Una storia diversa Archivi - www.altreinfo.org

Category: Una storia diversa

simonino, pasque di sangue ariel toaff

Pasque di sangue, gli omicidi rituali imputati agli ebrei durante il Medioevo. Paolo Germani

Gli omicidi rituali di bambini cristiani, durante la Pasqua ebraica, furono una delle accuse più infamanti che vennero mosse agli ebrei durante il Medioevo. Ci furono molti processi finiti con la condanna a morte di ebrei in tutta l’Europa, come ad esempio quello di Landshut, in Baviera, dove cinquantacinque ebrei furono bruciati nel 1440 con l’accusa di aver ucciso un bambino o come a Trento, dove l’accusa di aver torturato, crocifisso ed evirato il piccolo Simonino, un bambino di due...

operazione catapult, churchill ordinò l'affondamento della flotta frances

Operazione Catapult: 1940, le bombe di Churchill sugli ex alleati francesi

Nel 1940, a pochi giorni dalla disfatta di Dunkerque, Winston Churchill diede ordine di affondare le navi disarmate francesi, che erano ormeggiate in Algeri (operazione Catapult). Morirono 1300 marinai francesi, molti dei quali avevano partecipato pochi giorni prima all’evacuazione dei soldati inglesi accerchiati dai tedeschi a Dunkerque. Il governo francese valutò la possibilità di rientrare in guerra, questa volta insieme alla Germania. La storia non ebbe questo seguito, ma i francesi non dimenticarono mai l’attacco ordinato da Churchill, considerato un...

Vandea, il primo genocidio della storia moderna. In nome della libertà, l’eguaglianza e la fratellanza

Il genocidio della Vandea è il marchio infamante di una rivoluzione che voleva cambiare il mondo. La Rivoluzione Francese, partita col motto “Liberté, Égalité, Fraternité”, ha compiuto, strada facendo, un vero e proprio sterminio, pianificato e legalizzato. In Vandea, su 650mila abitanti, 250mila furono sterminati. “Westermann galoppa alla testa dei suoi uomini folli di furore e di sangue. Si riuniscono i prigionieri a centinaia, e la fucileria crepita, le baionette lavorano. Alle donne furono riservati i trattamenti più terribili. Si...

I peccati della Rivoluzione Francese: il genocidio della Vandea

Molti eventi storici andrebbero riesaminati, gettando nuova luce sugli aspetti più controversi. Uno di questi è la Rivoluzione Francese, di cui ci sono almeno due aspetti oscuri che andrebbero riconsiderati e approfonditi. Il primo è la devastazione della Vandea, un vero e proprio genocidio. Il secondo è la scristianizzazione della Francia. I rivoltosi identificarono nella cristianità, e soprattutto nel cattolicesimo, il principale nemico da eradicare. Eppure, la religione Cattolica non sembra affatto incompatibile col ben noto motto della rivoluzione, “Liberté,...

Le bugie sulla Seconda Guerra mondiale. Paul Craig Roberts

All’indomani di una guerra, non è possibile scriverne la storia. Chi ha perso non ha nessuno con cui parlare mentre gli storici della parte vincente sono condizionati da anni e anni di propaganda bellica intesa a demonizzare il nemico e a nascondere i crimini di guerra commessi dai “giusti” vincitori. Le persone vogliono godersi la vittoria e non possono sapere se il proprio paese è stato responsabile dello scoppio della guerra o se la guerra stessa avrebbe potuto essere evitata,...

Il Presidente Lyndon Johnson, Israele e gli ebrei: l’olocausto del Vietnam fu una guerra per Sion? Paolo Germani

Lyndon B. Johnson non è stato un presidente molto amato dagli americani, soprattutto a causa del suo impegno nel Vietnam. E’ invece il presidente americano più amato dagli israeliani e dagli ebrei in generale. In effetti, fu Johnson, come leader della maggioranza del Senato, a ostacolare i piani di Dwight Eisenhower, quando era presidente degli Stati Uniti, di tagliare gli aiuti a Israele. Fu anche il primo presidente americano a invitare un primo ministro israeliano, Levi Eshkol, in visita di...

72 anni di Nakba e la Negazione del Diritto al Ritorno. Paola Di Lullo

Ne ho conosciuti tanti,di profughi palestinesi. Non abbastanza. Ma abbastanza perché sia in grado di raccontare la loro Memoria. In un mondo in cui Memoria significa solo Olocausto, io oggi ricordo la memoria di chi, non nei campi di concentramento nazisti, ma in quelli istituiti nel loro stesso paese, o in Libano, dalle vittime diventate carnefici, continua ad aspettare che giustizia sia fatta. Penso al vecchino del campo profughi di Deheisheh, Betlemme, che mi accolse in casa sua come una...

L’assassinio di John F. Kennedy. La pista israeliana. Laurent Guyénot

L’assassinio di John F. Kennedy è un argomento da sempre soggetto a ricerche storiche. Ma solo quelle che accreditano la CIA come mandante dell’omicidio vengono diffuse dal mainstream, mentre quelle che tirano in ballo Israele vengono censurate e rimosse, togliendo ad esse ogni visibilità. Questo è il motivo per cui è molto raro che i mezzi di comunicazione si occupino apertamente dell’argomento. Se dovessimo invece ragionare in base a chi aveva un reale e concreto interesse ad assassinare il Presidente,...

I falsi diari di Eva Braun. Un esempio di manipolazione mediatica. Paolo Germani

All’indomani della Seconda guerra mondiale tutti si chiedevano chi fosse Eva Braun, la misteriosa amante del Führer che per poche ore, tra i corridoi angusti del bunker, era diventata la signora Hitler. Ogni domanda, anche la più morbosa, trovò risposta in un manoscritto che ebbe larghissima diffusione: il suo diario. Il testo racconta, senza filtri, la vita quotidiana di Eva a partire dal 1937 e mette a nudo abitudini, manie e imbarazzi della ristretta cerchia di Hitler, arrivando a insinuare...

Il Piano Morgenthau fu un crimine contro l’umanità. Andrea Cionci

In questi ultimi anni si torna a parlare di Piano Marshall per l’Africa, rievocando il grande progetto politico economico di ricostruzione che gli Usa finanziarono nel 1947. Ma pochi sanno invece del Piano Morgenthau che fu applicato dal maggio 1945 all’aprile ’46 contro la Germania. Il 6 febbraio 1967 moriva Henry Morgenthau jr., segretario al tesoro americano, che aveva messo a punto – già dal 1944 – un piano per la “pastoralizzazione” della Germania sconfitta. Le sue infrastrutture agricole e industriali...

L’usura durante l’impero romano. Paolo Germani

I prestiti a interesse e l’usura hanno radici lontane. Erano già presenti 5000 anni fa presso gli assiri, i quali cercarono di regolamentare e controllare l’usura per 3000 anni, come testimoniato dal milione di tavolette d’argilla, scritte in caratteri cuneiformi, che gli scavi archeologici condotti in tutti i siti del Vicino Antico Oriente (Siria, Iraq, Iran, ecc.) stanno restituendo alla luce. Coloro che non pagavano i debiti diventavano schiavi dei creditori, mentre invece i creditori che applicavano tassi superiori a...

Le origini dell’usura nel mondo ebraico e la doppia morale dei libri sacri. Paolo Germani

L’usura, intesa come un ingiusto, iniquo o eccessivo guadagno ottenuto in seguito all’erogazione di un prestito, rappresenta un problema trasversale, presente ovunque al giorno d’oggi e in quasi tutte le culture antiche e zone geografiche. O prima o poi tutti i popoli hanno dovuto affrontare il problema dell’usura, perché il diffondersi di questa pratica generava povertà, schiavitù da debiti e tensioni sociali. Nell’antichità l’usura è stata affrontata in modo diverso dai vari popoli che ne vennero colpiti. Alcuni l’hanno accettata...

Telegramma Zimmermann: come il sionismo internazionale fece entrare in guerra gli Stati Uniti. Paolo Germani

Molti storici pensano che il Telegramma Zimmermann abbia cambiato la storia del pianeta e sostengono che, se non ci fosse mai stato, il mondo sarebbe diverso da come lo conosciamo oggi. Infatti, a seguito proprio di questo telegramma, gli Stati Uniti entrarono nella prima guerra mondiale, a fianco della Gran Bretagna e della Francia, cambiando definitivamente le sorti del conflitto, che stava risolvendosi o in un nulla di fatto o in una vittoria degli imperi centrali. In realtà, ci sono...

Diego Vida: “L’IRAN è un paese sovrano che offre molte opportunità di lavoro”

Noto per aver lavorato agli effetti speciali di film come Mission Impossibile e Fast and Furius, da anni il produttore cinematografico Diego Vida ha scelto di vivere in Iran. Lo abbiamo intervistato per raccogliere la sua testimonianza sull’Iran, una nazione sensibilmente diversa da quella che i media mainstream raccontano. In qualità di produttore cinematografico che ha collaborato anche alla produzione di famosi film di Hollywood e che ha vissuto in vari paesi, oltre ad essere stato un tennista professionista e...

Austria ebraica, fine ottocento: “Gli ebrei controllano la stampa, il mercato azionario e adesso anche l’inconscio”. Paolo Germani

Nell’Impero Austro-Ungarico soltanto a partire dal 1867 vennero garantiti pieni diritti a tutte le etnie, ebrei compresi. Prima di allora gli ebrei non godevano di tutti i diritti di cittadinanza, in quanto vigevano dei divieti a loro carico, e non sempre potevano acquistare proprietà immobiliari. In pochi decenni gli ebrei riuscirono a egemonizzare l’intera economia austriaca. Karl Kraus, noto scrittore austriaco dell’epoca, riferendosi ai nuovi studi sulla psiche condotti da Sigmund Freud, ma anche al dominio da parte degli ebrei...

error: Alert: Content is protected !!