Attualità Archivi - Pagina 20 di 34 - www.altreinfo.org

Category: Attualità

Missione Pinotti-USA: stoppare Haftar e riscatto libico – ONG: code di paglia lunghe da Timbuctu al Canale di Sicilia. Fulvio Grimaldi

Qualcuno irride alla “missione farlocca” di Gentiloni-Pinotti-Mogherini-Stato Profondo Usa in Libia. Di farlocco qui c’è soltanto quel Trump che ogni due per tre deve rinnegare qualcosa o qualcuno in cui crede e sbattere i tacchi davanti ai 14 servizi segreti, al Pentagono e ai predatori multinazionali, per evitare che continuino a scuoiarlo a forza di mostruose balle tipo Russiagate (al “manifesto”, che si beve tutto, non dispiaccia se giuriamo che non è vera neanche una virgola, tantomeno una parola e l’intera faccenda diventa grottesca all’evidenza delle ininterrotte interferenze dei servizi e media...

Putin e Ivanov, durante una recente visita in Finlandia

Accanto a Putin è ricomparso Ivanov. Forse è un sintomo. Maurizio Blondet

Il 27 luglio, a fianco di Putin in visita al presidente della Finlandia, è apparso di nuovo Sergei  Ivanov. Giusto un anno fa, nell’agosto 2016, l’uomo era stato congedato, se non rimosso, dalla posizione di capo dello staff di Vladimir Putin; con tutti gli onori e ringraziamenti del caso, il presidente l’aveva nominato suo “rappresentante speciale per  l’ambiente e le questioni dei trasporti”. Una carriera ventennale nella sezione esteri del KGB, poi nel ’98, quando Putin divenne direttore del FSB chiamato da lui a fargli da vice, capo del Consiglio...

gas russo o gas americano?

FT: si inasprisce la guerra tra USA e Russia per la fornitura di gas in Europa

“Quando il presidente degli Stati Uniti Trump facendo un discorso in Polonia ha promesso di aumentare l’esportazione del gas americano in Europa la folla gli ha tributato un’ovazione”, scrive il Financial Times. Una reazione del genere avrebbe dovuto far preoccupare la direzione di Gazprom, pensano i giornalisti David Sheppard e Henry Foy. “Questo simbolizza l’escalation del conflitto per la fornitura del gas nel prestigioso mercato europeo”, scrivono i due giornalisti. “A prima vista in questa competizione Gazprom occupa una posizione più forte: ha il vantaggio di giocare nel suo campo con...

Un milione di bambini malnutriti a rischio colera in Yemen

Più di un milione di bambini malnutriti vivono in Yemen, in aree duramente colpite da un’epidemia di colera. Si tratta di bambini che hanno difese immunitarie ridotte con una probabilità di morire ben tre volte superiore alla media, nel caso in cui dovessero contrarre la malattia. L’epidemia di colera dello Yemen è già ora la peggiore del mondo, con più di 425.000 casi sospetti secondo Save the Children. La soluzione sarebbe semplice e a portata di mano, se non fosse perché in Yemen è in corso la guerra di aggressione dell’Arabia Saudita e...

E ora scaricano tutte le responsabilità sulle ONG. Solo per nascondere cosa faremo davvero in Libia. Mauro Bottarelli

Evito di ripetervi per l’ennesima volta il mio parere sulle ONG e sul terzo settore in generale, mi limito a ricordare come – di fatto – il suo sviluppo esponenziale in parallelo al globalismo anni Novanta ne faccia uno strumento dello stesso, oltretutto piegato alla peggiore logica di dumping sociale: privatizzare, de facto, l’assistenza che lo Stato dovrebbe offrire ai suoi cittadini-contribuenti attraverso la logica del senso di colpa e delle donazioni private come nuovo balsamo per l’outsourcing del welfare. Insomma, ci paghiamo l’assistenza senza accorgercene. Punto. Nel caso di...

First-Strike

Le scelte di Trump. I militari russi sono giunti alla conclusione che Washington stia preparando un attacco nucleare a sorpresa sulla Russia. Paul Craig Roberts

Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, è la speranza dell’umanità, o, meglio, la speranza di quella parte dell’umanità consapevole dei rischi conseguenti la provocazione di un conflitto tra potenze nucleari. Per due decenni i regimi di Clinton, George W. Bush e Obama hanno lanciato bastoni, pietre e parole minacciose all’orso russo. Gli Stati Uniti hanno fatto fallire e si sono ritirati dagli accordi sulla sicurezza che avevano stipulato e hanno aggravato le minacce alla Russia effettuando manovre militari alle sue frontiere, dopo aver messo in atto un colpo di stato in...

Scacco matto del Congresso USA all'Europa della Merkel

Il Congresso USA ha dato scacco matto all’Europa-Merkel. Maurizio Blondet

Nelle draconiane sanzioni decretate dal Congresso americano contro la Russia, e adesso firmate da Trump, ci sono alcuni effetti collaterali paradossali per i leader della Europa cosiddetta Unita ad egemonia tedesca. Primo: se, poniamo, Angela Merkel, Juncker e Mogherini speravano di avere nel Congresso un alleato in liberismo globale in quanto ostile a Donald Trump, il protezionista di American First, ora devono constatare che al contrario, “la crisi di rabbia del Congresso spara a raffica contro gli alleati europei”, specie Germania e Francia, di cui colpisce con sanzioni gravissime le imprese che...

Sanzioni, fumo e specchi da una scuola materna fatta di LSD. The Saker

Le recenti sanzioni e la ritorsione russa hanno dato la stura ad un fiume di speculazioni sui media ufficiali e nella blogosfera – tutti tentano di venire a capo di una situazione che non sembra avere alcun senso. Perché mai il Senato degli Stati Uniti ha adottato nuove sanzioni contro la Russia, quando la Russia non ha fatto assolutamente nulla per provocare questo voto? Tranne Rand Paul e Bernie Sanders, ogni singolo Senatore degli Stati Uniti ha votato a favore di queste sanzioni. Perché?! Ciò è ancora più sconcertante se si considera che...

Troppi banchieri e miliardari si occupano della nostra salute

Dopo le Obbligazioni sulla Morte, anche le Obbligazioni sui Vaccini. Che rendono un bell’interesse. Maurizio Blondet

Una speculazione finanziaria miliardaria sui vaccini? Un lettore mi ha reso nota l’esistenza di  “Vaccine Bonds”, obbligazioni sui vaccini, che servono a raccogliere fondi per vaccinare i bambini del Terzo Mondo. Un investimento che “ha già salvato milioni di vite umane”, secondo i siti ufficiali. Una operazione altamente umanitaria, commovente – se non fosse che, nei prospetti per gli acquirenti di tali obbligazioni, si dice che essi hanno dato “rendimenti estremamente buoni” (extremely good returns), o “un ritorno significativo sull’investimento”. La filantropia umanitaria estrae un lucro finanziario ragguardevole dai vaccini:...

Draghi, ghigno

L’economia va tanto bene, che UE medita di bloccare i depositi. Maurizio Blondet

L’economia dell’Europa “è tornata a crescere”. La disoccupazione “cala” anche in Italia. Le cose vanno così bene – che la UE sta meditando il congelamento dei depositi, in caso di crisi, per impedire la corsa agli sportelli che trascinerà tutte le banche nell’abisso. Per salvare le banche, vi vieteranno di ritirare i vostri risparmi. Lo ha raccontato la Reuters il 28 luglio. https://www.reuters.com/article/us-eu-banks-deposits-idUSKBN1AD1RS La proposta è stata avanzata dall’Estonia, che ha la presidenza pro-tempore della UE. La questione è discussa dietro le quinte dall’inizio dell’anno, ed ha avuto una accelerazione...

USA, segreto sulle bombe atomiche in Italia

Usa: segreto sulle armi nucleari in Italia. Massimo Caruso

Gli Usa hanno deciso. Sarà segreto assoluto sulle armi nucleari in Italia. Il Pentagono non divulgherà più i report sulle ispezioni di sicurezza degli armamenti nucleari stoccati nelle basi italiane di Aviano e Ghedi. Secondo quanto riportato da Repubblica qualche giorno fa, ciò che, fino ad oggi, era stato di dominio pubblico, sarà coperto da “buio totale”. Tutti i dati che erano a disposizione di stampa ed esperti verranno secretati, a dispetto della trasparenza e della stessa sicurezza, dato che non sarà più possibile sapere se ci sono stati problemi...

“Contro l’Iran il primo colpo nucleare è talmudicamente etico”. Maurizio Blondet

Un attacco nucleare preventivo contro l’Iran è perfettamente morale per il Talmud. Lo ha sancito Moshe Halbertal, “stimatissimo studioso del Talmud”, co-autore del Codice Etico dell’IDF – l’esercito israeliano – la cui purezza delle armi ci stupisce ogni giorno. Moshe Halbertal è anche cattedratico della New York University Law School, la più eccelsa facoltà di diritto statunitense, dove insegna metà dell’anno. L’altra metà Moshe insegna alla Hebrew University of  Jerusalem. Dunque una figura di peso nei due mondi. Egli è “uno dei pensatori più rispettati sui dilemmi morali della guerra...

Antisemitismo

Giuseppe Zambon: vi spiego perché la mia casa editrice è accusata di “antisemitismo”. Francesco Santoianni

Alimentata da pubblicazioni come il “Rapporto sull’antisemitismo in Italia nel 2016” – che segnala (seppure tra i siti “cospirazionisti” e “quindi”, antisemiti) anche L’Antidiplomatico – dilaga la caccia a coloro che osano criticare la politica dello Stato di Israele. E che sono “quindi” antisemiti. Una caccia alle streghe che sta colpendo anche intellettuali ebrei, come l’editore Giuseppe Zambon “reo” di aver pubblicato libri come quello di James Petras “Usa: padroni o servi del sionismo?” Intervista all’AntiDiplomatico Perché tanto  livore contro questo libro? Perché affronta un argomento talmente scabroso da essere stato...

Donald Trump durante un discorso in polonia

Perché in Polonia Trump ha dichiarato guerra a Mosca. Maurizio Blondet

Martedì scorso un drone israeliano è stato neutralizzato dalla contraerea siriana sopra Quneitra, non appena entrato  nello spazio aereo siriano. L’evento viene collegato dal giornale Rai al-Youm alla recente affermazione del segretario di Stato Tillerson: “La sorte di Assad è nelle mani della Russia”; dopo sei anni di accanimento, bombe e sangue perché “Assad must go”, segnalerebbe un riconoscimento da parte americana della Siria come zona d’influenza di Mosca. Sappiamo che ci sono stati incontri segreti russo-americani in Giordania in questo senso: quegli incontri che le forze J nella Casa Bianca hanno...

c'è il gas nel mediterraneo dietro le partite nel levante

Il gas del Mediterraneo dietro gli scontri nel Levante. Salvo Ardizzone

Dietro lo scontro geopolitico in atto nel Levante ci sono le recenti scoperte di gas nel Mediterraneo; si tratta di giacimenti immensi, il cui sfruttamento è in grado di orientare, o quantomeno influenzare, le politiche delle potenze rivierasche e dei tanti attori interessati a quelle enormi risorse. È una realtà di cui si parla assai poco e che i media evitano di mettere sotto i riflettori, ma, piaccia o no, sono interessi immensi capaci di pesare sulle scelte dei Governi con le montagne di denaro mosse dalle Mayor che possono...

error: Alert: Content is protected !!