Giappone, il dramma degli anziani: in carcere pur di non vivere soli. Lorenzo Vita - www.altreinfo.org

Giappone, il dramma degli anziani: in carcere pur di non vivere soli. Lorenzo Vita

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

L’invecchiamento della popolazione del Giappone è un fenomeno risaputo. Ma negli ultimi anni, come scrive il South China Morning Post, si è manifestata un’altra tendenza inaspettata e decisamente preoccupante: molti anziani stanno commettendo piccoli reati per trascorrere il resto dei loro giorni in prigione.

Secondo Bloomberg, le denunce e gli arresti che coinvolgono cittadini anziani sono in aumento esponenziale, e il tasso di criminalità degli anziani è quadruplicato negli ultimi due decenni. Nelle carceri, un detenuto su cinque è un anziano, tantissime le donne. Nella stragrande maggioranza dei casi, il crimine che li mette in prigione è semplice taccheggio, nessun reato violento o che indichi una grave pericolosità sociale.

Qual è dunque la causa di questo fenomeno assurdo ma che in realtà, per le sue oscure ragioni, è estremamente drammatico? L’insolito fenomeno deriva dalla solitudine delle persone e dall’incapacità sempre più manifesta nel Paese di prendersi cura delle persone anziane. I giapponesi di età avanzata che vivono da soli sono aumentati del 600 per cento tra il 1985 e il 2015. La metà degli anziani arrestati, vive da sola, mentre il 40 per cento ha dichiarato di non avere famiglia o di parlare raramente con loro.

Per questi anziani, una vita in prigione è migliore dell’alternativa che gli viene offerta ogni giorno della loro vita quotidiana. La vecchiaia in Giappone pone le persone davanti a una scelta: la solitudine in casa o il carcere. “Possono avere una casa. Possono avere una famiglia. Ma questo non significa che abbiano un posto in cui si sentono a casa “, ha detto Yumi Muranaka, direttrice della prigione femminile di Iwakuni.

Questo comporta anche un notevole coste per lo Stato. Secondo Bloomberg, un detenuto costa più di 20mila dollari l’anno e gli anziani detenuti comportano un costo ancora maggiore per le cure speciali e necessità mediche. Inoltre devono pagare corsi specifici alla polizia e ai dipendenti delle prigioni, costretti a fare quasi da assistente sociale.

Mi piace di più la mia vita in prigione. Ci sono sempre persone in giro, e io non mi sento sola qui. Quando sono uscita la seconda volta, ho promesso che non sarei tornata indietro. Ma quando ero fuori, non potevo fare a meno di sentire la nostalgia”, ha detto una delle donne.

Anche negli Stati Uniti ci sono stati casi in cui persone si sono volontariamente fatte arrestare commettendo reati per ottenere l’accesso all’assistenza sanitaria, evitare condizioni meteorologiche avverse o costringersi a lasciare l’abitudine.

Ma le dimensioni del problema del Giappone sono autorità allarmanti. Il governo sta cercando di combattere il suo problema di criminalità senior migliorando il suo sistema di welfare e il programma di servizi sociali, ma l’ondata di criminali sembra non essere destinata a finire. “La vita dentro non è mai facile”, ha detto l’assistente sociale Takeshi Izumaru. “Ma per alcuni, fuori, è peggio.”

 

Lorenzo Vita

Fonte: www.occhidellaguerra.it

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!