La false flag del Campidoglio: effetti e shock che verranno presto. Jon Rappoport - www.altreinfo.org

La false flag del Campidoglio: effetti e shock che verranno presto. Jon Rappoport

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Gli eventi del 6 gennaio al Campidoglio sono un vero e proprio jackpot per la sinistra politica.

La discussione e il dibattito televisivo, nella sessione congiunta del Congresso, sulla frode elettorale del 3 novembre, sono stati fatti deragliare.

Quando il Congresso si è riunito di nuovo, di notte, nessuno ha più avuto il coraggio di affermare con forza che Trump aveva vinto le elezioni. A nessuno importava più. Nemmeno agli spettatori, ammesso che ce ne fossero, importava più. Il 100% dell’attenzione era concentrata sull’irruzione in Campidoglio.

Nel frattempo, lo stesso Trump era stato saldamente associato a quel “scioccante assalto” al Campidoglio. I media si erano prontamente assicurati che ciò fosse fatto a regola d’arte:

“Il 6 gennaio 2021, è un giorno che vivrà nell’infamia per sempre …” “Il giorno in cui Trump ha tradito l’America.” “Ha scatenato i suoi sostenitori in una frenesia, e poi hanno invaso la casa del popolo…”

I media suoneranno questa melodia per i prossimi 20 anni. Con quale obiettivo? Per distruggere ogni possibilità che Trump possa tornare nel 2024 per candidarsi alla presidenza. Per spegnere completamente il suo futuro – o il futuro di suo figlio, Donald, Jr. – in politica.

Un altro obiettivo? Per screditare tutti i sostenitori di Trump e considerarli pazzi violenti.

Persino l’uccisione da parte della polizia di un sostenitore di Trump all’interno del Campidoglio, a livello subliminale, è passata come “un’azione necessaria per fermare una rivoluzione in corso”.

C’è dell’altro. Gli sforzi per protestare contro i blocchi COVID saranno equiparati, dai media e dal governo, all’assalto al Campidoglio.

“È sempre la stessa cosa, le stesse persone scardinate, i deplorevoli pazzi e i pericolosi no-vax …”

Nuovi round di brutali blocchi COVID saranno giustificati sulla base del fatto che “ci sono gruppi violenti nel nostro paese che non si preoccupano di infettare altre persone con il virus. Sai chi sono. Molti di loro indossano cappelli MAGA. C’è solo un modo per sconfiggere questa pandemia. Chiudere tutto abbastanza a lungo, finché non sarà finita…”

I media, ovviamente, ignorano i mesi di rivolte, violenze e crimini guidati dagli Antifa. I media continueranno a seppellire quegli eventi dietro un muro di indignazione contro l’irruzione in Campidoglio.

La repressione del “comportamento dissenziente” è ora sul tavolo come questione di sicurezza nazionale. “Dobbiamo affrontare certi tipi di dissenso come atti di guerra. Guardate l’attacco al centro della nostra Repubblica, al Congresso del Popolo, al Campidoglio. Era iniziato come semplice retorica rabbiosa, ma si è trasformato in un tentativo di “violento rovesciamento”…”

Biden non ha capacità retoriche, ma proverà a interpretare la parte del pacificatore e dell’unificatore. “È tempo di curare le ferite. La nazione non può sopravvivere in questo clima di divisione e odio. Dobbiamo fare pace con i nostri fratelli e sorelle. Torna a casa dal governo … ”

Nei fatti, ciò che davvero aumenterà sarà il livello di sorveglianza e monitoraggio da parte del governo, non solo a causa di COVID, ma (ci verrà detto) per assicurarci che un altro “6 gennaio” non si ripeta.

Traduzione: dobbiamo copiare il modello di controllo cinese.

L’irruzione in Campidoglio è una GRANDE operazione segreta. E come tutti gli eventi messi in scena di questo tipo, i pezzi più importanti sono i gli eventi pianificati per il dopo.

Pensa a questi eventi futuri come a un gigantesco “segno di uguale” piantato nella mente della gente.

L’irruzione nel Campidoglio è uguale a dissenso è uguale a proteste contro i lockdown è uguale a Trump il traditore è uguale ai no-vax è uguale al MAGA e al nazionalismo è uguale all’opposizione al lockdown dei governatori è uguale a persone che non indossano le mascherine è uguale al razzismo

È così che si fa la propaganda. Collegando una reazione ad altre reazioni, su tutta la linea.

Immagina un sostenitore di Trump che vive in uno stato blu. Oggi guarda nel suo armadio e vede il suo cappello MAGA e la bandiera americana … e si chiede cosa succederebbe se indossasse quel cappello e andasse a camminasse per la strada …

 

di Jon Rappoport

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com

Traduzione e sintesi: altreinfo.org

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!