luglio 2017 - www.altreinfo.org

Monthly Archive: luglio 2017

Truppe Hezbollah

Hezbollah ha vinto ad Arsal – contro i Jihadisti di Sion. Maurizio Blondet

I combattenti Hezbollah hanno ottenuto una splendida vittoria ad Arsal: un villaggio in territorio libanese (non siriano), dove dal 2014 jihadisti di Fatah Al Sham (Ex l Nusrah…) s’erano insediati occupando quest’angolo di Libano, al confine con la Siria, abitato da sunniti, per farne una delle principali vie di transito dei miliziani e dei loro armamenti verso la Siria. I video mostrano soldati di Hezbollah, dell’armata libanese e dell’armata siriana (si distinguono dal loro accento) che pattugliano fra i cadaveri dei jihadisti quasi al termine della battaglia con cui hanno...

Macron, Haftar e Sarraj

Libia: Macron batte Gentiloni 1 a 0. Marco Fontana

E così la partita sulla Libia l’ha vinta di nuovo la Francia. Dopo il successo al vertice che ha promosso tra Sarraj e Haftar, senza coinvolgere l’Italia, Macron batte Gentiloni 1 a 0. Adesso palla al centro, si riparte. Già nel 2011 Berlusconi non si era opposto alle mire dei francesi, che volevano fare del Nord Africa un’area sottoposta alla propria influenza, dal Mali al Ciad ricomprendendo l’Algeria, il Marocco, la Tunisia e la stessa Libia. L’allora presidente del Consiglio, messo sotto scacco dalla sfavorevole congiuntura economica interna e dagli...

Siria: siglato accordo per base militare russa

Il presidente russo Vladimir Putin ha appena siglato un importante accordo con il governo che permetterà a  Mosca di stanziare basi aeree in Siria per una durata di oltre mezzo secolo. L’accordo iniziale, firmato a Damasco lo scorso gennaio, definisce i termini di utilizzo, da parte della Russia, della base aerea nella città di Khirbet Raes al-Waer, a circa 50 km dalla capitale siriana e a 96 km dal confine siro-giordano. Si tratta della terza base militare in Siria sotto il controllo russo, dopo Hmeimim, nella provincia di Latakia e quella situata...

Vaccini e autismo

I virus dei vaccini vengono coltivati in cellule di feti umani abortiti

Helen Ratajczak, ricercatrice della Boehringer Ingelheim Pharmaceuticals, ha recentemente sollevato un vivace e turbolento dibattito tra chi discute il problema delle relazioni vaccino-autismo pubblicando un suo studio di revisione sulla ricerca sull’autismo. Si tratta di una nuova revisione di studi che esamina le varie cause ambientali dell’autismo, tra cui i vaccini e i loro componenti. Un elemento messo in luce, e che sembra essere sfuggito ai più è l’uso di cellule embrionali abortive nella produzione di vaccini. La CBS News ha riportato: “La Dr. Ratajczak riferisce che quando i produttori...

superquark

Piero Angela ci inganna su gay, migranti e vaccini. Alessandro Rico

Superquark è da sempre allineato alle menzogne della cultura dominante al grido di ”Lo dice la Scienza”, ma adesso è troppo. Tra gli italiani che vogliono apparire intellettualmente impegnati impazza una moda: l’adorazione incondizionata di Piero e Alberto Angela. Che i programmi dei due divulgatori siano particolarmente amati […], lo dimostrano i dati sugli ascolti della nuova edizione di Superquark: la puntata di mercoledì scorso ha sbaragliato tutti i concorrenti. Incidente di percorso Stavolta, però, Piero Angela è incappato in qualche incidente di percorso. Gli spettatori più attenti avranno notato che questo...

Venezuela, col voto alla Costituente il popolo risponde alla destabilizzazione imperialista. Fabio Morelli

Fabio Marcelli: “Tutta la potenza di fuoco dell’internazionale capitalista è rivolta contro Caracas. Compassati giornalisti da tempo fidati gate-keeper in politica estera e politici moderati per antonomasia, quando parlano di Venezuela indossano gli abiti dei black-block e inneggiano apertamente all’insurrezione.” C’è veramente un fortissimo problema di libertà d’informazione, se perfino un giornale che si continua ad autodefinire comunista come il Manifesto, decide di non pubblicare le corrispondenze da Caracas della sua giornalista Geraldina Colotti (decisione davvero inspiegabile che ci si augura venga revocata al più presto) che le ha messe...

Il lupo e Cappuccetto rosso, tale Gentiloni

Cappuccetto rosso Gentiloni. Adriano Scianca

Una delle poche virtù che ancora, nonostante tutto, faceva parte dell’armamentario culturale degli italiani, era la furbizia. Ovvero il pragmatismo, la scaltrezza, l’arte di arrangiarsi, la capacità di capire le situazioni prima degli altri e di modificare di conseguenza la propria strategia, anche se questo vuol dire aggirare norme e regole. Non era molto, ma pare che abbiamo perso anche quello. Nello scacchiere internazionale, i nostri governanti sembrano costantemente preda di una terribile fiducia nelle favole. Il premier, Paolo Gentiloni, fa un po’ la figura di un tizio che, in piena apocalisse...

censura, censored, come la lobby ebraica censura le informazioni da Israele

Giornalisti del NYT, della Reuter e dell’Economist autocensurano i propri articoli da Israele per non essere “schedati e presi di mira”. Philip Weiss

Negli USA la lobby israeliana viene citata di rado in modo critico sui media più importanti. Ma controllate questo brano del programma politico ”Drum” [“Tamburo” in inglese] della ABC australiana di due giorni fa: i corrispondenti, veterani del Medio Oriente, Antony Loewenstein e John Lyons descrivono le incessanti pressioni da parte di Israele e della sua lobby su giornalisti che sono critici nei confronti di Israele. La conduttrice del programma Ellen Fanning ha notato che nel nuovo libro di Lyons (“Balcony Over Jerusalem: A Middle East Memoir” [“Una finestra su...

Soros e Gentiloni

Chi è Soros e i collegamenti con i politici italiani. Francesca Totolo

“Più una situazione si aggrava, meno ci vuole a rovesciarla, e più grande è il lato positivo”. George Soros Il noto filantropo ungherese naturalizzato americano nacque nel 1930 a Budapest con il nome di György Schwartz. Presto però dovette affrontare il dolore causato dal “re di tutti i mali“, il fascismo, che costrinse lui e la sua abbiente famiglia a cambiare il proprio cognome in Soros per sfuggire dal crescente antisemitismo nel Paese. Anzi il padre del “neo-battezzato” George fece di più: Tividar comprò al piccolo erede dei documenti falsi che certificavano l’avvenuta adozione da...

USA, segreto sulle bombe atomiche in Italia

Usa: segreto sulle armi nucleari in Italia. Massimo Caruso

Gli Usa hanno deciso. Sarà segreto assoluto sulle armi nucleari in Italia. Il Pentagono non divulgherà più i report sulle ispezioni di sicurezza degli armamenti nucleari stoccati nelle basi italiane di Aviano e Ghedi. Secondo quanto riportato da Repubblica qualche giorno fa, ciò che, fino ad oggi, era stato di dominio pubblico, sarà coperto da “buio totale”. Tutti i dati che erano a disposizione di stampa ed esperti verranno secretati, a dispetto della trasparenza e della stessa sicurezza, dato che non sarà più possibile sapere se ci sono stati problemi...

Ilona Staller, meglio nota come Cicciolina, prende un vitalizio di 2000 euro netti al mese

Vitalizi, il vero obiettivo sono i cittadini. Gianni Petrosillo

La Camera ha approvato la proposta di legge Ricchetti sul taglio ai vitalizi dei parlamentari che lede i diritti acquisiti, cioè si applica anche agli eletti cessati dal mandato che già percepiscono l’assegno. L’odio, meritatissimo, contro i nullafacenti delle istituzioni elettive ha offuscato la vista al popolo, il quale non si rende conto che presto verrà bastonato con gli stessi metodi. Naturalmente, dietro l’iniziativa, spacciata per una battaglia di moralità, contro una classe di privilegiati, ci sono i peggiori partiti della storia nazionale, in primis Pd e M5S (ma l’Aula...

il fiscal compact nella costituzione è semplicemente incostituzionale

Gli apparenti non sensi del fiscal compact

In soccorso delle dichiarazioni di Renzi sul Fiscal Compact è arrivato il giudice costituzionale Giuliano Amato, il quale non si è limitato a criticare dal punto di vista economico quell’accordo europeo votato dal parlamento italiano nel 2012. Amato si è spinto infatti sino ad ipotizzare l’incostituzionalità della parte del Fiscal Compact accolta nella Costituzione, in quanto sancire il principio del pareggio di bilancio sarebbe in contrasto con quanto proclamato dai primi articoli della Carta Costituzionale. In realtà l’incostituzionalità dell’inserimento del pareggio di bilancio nella Carta fondamentale è riscontrabile persino oltre questa...

Venti di questi cargo inquinano quanto tutte le auto del mondo

Venti di questi cargo inquinano più di tutte le auto del mondo. Maurizio Blondet

Pieni di alta coscienza ambientale, di sicuro siete già molto preoccupati di quanto inquinano gli automezzi a combustione interna, specie Diesel. Presto vi faranno allarmare sempre più, grazie ad appositi servizi mediatici. Ma ecco la soluzione: come a segnale convenuto, Volvo annuncia che produrrà solo auto elettriche o ibride, BMW costruirà una Mini elettrica in Gran Bretagna, “Mercedes sfida Tesla: dieci modelli elettrici dal 2022”. Elon Musk, il più geniale imprenditore secondo i media, ha già costruito la Tesla Gigafactory, “la più grande fabbrica del mondo”, che (promette) “dal 2018...

MOAS

Nave anti-ONG fermata per “traffico di uomini”. Boicottare il buonismo è atto di sopravvivenza. Mauro Bottarelli

Prima di tutto, una premessa doverosa: quanto scrivo riflette unicamente il mio pensiero e la mia volontà di azione, “RischioCalcolato” in quanto blog non è coinvolto in nulla di ciò che sto per dire. Seconda premessa, smettiamola di pensare alle ONG e al cosiddetto “terzo settore” come qualcosa di volontaristico, privatistico e spontaneistico: era forse così ai suoi albori negli anni Sessanta ma, guarda caso, la sua espansione massima si è avuta durante gli anni del nascente globalismo e della “Terza via” di Clinton e Blair. Le ONG sono il...

IRAQ, la città di Mosul distrutta dai bombardamenti

Mosul come Aleppo, ma i media occidentali hanno taciuto

Quando Aleppo fu presa dopo mesi di assedio, in una battaglia infernale tra forze governative ed alleati e ribelli mescolati agli islamisti di Al Qaeda, i media di tutto il mondo si concentrarono sull’orrore che la città aveva vissuto. Una vera e propria carneficina, in cui ai numerosi morti si univa la distruzione di una città, ormai completamente perduta, e dove la vita sembrava essersi fermata con la guerra e destinata a non ritornare più. Aleppo fu uno degli strumenti con cui la stampa decise di attaccare Assad e l’alleato...

error: Alert: Content is protected !!