei loro figli, che ora si preparano alle feste di Capodanno e che sono in vacanza, di come si sarebbero...

Per salvare le banche si trovano 20 miliardi di euro, da un giorno all'altro, col voto di camera e senato

Per salvare le banche si trovano 20 miliardi, da un giorno all’altro. Andrea Baranes

Il punto è non aspettare la prossima tempesta, ma iniziare a cambiare rotta.   “Oggi la banca è risanata, e investire è un affare. Su Monte dei Paschi si è abbattuta la speculazione ma è un bell’affare, ha attraversato vicissitudini pazzesche ma oggi è risanata, è un bel brand”. Matteo Renzi, Presidente del Consiglio dei Ministri, a Il Sole 24 Ore, 22 gennaio 2016. Quindi il problema era la speculazione. Era esterno. La banca in sé era solida. E parliamo non di decenni fa, ma dell’inizio di quest’anno. Una banca...

La vendetta. Obama avvelena i pozzi prima di lasciare la Casa Bianca

La vendetta. Obama avvelena i pozzi prima di lasciare la Casa Bianca

Ne sono quasi certo. Se Barack Obama un giorno verrà ricordato negli annali, lo sarà essenzialmente per due ragioni: come il primo presidente di colore, e come il peggior presidente che gli Stati Uniti abbiano mai avuto (e fino a ieri, era alquanto difficile superare Nixon e persino Bush). A conti fatti, non esiste nella sua amministrazione alcun passaggio significativo che potrà indurre gli storici del futuro (che non siano azzerbinati alla narrativa dominante), a riabilitare la pessima figura di un presidente che ricevette il nobel della pace sulla parola, salvo poi tradirlo...

Oliver stone sta lavorando per evidenziare la vergogna che i media mainstream sono diventati

Oliver Stone e la russofobia: “Sto lavorando per evidenziare la vergogna che i media mainstream sono diventati”

“I russi stanno arrivando”. Con questo titolo, in un lungo post facebook il noto regista statunitense, Oliver Stone, ha commentato la caccia alle streghe e il neo maccartismo in corso che ha visto come suo ultimo atto l’isteria infantile con cui Obama ha applicato nuove sanzioni contro la Federazione russa. Un paese che non è in grado, si domanda Stone, di garantire lavoro e sicurezza interna può essere il poliziotto del mondo? Un paese, prosegue il regista, in cui il New Yrk Times e il Washington post hanno ricreato la stagnante...

error: Alert: Content is protected !!