Reato universale di antisemitismo: il crimine verrà perseguito dalla Polizia Imperiale. Giorgio Lunardi - www.altreinfo.org

Reato universale di antisemitismo: il crimine verrà perseguito dalla Polizia Imperiale. Giorgio Lunardi

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato una legge che obbliga il presidente Trump a nominare una specie di “Ambasciatore per l’Antisemitismo” (avrà l’accredito di Ambasciatore). Si tratta di una figura prevista sin dal 2004, ma rimasta finora vacante. Inutile dire che la norma vuole, giustamente, tutelare l’immagine del Popolo Eletto, spesso criticato, oltraggiato e danneggiato da tutta quella gentaglia che scrive in Internet e che lo accusa di controllare la stampa, le televisioni, la finanza e la politica, di essere dietro tutte te le guerre, di aver organizzato il commercio degli schiavi, l’Holodomor, il genocidio Armeno e balle varie.

Tutte insinuazioni prive di fondamento che non meritano altri commenti. Come già sapete, il mio motto è questo:

Tuteliamo il popolo eletto, che tanto ha sofferto senza infliggere ad altri alcuna sofferenza (mai, mai e poi mai)

La norma è stata fortemente voluta dall’ADL, dall’AIPAC e dalle altre associazioni ebraiche, tutta gente che ci tiene a tutelare i diritti degli esseri umani, vale a dire i diritti degli ebrei, e che si dedica a segnalare i reati commessi dagli animali parlanti.

L’Ambasciatore per l’Antisemitismo dovrà

“coordinare gli sforzi degli Stati Uniti e sensibilizzare tutti i paesi del mondo nella lotta contro l’antisemitismo”.

Naturalmente, per antisemitismo non si intende soltanto un generico incitamento all’odio razziale verso gli ebrei. Le cose sono un tantino più complesse.

reato globale di antisemitismo

Che cosa intendono gli ebrei per antisemitismo

La definizione di antisemitismo è quella approvata dall’IHRA (International Holocaust Remembrance Alliance) il 26 maggio 2016 durante la seduta plenaria a Bucarest. Inutile dire che l’IHRA è una associazione ebraica autoreferenziale.

L’intento della legge è quello di costituire una specie di polizia globale plenipotenziaria, che vigili sul reato di antisemitismo sul pianeta terra e sull’intera galassia. La definizione di antisemitismo è omni-comprensiva e renderà reato qualsiasi critica rivolta non soltanto agli ebrei ma anche ad Israele. Non si sa ancora quali saranno le pene previste per il reato di antisemitismo universale, probabilmente la pena di morte e la Damnatio Memoriae.

Quest’ultima pena è già stata inflitta con successo ad Aleksandr Solzhenitsyn dopo che ha scritto il libro “Due secoli insieme” in cui descrive il ruolo tutt’altro che marginale avuto dagli ebrei in alcuni genocidi dimenticati dell’ex Unione Sovietica.

Ecco alcuni reati di antisemitismo, così come sono stati definiti dall’IHRA.

  1. Fare accuse mendaci, disumanizzanti, demonizzanti o stereotipate sugli ebrei in quanto tali o sul potere collettivo degli ebrei, come – soprattutto, ma non esclusivamente – il mito su una cospirazione ebraica mondiale o sugli ebrei che controllano i media, l’economia, il governo o altre istituzioni sociali.
  2. Accusare gli ebrei come persone responsabili di reati reali o immaginari commessi da una singola persona o gruppo di ebrei, o anche per atti commessi da non ebrei.
  3. Negare il fatto, l’ambito, i meccanismi (ad esempio le camere a gas) o l’intenzionalità del genocidio del popolo ebraico per mano della Germania nazionalsocialista e dei suoi sostenitori e complici durante la seconda guerra mondiale (l’Olocausto).
  4. Accusare gli ebrei come popolo, o Israele come stato, di inventare o esagerare l’Olocausto.
  5. Accusare i cittadini ebrei di essere più fedeli a Israele o alle presunte priorità degli ebrei in tutto il mondo, che agli interessi delle proprie nazioni.
  6. Negare al popolo ebraico il diritto all’autodeterminazione, ad esempio, sostenendo che nello stato di Israele ci sia un intento razzista.
  7. Applicare i doppi standard richiedendo a Israele un comportamento non richiesto a nessun’altra nazione democratica.
  8. Utilizzare simboli e immagini associate al classico antisemitismo (ad esempio, affermare che gli ebrei hanno ucciso Gesù) per caratterizzare Israele.
  9. Tracciare confronti della politica israeliana contemporanea con quella dei nazisti.
  10. Considerare gli ebrei collettivamente responsabili delle azioni dello stato di Israele.

Considerazioni utili per sopravvivere nel mondo che verrà

Inutile dire che l’unica cosa che si potrà dire e scrivere sugli ebrei, senza incorrere nel reato universale di antisemitismo sarà:

Gli ebrei sono il popolo eletto

Israele è l’unico paese democratico del Medio Oriente.

I palestinesi sono tutti terroristi.

Gli ebrei sono tutti buoni.

Viva Israele

Ogni critica sarà condannata. E probabilmente la Polizia Globale chiederà l’estradizione dei criminali antisemiti, in forza del fatto che qualunque sito può essere visto anche negli Stati Uniti e, quindi, il reato commesso in Internet sarà perseguibile a livello globale e universale.

Tremiamo di paura, meglio adeguarsi:

Heil Rothschild!

Ave Netanyahu, si tu vales bene est, ego quidem valeo!

Jerusalem caput mundi!

Yahweh, abbi pietà di noi!

 

di Giorgio Lunardi

Fonte: www.altreinfo.org

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!