Attualità Archivi - Pagina 10 di 35 - www.altreinfo.org

Category: Attualità

Qualche riflessione su Bardonecchia. Maurizio Blondet

.. Non ho voglia di spendere una riga sull’indignazione degli “europeisti”, da Enrico Letta  de la Sorbonne  a Martina  e PD in genere. Mi limito a copiare e incollare alcuni tweet adatti alla questione Giampaolo Rossi Art. 41 Trattato di #Schengen. Volete l’Europa senza nazioni? Scrivete sui vostri striscioni “no border no State?” Siete contro gli Stati nazionali? Favorite l’immigrazione con le vostre Ong? Vi piaceva #Macron? E ora beccatevi questo, pirla che non siete altro. #Bardonecchia  Giuse: “Gli tolgono Banca Centrale e moneta e non fanno una piega. Gli impongono governi tecnici che ci...

Sul caso Skripal, gli Usa e le loro colonie cercano lo scontro con Putin. Diego Fusaro

Un centinaio di diplomatici russi espulsi da Usa, Europa e Canada. Ben due dall’Italia. Sono addirittura 14 gli Stati membri della Ue ad aver preso per adesso il provvedimento “come seguito” di quel che si è deciso al vertice Ue della settimana scorsa. Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha asserito che “altre espulsioni non sono da escludere nei prossimi giorni e settimane”. Che dire? Incommentabile, si sarebbe a tutta prima indotti a pensare. La vergogna di questa situazione – tragica, ma non seria – sta tutta nel fatto che, more solito, la...

Il mondo che vorrebbero quelli della balla universale del “se tagli cresci”

Le coperture, il bilancio in pareggio e addirittura in attivo. Non sembra che certa gente parli di uno Stato, il cui compito fondamentale è creare benessere per la collettività e non per se stesso, quanto di un’azienda (o peggio di una massaia) che deve fare un profitto, risparmiare, raggiungere un traguardo di incremento del proprio utile, e per cosa poi? Per distribuire poi il relativo dividendo? E a chi? Eppure, a sentire il mainstream, questa è la logica che deve muovere uno Stato, e segnatamente lo Stato italiano. Basti leggere le...

la buona scuola di valeria fedeli

E l’han chiamata ”Buona Scuola” (Di Maio si allea a questi?)

Avrete letto tutti titoli come questo: Alessandria, prof legata a una sedia in classe e presa a calci La docente è “fragile fisicamente, fatica a camminare e difendersi”, ma non ha presentato denuncia alle forze dellʼordine. Aggiungo questo paragrafo da La Stampa: “Il preside Salvatore Ossino, da quando la notizia è uscita su questo giornale, non fa altro che cercare di ridimensionare l’accaduto: «È stata una presa in giro. Tre o quattro ragazzini le hanno mancato di rispetto. E nessuno in quella classe ha voluto svelare i loro nomi, ecco perché...

Il Canale di Suez sta perdendo la sua importanza strategica? Irene Masala

Il Canale di Suez potrebbe diminuire o perdere il suo ruolo strategico. Il governo egiziano intende infatti collegare il porto di La Alamein, sulle coste del mar Mediterraneo, al porto di El-Sokhna, sul mar Rosso, attraverso una linea ferroviaria ad alta velocità. Questo quanto dichiarato dal ministro egiziano dei Trasporti, Hesham Arafat. Questo progetto ha suscitato interesse a livello internazionale e sarebbero almeno dieci le compagnie disponibili a concorrere per la firma del contratto. Secondo alcuni analisti, il primo impatto della linea ferroviaria ad alta velocità potrebbe essere appunto sul Canale di Suez, che dal 1869 funge da collegamento...

I ricatti e le mosse degli Usa contro la Russia (via Ue). Mauro Bottarelli

Gli Stati Uniti continuano a punzecchiare e ad attaccare la Russia, usando nel suo piano anche l’Europa, mediante una strategia non molto limpida Per carità di patria, evito di toccare l’argomento della vergognosa pantomima politica consumatasi a Camera e Senato nel fine settimana: se questo è il nuovo che avanza, non stupisce che BlackRock abbia annunciato vendita sistematica e altrettanto sistematico mantenimento al largo dei loro portafogli di investimento dai Btp italiani. Ma siccome è stato il popolo italiano a creare le condizioni di questo disastro con il suo libero...

John Bolton è cattivo come sembra. Diana Johnstone

Donald Trump è arrivato al potere dopo aver fatto promesse rumorose sulla normalizzazione delle relazioni con la Russia e al taglio delle avventure militari straniere. Nonostante le sue manifeste inadeguatezze personali e professionali, quelle vaghe promesse hanno offerto un barlume di speranza a un certo numero di ottimisti congeniti. Ma per cambiare la politica estera degli Stati Uniti in modo così drastico, supponendo che lui volesse onestamente farlo, un Presidente avrebbe bisogno di una squadra in possesso della necessaria conoscenza, saggezza e coraggio per produrre e imporre un’alternativa coerente. Trump...

Un avviso della Nato a Di Maio e Salvini. Comidad

L’affermazione in Italia di due movimenti, Lega e 5 Stelle, percepiti all’estero come filorussi, con l’eventualità di un loro possibile accordo di governo, è probabilmente alla base dell’ennesima provocazione antirussa allestita dal governo britannico. Tutta la narrazione britannica, secondo cui una ex spia russa rifugiatasi nel Regno Unito sarebbe stata eliminata da Putin con un agente nervino, assume contorni fiabeschi, addirittura da nonsense. Già anni fa vi fu una vicenda analoga, il caso Litvinenko, un dissidente russo che anche lui sarebbe stato eliminato da Putin, quella volta con del polonio radioattivo....

Per ora Mosca ha sventato la guerra cui ci portano, irresponsabili, i capi europei. Maurizio Blondet

L’ultima, o la penultima, è questa: l’esercito siriano ha trovato oltre 40 tonnellate di componenti per armi chimiche nei territori che ha liberato dai jihadisti sostenuti (anzi guidati sul terreno) da specialisti americani, inglesi e francesi. Da molti giorni il ministro Lavrov lanciava l’allarme: i jihadisti stanno per fare un attacco chimico false flag. Navi da guerra della NATO sono state piazzate davanti alla Siria per lanciare missili da crociera su Damasco subito dopo il falso attacco chimico; i russi dicono di avere in mano dei documenti, evidentemente dei jihadisti,...

False flag per principianti. Dimitry Orlov

La Gran Bretagna è praticamente impazzita per quanto riguarda il recente avvelenamento a Salisbury, in Inghilterra, dell’ex-colonnello dei servizi segreti russi, diventato poi spia britannica, Sergei Skripal e di sua figlia. Il primo ministro britannico, Theresa May, ha chiesto che la Russiadesse spiegazioni, sostenendo che erano stati avvelenati usando un agente nervino chiamato “Novichok” (parola russa che sta per “principianti”), un prodotto della ricerca sovietica sulle armi biologiche. Non è più un tale prodotto e la distruzione delle sue scorte è stata verificata anche da osservatori internazionali. Tuttavia la sua...

Giappone, il dramma degli anziani: in carcere pur di non vivere soli. Lorenzo Vita

L’invecchiamento della popolazione del Giappone è un fenomeno risaputo. Ma negli ultimi anni, come scrive il South China Morning Post, si è manifestata un’altra tendenza inaspettata e decisamente preoccupante: molti anziani stanno commettendo piccoli reati per trascorrere il resto dei loro giorni in prigione. Secondo Bloomberg, le denunce e gli arresti che coinvolgono cittadini anziani sono in aumento esponenziale, e il tasso di criminalità degli anziani è quadruplicato negli ultimi due decenni. Nelle carceri, un detenuto su cinque è un anziano, tantissime le donne. Nella stragrande maggioranza dei casi, il crimine che li mette in prigione è semplice taccheggio, nessun reato...

Nicolas Sarkozy in stato di fermo per presunti finanziamenti illeciti. Maurizio Blondet

Secondo Le Monde, l’ex presidente francese sarebbe attualmente interrogato a Nanterre. E’ la ben nota storia: Gheddafi finanziò Sarko per le sue campagne elettorali, pagandolo almeno 50 milioni di euro, ma forse più, in contanti. Lo stesso dittatore libico si vantò “Sono io che l’ho fatto presidente”. Lo disse in un’intervista a metà marzo del 2011. Pochi giorni prima che l’Occidente intero si scatenasse per portare la democrazia in Libia a forza di bombe, e ovviamente avendo cura di far trucidare Gheddafi dai “ribelli” democratici, ma jihadisti, gestiti  da Hillary Clinton. Noi,...

Si gonfia la “fake” che deve portare alla soppressione del “populismo”. Maurizio Blondet

Avrete già sentito i media  citare “Cambridge Analytica”, e ancor più ne sentirete parlare nei prossimi giorni. Vi spiegano che è una “controversa” azienda che raccoglie megadati per “profilare” interi elettorati ed avrebbe influenzato (sedotto? Ipnotizzato? Posseduto psichicamente?) decine di milioni di americani a votare per Trump, milioni di inglesi a votare per la Brexit e adesso, milioni di italiani a votare per Salvini. Attenzione: qualunque cosa tirino fuori nei prossimi giorni, è la più spregiudicata operazione, da parte del Sistema, di repressione delle  opposizioni politiche e censura della libertà di opinione....

Westernet, il destino di Internet nella nuova guerra fredda

Se osserviamo l’andamento della politica estera evitando la narrazione dei giornali, sembra assolutamente chiara la strategia degli anglosassoni: ritornare agli anni ‘80, semplicemente ricostruendo la stessa cortina di ferro. Lo scopo sarebbe quello di ricondurre al vecchio ordine i paesi dell’Europa Continentale, semplicemente ricostruendo lo stesso nemico e sperando che questo basti a (ri)dare forza alle vecchie alleanze. In tutto questo, nessun mass media si sta ancora chiedendo quale sara’ il destino di Internet nella nuova guerra fredda. Stiamo assistendo ad una specie di precipitare della situazione. Sinche’ erano i...

Solo Netanyahu non condanna Putin per Skripal. Maurizio Blondet

Mentre Germania, Francia, Bruxelles e  Stati Uniti, più la NATO e la UE, come un sol blocco accusano Putin di aver avvelenato l’ex-spia Skripal, un’astensione va segnalata: Netanyahu condanna il fatto, ma in un secco comunicato ufficiale, non si unisce alla condanna generale della Russia, non la nomina nemmeno, e si augura che “la comunità internazionale lavori insieme per evitare ulteriori incidenti di questo tipo“: una frase che poteva essere scritta da Lavrov. https://www.timesofisrael.com I relativamente buoni rapporti personali fra Putin e Netanyahu possono entrarci per qualcosa. Come il fatto...

error: Alert: Content is protected !!