Migrazioni Archivi - Pagina 3 di 5 - www.altreinfo.org

Category: Migrazioni

Svezia islamica; l’apartheid multiculturale. Giampaolo Rossi

Il Ministero dell’Interno svedese ed il NOA (Dipartimento Operazioni Polizia) hanno aggiornato l’elenco dei distretti del Paese definiti “particolarmente vulnerabili” per l’ordine pubblico; in pratica zone ad alto tasso di criminalità e emarginazione a cui è richiesto, alle stesse forze di polizia, tecniche di intervento particolari. Erano 15 nel 2015 ed oggi sono 23; a questi si aggiungono altri 53 distretti “vulnerabili” in cui la situazione di ordine pubblico non è critica come gli altri ma a rischio degenerazione. I distretti sono diffusi nelle città maggiori (Stoccolma, Goteborg, Malmö, Uppsala)....

Stephen Miller

Gli ebrei americani stanno distruggendo i diritti dei bianchi cristiani. Ma è nel loro interesse? Marcus Alethia

Sono ebreo, favorevole a Trump e al Trumpismo. Da ebreo mi sono posto questa domanda: “Qual è il bene per gli ebrei?” I giovani ebrei di destra non hanno molte figure ebraiche di riferimento. Infatti, la maggior parte degli ebrei è di sinistra. Ma fortunatamente ora c’è Stephen Miller, il trentaduenne consigliere di Trump, incaricato di gestire l’immigrazione, e recentemente accusato dai senatori democratici di aver affossato il disegno di amnistia da loro predisposto per regolarizzare gli immigrati illegali. In modo chiaro e trasparente, i Democratici stanno cercando di rovinare...

MIgranti: l'imbarazzo della scelta del taxi del mare...

Microcredito e migrazioni di massa: chi finanzia i viaggi della disperazione. Ilaria Bifarini

È una domanda che tutti, almeno una volta, ci siamo posti: chi finanzia i costosi viaggi della morte che spingono migliaia di disperati su imbarcazioni di fortuna, tra mille peripezie e l’incognita dell’approdo? Molti giornalisti si sono impegnati nella ricostruzione dei calvari degli emigranti per arrivare al porto di partenza, delle condizioni schiavistiche cui sono sottoposti dalla criminalità locale. Ma rimane irrisolto il tassello iniziale di queste tragiche diaspore, ossia la disponibilità di somme di denaro ragguardevoli, esorbitanti se rapportate al tenore di vita locale, per intraprendere il viaggio. Le...

Emma Bonino: se non ci fossero immigrati nessuno raccoglierebbe i pomodori e 68.000 insegnanti sarebbero senza lavoro. Ilaria Bifarini

“Se non ci fossero immigrati nessuno raccoglierebbe i pomodori, le olive… (…)..I figli degli immigrati sono 800 mila e senza di loro 68 mila insegnanti non lavorerebbero”. Dalle dichiarazioni della Bonino emerge in modo evidente il ruolo degli immigrati come esercito di lavoratori di riserva per tenere in vita un capitalismo agonizzante. Forse sarebbe il caso di rinfrescare le dottrine di Marx, perché lo spirito cannibalistico del neoliberismo ha fatto perdere ogni traccia della teoria del valore-lavoro, soprattutto in quella corrente politica o ideologica sedicente di sinistra. Ma la realtà, con la...

L’Unione Europea non sta militarizzando l’Africa per fermare la migrazione, ma semplicemente per organizzarla

Presentiamo una contro-analisi a “L’UE militarizza l’Africa per fermare la migrazione” che è apparsa su Strategic Culture Foundation. 1) Mentre l’articolo originale offre uno studio interessante dell’ultimo coinvolgimento militare neo-imperialista dei paesi europei in Africa, guidato dal presidente francese Macron, dissentiamo su quello che sarà l’impatto sui flussi migratori che avrà questa operazione e sui reali obiettivi dell’UE. Gli eventi recenti suggeriscono una conclusione piuttosto diversa. Andiamo per ordine. L’estate scorsa, quando è arrivata la notizia che le ONG spedivano migranti in Italia e collaboravano con i trafficanti, il neoeletto...

Stampa britannica: territorio italiano a rischio tribalizzazione. Bruno Battaggia Bandolino

Secondo la stampa inglese il territorio italiano sarebbe a forte rischio di tribalizzazione, che tradotto in termini semplici significa che le bande di migranti potrebbero appropriarsi di aree più o meno vaste delle nostre città (come in parte hanno già fatto) e difenderle come fossero una loro proprietà, proprio come si usa fare nelle zone africane attraversate da guerre civili e conflitti tribali. A fare questa rivelazione è un articolo del “Times”, datato 29 giugno 2017, e un altro del “The Guardian”dell’agosto scorso. Entrambi i giornali parlano di gang di criminali africani, perlopiù...

Cecile Kyenge Kashetu

Cécile ci ricasca: “Vogliamo il wi-fi”. Per gli immigrati

E meno male che scappano da fame e miseria, gli immigrati che vengon qua. Ma se v’aspettate che chiedano cibo e lavoro, cascate male. Perché la priorità delle “risorse” boldriniane, quelle al cui stile di vita – a detta della presidenta – dovremo un giorno conformarci, sono ben altre (e quasi quasi vien voglia sì di adeguarsi: musica e ozio). Ecco come, in un post, l’ex ministro dell’Integrazione messa alla porta dal Governo Renzi ha riassunto su Facebook le “vere” necessità degli immigrati: “Vogliamo il wifi! La connettività, internet, sono un diritto umano....

Lipoveni, i pirati del po

I lipoveni stanno depredando il delta del Po e tutti i fiumi del Nord Italia. Caro Boeri, saranno loro a pagarci le pensioni? Alba Giusi

Dal primo semestre del 2012, tra le province di Ferrara e Rovigo, principalmente nel territorio Polesano, si è insediata con intensità sempre maggiore, una popolazione proveniente dalla Romania, e in particolare dalla zona del Delta del Danubio: sono i lipoveni. Si tratta di un popolo slavo che basa la sua cultura e il suo sostentamento, soprattutto sulla pesca con le reti ed altri sistemi molto invasivi, senza minimamente preoccuparsi dell’impatto ambientale che ne deriva, al punto di avere distrutto la fauna ittica dell’intero bacino del Delta del Danubio, creando un enorme...

Caro Gentiloni, perché hai paura delle Ong? Ci nascondi qualcosa? Marcello Foa

C’è un aspetto che proprio non torna della vicenda Ong-immigrati: ma perché il governo Gentiloni deve trattare con le Organizzazioni non governative sul codice di condotta? Mi spiego: in democrazia è normale che vengano sentite le parti in causa ma una volta terminata la consultazione, se l’esecutivo prende una decisione la applica. Con fermezza e chi non la rispetta ne subisce le conseguenze. Anche perché quel codice è piuttosto blando, sarebbero necessarie misure più drastiche, quali il sequestro della nave, avendo appurato, come alcuni politici sostengono da tempo (Salvini è...

I migranti non scappano da guerre e carestie: sono giovani che cercano l’Eldorado. Miriam Carraretto

Abbiamo intervistato la prof.ssa Anna Bono, autrice di un illuminante saggio dal titolo ‘Migranti!? Migranti!? Migranti!?’, per capire meglio le caratteristiche del fenomeno migratorio che stiamo vivendo. Con non poche sorprese… TORINO – Finalmente un libro che va al di là delle inutili strumentalizzazioni che troppo spesso accompagnano la discussione sul fenomeno migratorio. «Migranti!? Migranti!? Migranti!?»(Edizioni Segno) è un saggio di rara onestà intellettuale, scritto da Anna Bono, esperta di Africa ed ex professoressa di Storia dell’Africa all’Università di Torino, che abbiamo voluto intervistare per capire meglio cos’è davvero l’immigrazione che stiamo vivendo, da...

MOAS

Nave anti-ONG fermata per “traffico di uomini”. Boicottare il buonismo è atto di sopravvivenza. Mauro Bottarelli

Prima di tutto, una premessa doverosa: quanto scrivo riflette unicamente il mio pensiero e la mia volontà di azione, “RischioCalcolato” in quanto blog non è coinvolto in nulla di ciò che sto per dire. Seconda premessa, smettiamola di pensare alle ONG e al cosiddetto “terzo settore” come qualcosa di volontaristico, privatistico e spontaneistico: era forse così ai suoi albori negli anni Sessanta ma, guarda caso, la sua espansione massima si è avuta durante gli anni del nascente globalismo e della “Terza via” di Clinton e Blair. Le ONG sono il...

vignetta migranti capalbio

Migranti: se sono un “arricchimento”, perché gli altri non li vogliono? Michele Rallo

Alla fine, il bubbone è scoppiato. E non poteva non scoppiare, sommersi come siamo dai numeri di un’invasione ormai incontrollata e incontrollabile, con una barca di miliardi bruciati in “accoglienza”, con i centri di raccolta sul punto di esplodere, con le stazioni e i giardini pubblici divenuti bivacchi, con gli ospedali al collasso, con le forze di polizia in ginocchio, con la minaccia di sommosse e rivolte che non saremmo in grado di fronteggiare. L’intera Africa guarda ormai all’Italia come all’Eldorado, dove ti prendono, ti alloggiano, ti nutrono, ti vestono,...

Immigrazione, schiaffo dell’Ue all’Italia e PD sempre più “leghista”. Intervista a Toni Iwobi. Tatiana Santi

Il vertice sui migranti di Tallinn si è concluso con un nulla di fatto, anche se l’Unione europea sembrava più unita che mai, contro l’Italia però e le sue richieste. Nel frattempo Renzi parla di numeri limitati di migranti. Lo schiaffo dell’Ue all’Italia e un Pd sempre più “leghista”. L’Unione europea ha detto a chiare lettere di non volere gli immigrati e di non avere alcuna intenzione di aprire ulteriori porti ai flussi migratori. L’Italia, pur cercando di battere i pugni sul tavolo, si ritrova isolata. L’emergenza immigrazione implode e...

Gli immigrati fanno i lavori che gli italiani non vogliono più fare? È una bugia. Michele Rallo

Ci stanno invadendo. Ormai dovrebbe esser chiaro anche ai buonisti più ingenui. E, per indorare la pillola, è tutto un fiorire di bugie e di luoghi comuni, volti non soltanto a convincerci che la cosa è inevitabile, ma che è addirittura positiva e utile per noi. In altre parole, vogliono che il popolo italiano sia cornuto e contento. Da qui, la selva di barzellette sul fatto che l’immigrazione sia una “risorsa”, che la diversità sia un “arricchimento”, che bisogni costruire “ponti” e non “muri”, e così via cazzeggiando. Non è...

Ma davvero c’è chi crede a #Boeri? Ilaria Bifarini

“Una classe dirigente all’altezza deve avere il coraggio di dire la verità agli italiani: abbiamo bisogno di un numero crescente di immigrati per tenere in piedi il nostro sistema di protezione sociale“. Proprio nei giorni in cui l’Italia subisce una delle umiliazioni più clamorose della storia dell’Unione Europea, forse paragonabile a quella della Grecia post referendum popolare, Tito Boeri sfodera dati e simulazioni di scenari sugli impatti dei flussi migratori in Italia. Secondo le analisi condotte dall’Inps, chiudere le frontiere comporterebbe un costo 38 miliardi di euro in venti anni per il sistema...

error: Alert: Content is protected !!