Libertà di giudizio e pensiero critico siano di nuovo i cardini del sistema scolastico italiano! Elena Dorian - www.altreinfo.org

Libertà di giudizio e pensiero critico siano di nuovo i cardini del sistema scolastico italiano! Elena Dorian

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Alcuni deputati hanno presentato un’interrogazione parlamentare in cui chiedono chiarimenti al Ministro della Pubblica Istruzione sulla sospensione della professoressa i cui allievi avevano accostato il Decreto Sicurezza voluto da Salivi alle leggi razziali di Mussolini.

“Piacciono solo i cittadini indottrinati? Obbedienti e quindi incapaci di costruire un mondo migliore di quello che ereditano, di spingerci oltre i diritti già conquistati? Noi lavoriamo affinché gli studenti abbiano un pensiero critico, sviluppino ragionamenti indipendenti e imparino a pensare con la propria testa.E il Ministero della Lega cosa fa? Li censura. Un atto veramente grave e per questo il M5S ha depositato unainterrogazione a prima firma Vittoria Casa”. Lo scrive su fb Luigi Gallo, presidente Commissione Cultura M5S.

http://www.ansa.it/sicilia/notizie/2019/05/16/prof-sospesa

Noi, per la prima volta, siamo d’accordo con tutti i politici italiani!

I ragazzi devono essere liberi di interpretare la realtà, non devono essere condizionati dal sistema. Loro devono conoscere i fatti, analizzarli criticamente, trarre le conclusioni che pensano siano più ragionevoli.

Gli insegnanti non devono intervenire, guidare, orientare. Devono lasciare che i ragazzi sviluppino la loro creatività e interpretino autonomamente i fatti.

Tutti i politici dicono cose sensate in queste ore. Sono solidali con la professoressa, favorevoli ad un sistema educativo che faccia crescere intellettualmente i ragazzi, capace di sviluppare lo spirito critico e le capacità logiche, partendo dai fatti, e non da concetti pre-confezionati e inculcati dal sistema.

Alla luce di questa svolta culturale, da tutti propugnata, mi aspetto che i miei figli possano finalmente fare una ricerca storica completa sull’Olocausto, sulle motivazioni che spinsero Hitler a varare le leggi di Norimberga, sulla riforma bancaria del 1936, voluta da Mussolini e osteggiata dalla finanza internazionale, sulle reali motivazioni che spinsero la Francia di Sarkozy a distruggere la Libia e gli Stati Uniti di Bush a devastare l’IRAQ, sulla reale natura degli attentati dell’11 settembre.

E’ giunto il momento di valutare con più attenzione le norme che permettono a certi Magistrati di incriminare chiunque esprima contrarietà all’immigrazione selvaggia. E magari anche di capire chi ha voluto queste norme e perché. Facciamo fare ricerche ai ragazzi sul Piano Kivunim, sul criminale Piano Morgenthau, sul Piano Kalergi, sulla reale natura dello spread e sulla finanza criminale e predatoria che sta causando nuovi genocidi in tutto il pianeta.

E’ giunto il momento di portare nella scuola italiana tutte queste tematiche. E se qualche allievo giunge a considerazioni diverse da quelle volute dal regime, ben vengano! E’ la crescita personale dei ragazzi che ci sta a cuore.

Forza ragazzi!

Chiedete ai vostri insegnanti di valutare criticamente i comportamenti del padre della patria Carlo Azeglio Ciampi. Fate diapositive sulle uccisioni dei palestinesi, che avvengono ogni venerdì, per mano di cecchini israeliani senza scrupoli appostati con fucili di precisione, veri crimini contro l’umanità.

Forza insegnanti!

Aiutate i vostri allievi, i nostri figli, a diventare adulti impegnati e critici del potere che ci sta schiacciando senza lasciarci più respirare.

Grazie a questa insegnante coraggiosa, e alla reazione unita di tutti i politici italiani, potremo finalmente dare una svolta al sistema educativo italiano, un tempo tra i migliori al mondo, oggi piegato ai voleri del dittatore di turno.

Torniamo ai tempi gloriosi del pensiero critico!

I ragazzi devono pensare con la propria testa, senza condizionamenti esterni.

Spezziamo le catene, la nostra parola d’ordine sia da oggi in poi LIBERTA’

 

di Elena Dorian

www.altreinfo.org

 

***

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

You may also like...