Satan 2, molto più di una bomba atomica - www.altreinfo.org

Satan 2, molto più di una bomba atomica

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

La Russia ha mostrato le prime agghiaccianti immagini della bomba atomica più potente che sia mai esistita. Chiamata Sarmat RS-28 e soprannominata ‘Satan 2’ date le sue capacità di devastare territori grandi quanto la Francia, l’Italia o il Texas. Per capire la potenza di questa nuova arma va considerato che:

  • Può viaggiare alla velocità di 25.200 km/h (per avere un’idea considera che un aereo di linea viaggia a 900 Km/h)
  • Ha una potenza pari a 2.000 volte la bomba atomica sganciata su Hiroshima e Nagasaki nel 1945
  • Ha una gittata di 12.000 km, può  quindi raggiungere qualsiasi punto del pianeta in meno di mezz’ora
  • Non può essere bloccata da nessun sistema di difesa missilistico

Satan 2 non è soltanto una bomba atomica

Il nome Satan 2 deriva dal fatto che sostituirà il vecchio sistema missilistico SS-18 Satan, il più grande missile balistico a propellente solido intercontinentale mai realizzato ed entrato in servizio nel 1967.

Il Sarmat RS-28 ha un’autonomia stimata di oltre dodicimila km e quindi può facilmente arrivare in Europa o in America. È stato progettato per raggiungere velocità incredibili, 25.200 k/mh. Inoltre, è in grado di tempestare i bersagli. Può infatti rilasciare dieci testate pesanti o quindici leggere a rientro multiplo indipendente.

Satan 2 è il nuovo missile atomico russo, capace di devastare un territorio grande quanto la Francia

Satan 2 è il nuovo missile atomico russo, capace di devastare un territorio grande quanto la Francia

Le immagini della nuova bomba sono state rilasciate dal Makeyev State Rocket Centre Russo. Satan 2 sarà sottoposta agli ultimi test prima di entrare in servizio nel 2018. Si tratta di un nuovo tassello di quella che assume sempre più le proporzioni di una guerra fredda tra Russia e Cina da una parte ed Europa e America dall’altra, determinato soprattutto dai rapporti di tensione legati nello specifico alla questione siriana.

La tensione tra USA e Russia sta aumentando

Nei giorni scorsi, otto vascelli russi guidati da una portaerei sono stati localizzati nei Mari del Nord, “marcati a uomo” da navi da guerra della Royal Navy inglese, come confermato dal ministero della Difesa.

Due settimane fa, la candidata alla presidenza degli Stati Uniti, Hillary Cliton, ha lanciato un attacco aperto alla Russia. In un dibattito presidenziale ha usato parole forti contro Vladimir Putin. Lo accusa di volere la vittoria di Trump e di aver commesso “crimini di guerra” in Siria:

“C’è uno sforzo determinato dalla forza aerea russa di distruggere Aleppo al fine di eliminare i ribelli siriani che stanno attaccando il regime di Assad. La Russia non ha prestato attenzione all’ISIS. Sono interessati a mantenere Assad al potere. Sostengo lo sforzo di indagare per crimini – crimini di guerra – commessi dai siriani e russi, e cercare di ritenerli responsabili.”

Ovviamente Hillary Clinton si è dimenticata del fatto che è stato proprio l’ingresso della Russia a dare un colpo decisivo all’ISIS mentre per mesi gli USA non avevano avuto alcun successo, forse proprio perché è venuto fuori che erano proprio gli americani a far cadere “accidentalmente” armi nelle zone dell’ISIS così che si fossero sempre armati fino ai denti.

La coalizione Russia-Cina da una parte e le folli mire espansionistiche degli Stati Uniti dall’altra che stanno trascinando nel baratro anche l’Unione Europea, rendono questo scenario molto preoccupante.

 

Riccardo Lautizi

Fonte: www.dionidream.com

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!