Gli ebrei possiedono la metà della ricchezza degli Stati Uniti? Alcune sorprendenti considerazioni su ricchezza e potere ebraico. Thomas Dalton - www.altreinfo.org

Gli ebrei possiedono la metà della ricchezza degli Stati Uniti? Alcune sorprendenti considerazioni su ricchezza e potere ebraico. Thomas Dalton

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Nel corso della storia, il potere e l’influenza della Lobby ebraica sono stati leggendari. Questo potere non deriva dalla forza politica, né dal sostegno popolare, né dalla rettitudine morale, né da Dio.

È, semplicemente, il potere del denaro.

I ricchi hanno sempre esercitato un’influenza sproporzionata nelle loro società, in genere a beneficio di sé stessi o delle loro famiglie. Ma quando una minoranza etnica ben distinta lavora in modo unito e dispone di una grande ricchezza, quella minoranza può esercitare un potere davvero eccessivo.

Questo potere degli ebrei è amplificato dal potere derivante dalla proprietà dei media, nell’era dei media, dalla loro posizione di predominio nella creazione di contenuti multimediali e dalla loro influenza sulla cultura delle élite, in particolare nel mondo accademico.

Troppo spesso, però, si leggono fuochi e fiamme sui “ricchi ebrei” senza riferimenti storici e senza fatti o dettagli a supporto. Il mio intento in questo breve saggio è di fornire alcuni dati concreti e di trarre conclusioni plausibili. La situazione è, penso, più estrema di quanto molti abbiano ipotizzato.

Il potere degli ebrei nel corso degli anni

Qualche riferimento storico

Come al solito, un po’di storia è utile per contestualizzare il presente. Il primo collegamento tra ebrei, denaro e potere sembra provenire da Cicerone, verso il 59 aC. Il suo discorso Pro Flacco offre una difesa di un politico e amministratore romano che risponde al nome di Lucio Valerio Flacco, accusato di essersi appropriato indebitamente di spedizioni di oro fatte dagli ebrei e destinate a Gerusalemme. Cicerone inizia con una dichiarazione eloquente:

Sapete che sono una grande folla, e come si uniscono, quanto sono influenti nelle assemblee informali. Perciò parlerò a bassa voce in modo che solo i giurati possano ascoltare; perché non voglio che vi incitino contro di me e contro ogni uomo rispettabile.

Cicerone sta chiaramente prendendo in giro gli ebrei, ma il loro potere deve essere stato ben noto all’epoca, altrimenti le sue allusioni sarebbero state inutili. Procede a dare una difesa sconcertante, citando “l’atto di fermezza di Flacco, per sfidare la folla di ebrei” e il loro “tentativo di convogliare l’odio su di lui”.

Una seconda allusione alla ricchezza ebraica viene dall’imperatore Claudio nel suo terzo editto del 41 d.C. Affrontando i disordini civili in Alessandria, Claudio individua gli ebrei, che vivono “in una città che non è la loro”. “Possiedono in abbondanza tutte le cose buone” ma abusano della loro ricchezza continuando ad opporsi alle autorità locali e seminando discordia generale.

In un certo senso, scrive Claudio, gli ebrei potrebbero essere accusati di “costituire una piaga generale che infetta il mondo intero”.

Poi nel 100 d. C. abbiamo la ben nota critica di Tacito, nelle sue Storie. In mezzo a una discussione sulla “razza di uomini odiosi agli dei” – un popolo che è “basso e abominevole”, oltre che “depravato” – ricorda che gli ebrei della diaspora sono “i peggiori furfanti tra gli altri”, hanno lavorato inesorabilmente per inviare “tributi e contributi a Gerusalemme, aumentando così la ricchezza degli ebrei”. È chiaro che questa ricchezza era usata per scopi dannosi.

Intorno all’anno 220, Cassio Dione scrisse la sua storia romana in cui descrive la seconda e la terza rivolta ebraica, rispettivamente del 115 e del 132 d.C. Di quest’ultimo evento, Dione spiega che “ovunque gli ebrei mostravano segni di ostilità verso i Romani”. E evidentemente erano in grado di usare la loro ricchezza per corrompere gli altri a farli venire in loro aiuto: “anche molte nazioni si unirono a loro prese dall’entusiasmo del guadagno”. “Chiaramente devono aver speso grandi ricchezze per pagare così tante nazioni affinché combattessero al loro fianco”. E di fatto gli ebrei riuscirono ad attirarne una moltitudine: “tutta la terra, si potrebbe quasi dire, si stava agitando sull’argomento”.

Anche se poi vennero sopraffatti, gli ebrei riuscirono comunque a riorganizzarsi e riaffermare il loro potere, un potere che era diventato leggendario nel 300 d.C.[1] Fu in questo momento che lo storico Marco Giuniano Giustino scrisse il suo lungo trattato Historiarum Philippicarum. Il libro 36 affronta l’ignobile origine del popolo ebraico e spiega la crescita e la coesione di questa singolare tribù. La loro teologia pragmatica fondeva la religione con la politica in un modo che si dimostrò di grande successo; di conseguenza,

“è quasi incredibile quanto siano diventati potenti”.

Potenti, davvero. Verso il 420, il poeta romano Claudio Rutilio Namaziano poteva scrivere, nel suo De redito suo, dell’abilità degli ebrei, nonostante fossero stati sconfitti formalmente dai romani, di continuare ad esercitare un’influenza dominante:

“Una razza conquistata che tiene sotto di sé i loro stessi conquistatori.”

Dal Medioevo ai giorni nostri

Dopo il crollo di Roma e durante la prima ascesa della Chiesa, gli ebrei hanno continuato ad accumulare ricchezza e potere. Lo sappiamo perché, in quanto piccola minoranza, avevano ancora il potere di influenzare i governanti in tutta Europa. Il figlio di Carlo Magno, Ludovico il Pio (778-840), imperatore del Sacro Romano Impero, si occupava in particolare degli ebrei, promulgando una carta di privilegi per loro. Questa fu una mossa pragmatica perché, come spiega Bacharach, gli ebrei di quel tempo erano “militanti, aggressivi e potenti”. [2]

Gran parte del loro potere e della loro ricchezza derivavano dall’usura, che accelerò durante il primo Rinascimento. All’epoca del quarto Concilio Lateranense del 1215, Papa Innocenzo III era pronto a mettere in atto canoni contro l’usura ebraica.

“Più i cristiani sono trattenuti dalla pratica dell’usura, più sono oppressi in questa materia dal tradimento degli ebrei …” (Canone 67).

Non essendo soggetti alle restrizioni morali cristiane, gli ebrei dominavano la finanza e prestavano a interesse, profittando immensamente. Questa situazione suscitò un rimprovero da Tommaso d’Aquino:

“Sarebbe meglio per [i reali] costringere gli ebrei a lavorare per vivere … piuttosto che permettere loro di vivere nell’ozio e di arricchirsi con l’usura.” [3]

Era ancora un problema per la Chiesa 300 anni dopo, quando Martin Lutero si sentì costretto a commentare criticamente, definendo gli ebrei “ladri e ladri” che traggono profitto “dalla loro maledetta usura”. [4]

Anche il mondo secolare ha preso atto della ricchezza e del potere degli ebrei. Già nel 1798, il filosofo tedesco Immanuel Kant poteva fare questa sorprendente valutazione:

“la ricchezza degli ebrei … sembra superare quella pro capite di qualsiasi altra nazione al momento attuale”. [5]

Nel 1823, il poema di Lord Byron “L’età del Bronzo” rimarcò il fatto che

“controllano tutti gli stati, tutte le cose, tutti i sovrani”. Infatti: “È l’oro, non l’acciaio, che solleva l’arco del conquistatore”.

Nel 1843, Bruno Bauer scrisse che

“L’ebreo … determina il destino di tutto l’impero [austriaco] con il suo potere finanziario. L’ebreo … decide il destino dell’Europa.” [6]

E forse più che in Europa. In un saggio del 1860, Ralph Waldo Emerson sottolineò la tenacia ebraica, causata da anni di persecuzioni e sofferenze:

“La sofferenza che è il distintivo dell’ebreo, lo ha reso, in questi giorni, il dominatore dei sovrani della terra” [7]

Nel 1880, Laurent Oliphant scriveva delle “operazioni finanziarie in grande scala fatte dagli ebrei”.

“A causa dell’importanza finanziaria, politica e commerciale che gli ebrei hanno ora raggiunto”, sono diventati un indispensabile alleato in qualsiasi conflitto futuro”. [8]

Un decennio più tardi Goldwin Smith confermò questo punto di vista:

“Il giudaismo è ora [a partire dal 1894] il grande potere finanziario dell’Europa, cioè, è il più grande di tutti i poteri”. [9]

Fu in quel periodo che un giornalista francese di nome Edouard Drumont pubblicò un libro ampio e relativamente influente intitolato Jewish France (1885). Qui fece un’affermazione sconvolgente e francamente incredibile:

“Gli ebrei posseggono metà della ricchezza del mondo.”

Commentando specificamente la Francia, scrisse che la ricchezza totale di quella nazione era di circa 150 miliardi di franchi“, di cui gli ebrei possedevano almeno 80 miliardi“, cioè poco più della metà. [10]

Tali affermazioni sono incredibili; ‘impossibile’, si direbbe. Sicuramente Drumont si sbagliava.

Facciamo qualche nome

O forse no, Drumont non si sbagliava.

Considera la situazione attuale negli Stati Uniti. Dei 10 americani più ricchi, cinque (50%) sono ebrei: Mark Zuckerberg ($ 72 miliardi), Larry Page ($ 60 miliardi), Sergey Brin ($ 59 miliardi), Larry Ellison ($ 54 miliardi) e Michael Bloomberg ($ 50 miliardi). La maggior parte di questi soldi proviene dal settore high-tech: Facebook (Zuckerberg), Oracle (Ellison) e Google (Page e Brin). [11]

Dei 50 americani più ricchi, almeno 27 (54%) sono ebrei. [12] Oltre ai precedenti cinque, abbiamo S. Adelson, S. Ballmer, M. Dell, L. Blavatnik, C. Icahn, D. Moskovitz, D. Bren, R. Murdoch (probabilmente in parte ebreo), J Simons, L. Lauder, E. Schmidt, S. Cohen, C. Ergen, S. Schwarzman, R. Perelman, D. Newhouse, D. Tepper, G. Kaiser, M. Arison, J. Koum, S. Ross e C. Cook. Tecnicamente, questa lista dovrebbe includere anche George Soros, il cui patrimonio netto era di circa $ 26 miliardi fino a quando non ha “donato” $ 18 miliardi alla sua organizzazione benefica all’inizio del 2018.

La ricchezza combinata di questi 27 individui arriva a circa 635 miliardi di dollari. Nota: se gli ebrei fossero rappresentati proporzionalmente tra i primi 50, ci sarebbe un individuo in questa lista; invece, ci sono 27.

O considera un’altra misura della ricchezza, il reddito dei CEO. [13] Tra i 10 amministratori delegati americani più pagati, quattro (40%) sono ebrei: Leslie Moonves [14] (CBS), Nicholas Howley (TransDigm), Jeff Bewkes (Warner) e Stephen Kaufer (TripAdvisor). Tra i primi 35, non meno di 19 (54%) sono ebrei; in aggiunta a quanto sopra quattro sono D. Zaslav, S. Catz, A. Bousbib, R. Iger, M. Rothblatt, S. Wynn, M. Grossman, J. Sapan, B. Jellison, R. Kotick, J. Dimon , L. Fink, B. Roberts, L. Schleifer e S. Adelson.

Gli ebrei controllano la metà della ricchezza degli Stati Uniti

Quindi, guardando al totale delle attività o del reddito, i dati mostrano che, in America, gli ebrei possiedono o controllano circa la metà della ricchezza, almeno tra le élite più ricche. Queste persone sono le menti e gli artefici del nostro processo politico, e se la situazione politica fosse percepita dagli ebrei come una crisi, la quantità di denaro che verrebbe versata nel processo politico è al di là di ogni comprensione.

Disegniamo una deduzione plausibile. Se gli ebrei controllano circa la metà di tutta la ricchezza al vertice, è ragionevole dedurre che potrebbero detenere una quota simile in tutta la gerarchia della ricchezza [15], almeno tra, ad esempio, il 20% dei ricchi, che possiedono tutti insieme oltre il 90% di tutta la ricchezza delle famiglie negli Stati Uniti.

Quindi, quanti soldi sono? Nel 2018, il Wall Street Journal riportò che il patrimonio complessivo di tutta la ricchezza privata degli Stati Uniti raggiunse per la prima volta $100 trilioni. [16] Se gli ebrei americani possiedono o controllano metà di questa ricchezza,

si arriva a circa $ 50 trilioni.

Ora, questo richiede un momento di riflessione. Se i numeri di Drumont erano scioccanti, questi sono assolutamente sbalorditivi. Pensateci: ebrei americani in possesso di 50 trilioni di dollari – o per quei lettori meno avvezzi ai numeri,

50.000 miliardi di dollari.

Adesso provate a immaginare quanto potere ha in mano un uomo che possiede un miliardo di dollari. Consideriamo ora l’equivalente di 50.000 volte questo importo, in mano a persone che lavorano più o meno all’unisono e con obiettivi comuni.

Questo è il potere finanziario dell’ebraismo americano.

Prendi un esempio specifico. Tom Steyer è un tipico miliardario ebreo, con un patrimonio netto di appena 1,5 miliardi di dollari. Ma è eccezionalmente attivo nella scena politica, come sa chiunque abbia seguito la politica degli Stati Uniti. Steyer è un grande donatore per i democratici, e sta guidando a livello nazionale il processo di accusa contro Trump. Nel 2018 fu annunciato che avrebbe speso 110 milioni di dollari per “ridisegnare il partito democratico”, a suo piacimento, ovviamente. Se un miliardario minore ma motivato può fare una cosa del genere, pensa a cosa può fare l’equivalente di 50.000 miliardari.

Alcune domande problematiche

Chi e ‘questa gente? A parte la manciata in cima, vale a dire i primi 27, possiamo sapere chi sono gli altri protagonisti?

E in che forma detengono questa ricchezza? Contanti? Azioni? Immobiliare? Metalli preziosi? (Gli ebrei accumulano ancora oro?). Ma dove sono i soldi? Quali scorte? Quale proprietà immobiliare? Estero o interno?

E poi le domande più importanti: cosa si può fare su questo? Almeno in apparenza, sembra gravemente ingiusto che, ad esempio, 60.000 ebrei americani possiedano circa 18 trilioni di dollari in beni. Soprattutto quando la metà inferiore degli americani, circa 160 milioni di persone, possiede complessivamente $ 0,3 trilioni di. E quando un altro 25% di americani – circa 80 milioni di persone – ha un valore netto negativo, cioè più debiti che beni.

Questo non è un incidente, e non è solo sfortuna.

Il sistema di distribuzione della ricchezza in America è progettato per raggiungere questo risultato e gli ebrei ne traggono un enorme e sproporzionato vantaggio.

Cosa si potrebbe fare per garantire una più giusta allocazione della ricchezza nazionale? Ai vecchi tempi, circa 100 dC, le autorità romane istituirono un fisco giudaico, una “tassa giudaica, proprio per compensare il costo aggiuntivo che gravava sulla società a causa degli ebrei. Osiamo suggerire di reintegrare una cosa del genere? Pochi miliardi di dollari potrebbero fare molto per correggere i torti della società moderna.

Non realistico, tu dici. Forse. Ma si deve pur iniziare da qualche parte. Qualcuno dovrebbe introdurre questo argomento nella stampa, in pubblico, per iniziare un dibattito. Le cose più strane sono successe in passato. Altre cose strane accadranno sicuramente in futuro.

 

di Thomas Dalton

Fonte: https://www.theoccidentalobserver.net

Traduzione e sintesi: altreinfo.org

***

Thomas Dalton, PhD, è autore di Debating the Holocaust (2015) e  The Holocaust: An Introduction (2016).

[1] Vedi Kevin MacDonald, Separation and Its Discontents (Capitolo 3) per un resoconto della ricchezza e del potere ebraico nel quarto secolo e in particolare la preoccupazione per gli ebrei che schiavizzano i non ebrei.

[2] Early Jewish Jewish Policy e Western Europe (1977), p. 104.

[3] De regimine judaeorum , 81-88.

[4] Sugli ebrei e le loro bugie , p. 242.

[5] Antropologia (1798/1978), p. 102.

[6] Citato in Marx, “Sulla questione ebraica”, The Marx-Engels Reader , 1978, p. 49.

[7] “Fate”, in Conduct of Life (1860).

[8] The Land of Gilead (1880), p. 503.

[9] Saggi sulle questioni del giorno (1894), p. 260.

[10] In L’ebreo nel mondo moderno (Mendes-Flohr e Reinharz, eds.), 2011, p. 315.

[11] Alcuni sostengono che l’unico uomo più ricco, Jeff Bezos di Amazon ($ 156B), sia o interamente o parzialmente ebreo, anche se questo sembra essere infondato. Ma Amazon sembra difendere regolarmente gli interessi ebraici, come nella loro censura sui libri che sfidano la narrativa dell’Olocausto e nel loro illegale blocco di traduzioni alternative di Mein Kampf. E ha mantenuto il capo redattore ebreo Martin Baron quando ha comprato il Washington Post .

[12] Dati dall’indice Bloomberg Billionaires, a cui è stato effettuato l’accesso nel mese di agosto 2018.

[13] Secondo il New York Times (25 maggio 2018).

[14] Da allora Moonves è stato licenziato per richieste di molestie sessuali contro di lui.

[15] Ci sono alcune prove che la percentuale ebraica diminuisce quando consideriamo il più ampio bacino di ricchezza. Nel 2009, Steve Sailer ha stimato che, tra i 400 americani più ricchi, circa un terzo erano ebrei. Ma questa è un’analisi di 10 anni, e non sono a conoscenza di alcuna valutazione più recente. In effetti, la percentuale di ebrei benestanti potrebbe essere aumentata da allora.

[16] https://www.wsj.com/articles/us-net-worth-surpasses-100-trillion-1528387386

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!