L'economia virtuale è la fine della libertà. Brandon Smith - www.altreinfo.org

L’economia virtuale è la fine della libertà. Brandon Smith

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

C’è una semplice regola da seguire quando si capisce la tragica storia delle economie:

non riporre mai cieca fiducia in un sistema costruito su fondamenta create dall’establishment.

Ma nella nostra era il fascino di un mondo virtuale con promesse di infinita ricchezza è più che mai schiacciante. 

Sì, mi riferisco principalmente alle criptovalute, ma non solo.

Mi riferisco anche a un problema di vasta portata di cui le criptovalute sono solo un riflesso. Vale a dire, il fatto che l’umanità sta rapidamente perdendo di vista il significato della vera economia e di cosa si dovrebbe realizzare. È a causa di questa realtà che la cripto è fiorente.

Innanzitutto, siamo chiari, le valute legali sono una delle prime macchinazioni dell’economia virtuale. Una volta che le valute cartacee stampate dal nulla dai banchieri centrali sono state separate da ogni valore tangibile e sono state accettate dalle masse come “preziose”, come cose per cui valeva la pena commerciare, fu piantato il seme del cancro finanziario. Oggi, c’è un ultimo passo necessario perché l’establishment realizzi la completa tirannia nel commercio globale e cioè

disconnettere completamente le masse da ogni transazione riservata.

In altre parole, ci ingannano portandoci sulle valute digitali, dove la privacy è  impensabile.

Gli americani e gran parte degli occidentali sono sempre più a disagio con la produzione reale. I millenials, vale a dire l‘ultima generazione entrata nell’arena politica e sociale, sono un esempio perfetto. Infatti, i sondaggi mostrano che i millenials, a differenza delle generazioni che li hanno preceduti, non hanno competenze di base necessarie per la gestione di un posto di lavoro, e sono scarsi si in aritmetica che nella comprensione della lettura. Spesso considerati “esperti di tecnologia” dalla cultura popolare e dai media, i millenials sono degli inetti quando si tratta di competenze chiave necessarie per gestire gli affari commerciali e gli scambi.

I millenials dimostrano anche scarse capacità tecniche. Ciò è stata una sorpresa per molti economisti e sociologi, soprattutto perché sono considerati la generazione “più istruita” di sempre. Il problema è che negli ultimi decenni non solo il sistema economico, ma anche il sistema educativo ha virato verso il virtuale. La maggior parte dei millenials sono scarsi nelle competenze chiave di produzione perché sono stati addestrati a considerare trascurabili tali competenze. In altre parole, sono stati educati ad essere degli “incapaci accademici”.

Perché lottare per diventare un produttore di cose tangibili quando è molto più facile entrare in una struttura in cui non è richiesto alcun lavoro per ottenere le stesse cose? Perché non rubare da una minoranza produttiva in modo tale da alimentare la maggioranza non qualificata? È solo all’interno di questo tipo di cultura che la produzione virtuale, una società virtuale e il “denaro” virtuale sono visti come una soluzione ideale.

La nozione sta diventando sempre più diffusa nei nostri media popolari, e credo che questo sia piuttosto simbolico.

Ready player one, ribellione virtuale in un mondo virtuale

Ad esempio, prendi in considerazione il libro Ready Player One, che presto diventerà anche un film di successo di Hollywood diretto da Steven Spielberg. Il romanzo descrive il mondo del 2045, un mondo in cui l’esaurimento dei combustibili fossili e il “riscaldamento globale” hanno innescato il declino economico e sociale (ricordate negli anni ’80 quando ci dicevano che il riscaldamento globale avrebbe sciolto le calotte polari e saremmo stati sommersi dall’acqua entro l’anno 2000?). Un ente governativo totalitario controllato dai colossi corporativi governa lo spopolamento distopico.

In risposta a un’esistenza sempre più dolorosa nel mondo reale, le masse cercano di fuggire in un mondo virtuale chiamato “l’Oasi”, creato da un genio della programmazione. L’oasi diventa un nesso tra l’economia globale e la società virtuale.

Purtroppo, è qui che si incontrano i legami inquietanti tra il nostro mondo e il mondo immaginario di Ready Player One. La “ribellione” è a tutti gli effetti anche virtuale.

Forse questo è il motivo per cui le criptovalute sono particolarmente attraenti per la folla dei millenials.

Pensaci: la cupa stasi economica di Ready Player One esiste ORA; non dobbiamo aspettare fino al 2045. I millenials si sentono già scontenti, indebitati e privati ​​di diritti, e molti di loro sono anche privi di abilità. L’autosufficienza per loro è un’idea così estranea che raramente, se non mai, incrocia le loro menti. Quindi, come combattono? Oppure, come vengono indotti a pensare di poter contrattaccare contro un sistema virtuale che li ha lasciati nel fango? Con una comunità virtuale e una valuta virtuale, ovviamente.

I millenials pensano che si ribelleranno e “abbatteranno gli oligarchi bancari” con nient’altro che dei marcatori digitali che rappresentano “monete” tracciate su un libro mastro digitale creato da un anonimo programmatore. Delirante? Sì. Ma come ho detto prima, è un’idea allettante.

Ecco il problema, però; il vero denaro richiede un valore intrinseco. Le criptovalute non hanno valore intrinseco. Sono evocate dal nulla dai programmatori, sono “estratte” in una miniera virtuale creata dal nulla e non hanno aspetti unici che le rendono rare o tangibilmente utili. Sono un prodotto digitale facilmente replicabile.

Chiunque può creare una criptovaluta. E per quelli che sostengono che “la matematica fornisce un valore intrinseco criptato”, mi dispiace deluderli, ma la matematica è gratuita.

Infatti, per coloro che non ne sono già a conoscenza, Bitcoin utilizza la funzione hash SHA-256, creata nientemeno che dalla National Security Agency (NSA) e pubblicata dall’Istituto nazionale per gli standard e la tecnologia (NIST).

Sì, è vero, Bitcoin non esisterebbe senza le fondamenta costruite dalla NSA. Non solo, ma l’intero concetto di un sistema molto simile al bitcoin è stato pubblicato dalla NSA nel lontano 1996 in un documento intitolato “Come fare una mentina: la crittografia dei contanti elettronici anonimi”.

NSA controlla tutto, Bitcoin compreso

Le origini del bitcoin, e quindi le origini del registro blockchain, suggeriscono qualcosa di molto diverso rispetto a una legittima ribellione contro l’establishment e contro la finanza internazionale. Cito spesso questo problema quando le persone vengono da me sostenendo che Internet ha posto le basi per il collasso del filtro delle informazioni globaliste e dei media mainstream.

La verità è che anche Internet è una creazione di DARPA, e come Edward Snowden ha chiarito con le sue innumerevoli diffusioni di dati, l’NSA ha una capacità assoluta di controllare ogni aspetto dei dati disponibili sul web.

Molte persone credono che il libero flusso di informazioni su Internet sia un’arma a favore del movimento per la libertà, ma è anche un’arma a favore dell’establishment. Con una panoramica macro dei flussi di dati, entità come Google possono persino prevedere tendenze e instabilità sociali future, per non parlare di ogni dettaglio personale della vita e del passato di ogni individuo.

Per riassumere, le criptovalute sono costruite su una struttura progettata dall’establishment ed il commercio dipende interamente da Internet, vale a dire da un’altra struttura creata e controllata sempre dall’establishment.

L’obiettivo è in realtà quello di controllare tutte le transazioni commerciali e la tecnologia blockchain aiuta il potere a rimuovere uno degli ultimi ostacoli: le transazioni commerciali personali riservate. Anni fa, un argomento comune presentato a favore di Bitcoin sosteneva che era “completamente anonimo”. Oggi, questo si sta dimostrando sempre più una bugia. Anche ora, sulla scia delle aperte ammissioni dei principali sostenitori di Bitcoin, si sa che il sistema NON è anonimo. L‘FBI e l’IRS da anni utilizzano risorse come Chainanalysis per monitorare gli utenti Bitcoin quando vogliono farlo, compresi gli utenti che hanno preso misure rigorose per mantenere l’anonimato.

I sostenitori di Bitcoin sostengono che “nuovi sviluppi” e persino nuove criptovalute stanno risolvendo questo problema. Ma l‘unica ipotesi corretta da fare è che non c’è nulla del mondo digitale che potrà rimanere anonimo.

Non ho mai discusso in un modo o nell’altro in termini di potenziale “valore di mercato” di Bitcoin, perché non ha molta importanza. Ho sempre sostenuto che le criptovalute come il Bitcoin non sono in alcun modo una soluzione per combattere le banche internazionali e centrali. In realtà, le cactocurrency sembrano solo accelerare il loro piano per la digitalizzazione a spettro completo e l’emissione di un sistema valutario globale.

Bitcoin potrebbe arrivare anche a $ 100.000, ma il suo “valore” è irrilevante e viene costantemente pubblicizzato come se fosse una soluzione al globalismo. Più alto è il prezzo del Bitcoin, più il culto Bitcoin rivendica la vittoria, eppure la totale assenza di un valore intrinseco non sembra mai passare per la testa dei suoi sostenitori. Ti accuseranno solo di essere un “vecchio rimbambito” che “non capisce cosa sia la blockchain”.

Il fatto è che sono loro che non capiscono veramente cosa sia la blockchain – una struttura per una società priva di contanti in cui l’anonimato commerciale è morto e la libertà economica è distrutta.

Chiedetevi questo: perché le banche centrali di tutto il mondo (tra cui la BRI e il FMI) stanno investendo in Bitcoin e in altre criptovalute mentre sviluppano i propri sistemi crittografici basati su un quadro simile? Perché i conglomerati bancari globalisti come Goldman Sachs lodano Bitcoin? E perché i banchieri centrali parlano sempre a favore delle criptovalute se fossero davvero una tale minaccia al loro potere?

Risposta: perché non è una minaccia. Loro beneficiano di un sistema senza contanti e i campioni della libertà stanno contribuendo a fornirglielo.

ribellione reale non può nascere dalla realtà virtuale

L’economia virtuale genera debolezza nella società. Incoraggia la mancanza di produzione tangibile. Invece di veri produttori, imprenditori e inventori, ci sono persone che si affannano a vendere proprietà del mondo reale per comprare piattaforme informatiche capaci di “estrarre” monete che non esistono realmente. Cioè, un giorno potremmo trovarci di fronte a milioni di cittadini che spendono il loro lavoro e le loro energie per ottenere monete digitali programmate nell’esistenza e nella scarsità artificiale (per ora).

Incoraggia anche la falsa ribellione. Il vero cambiamento richiede azioni nel mondo reale.

Rimuovere l’elite bancaria e le loro strutture con la forza, se necessario (e questo sarà probabilmente necessario).

Invece, gli attivisti per la libertà sono convinti che non dovranno mai alzare un dito per sconfiggere i banchieri. Tutto quello che dovranno fare è comprare e criptare. Arriverà il giorno in cui le persone che credono in queste sciocchezze si sveglieranno e si renderanno conto che hanno sprecato le loro energie inseguendo un unicorno e non sono preparate per affrontare la realtà di un mondo che continua ad evolversi.

Per mantenere un’economia reale sono necessarie tre cose:

  1. produzione tangibile localizzata e decentralizzata,
  2. reti commerciali indipendenti e decentralizzate che non sono strutturate attorno a un sistema controllato dall’esterno (ad esempio Internet è controllato),
  3. la volontà di applicare la forza per proteggere e preservare quella produzione e quelle reti.

Se non puoi fabbricare una cosa utile, riparare una cosa utile o insegnare un’abilità utile, allora sei sostanzialmente inutile in un’economia reale. Se non hai scambi localizzati, non hai nulla. Se non hai la mentalità necessaria per proteggere la tua produzione locale, allora non sarai in grado di mantenere l’economia che hai costruito.

Questa è la fredda e dura verità che i promotori della crittografia non vogliono vedere. L’economia virtuale è molto più semplice, molto più allettante, molto più confortevole. Perché rischiare qualcosa o qualsiasi cosa in uno sforzo del mondo reale per costruire una rete commerciale concreta nel proprio quartiere o città? Perché rischiare tutto promuovendo un vero decentramento attraverso i sistemi di denaro e di baratto sostenuti dalle materie prime localizzate? Perché rischiare tutto difendendo quei sistemi quando l’establishment cerca di annientarli?

Perché far tutto questo, quando puoi fingere di essere un eroe virtuale che brandisce armi virtuali in una ribellione senza rischi in un mondo di elettronici e zeri?

In verità, l’economia virtuale non è un decentramento legittimo, è un’arma di distrazione di massa progettata per uccidere il legittimo decentramento.

 

di Brandon Smith

Fonte: alt-market.com

Traduzione e sintesi per altreinfo.org a cura di Giorgio Lunardi

***

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!