Versetti Satanici: i tweet proibiti di Matteo Salvini. Alessio Trovato - www.altreinfo.org

Versetti Satanici: i tweet proibiti di Matteo Salvini. Alessio Trovato

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Tutto ebbe inizio la sera di quel tweet maledetto: “E dopo una giornata di impegni, di incontri e di scontri, di soddisfazioni e di rabbia, di sorrisi e di problemi… momento di tele relax con #TemptationIslandVip”. Ecco, quello fu il segnale che qualcosa aveva iniziato ad andare per il verso sbagliato.

Era il 2 ottobre, una notte buia e tempestosa, il Ministro tornava da una stenuante giornata di impegni di lavoro e tweet. Accasciatosi sul divano dopo essersi finalmente liberato di scarpe, cinta e cravatta, poteva finalmente godersi un po’ di meritato riposo. Accesa la televisione il suo zapping cadenzato si interrompeva bruscamente attratto da un programma appositamente studiato per svuotare la mente e creare la giusta atmosfera di relax preludio all’amata e rigenerante fase REM. Tutto nei canoni, legittimo, niente di grave, lo fanno tutti. Quell’ultimo tweet prima di coricarsi e chiudere definitivamente la giornata però no. Non avrebbe mai dovuto digitarlo. Tutto ebbe inizio lì. Nell’immaginario collettivo adesso esiste un Matteo Salvini in pantofole di fronte alla televisione che la sera guarda Temptetion Island Vip. E’ come se i russi potessero immaginare Serghej Lavrov in mutanda ascellare che guarda Lokomotiv-Spartak con birra in mano e rutto libero. Va bene mostrare il proprio volto umano ma bisogna anche capire che certe immagini possono corrodere per sempre il senso di coesione nazionale di un intero popolo. Serghej un passo falso del genere non lo avrebbe mai commesso.

Poi c’è stato il recente e misterioso tweet sull’Europa “Visti i problemi che ci sono in Francia, l’Europa può ripartire dal dialogo tra Berlino e Roma. L’asse franco-tedesco sta mostrando dei limiti, farò di tutto per rinnovare un nuovo asse Roma-Berlino”.  Era il 10 dicembre, il giorno della partenza per Israele. Ora, io non lo so se prima di partire per Gerusalemme parlare di “nuovo asse Roma-Berlino” porti bene. Certo sui social ci sono arrivati in tanti alla battuta su Tokyo. E dire che si accusano gli italiani di non capirne tanto di storia e avere la memoria corta.

​E’ pur vero che quel giorno lì Salvini di tweet ne aveva scritti esattamente 39, ovvio che la legge dei grandi numeri nel lungo periodo non perdoni ma forse, dico forse, proprio per questo sarebbe magari il caso di scriverne qualcuno di meno di tweet e rifletterlo meglio, no? Per altro, a parte la battuta sulle Potenze dell’Asse Roma-Berlino-Tokyo, la cosa che preoccupa molti è piuttosto a livello concettuale: il Ministro voleva forse dire che non è tanto il fatto che alcune nazioni vogliano avere una supremazia su altre all’interno dell’Unione Europea ma che tra queste nazioni ‘suprematiste’ non sia compresa l’Italia? Allora siamo noi che avevamo capito male quale era lo spirito della critica all’Europa portato avanti finora?

Il colpo di grazia però è arrivato in Israele. Lì non si tratta di un tweet sfuggito di display o di una confidenza troppo intima prima di andare a dormire. Lì il concetto è stato twittato, facebuccato e persino instagrammato. Più e più volte. C’è anche il video della conferenza stampa. E qui la cosa si fa seria. Perché stiamo parlando di politica internazionale, anzi, GEOpolitica.

​Giorno 11 dicembre — diretta facebook da Gerusalemme, testuali parole:
“Oggi ho visitato il confine nord col Libano dove c’è un evidente rischio di aggressione da parte dell’estremismo islamico a quello che è un baluardo (Israele) della difesa della sicurezza, dei diritti, della libertà e dei valori occidentali ed Europei nell’area e ribadisco la mia convinzione che chi vuole la pace sostiene Israele… Non capisco lo stupore che ho letto su un’agenzia per la definizione di Hezbollah come terroristi islamici. Se si scavano tunnel sotterranei a decine di metri che sconfinano nel territorio israeliano, non penso si faccia per andare a fare la spesa…”

Io non starò qui a dirvi cosa penso personalmente di una sequenza di affermazioni del genere. Non lo farò per rispetto del lento lavoro diplomatico di sutura che i russi svolgono ogni giorno in Medio Oriente per poter difendere i propri legittimi interessi e mantenere gli equilibri in un mondo invece che pare voglia puntare piuttosto al caos, e per rispetto anche nei confronti del lavoro che fanno per ristabilire relazioni amichevoli e positive con i nostri Governi, ogni volta che se ne forma uno nuovo e tocca ricominciare tutto da capo. Dico solo una cosa: quando si mettono tutti i cattivoni da una parte e tutti i buoni dall’altra, quella si chiama ingenuità. Nella migliore delle ipotesi. Nella peggiore i termini me li autocensuro per le stesse ragioni di cui sopra. In altri casi invece no, potrebbe trattarsi di precisa scelta geopolitica. In quel caso però io, popolo, chiederei gentilmente una cortesia a coloro che fanno politica a certi livelli e producono una media di decine di tweet al giorno — almeno uno di questi tweet, di grazia, me lo potreste dedicare per farmi capire quali siano esattamente le vostre idee e propensioni riguardo la politica internazionale? Ma me lo dovreste twittare PRIMA. Prima delle elezioni, prima che si formino le intese di governo e prima che si inizino a nutrire le solite false inutili speranze.

Perché vedete quale è il problema — il problema è che l’Italia è il Paese in cui voti sperando nel sovranismo e poi ti twittano che ci vuole più Europa, speri nella fine delle sanzioni e poi ti dicono ‘vorrei tanto ma non posso’, ti promettono uno stato sociale e poi si scoprono tutti neoliberisti, parli di prendere le distanze dalla NATO però intanto gli F35 te li pigli tutti e alle esercitazioni al confine partecipi, dici di voler fare la voce grossa in Europa, poi ai Francesi gli lasciano sforare al 3 e a te ti cavano gli occhi al 2, e quando vai in Israele devi fare il discorso sionista se no finisci per essere accusato di antisemitismo (come se le due cose fossero in qualche modo misteriosamente collegate).  L’Italia è quel Paese in cui speri sempre in una vera pluralità di informazione e alla fine ti ritrovi piuttosto con una pluralità di inutili tweet.

 

di Alessio Trovato

Fonte: https://it.sputniknews.com

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!