www.altreinfo.org - Pagina 20 di 165 -

Le “diverse libertà” del controllo sociale: orgoglio bianco e orgoglio nero. Elena Dorian

Ai molti che negano l’esistenza delle razze, in quanto sentono di appartenere ad un’unica razza, quella umana, vorrei ricordare che sono in corso molti processi per discriminazione e istigazione all’odio razziale, uno dei reati più gettonati oggi in Italia. Questo vuol dire che lo stato italiano crede fermamente nell’esistenza delle razze, tanto da regolamentare formalmente il reato nel Codice Penale ed emanare leggi speciali per tutelare “alcune” delle razze ed etnie presenti in Italia. E’ inutile quindi negare l’esistenza delle razze, almeno finché non interverranno modifiche legislative. Facciamo anche presente...

L’Unione Europea non sta militarizzando l’Africa per fermare la migrazione, ma semplicemente per organizzarla

Presentiamo una contro-analisi a “L’UE militarizza l’Africa per fermare la migrazione” che è apparsa su Strategic Culture Foundation. 1) Mentre l’articolo originale offre uno studio interessante dell’ultimo coinvolgimento militare neo-imperialista dei paesi europei in Africa, guidato dal presidente francese Macron, dissentiamo su quello che sarà l’impatto sui flussi migratori che avrà questa operazione e sui reali obiettivi dell’UE. Gli eventi recenti suggeriscono una conclusione piuttosto diversa. Andiamo per ordine. L’estate scorsa, quando è arrivata la notizia che le ONG spedivano migranti in Italia e collaboravano con i trafficanti, il neoeletto...

sacchetti frutta e verdura, la novamont di catia bastioli è la società che beneficia maggiormente della nuova normativa

Banca Intesa San Paolo, Catia Bastioli e Matteo Renzi: l’affare dei sacchetti biodegradabili della Novamont SpA

Catia Bastioli è l’attuale Presidente di Terna, il più grande operatore di rete per la trasmissione di energia elettrica. La nomina al vertice di questa società, che ricordiamo essere a controllo pubblico, è arrivata quando al governo c’era Matteo Renzi. Si tratta quindi di una persona molto vicina al PD. Oltre ad occupare il vertice di Terna, Catia Bastioli è anche Amministratrice Delegata di Novamont SpA, un’azienda attiva nella produzione di sacchetti a base di amido di mais. La Novamont SpA, con sede a Novara, è al centro di molte...

La propaganda è fondamentale ai fini del controllo globale. Nel caso delle camere a gas naziste a base di Zyklon B una storia del tutto inverosimile viene accettata da tutti, al punto da aggredire chiunque, ragionando, arrivi a conclusioni diverse.

Controllo globale: le camere a gas naziste alimentate a Zyklon B, una storia inverosimile resa vera dalla propaganda

Non mi sono mai occupata del Revisionismo Storico riguardo all’Olocausto Ebraico, ma tempo fa, la lettura di alcuni documenti riguardanti le modalità di abbattimento massivo dei volatili in caso di pandemia e i dati sulla pena di morte in USA tramite Camera a Gas, mi fecero approfondire uno dei lati più spinosi riguardanti la “Questione Olocausto“, vale a dire: l’impossibile esistenza delle “Camere a Gas Naziste alimentate da Zyklon B“ Lo Zyklon B è un prodotto nato come spidocchiante/disinfestante per persone, ambienti e vestiti, composto da granuli di legno o...

Pena di morte per i palestinesi che si ribellano all'occopazione israeliana

Israele approva in prima lettura la pena di morte per i prigionieri palestinesi

La Knesset ha approvato mercoledì 3 gennaio 2018 la prima lettura della legge sulla pena di morte, che permetterebbe a Israele di giustiziare prigionieri palestinesi accusati di prendere parte a “operazioni contro obiettivi israeliani”. Il capo del partito di destra “Casa Ebraica” Naftali Bennet ha proposto il disegno di legge, che è stato approvato con 52 voti favorevoli a 49 contrari, ma che ha bisogno di una seconda e terza lettura prima di diventare legge. L’estremista Avigdor Lieberman, ministro israeliano della difesa di origine moldave, ha approvato il disegno di...

Il fondatore di PayPal dichiara: la democrazia è morta!

“Definire la nostra società una democrazia è molto fuorviante. Non esiste una repubblica, non esiste una repubblica costituzionale.” Peter Thiel, imprenditore americano, grande investitore e fondatore del sistema di pagamenti on-line PayPal, ha tenuto un discorso molto interessante alla George Mason University sul sistema politico, ripreso dal Washington Post e commentato da M. Krieger sul suo blog. Da un lato, Thiel ha identificato in modo accurato gli Stati Uniti come qualcosa di molto dissimile da una democrazia o da una repubblica costituzionale “il sistema che abbiamo è tale per cui il potere è sempre più...

Lo scandalo delle casette ai terremotati e la “specificità” del PD. Maurizio Blondet

Via via che i tiggì serali davano nuove notizie sullo scandalo delle casette ai terremotati, mi rassicuravo: domani, vedrete, partono gli arresti a raffica. E’ il secondo inverno che il governo fa’ passare all’addiaccio i terremotati, a forza di ritardi e promesse mancate? Vedrete che domattina la magistratura convocherà il Commissario Straordinario del Governo per la Ricostruzione, la Pd in carica Paola De Micheli e quello a cui è succeduta, il celebre Vasco Errani. Su 3666 casette richieste nelle quattro regioni colpite dal sisma sono 1871 quelle consegnate,  e sono...

Trump e Netanyahu

Come fanno Stati Uniti e Israele a estorcere voti all’ONU. Wayne Madsen

Il 21 dicembre 2017, 128 stati membri dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite hanno votato contro gli Stati Uniti condannando la decisione dell’amministrazione Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e spostare l’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme. Inoltre, l’Assemblea Generale ha invitato gli stati membri a non spostare le loro ambasciate da Tel Aviv a Gerusalemme. L’ambasciatore statunitense all’ONU, Nikki Haley, ha avvertito i membri delle Nazioni Unite che avrebbe “preso i nomi” dei paesi che votavano contro gli Stati Uniti. Haley ha anche invitato...

isis dichiara guerra a gaza e a hamas

Isis dichiara guerra anche ad Hamas (a Israele proprio MAI?), Maurizio Blondet

Un video di 22 minuti. Dove uno speaker dell’ISIS (Stato Islamico, sezione Penisola del Sinai) dichiara guerra ad  Hamas, l’organizzazione ultrà che controlla la striscia di Gaza, bollandola come “apostata”, e alla fine, compie l’esecuzione di un barbuto in tuta gialla, che si dice essere un membro della Brigata Izzeddin al-Qassam, la milizia armata di Hamas. Lo speaker, che parla brandendo un coltello, incita i giovani dentro Gaza a distruggere Hamas, dando come motivo che non ha saputo impedire il riconoscimento da parte americana di Gerusalemme come capitale di Israele....

E’ partito il treno per la completa digitalizzazione di denaro e lavoro. Peter Koenig

L’altro giorno, mi servivano soldi e cercavo un bancomat in un centro commerciale. Non c’era nessuno sportello automatico. Una settimana fa, iin quel centro commerciale c’era ancora una agenzia di una banca locale – ma non c’è più, lo spazio vuoto sarà riempito da uno Starbucks. Ho chiesto in giro – non ci saranno più bancomat in questo centro commerciale – e questo schema si sta ripetendo più e più volte in tutta la Svizzera e in tutta l’Europa occidentale. Le macchine bancomat gradualmente ma sempre più velocemente stanno scomparendo,...

GAFA, OTT, NATU, FINTECH: i nuovi padroni del mondo, i signori della rete e delle nuove tecnologie. Roberto Pecchioli

Il mondo nuovo abbonda di sigle. Acronimi vecchi e nuovi dietro i quali, nel linguaggio di John R.R. Tolkien, prosperano gli oscuri signori di Mordor. Invero, del tutto oscuri non lo sono, ma nella società delle mille luci, dello spettacolo che, come gli affari, deve continuare e non fermarsi mai, riescono ancora a restare sullo sfondo del grande pubblico. Innanzitutto, sveliamo gli acronimi, i quali non sono sigle neutre e sbrigative per addetti ai lavori, ma fanno parte integrante dell’apparato scenografico e psicologico del potere. Esso nasconde la verità e...

sempre più frequenti sono i respingimenti di giornalisti russi alla frontiera dell'Europa

Adesso l’Europa respinge i giornalisti russi. Vittoria Missotti

Il 30 dicembre scorso, Alexey Martynov, politologo e giornalista russo, è stato respinto alla frontiera italiana per via del blocco inserito dalla Polonia nel Sistema Internazionale Schengen. Inizia male il 2018 per la libertà di opinione in Europa. Il 30 dicembre scorso, Alexey Martynov (foto), politologo, giornalista e attivista nelle relazioni internazionali russo, è stato respinto alla frontiera italiana mentre si stava recando a Venezia con un visto di ingresso valido. Gli è stato notificato dagli agenti doganali italiani, senza ulteriori informazioni, che la Polonia l’ha bloccato nel Sistema Internazionale...

“Russia Today” in francese. E’ il panico.

Macron non teme le Banlieues in fiamme. Teme “Russia Today”. Maurizio Blondet

E’ ormai un rituale nei sobborghi, ogni Capodanno in Francia: le torme di giovinastri e vandali di colore bruciano le auto parcheggiate incautamente sotto i loro falansteri. La sola novità è la crescita del fenomeno: dalle 935 auto bruciate il 31 dicembre dell’anno scorso, si è passati a capodanno 2017 a 1031. Ciò, nonostante lo spiegamento di 140 mila fra agenti e forze di sicurezza in tutto il territorio. Gli arresti sono parimenti cresciuti da 456 a 510. A cosa si deve questo rituale di bruciare le auto nelle banlieues?...

Il lavoro come mezzo di controllo sociale. Mirco Mariucci

In un mondo dominato dalle merci, dove per sopravvivere si è costretti a procurarsi il denaro, il meccanismo d’asservimento dei lavoratori si basa su d’un semplice ricatto: o vendi la tua forza lavoro al capitale o muori di fame. La maggior parte degli individui non è libera di scegliere il lavoro che più gli piace e così, non avendo capitale sufficiente per avviare l’attività che ha sempre sognato, è costretta a subordinarsi. Un normale contratto di lavoro consiste nella cessione di 8 ore al giorno della propria unica esistenza, che...

Le ricerche di Robert Putnam dimostrano che la società multietnica non porta sviluppo, ma degrado

“La UE deve scalzare la omogeneità nazionali … società di migranti si adattano più prontamente a chi viene da un diverso mondo culturale … è cruciale per la crescita economica”. Come ho raccontato nell’articolo del 27 dicembre, è questa l’idea centrale di Peter Sutherland, l’uomo Bilderberg e Goldman Sachs che El Papa ha messo a capo del suo organo a favore delle migrazioni di massa. Ovviamente è anche l’idea di “Francesco”; come della Boldrini, del senatore Manconi (“Accogliamoli tutti!”), dei Gad Lerner e di tutte le sinistre  mediatico-umanitarie e dei...

error: Alert: Content is protected !!