John Bolton è cattivo come sembra. Diana Johnstone - www.altreinfo.org

John Bolton è cattivo come sembra. Diana Johnstone

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Donald Trump è arrivato al potere dopo aver fatto promesse rumorose sulla normalizzazione delle relazioni con la Russia e al taglio delle avventure militari straniere. Nonostante le sue manifeste inadeguatezze personali e professionali, quelle vaghe promesse hanno offerto un barlume di speranza a un certo numero di ottimisti congeniti.

Ma per cambiare la politica estera degli Stati Uniti in modo così drastico, supponendo che lui volesse onestamente farlo, un Presidente avrebbe bisogno di una squadra in possesso della necessaria conoscenza, saggezza e coraggio per produrre e imporre un’alternativa coerente. Trump non aveva nessuna squadra. Non sembrava avere alcuna idea di dove trovare gli uomini e le donne appropriati per fare il lavoro. Si è agitato, usando ogni scelta per dimostrare che il precedente è stato un errore, mentre intanto lo Stato profondo è riuscito a distruggerlo per tutte le ragioni sbagliate.

Ora Trump ha scelto come consigliere per la sicurezza nazionale un uomo che personifica esattamente quel candidato che Trump ha lasciato intendere che non volere: un uomo con la reputazione di essere il peggior falco della guerra a Washington. John R. Bolton non è semplicemente ostile alla Corea del Nord, all’Iran o alla Russia, ma è esorbitantemente ostile a tutti loro. Bolton è il perfetto Consigliere per la Sicurezza Nazionale per portare gli Stati Uniti in guerra contro la maggior parte del mondo.

Cresciuto come avvocato, come quasi tutti a Washington, Bolton non ha un particolare background accademico per combinare casini negli affari esteri. Piuttosto, egli è il perfetto abitante della galassia dei think tank, che hanno essenzialmente sequestrato le politiche al mondo accademico ed alla diplomazia seria per soddisfare ricchi donatori privati, il complesso industriale militare e la lobby israeliana.

Bolton ha gestito la gamma dei think tank neco-conservatori, dal Progetto per il Nuovo Secolo Americano (PNAC), l’American Enterprise Institute, il Comitato guerrafondaio per la pace e la sicurezza nel Golfo, a JINSA, l’Istituto ebraico per la Sicurezza nazionale Americana – sebbene Bolton non sia ebreo.

Un legame particolarmente sinistro è il ruolo principale di Bolton negli ultimi dieci anni in qualcosa chiamato Gatestone Institute. Questo gruppo di propaganda è specializzato nel diffondere l’allarme sui musulmani che conquistano il mondo, in particolare l’Europa occidentale. Il punto ovvio qui per identificare i palestinesi come parte di questa minaccia musulmana, è il modo migliore per rafforzare l’alleanza della NATO occidentale con Israele. La crociata anti-musulmana di Gatestone non si estende alla condanna della sponsorizzazione da parte dell’Arabia Saudita di estremisti islamici dall’Africa all’Indonesia. Né difende la cooperazione con la Russia in uno sforzo di polizia internazionale contro un vero estremismo islamico. Al contrario.

Bolton si oppone a qualsiasi accordo con Russia, Cina, Siria, Iran o Corea del Nord sulla base del fatto che sono “regimi che fanno accordi e mentono su di loro”. Qualsiasi accordo di questo tipo è “destinato al fallimento”, ha recentemente dichiarato a Fox. Questo atteggiamento esclude la diplomazia e implica che la forza sia l’unico modo per risolvere le differenze. Trascura il fatto che Mosca è stata molto più fedele agli accordi internazionali di Washington, ma tutti gli avvocati D.C. sono lì per discutere il contrario.

Il punto di vista di Bolton sulle relazioni con i russi è “fargli provare dolore”, come ha affermato in varie occasioni.

Tale arroganza ignorante dovrebbe squalificare Bolton da ogni seria posizione di governo – tranne che a Washington con la sua patologia di un’egemonia globale illimitata. Bolton ha la stessa comprensione della psicologia degli altri popoli di quella di un robot di fabbrica. Lui non vuole capirli. La sua posa virile nega che le persone con storie diverse e circostanze diverse abbiano diritto al proprio punto di vista. Noi siamo buoni e loro sono cattivi, noi abbiamo ragione e loro hanno torto. Questo è un atteggiamento copiato dai fumetti di Superman e si adatta all’illusione americana di possedere la forza che definisce il giusto. Questo può solo portare a un disastro.

Non c’è rimasto molto di cui essere ottimisti.

 

di Diana Johnstone

https://www.paulcraigroberts.org/2018/03/23/bolton-bad-gets/

Traduzione di Costantino Ceoldo – Pravda freelance

Tratto da: geopolitica.ru

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!