Politica Interna Archivi - Pagina 2 di 2 - www.altreinfo.org

Category: Politica Interna

I politici italiani riuniti in seduta piena

Ecco i Rappresentanti del Popolo Italiano. Gli eletti che siedono in Palamento e si dividono la torta (e le banane). Elena Dorian

Se avessimo potuto scegliere a caso tra i 40 milioni di candidabili, avremmo ottenuto una classe politica di ben altro spessore. Avremmo avuto buone probabilità di trovare gente intelligente, altruista, in grado di gestire con un minimo di onestà la cosa pubblica, gente consapevole delle proprie responsabilità verso gli italiani, soprattutto i giovani. E invece no, abbiamo dovuto scegliere tra i candidati già scelti in precedenza dai partiti. Quindi, non abbiamo potuto scegliere i nostri rappresentanti, ma i loro. E questi sono i risultati. Hanno approvato il Rosatellum, la nuova legge...

Dal Museo della Plastica di Milano.

Il potere DEM: Il totalitarismo dell’incompetenza. Maurizio Blondet

Non voglio rinvangare la vicenda ILVA, sarebbe lungo e noioso. Cito un articolo qualunque, chiarissimo: “..Aver fatto saltare il banco dell’accordo con Arcelor Mittal, perché l’azienda vuole tagliare 4.000 posti e riassumere gli altri dipendenti senza riconoscere il pregresso di anzianità e quant’altro, all’apparenza è un gesto di forza, a tutela dei lavoratori. Invece, appunto, è solo apparenza”, o malafede. Infatti, i casi sono due: “O il governo non si è preoccupato di seguire la gestazione del piano industriale della futura Ilva e si è trovato spiazzato quando è spuntato in tutta la sua...

gli-incompetenti e gli impunibili tecnocrati che ci governano

Accelera la dittatura delle tecnocrazie inette. Impunibili e incompetenti. Maurizio Blondet

Per fortuna ha suscitato obiezioni persino nei mainstream media la proposta di  Pitruzzella. Costui, Giovanni Pitruzzella, all’insaputa della maggioranza degli italiani, è una “authority”. Più precisamente, è a capo dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, popolarmente detta “Antitrust”.  Secondo Wiki, i compiti istituzionali di Pitruzzella in quanto authority   sono: “vigilanza contro gli abusi di posizione dominante, vigilanza di intese e/o cartelli che possono risultare lesivi  per la concorrenza, controllo delle operazioni di concentrazione (fusione o take-over) comunicate all’Autorità, che ne valuterà l’impatto sul mercato, tutela del consumatore, in materia...

il ministro poletti e suo figlio

Che lavoro fa il figlio di Poletti, quel Ministro che ha detto: “Alcuni giovani è meglio non averli tra i piedi”?

Fra gli esempi che emergono ogni giorno, sull’ultimo: quello del ministro Poletti (del lavoro, “de sinistra”) che ha sputato sui cervelli italiani costretti ad emigrare con frasi da despota saudita ( “Conosco gente che se ne è andata ed è bene che stia via, non soffriamo a non averli più fra i piedi”) e il cui  figlio, Manuel Poletti, non emigra perché dirige un settimanale della Provincia  di Ravenna (area Lega delle Cooperative) – finanziato da chi? Dalle casse pubbliche: con 191 mila euro annui  nel 2015, 197mila nel 2014,...

Valeria Fedeli, Ministro dell'Istruzione: non ha la laurea e non ha fatto neanche la maturità

Il Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli non solo non ha la laurea, ma non ha neanche la maturità

Ritrovarsi con un ministro dell’ Istruzione senza laurea non era il massimo, ma ancora ci si poteva stare: non è il titolo di studio che fa la persona, l’ università non l’ aveva finita nemmeno Benedetto Croce, basta con la schiavitù del pezzo di carta e via sociologando a piacere. Certo, c’ era il dettaglio del curriculum prima ingentilito dal riferimento alla laurea e poi – a sbugiardamento avvenuto – corretto alla bell’e meglio. Problema che aveva complicato le cose, ma che grazie anche al fuoco di fila alzatosi dalla...

peschereccio italiano

Ma Gentiloni non è colui che il 21 marzo 2015 firmò per cedere tratti di mare italiani alla Francia?

Ricapitoliamo: nel trattato di Caen del 21 marzo 2015 la Francia avrebbe raggiunto un accordo con un governo italiano non eletto per aggiornare i confini marittimi italiani. Detta così sembrerebbe pura formalità ma il diavolo sta nei dettagli: prima di tutto tale trattato venne discusso nel bel mezzo dell’approvazione della legge di stabilità italiana a forte rischio bocciatura da parte dell’EU (guarda caso tale legge venne poi approvata da Bruxelles col sostegno francese). In secundis detta modifica dei confini non è stata approvata dal parlamento, che è sovrano, per cui...

error: Alert: Content is protected !!