Informazione Archivi - Pagina 5 di 5 - www.altreinfo.org

Category: Informazione

Vladimiro Giacche: vogliono il ministero della verità

Vogliono il Ministero della Verità, siamo come in “1984” di Orwell. Vladimiro Giacché

Vladimiro Giacché – economista, filosofo e firma del Fatto – ha scritto nel 2008 La fabbrica del falso. Strategie della menzogna nella politica contemporanea: il libro ha avuto due successive edizioni, l’ultima ad aprile di quest’anno, ma come spiega l’autore, “l’ho solo aggiornato, non ho dovuto cambiare la struttura. Le cose così stanno: c’è un tentativo di far passare pseudo verità come fatti oggettivi”. Cosa pensa dell’agenzia statale invocata dal presidente dell’Antitrust Pitruzzella? Non è una proposta nuova: in 1984 di Orwell c’è il ministero della Verità, che si prefiggeva...

Ci avviamo verso un'informazione simile a quella confezionata da Goebbels durante il nazismo

A scuola da Goebbels? Un servizio del TG1 davvero incredibile contro Grillo. Francesco Santoianni

Un servizio del TG1 davvero incredibile contro Grillo! Un travisamento della realtà degno di Goebbels. Che mi ha spinto (a me, che su Grillo non sono mai stato particolarmente tenero) a scaricare il servizio del TG1 e metterlo su Youtube a perenne testimonianza di questa infamia. Ma riassumiamo i fatti. Grillo pubblica sul suo blog un, certamente condivisibile, articolo che denuncia la caccia alle streghe, contro le “bufale” che a detta di gente come la Boldrini, il Presidente dell’Antitrust Pitruzzella , il ministro della Giustizia Orlando…. dovrebbe essere affrontata istituendo una sorta di censura preventiva su Internet. “E...

Left” è il naturale epilogo di una sinistra che molla Peppone per abbracciare Soros

Non condannate “Left”, è il naturale epilogo di una sinistra che molla Peppone per abbracciare Soros. Mauro Bottarelli

Chi siano gli “elmetti bianchi” e quale sia stato il loro compito nella guerra in Siria è noto ma la stampa, operando da grancassa della coalizione anti-Assad, li ha sempre dipinti come degli angeli che mettevano la loro vita al servizio di quella degli altri, salvando tutti, persino i miliziani fedeli a Damasco, se ne avessero avuto bisogno. Bene, qualche breve nota biografica. La Syria Civil Defense (SCD) – i cui membri sono chiamati comunemente “elmetti bianchi” – è una organizzazione civile finanziata dagli Stati Uniti e dal Syrian National...

crozza, prende in giro i complottisti, facendo di erba un fascio

Crozza, ti sfido ad un confronto pubblico. Massimo Mazzucco

Caro Crozza, in un recente puntata del tuo show hai preso in giro i cosiddetti “complottisti”, mescolando con sapiente malizia stupidaggini da quattro soldi (come gli alieni di gomma) con argomenti molto più seri (come l’11 settembre), nel palese tentativo di equiparare gli uni agli altri. E’ la vecchia tecnica, vile e disonesta, usata dai debunkers del CICAP come Piero Angela o Paolo Attivissimo.   In particolare, parlando dell’11 settembre, hai mescolato le Torri Gemelle con la ridicola faccenda della sosia della Clinton, concludendo “Ma ragazzi, vi rendete conto di...

Laura Boldrini si batte contro le bufale e l'odio in internet, insieme a soros e bill gates

C’è anche Soros tra i finanziatori del sistema “anti-bufale”, tanto caro alla Boldrini

C’è lo speculatore George Soros tra i ricchissimi finanziatori del nuovo sistema “anti-bufale” annunciato giovedì scorso da Facebook. Una rivelazione, qui illustrata dal Daily Mail, che fa seguito alle dichiarazioni di Mark Zuckerberg di pochi giorni fa. “Penso a Facebook come a una società tecnologica, ma riconosco che abbiamo una responsabilità che va oltre la costruzione della tecnologia attraverso cui veicolare l’informazione – ha spiegato il fondatore e amministratore delegato di Facebook, annunciando delle nuove misure speciali per contrastare la disinformazione e segnalare le “bufale”. L’intento, come ha illustrato il vicepresidente di Facebook Adam Mosseri,...

Laura Boldrini contro le fake news, cioè le false notizie. Per combatterle chiede man forte ai debunker, cioè proprio a quelli che cercano di elinare tutte le opinioni che mettono in discussione o dubitano dei media di regime

Laura Boldrini e i quattro cavalieri delle “bufale”

Ma chi sono i “debunker” che la Boldrini si è presa per condurre la sua crociata contro “bufale” e l’”odio” su Internet? Per capirlo, diamo un’occhiata ad alcuni loro post. Intanto quelli di David Puente. Tra i tanti che si occupano di “smentire” inverosimili “notizie” degne dei tabloid inglesi, qualcuno merita attenzione. Ad esempio quello dedicato alla decapitazione di un bambino di dieci anni ad opera dei “ribelli siriani”. Un bambino di dieci anni? Naaaa… Ma chi sono i “debunker” che la Boldrini si è presa per condurre la sua...

Guerra alle bufale, il problema è che le bufale sono quelle che raccontano loro

“Sia lo Stato a stabilire quali notizie sono vere, e quali fake”. Maurizio Blondet

Da Repubblica: “Boldrini contro l’odio e le fake news.  Appello ai cittadini per smascherare le bufale web.  La presidente della Camera annuncia un’azione per sollecitare il debunking. “Sono in contatto con quattro  esperti, lavoriamo con i social network contro la disinformazione”.  Si dà anche il nome dei quattro ‘esperti’ preferiti dalla Boldrini:  Paolo Attivissimo (il disinformatico – che già dimostra un partito preso ideologico ), David Puente, ex dipendente Casaleggio, Michelangelo Coltelli, alias Butac e Walter Quattrociocchi, IMT lab. Claudio Messora ha detto quasi tutto quel che si poteva dire...

Ha ragione la Bldrini: combattiamo insieme le bufale, facciamone priprio Piazza Pulita

Ha ragione la Boldrini, combattiamo insieme le bufale. Anzi, facciamone proprio “Piazza pulita”

La presidentessa della Camera, Laura Boldrini, pochi giorni fa è stata lapidaria: “Anticipo che sto per lanciare un appello ai cittadini italiani, a tutti quelli che vogliono dare una loro partecipazione contro la disinformazione e le notizie false per la tutela del loro diritto a essere informati correttamente. Il tema delle bufale è fondamentale sul fronte dell’odio via internet e sui social network”. Ha ragione, su tutta la linea. Tanto più che, come mostrano queste foto, il suo appello in tal senso a Facebook ha funzionato, visto che a breve...

Crollano le vendite di giornali, sempre meno si vende in edicola

Media sempre più asserviti al sistema di potere: crollano le vendite dei giornali

Un vero crollo, senza precedenti, per i giornali in Italia. E da livelli che erano già da profonda crisi, visto che negli ultimi 6-7 anni i quotidiani hanno subito un calo medio di -50% nelle vendite. La tabella a fondo pagina parla da sola: in pratica quasi nessuno legge più i giornali nel nostro paese. Tra edizione cartacea e digitale (gli abbonamenti online) i primi 5 quotidiani italiani hanno una diffusione complessiva di 1.172.422 su una popolazione di 60 milioni di persone. Nada. Zip. Zilch. Nulla. Secondo i dati Ads/Accertamenti...

Aleppo distrutta dopo sei anni di guerra

Le bugie su Aleppo. Sebastiano Caputo

Sapevo che la battaglia finale ad Aleppo si sarebbe scatenata nel giro di pochi giorni. Ero stato a Damasco poche settimane fa e già si parlava di questa offensiva conclusasi proprio ieri sera. Avevo i contatti per andare lì, del resto ci sono già stato, ma due motivi mi hanno spinto a restarmene a casa: i costi del viaggio troppo elevati, e la paura di rimanere prigioniero della città qualora le cose si sarebbero messe male. Ora mi tocca leggere da Roma, quello che sta accadendo in quel Paese ferito...

Censura in internet

I colossi di internet creano un database comune per censurare il web

Secondo Yahoo News, il database dovrebbe essere installato e funzionante nei primi mesi del 2017 e più aziende potrebbero unirsi al partenariato nel corso del tempo. La diffusione della cosiddetta “notizie false – fake news“ hanno iniziato a dominare l’immaginazione del mondo intero da quando sono state accusate per la sconfitta di Hillary l’8 novembre scorso. L’idea che i media mainstream non possono più esercitare il controllo completo della narrazione e, di conseguenza, l’opinione popolare, ha seminato il panico tra le agenzie di stampa tradizionali e i giganti dei social media....

error: Alert: Content is protected !!