Controinformazione Archivi - Pagina 5 di 5 - www.altreinfo.org

Category: Controinformazione

Finora l'Italia è stata risparmiata dagli attentati terroristici. Maurizio Blondet offre una spiegazione interessante e ben documentata

Il marketing israeliano del terrore in Italia. Maurizio Blondet

“Così, dopo qualche centinaio di morti, l’idea che il terrorismo abbia reso  le nostre vite a rischio come quelle degli israeliani, e che dunque dovremmo modellare il nostro stile di vita sul loro, comincia a farsi strada tra le ingenuità e l’arteriosclerosi del vecchio continente” scriveva Libero il 22 luglio 2016. Era il commento mediatico alla strage  islamica di Nizza. “Il mondo è cambiato e che i barbari non sono alle porte, ma li abbiamo già dentro casa. Come a Gerusalemme e a Tel Aviv. … Si guarda a Israele...

Esiste una potente e influente lobby ebraica negli Stati Uniti d'America? Si, esiste, ed è talmente potente che controlla l'economia, la finanza, l'informazione ed ogni altro settore vitale.

Esiste una influente e potente lobby ebraica negli Stati Uniti?

Molto spesso si sente parlare di una influente e potente lobby ebraica che opera negli Stati Uniti d’America, capace di condizionarne la politica, l’economia e la finanza. Se questo è vero, il fatto interessa anche noi, in quanto gli Stati Uniti sono quella grande superpotenza che sta determinando, nel bene e nel male, le sorti di tutto il pianeta. Occorre però portare delle prove a sostegno di questa affermazione, le presunzioni non bastano. Quanti sono gli ebrei negli Stati Uniti? Innanzitutto, gli ebrei americani sono circa 7,16 milioni (1,04 milioni a fine ‘800), dato...

I complottisti sono solo persone che ragionano con la propria testa

Complottisti: chi sono e cosa vogliono

Tanto tempo fa… beh, non tantissimo intendiamoci, quando frequentavo le scuole superiori, gli insegnanti ci dicevano sempre: “Pensate con la vostra testa, non fatevi influenzare, nemmeno dai libri”. Durante le lezioni non mancavano mai le domande insidiose, soprattutto in storia. Volevano capire se avevamo ragionato su ciò che avevamo letto e ascoltato o se stavamo semplicemente ripetendo a memoria. Tutto doveva essere studiato, messo in discussione, criticato, dibattuto e assimilato. Tra gli elementi di valutazione dell’insegnante di italiano c’era scritto “ha assimilato gli argomenti in modo critico e personale”. Sentirsi...

Troll all'opera

I troll: chi sono, cosa vogliono e perché sono sempre in internet. Elena Dorian

Con il termine troll, si indica una persona che interagisce con gli altri utenti di un forum postando messaggi provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso. Gli obiettivi dei troll sono quelli di disturbare la comunicazione, scaldare gli animi all’interno del forum e portare la discussione su un piano di sterilità e confusione. E’ facile immaginare che i troll abbiano molto tempo libero a disposizione. Alcuni sono anche molto preparati sugli argomenti trattati nel forum e sanno come gestire la discussione portandola su un piano a loro congeniale. C’è quindi una preparazione tecnica ed...

Creazione del denaro: i crediti delle banche tra parenti, amici e potenti. Alberto Rovis

Tutti sembrano sorpresi perché le banche sono piene di crediti che non riusciranno mai e poi mai a incassare. Sono i cosiddetti “crediti inesigibili”, ovvero “crediti marci”, detto in gergo. Ma non si capisce il perché di tanta sorpresa. Infatti, è normale che le banche siano piene di crediti inesigibili. Prestare soldi è il loro lavoro, e a ben guardare si tratta anche di un lavoro creativo. Per esempio, arriva un cliente che ha bisogno di un prestito. Nessun problema, la banca crea il denaro necessario per soddisfare questa richiesta con...

Spezzare e catene del debito

Ce la faremo a sciogliere le catene del debito pubblico? Alberto Rovis

La menzogna più grande che ci raccontano i politici di turno è che il rapporto tra Debito Pubblico e PIL migliorerà in futuro. E’ un obiettivo irrealizzabile. Almeno finché l’Italia avrà il cappio dell’euro ben stretto al collo. Molti ricorderanno che nel 1992 il Presidente del Consiglio Giuliano Amato si presentò davanti alle telecamere dicendo: “Siamo sull’orlo del baratro”. Dopo di che ebbe la sfacciataggine di mettere le mani sui conti correnti degli italiani rubacchiando una parte dei loro risparmi. Coloro che hanno subito il furto si ricorderanno certamente. Sono...

Il furto in Libia

Le ricchezze e l’oro della Libia: il furto del secolo

Le riserve di petrolio della Libia sono stimate in 60 miliardi di barili e sono le maggiori dell’Africa, con costi di estrazione tra i più bassi del mondo. E già, facevano gola a molti. Le riserve di gas naturale sono stimate in circa 1.500 miliardi di metri cubi. Beh, anche queste facevano gola a molti. Per non parlare degli immensi giacimenti di acqua cristallina e della gigantesca opera idraulica portata a termine da Gheddafi per renderla fruibile lungo tutta la costa libica. Tutto questo lo sappiamo già, forse. Ma comunque non è tutto,...

11 settembre, la guerra senza fine

11 settembre: inizia una guerra senza fine

Ci avviciniamo ad una data fatidica: 11 settembre. Come ogni anno ci saranno le commemorazioni di rito. Ma noi non dobbiamo dimenticare che cos’è veramente successo quel giorno. Dentro di noi lo sappiamo che quando il gasolio brucia produce 800° mentre l’acciaio fonde a 1.480°. Sappiamo che il caldo va verso l’alto e non verso il basso. Sappiamo che quando una struttura brucia diventa più leggera e non può schiacciare quella sottostante. Sappiamo che nessun incendio poteva far cadere le torri in quel modo, come un castello di carta. Non facciamoci...

Il gasdotto del Qatar, per questo è stata distrutta la Siria

Il vero motivo della guerra in Siria è un gasdotto dal Qatar

In un articolo apparso sulla rivista “Politico“, l’avvocato Robert Kennedy Jr, figlio di Robert Kennedy, Ministro della Giustizia degli  Stati Uniti assassinato nel 1968, e nipote dell’ex presidente americano John F. Kennedy, spiega quelli che – a suo dire – sono i veri motivi della guerra in Siria. Ci sono alcune “differenze” rispetto alla versione ufficiale su cui vale la pena soffermarsi. Il gasdotto dal Qatar Le radici del conflitto armato in Siria provengono in gran parte dal rifiuto del presidente siriano Bachar al-Assad di approvare il passaggio di un gasdotto dal Qatar...

Che cosa sono le false flag, strumento usato e abusato dal potere

Il termine inglese “false flag” si è molto diffuso negli ultimi anni e viene tradotto in italiano con “sotto falsa bandiera”. False flag identifica gli attentati e le azioni terroristiche che vengono organizzate e portate a termine da una parte (stato, fazione, servizi segreti, altri) assumendo i panni di un’altra parte e facendo ricadere in questo modo la colpa su un soggetto che non c’entra con quell’azione. Si tratta una tattica, nota da tempo, utilizzata per ottenere determinati obiettivi. Oggi è usata e abusata. Ecco alcuni esempi rimasti nella storia. Hotel...

L'elite finanziaria detiene il potere negli Stati Uniti. Questo è un impero basato sulla cartamoneta

Impero del dollaro o impero americano? Alberto Rovis

Da una cinquantina d’anni ormai si parla dell’impero americano, paragonandolo spesso a quello romano. Ma è proprio vero che siamo di fronte ad un impero? E gli Stati Uniti sono davvero a capo di questo impero? La risposta alla prima domanda è sicuramente positiva. Si tratta di un vero e proprio impero, anche se non ancora consolidato. Ma a capo di questo impero non ci sono gli Stati Uniti, bensì la Federal Reserve. E’ la prima volta nella storia dell’umanità che si verifica un caso del genere: un impero basato...

Libia, paese pieno di risorse energetiche e naturali

La risorsa più importante della Libia di Gheddafi era l’acqua del deserto, non il petrolio e nemmeno il gas. Alba Giusi

Gli antichi romani coltivavano tutta la costa libica, dove producevano grandi quantità di cereali, vino ed olio. Era una terra fertile e ricca d’acqua, nota come il granaio dell’impero, capace di dare fino a tre raccolti all’anno, come in Mesopotamia. Ed in quella zona si sono sviluppate importanti città, basti pensare alla splendida Leptis Magna. In realtà l’acqua non sgorgava dalle fonti e non c’erano nemmeno fiumi, ma era stata portata lì dalle zone interne della Libia, con canalizzazioni e opere di ingegneria idraulica. Purtroppo, dopo la caduta dell’impero, da quelle parti...

error: Alert: Content is protected !!