Attualità Archivi - Pagina 30 di 33 - www.altreinfo.org

Category: Attualità

Costituzione-degli-Stati-Uniti, prevede il bicameralismo perfetto. E allora perché Obama appoggia la riforma voluta da Renzi?

Costituzione degli Stati Uniti: bicameralismo perfetto. Alba Giusi

La Costituzione degli Stati Uniti d’America, approvata il 15 settembre 1787, prevede il bicameralismo perfetto. Le leggi devono essere approvate dal Congresso, formato dalla Camera dei Rappresentanti e dal Senato degli Stati Uniti. Inoltre, il meccanismo di approvazione delle leggi è volutamente lento e complesso. Nulla in confronto alle rigidità previste dalla Costituzione Italiana. E allora ci chiediamo perché Obama appoggia pubblicamente il SI al referendum di Renzi? La Costituzione degli Stati Uniti Una riforma come quella che si sta cercando di imporre in Italia, a colpi di propaganda e con...

Gli Stati Uniti sognano un mondo unipolare e sono disposti a fare una guerra pur di raggiungere questo obiettivo. Vogliono una sola superpotenza e intorno soltanto sudditi.

Gli Stati Uniti si battono per un mondo unipolare

Il cambiamento più importante degli ultimi 25 anni sta avvenendo proprio adesso. Ed è la transizione da un mondo unipolare (una sola potenza globale), incentrato sul dominio degli Stati Uniti, ad una nuova realtà basata su un mondo multipolare (più potenze globali). La questione fondamentale risiede nel comprendere come stia avvenendo questo passaggio cruciale, le sue conseguenze e le cause principali. Il cambiamento dell’ordine internazionale da multipolare, prima della grande guerra, a bipolare, dopo la seconda guerra mondiale, è costato al mondo una guerra con milioni di morti. La fase successiva, caratterizzata...

Bill Gates annuncia che sconfiggerà il cancro, un campione di balle

Bill Gates annuncia che entro dieci anni sconfiggerà il cancro

“Bill Gates e la Microsoft si sono votati alla ‘risoluzione del problema del cancro’ entro dieci anni utilizzando tecniche informatiche innovative per decifrare il codice delle cellule malate in modo che siano riprogrammate per tornare ad essere cellule sane”, afferma il redattore scientifico del scientifico del Telegraph (UK). “…La società ha messo insieme un ‘piccolo esercito’ formato dai migliori biologi, programmatori ed ingegneri di tutto il mondo pronti ad affrontare il cancro come se fosse il bug di un sistema informatico.” Questo è quanto ha dichiarato Bill Gates. La cosa...

Il fallimento della globalizzazione

La globalizzazione è finita, tra un po’ useranno l’esercito contro di noi

Signori, si scende: la globalizzazione è finita. Usa e Cina, Nato, Fmi, Ue, Banca Mondiale? Sono in avaria e lo sanno benissimo, anche se ancora non lo ammettono. Il sistema ha le ore contate, perché l’epoca della crescita è tramontata per sempre. Sta montando la marea del malcontento, ovunque, perché a pagare il conto della globalizzazione forzata sono miliardi di persone: così, se vorrà tenersi il potere, questa élite fallimentare dovrà ricorrere sistematicamente alla polizia e all’esercito, archiviando anche la democrazia. Lo sostiene Raúl Ilargi Meijer, analista indipendente, autore di...

Guerra in Siria, ecco come è iniziata

La guerra in Siria: ecco come è cominciata

Abbiamo dimenticato com’è iniziata la guerra in Siria, anzi forse non lo abbiamo mai saputo. In realtà, nessuno ci ha detto come è iniziata. Ce la siamo trovata davanti agli schermi televisivi in un attimo. E la colpa era di Assad, così almeno dicevano. Stava “uccidendo il suo popolo”, così come qualche anno prima aveva fatto Gheddafi. Qualcuno dovrebbe pagare per tutta questa distruzione. Ci vorrebbe un processo, come quello che venne organizzato a Norimberga. Chissà se c’è qualche giudice disponibile a incriminare i colpevoli… A seguire un articolo di...

Donald Trump, l'importanza del news cicle sui media

L’importanza del news cycle sui media americani

Se c’è qualcuno che ancora non ha capito quale sia l’importanza del cosiddetto “media news cycle”, ovvero il ciclo giornaliero delle news americane, vorrei offrirgli questa breve riflessione. Io per abitudine guardo la CNN almeno un’ora al giorno. Nell’arco di quell’ora, infatti, mi rendo conto di quale sia il ciclo particolare delle news di quel giorno (dopo un’ora le notizie cominciano a ripetersi, e a meno di eventi eccezionali non cambiano più fino al giorno dopo). Partiamo quindi dal clamoroso scoop del Washington Post, che lo scorso venerdì (7 ottobre)...

Risucchio delle risorse economiche

Dopo il terzo mondo, ora stanno depredando noi

La situazione è molto peggiorata negli ultimi 12 anni, rispetto a quando pubblicai “Confessioni di un sicario dell’economia”. Gli assassini economici e gli sciacalli si sono diffusi tremendamente, anche in Europa e negli Stati Uniti. In passato si concentravano essenzialmente sul cosiddetto Terzo Mondo, o sui paesi in via di sviluppo, ma ormai vanno dappertutto. E infatti, il cancro dell’impero delle multinazionali ha metastasi in tutta quella che chiamo la moribonda economia fallita globale. Questa economia è basata sulla distruzione di quelle stesse risorse da cui dipende, e sul potere militare....

Hillary Clinton e Donald Trump: e se non fosse lui il diavolo? Alba Giusi

Undici anni fa, in un fuori onda, Donald Trump ha detto: “Se sei un VIP, alle donne puoi far fare quello che vuoi”. E con questo ha dimostrato di essere un maschilista, anzi un vero e proprio “machista“. Si è scusato per ciò che ha detto. Troppo tardi però. Io che sono una donna non potrò mai perdonarlo. Dobbiamo condannarlo per essere uno sporco maschilista. Donald Trump, insensibile e poco altruista Negli ultimi anni ha scalato dal suo reddito le perdite subite negli anni precedenti. Così facendo non ha pagato tasse. Ha...

Bunker

La Russia costruisce i bunker. Ma noi dove andremo? Alba Giusi

Putin ha ordinato la costruzione di enormi bunker antinucleari negli Urali e in altre zone del paese. I giganteschi rifugi, la cui costruzione è stata rivelata da funzionari russi, sono una risposta alla recente escalation di tensioni ed accuse tra Mosca e Washington a causa del conflitto in Siria. Inoltre, Putin ha già firmato un decreto con cui sospende il trattato sulla riconversione del plutonio militare in combustibile nucleare per uso pacifico. Alla base di questa decisione c’è la constatazione che Washington minaccia la stabilità strategica tra le due potenze. Non è quindi possibile adempiere...

Putin indeciso

Putin indeciso, e la Russia non affonda il colpo

Il Governo russo ha preso un abbaglio pensando di avere una causa comune con Washington nella lotta all’ISIS. I russi hanno addirittura pensato che i diversi gruppi dell’ISIS, che operano mascherati sotto diversi nomi, fossero “ribelli moderati” e che questi gruppi potessero essere in qualche modo tenuti separati dagli estremisti. Ed hanno addirittura accettato una tregua nei combattimenti, pur trovandosi a un passo dalla vittoria, consentendo in tal modo a Washington di rifornire l’ISIS e di prepararsi a portare nel conflitto altre forze NATO. Putin indeciso, pensa di accordarsi con Washington Il Governo russo...

Vento di guerra

Tra USA e Russia il vento di guerra si rafforza

Com’era ovvio, sull’attacco a un convoglio Onu in Siria la macchina del fango è entrata in azione a tempo di record. In testa al plotone di chi accusa l’esercito siriano e quello russo ci sono Francia, Usa e l’inutile ormai ex numero uno dell’Onu, Ban-Ki-Moon. A vario titolo hanno puntato il dito contro Damasco e Mosca, ma hanno scordato un particolare: le prove. Chi invece ha portato tracciati radar e filmati girati dai droni, chiedendo un’indagine indipendente sull’accaduto è stato il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov. Risposta alla sua...

Olimpiadi di Roma

Olimpiadi di Roma: Virginia Raggi contro il ceto politico-affaristico criminale

C’erano pochi dubbi sulla causa principale delle difficoltà che ha dovuto affrontare la sindaca di Roma Virginia Raggi nei suoi primi mesi alla guida dell’Urbe: non le carenze pur notevoli della classe dirigente che lei ha portato al Campidoglio, ma i difetti della classe dirigente contro cui fa fronte, un ceto affaristico-politico criminale fra i più avidi del pianeta, al potere da generazioni. Dire no alle Olimpiadi a Roma è, semplicemente, dire no a un potere sfrenato e finora senza contrappesi che ormai ha un unico progetto: arraffare. Guardiamoci negli...

Terza guerra mondiale?

La terza guerra mondiale non è mai stata così vicina

Come abbiamo detto più volte, l’aspetto principale della stagione politica che stiamo vivendo non è costituito dalle competizioni elettorali, ma dalla guerra. Però, se c’è un luogo in cui le elezioni continuano ad avere una qualche importanza, questo luogo sono gli Stati Uniti d’America, i quali, manco a farlo apposta, sono strettamente coinvolti con il problema della guerra. Alcuni giorni fa, sabato 17 settembre, la possibilità di una guerra è stata straordinariamente alta. Come sappiamo, quel giorno le forze armate americane, che nessuno ha mai invitato ad intervenire in Siria,...

Parole-parole-soltanto-parole

Barack Obama, un vero campione di ipocresia

Barack Obama ha parlato davanti all’ONU. Punta dritto al tema delle crisi internazionali ma soprattutto alle sue vittime, migliaia e migliaia di profughi che cercano asilo in un altrove benevolo. Dimentica di dire che tutte le guerre sono state studiate a tavolino dagli Stati Uniti e avallate da lui in persona. E annuncia un accordo già concluso, che peserà anche in Europa: “Le oltre cinquanta nazioni che partecipano al Summit sui rifugiati il prossimo anno raddoppieranno l’accoglienza dei profughi, arrivando ad aprire le porte a 360 mila persone”. E aggiunge:...

Mail di Hillary Clinton

Le mail di Hillary Clinton e il suo coinvolgimento nelle aggressioni USA

L’arte della guerra. Subito dopo aver demolito lo stato libico, gli Usa e la Nato hanno iniziato, insieme alle monarchie del Golfo, l’operazione coperta per demolire lo stato siriano, infiltrando al suo interno forze speciali e gruppi terroristi che hanno dato vita all’Isis. Ogni tanto, per fare un po’ di «pulizia morale» a scopo politico-mediatico, l’Occidente tira fuori qualche scheletro dall’armadio. Una commissione del parlamento britannico ha criticato David Cameron per l’intervento militare in Libia quando era premier nel 2011: non lo ha però criticato per la guerra di aggressione...

error: Alert: Content is protected !!