Il virus non abita più qui, adesso vive nel futuro. Giorgio Lunardi - www.altreinfo.org

Il virus non abita più qui, adesso vive nel futuro. Giorgio Lunardi

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Il prof. Roberto Zangrillo sostiene che il virus non c’è più, non circola più, è finito, ha perso forza, virus kaput.

I medici dei Pronto Soccorso, un po’ ovunque, dicono che negli ospedali non arrivano più malati di Covid perché la gente ormai si cura in casa, le terapie intensive si stanno svuotando, i nuovi infetti non si accorgono nemmeno di essere malati, talmente debole è il contagio.

In Italia si ricomincia a morire anche di cancro, infarto, diabete, infezioni ospedaliere ed altre malattie.

I ricercatori di tutto il mondo dicono che faranno fatica a testare il vaccino se i malati sono così pochi. Protestano e vorrebbero addirittura infettare alcuni volontari (e non) per poter testare il nuovo vaccino. 

Intanto, a settembre i bambini di prima elementare rientreranno a scuola con le mascherine, i ragazzi faranno ancora lezioni online, all’università non ci saranno più lezioni in presenza, non possiamo manifestare, sono vietati e sanzionati gli assembramenti, non possiamo né baciarci né abbracciarci, se non rispettiamo il distanziamento sociale ci fanno 400 euro di multa, ci sconsigliano di utilizzare banconote e denaro contante, se non accettiamo di fare il tampone i sindaci ordinano il TSO, dobbiamo prenotare un posto in spiaggia per sentire il profumo del mare, i posti a sedere nelle panchine sono identificati, bannati, limitati.

I politici e i media ci dicono che dobbiamo abituarci a vivere in questo modo, per il nostro bene, per il bene delle persone che amiamo, per altruismo, per responsabilità sociale, per solidarietà, per rispetto, per i nostri figli, per i nostri nonni e perché dobbiamo abituarci al mondo che verrà. Solo Dio non è citato nei DPCM del Primo Ministro. La strada sembra già tracciata, il mondo che verrà sarà un mondo fatto di virus, contagi, distanziamento sociale, tracciamento, chiusura, untori, paura, ecc. ecc.

I ragazzi del prossimo futuro non potranno più nemmeno avvicinare una ragazza, gli innamorati scompariranno, i bambini non nasceranno più, i disoccupati moriranno di fame, ci costringeranno a farci tracciare, le telecamere ci leggeranno la retina, i magistrati continueranno a processare tutti quelli che non pensano quello che dovrebbero o, peggio ancora, quelli che pensano con la propria testa.

Per nostra fortuna arriveranno migranti a frotte, direttamente dalle prigioni dei loro paesi, aperte per fuggire dal Covid (che non c’è più). Il ricambio generazionale è garantito. Anche grazie ai soldi del Qatar e degli Emirati Arabi.

Facebook e Twitter continueranno a censurare le pagine di quelli che dicono cose diverse dagli scienziati pagati per dire quello che vogliono loro, Google declasserà tutti i siti non allineati col pensiero unico, la Kommissione di turno cancellerà tutti i siti in cui si raccontano storie non approvate. La magistratura processerà tutti i diversamente pensanti.

Il mondo continuerà ad essere diviso in due parti che si urlano a vicenda, non comunicano tra di loro e non si capiscono. Da una una parte i giusti e i colti, dall’altra i criminali, delinquenti, antidemocratici, sporchi fascisti, nazisti e populisti ignoranti. Chi è d’accordo col mondo che verrà è un giusto. Chi non è d’accordo è un criminale, ecc. ecc. fascista ecc. ecc..

I giusti, mentre esaleranno l’ultimo respiro, si sentiranno orgogliosi di essere vissuti con le catene ai polsi e il cappio al collo, pur di essere comunque annoverati tra i giusti.

Poco importa se ad annoverarli tra i giusti saranno i media dei loro aguzzini. Poco importa se saranno vissuti in cattività, manipolati dalla forza di un male che non sono riusciti nemmeno a percepire. L’alternativa alle catene era essere fascisti, nazisti, populisti ecc. ecc., così hanno raccontato i media dei padroni e loro non hanno avuto dubbi. Non hanno pensato che il male racconta menzogne facendole passare per verità. Non hanno pensato che stare dalla parte della propaganda non vuol dire star dalla parte del bene.

Quando il Covid-19 non ci sarà più arriverà il Covid-20, poi il 21… e così via. Bill Gates ci salverà col vaccino, uno all’anno, ogni anno. Saremo liberi di non vaccinarci, ma quelli che non lo faranno dovranno rimanere chiusi in casa per sempre, non potranno comunicare con gli altri se non attraverso internet e se diranno cose che non vanno bene ai padroni, verranno oscurati e bannati.

La finanza apolide e predatoria avrà finalmente raggiunto l’obiettivo. Tutti indebitati, tutti servi, tutti al guinzaglio, tutti inginocchiati, tutte le nazioni col latte in mano da porgere ai piedi dei padroni dell’universo.

Moriremo quando non avranno più bisogno di noi e ci bruceranno subito, per non contaminare gli altri. Le nostre ceneri verranno disperse e i nostri nomi cancellati.

Questo è il mondo distopico che verrà. Orwell era un principiante, la realtà ha superato la fantasia.

di Giorgio Lunardi

Fonte: www.altreinfo.org

***

 

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...