Zumwalt, il futuro è già qui - www.altreinfo.org

Zumwalt, il futuro è già qui

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pochi giorni fa sono iniziate le prove in mare della Zumwalt, la nave da guerra più potente mai realizzata dall’uomo. Il costo del progetto, finanziato interamente dagli Stati Uniti, è di ben 23 miliardi di dollari e saranno prodotti soltanto tre esemplari. Le Zumwalt saranno equipaggiate con sistemi difensivi laser progettati per abbattere droni ed aerei nemici e cannoni elettromagnetici in grado di sparare proiettili a velocità ipersonica. La tecnologia laser è stata progettata per eliminare le minacce derivanti da droni, piccoli aerei e motoscafi: tutte potenziali minacce per le navi da guerra presenti nel Golfo Persico.

Zumwalt

Le armi della Zumwalt

I cannoni elettromagnetici della Zumwalt sono già stati testati. I dati parlano di proiettili da 3,2 chili sparati alla velocità di 2,4 km al secondo. I proiettili al tungsteno raggiungono il bersaglio con una velocità pari a sette volte quella del suono, per una potenza superiore (ad un costo nettamente inferiore) ad un missile Tomahawk. A bordo troveranno spazio due elicotteri Sh-60 e tre elicotteri non pilotati, sviluppati per la ricognizione armata. Le dimensioni della nave e la centrale elettrica, in grado di produrre 78 megawatt di energia elettrica, sufficiente per alimentare 78 mila abitazioni, ne fanno una piattaforma ideale per le armi del futuro come il cannone elettromagnetico di nuova generazione. Si tratta di una nave da quindicimila tonnellate, con un margine di crescita del 10%, pari ad ulteriori 1500 tonnellate di tecnologia futura da implementare nel sistema senza alterare le prestazioni. La nave sarà inoltre invisibile ai radar, che la vedranno come un piccolo e innocuo peschereccio, grazie alla forma e ai materiali costruttivi utilizzati.

Perché finanziano gli Stati Uniti la costruzione della Zumwalt?

Ci chiediamo allora perché gli Stati Uniti finanziano un progetto di queste dimensioni, per garantirsi un vantaggio in mare che appare del tutto relativo e comunque molto limitato. Teniamo presente che ci sono già moderne navi da guerra in grado di svolgere questo ruolo. La risposta è molto semplice: gli Stati Uniti finanziano tutto questo ricorrendo all’emissione di nuova moneta. In pratica il progetto è gratuito. Noi pensiamo che costi 23 miliardi di dollari, mentre in realtà costa pochi dollari, vale a dire quelli che servono per stampare la nuova cartamoneta.

A questo serve avere la macchina per emettere i dollari, a costruire nuove armi, capaci di distruggere di più con costi di gestione inferiori.

Questo è l’impero del dollaro: un impero basato sul caos e sulla distruzione.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!