Manipolazione Archivi - Pagina 2 di 3 - www.altreinfo.org

Category: Manipolazione

Ci hanno insegnato a vergognarci di noi. Silvana De Mari

Il primo passo per distruggere la libertà di un popolo è distruggerne l’identità. Per abbattere un albero, tagliare le radici. Occorre ridicolizzare la religione di quel popolo, con uno stillicidio continuo di minuscoli gnomi, sedicenti intellettuali, cantanti, presentatori, attori, registi, fotografi, pubblicitari, artisti postmoderni, giornalisti, scrittori, eccetera con uno stillicidio continuo di odio e sarcasmo. La storia di quella religione e la storia di quel popolo viene ridotta ai suoi episodi peggiori, ovviamente enfatizzati e i fiumi di gloria vengono cancellati. Questa Europa ogni istante più ridicola nega il cristianesimo...

Il Il Corriere ha sparato Fake News. Lo dice uno del Corriere. Maurizio Blondet

Ivo Caizzi è il corrispondente da Bruxelles per il Corriere della Sera. In un esposto al Comitato di redazione del suo giornale e a tutti i colleghi  (lo postiamo in fondo),  rivela e spiega come Il direttore abbia sparato in prima pagina, il 1 novembre, che contro il governo italiano “era pronta una procedura d’infrazione UE” che invece Caizzi sapeva (ed aveva riferito al giornale)  non esisteva, anzi era tecnicamente impossibile. “Si può aprire la prima pagina del Corriere ccon una “notizia che non c’è” del genere?”, domanda Caizzi ai colleghi. E spiega come...

La fittizia dicotomia tra stato e capitalismo. Comidad

Mentre viene annunciata prossimamente una nuova ondata recessiva, la Commissione Europea riesce a tenere inchiodato il governo Conte alla questione di un ridicolo 0,5 in più o meno di deficit. Il paradosso della artificiosa scarsità di denaro (il “non ci sono i soldi”) a fronte di una capacità produttiva diventata invece praticamente illimitata, costituisce il capolavoro mistificatorio della lobby della deflazione. La lobby della deflazione è un tipico caso di “troppo evidente per essere visto”. Le grandi multinazionali bancarie ed i grandi fondi di investimento hanno un chiaro interesse a...

Quando “l’ideologia gender non esiste” ma sui documenti sei “gender X” (né maschio né femmina…). Alessandro Benigni

L’errore di fondo è pensare che i documenti e le etichette abbiano portato al nuovo linguaggio e dunque ai nuovi valori. Il percorso è esattamente inverso: la negazione dei valori assoluti ha portato al trionfo del relativismo e quindi all’utilizzo di un linguaggio artefatto, fondato sulle emozioni e sulle percezioni soggettive, completamente slegato dalla realtà – direi di forma chiaramente psicotica. Una volta aperte le porte ad espressioni d’uso quali “due padri”, “due madri”, identità sessuale “fluida”, “bambini transgender”, et similia, il percorso è già tracciato: la biologia (oggettiva) diventa opinione...

Smascherata Ong: insegnava ai migranti a mentire alla frontiera. Cristina Gauri

Advocates Abroad, una grande Ong operativa nel nord della Grecia che offre assistenza legale a sedicenti rifugiati, è in questi giorni al centro di una bufera mediatica in seguito alla pubblicazione di un video su Twitter. Il direttore esecutivo dell’organizzazione, Ariel Ricker, è stata infatti filmata a sua insaputa mentre spiegava dettagliatamente ai migranti come mentire alla polizia di frontiera, simulando sintomi di trauma psicologico e inventando storie di persecuzioni. Il video è stato pubblicato dalla giornalista e documentarista canadese Lauren Southern, e sarà parte del suo nuovo documentario Borderless (Senza confini), girato con l’intento di offrire una...

Avvocato ebreo insegna ai “migranti” a fingersi “cristiani perseguitati nel loro Paese” per ottenere asilo in Europa

Ariel Ricker, il direttore di Advocates Abroad, che è un gruppo composto da esperti legali che aiutano chi cerca asilo, si sente ammettere che “è tutto recitazione” ed è simile al “teatro”. In una parte del video segreto registrato in Grecia, Ricker viene ascoltato dando un esempio di una storia che potrebbe nutrire per un richiedente asilo. “Nel mese di dicembre 2017, a Izmir, in Turchia, sono stato minacciato per il fatto di essere cristiano perché il mio capo e i suoi amici mi hanno visto quando uscivo dalla mia...

Le cinque teste della finanza predatoria. Elena Dorian

La finanza predatoria che sta impoverendo e devastando il mondo agisce alla luce del sole, eppure non riusciamo a vederla perché tutte le sue azioni vengono coperte e mimetizzate dai media, nascoste dai collaborazionisti, giustificate dagli esperti al soldo del sistema. Le sue azioni sono davanti agli occhi di tutti, ma per uno strano gioco di condizionamento e manipolazione sociale sono quasi invisibili alle masse. La finanza predatoria si presenta con molte identità, in apparenza diverse, ma guidate da una stessa testa e rispondenti ad un unico potere globale. Quel...

L’umanità “liberata” che fa? Si masturba estinguendosi. Maurizio Blondet

Da Repubblica: “A Torino apre la prima casa di appuntamenti con sex dolls per uomini e donne”. Nell’articolo apprendiamo che è una iniziativa della LumiDolls, la società catalana che offre intrattenimento ludico-sessuale con realistiche e realistici, ed ha già aperto case simili a Barcellona e Mosca. Sul loro sito internet spiegano: “Vogliamo farvi godere della sessualità in un modo completamente diverso, in uno spazio lussuoso, assolutamente riservato e del tutto legale”.  Quel che offrono, si chiama in fondo  masturbazione. Ma come hanno fatto presto ad arrivare le novità. Appena un mese fa,...

Una manina ha operato un inserto su “Wikipedia” per denigrare Marcello Foa. Maurizio Blondet

(Un grazie a Enrica Perucchietti, che ha scoperto questo): “E’ così che si distrugge la reputazione di un giornalista scomodo: il 28 luglio alle 16:37 (cioè soltanto ieri, “casualmente” nel pieno della discussione per la sua nomina alla presidenza RAI!) è stata modificata la pagina wikipedia di Marcello Foa https://it.wikipedia.org/wiki/Marcello_Foa aggiungendo la sezione “Controversie” (prima inesistente, basta controllare la cronologia che riporto qui sotto) in cui viene denigrato come un “complottista” per aver sostenuto l’esistenza di false flag e per aver parlato della teoria gender (che viene liquidata come una...

La promozione del sesso interrazziale è una costante in tutti i siti pornografici. E' un caso o c'è dell'altro?

Il sesso interrazziale nel web, solo uomini neri con donne bianche. Propaganda o manipolazione sociale? Elena Dorian

Quando pensiamo a “sesso interrazziale” immaginiamo uomini e donne appartenenti a etnie o razze diverse che si accoppiano sessualmente. Quindi, uomini bianchi con donne nere, uomini neri con donne bianche e così via. Una specie di mix erotico multicolore, molto eccitante per alcuni. Vale la pena controllare nel web, tra i siti pornografici che nel loro insieme fatturano oltre 200 miliardi di dollari all’anno, tra l’altro in continua crescita, e verificare se questa nostra idea di sesso interrazziale è corretta. E allora prendiamo la tastiera e facciamo un giro in...

Roberto Saviano, paladino delle porte aperte all'immigrazione di massa

Aderiamo all’appello di Saviano! Accogliamoli tutti, apriamo agli immigrati i porti, le porte, i frigoriferi, le stanze da letto. Giorgio Lunardi

Roberto Saviano sta conducendo una battaglia all’ultimo respiro per l’accoglienza senza limiti. Ha sfidato i “poteri forti”, impersonati da Matteo Salvini, che vogliono fermare l’immigrazione, beccandosi anche qualche querela, che sicuramente vincerà essendo lui dalla parte dei buoni. Ha pubblicato un articolo su ‘Repubblica‘ chiedendo agli italiani di intervenire, di appoggiarlo, di aiutarlo in questa battaglia umanitaria. Ecco uno dei passaggi più commoventi del suo appello: “Dove siete? Perché vi nascondete? Amici cari, scrittori, giornalisti, cantanti, blogger, intellettuali, filosofi, drammaturghi, attori, sceneggiatori, produttori, ballerini, medici, cuochi, stilisti, youtuber, oggi non...

I ragazzi dell'AIPAC, dove sono gli afro ebrei. Niente, gli ebrei sono tutti bianchi

Politici e giornalisti ebrei ci spingono verso una società multirazziale e multiculturale. Ma gli afro-ebrei, dove sono? Giorgio Lunardi

La cosa che mi piace di più degli ebrei è che sono multietnici, multiculturali, globalisti, aperti a tutte le influenze etniche e razziali, contro ogni tipo di discriminazione. Loro vedono lontano. Vedono un mondo nuovo, unito, globale, integrato, senza distinzioni di razza. Governato non si sa ancora da chi, ma unito. Beh, non proprio tutti gli ebrei sono così, perché quelli che vivono in Israele i neri li cacciano via a calci nel sedere e, se insistono nel rivendicare il diritto all’accoglienza, li rinchiudono in un campo di concentramento che si...

Solo Orban minaccia la libertà d’informazione? La legge Macron “contro le fake news” arriva in Parlamento

Come giustificare per i media mainstream nostrani il fatto che la legge più illiberale sul panorama europeo in tema di informazione venga presentata e portata avanti da quello che descrivono ogni giorno come “l’ultima speranza dei valori europei contro i barbari populisti”? Nessuna giustificazione, quindi censura. Da oggi, il Parlamento francese ha iniziato la discussione sul provvedimento contro le fake news, annunciato e voluto fortemente da Macron nei mesi scorsi. Qualora dovesse essere approvato così come arrivato in Aula, rappresenterebbe un unicum nella legislazione europea e un vulnus per la libertà di espressione....

Scacco matto alla democrazia in quattro mosse. Alberto Rovis

E’ davanti agli occhi di tutti che l’Italia ha imboccato la strada della deindustrializzazione e del pauperismo. La forbice del benessere Nord-Sud si allarga, non ci sono risorse finanziarie per gli investimenti, non c’è lavoro per i giovani, l’emigrazione giovanile sta dilagando, l’immigrazione incontrollata assorbe una parte importante delle nostre risorse, l’Europa sta a guardare e non ci sostiene. Tutte le ONG del mondo, lautamente finanziate, si danno appuntamento davanti alle coste libiche per portare immigrati economici nei porti italiani. Navi battenti bandiera spagnola caricano centinaia di africani in acque...

Chi è James Le Mesurier. John Wight

Chi è James Le Mesurier, l’ex ufficiale dell’esercito britannico e appaltatore militare che ha fondato i Caschi Bianchi, l’organizzazione di difesa civile che opera esclusivamente nelle parti della Siria in mano all’opposizione? È una domanda che sempre più persone si stanno ponendo, in quanto il loro ruolo e la loro funzione vengono sottoposti a un controllo sempre più approfondito. Le Mesurier reca con sé l’ineluttabile ombra maligna del retaggio e della storia delle guerre sporche della Gran Bretagna, condotte in Kenya, Aden, Irlanda, Iraq, Libia, in altre parole ovunque il piede...

error: Alert: Content is protected !!