novembre 2016 - Pagina 3 di 17 - www.altreinfo.org

Monthly Archive: novembre 2016

Parlamento Europeo al lavoro

Il Parlamento Europeo affonda nel ridicolo, dietro ai polacchi e ai baltici. Giulietto Chiesa

“Fascisti, sono dei fascisti nel vero senso della parola. Vogliono impedire la libertà di stampa e imporre una censura alle posizioni euro scettiche”. Il giornalista Giulietto Chiesa ad Intelligonews attacca così i 304 europarlamentari di Strasburgo che hanno approvato la risoluzione contro la Russia accusandola di sostenere con una forte pressione propagandistica i partiti anti europeisti per dividere la Ue. Il documento approvato dall’Europarlamento si intitola: “Il Cremlino usa think tank, tv multilingua, pseudo-agenzie di stampa e social media per sfidare i valori democratici e dividere l’Europa” Chiesa, c’è la...

fidel-castro-ernesto-che-guevara-camilo-cienfuegos

Fidel Castro, Ernesto Che Guevara e Camilo Cienfuegos, tre uomini che hanno fatto la storia

“Ci sono uomini che lottano un giorno e sono bravi, altri che lottano un anno e sono più bravi, ci sono quelli che lottano più anni e sono ancora più bravi, però ci sono quelli che lottano tutta la vita: essi sono gli indispensabili”. Bertolt Brecht La morte di Fidel Castro segna la fine di un’epoca che non può certamente lasciarci indifferenti. Un’epoca fatta principalmente dai tre personaggi in questa foto, lui, Ernesto Che Guevara e Camilo Cienfuegos. Sicuramente un grande rivoluzionario, unico nella sua capacità di resistere e lottare...

Media politicizzati e nuovi analisti che descrivono i conflitti in Iraq e Siria senza conoscere il terreno

Siria ed Iraq stretti fra “nuovi analisti” e media politicizzati

Le guerre in Siria e in Iraq hanno segnato la dolorosa dipartita della “stampa libera ed indipendente” e l’ascesa dei cosiddetti “neo-analisti”. Questi ultimi se ne stanno in terre lontane, senza nessuna esperienza pratica di guerra, raccogliendo informazioni ed analisi attraverso i contenitori multicolorati dei social media. Hanno anche il coraggio di pensare di poter dettare all’amministrazione americana le misure da prendere, chi bisogna sostenere e, come se poi fossero dei profondi conoscitori “dell’arte della guerra”, spingono anche per uno scontro nucleare con la Russia. La cosa più sorprendente è...

referendum costituzionale

Ecco cosa cambia se vince il SI. Il pericolo di una riforma deleteria.

Il 4 dicembre si voterà per il referendum sulle modifiche alla costituzione. Crediamo sia necessario che prima di votare, tutti comprendano a pieno la portata ed il significato dei cambiamenti che il governo vuole essere autorizzato a fare. Per questo abbiamo stilato un compendio dei cambiamenti principali che verrebbero apportati qualora vincesse il si. E’ importante notare che tutti i cambiamenti proposti, ad eccezione dell’abolizione del CNEL, vanno nella direzione di un ulteriore allontanamento dei cittadini dal potere. L’accentramento del quale nelle mani del governo è la sostanza reale di...

scrofa

L’anno della scrofa. Massimo Mazzucco

Molte cose sono cambiate dall’inizio di quest’anno, e molte altre sono destinate a cambiare prima che l’anno sia finito. Pensiamo solo al mattino del 5 di dicembre, quando potremmo trovarci, ad esempio, con un’Austria che si avvia ad uscire dall’Europa, oppure con un’Italia impantanata nella millesima crisi di governo. Ma se c’è un motivo per cui questo anno è destinato a passare alla storia, lo sarà certamente per il crollo verticale che ha avuto negli ultimi mesi il livello del nostro dibattito politico. Quelli che una volta erano attacchi argomentati...

Fidel Castro, 1974

Fidel Castro, 90 anni di resistenza contro i golpe Usa nel mondo

Nella sua Cuba a 90 anni è morto Fidel Castro, l’ultimo comunista. Un uomo simbolo della resistenza antimperialista statunitense, l’unico a non essere riuscito a far invadere culturalmente ed economicamente il proprio paese. Per far ciò ha dovuto instaurare un regime che di certo non è stato un esempio di libertà e democrazia. La pressione esterna era immensa e rafforzare il più possibile le mura del fortino cubano per Fidel Castro è stata l’unica possibilità. La storia non raccontata o mal celata degli organi d’informazione occidentali, evidenzia che la rivoluzione...

Fidel Castro

Fidel Castro: in morte del “grande oppositore globale”

Di fronte al mistero della morte, l’uomo dovrebbe sempre provare rispetto e persino timore. Anche perché, prima o poi, la morte tocca a tutti. E invece, nel caso della scomparsa dell’ormai anziano e malato Lìder Maximo, Fidel Castro, abbiamo visto troppe, decisamente troppe persone prodursi in un’inopportuna danza macabra, in isteriche grida di giubilo o addirittura (è soprattutto il caso della comunità cubana a Miami) festeggiamenti da stadio, neanche si fosse trattato di celebrare la vittoria della squadra del cuore. Ma, a quel popolo d’inconsapevoli, che gioivano di una morte...

donald trump and mike pence

Donald Trump contro il Nuovo Ordine Mondiale?

Per capire meglio la transizione di Donald Trump verso la nuova presidenza americana, bisogna almeno comprendere a grandi linee le attuali controversie nella società americana. In qualità di Repubblicano atipico che durante la campagna elettorale ha lanciato alcuni forti messaggi contro l’establishment, che sono stati la sua principale fonte di energia per arrivare alla sua elezione, Trump ha in qualche modo l’obbligo nei confronti non solo della sua gente, ma anche del mondo intero, di fermare la nuova Guerra Fredda e lo scontro con la Russia. Ma questo è davvero...

Esercitazioni di Kiev in Crimea

Kiev, “Esercitazione” con missili sulla Crimea. La UE, complice. Maurizio Blondet

Il regime di Kiev   farà una ‘esercitazione con missili” ( veri) nella spazio aereo della Crimea, nello spazio sovrano della Federazione Russa  – ma  che Kiev  tratta come suo territorio nazionale.  I missili saranno sparati dove volano aerei russi civili e militari, si allarma l’agenzia russa di aviazione   civile Rosaviatsiya.  Il regime, come se non esistesse la Russia, ha semplicemente diramato giovedì l’annuncio di “zona pericolosa”  a tutte le quote di volo, insomma restrizioni dei voli,  su Crimea, presso Sinferopol, il 1 e 2 dicembre prossimo.  La zona  di pericolo...

La moneta palestinese non esiste, si utilizzano i NIS israeliani

Esiste una moneta palestinese? E se non esiste, quale moneta usano in Palestina?

Esiste una moneta palestinese? E se non esiste, quale moneta usano i palestinesi? Le domane sono due allora. Rispondiamo alla prima. No, non esiste una moneta palestinese. E allora quale moneta usano negli scambi? Quella israeliana, naturalmente. I palestinesi non possono emettere moneta. E non possono avere nemmeno una Banca Centrale. Questi sono lussi riservati agli uomini liberi, e loro non lo sono. E poi, diciamoci la verità, a cosa servirebbe una moneta palestinese? Cosa se ne fanno di una moneta? La loro economia massacrata può sopravvivere anche soltanto col baratto....

israele-brucia

Perché brucia Israele? Gilad Atzmon

Il paesaggio rurale di Israele è saturo di alberi di pino. Questi alberi sono una novità per la regione. Quegli alberi di pino vennero introdotti nel paesaggio palestinese nei primi anni ‘30 dal Fondo Nazionale Ebraico (JNF) nel tentativo di “rivendicare quella terra”. Nel 1935, il JNF aveva piantato 1,7 milioni di alberi su una superficie totale di 1.750 acri. In oltre cinquanta anni, il JNF ha piantato oltre 260 milioni di alberi in massima parte su terre palestinesi confiscate. Ha fatto tutto in un disperato tentativo di nascondere le...

Laura Boldrini nella giornata contro la violenza sulle donne

Hai offeso la Boldrini sul web? E allora lei pubblica il tuo nome su Facebook. Così impari!

Nella giornata contro la violenza sulle donne, la Boldrini, concentrata solo su se stessa, invece di pubblicare i nomi delle donne che hanno subito violenza e di offrire loro solidarietà, pubblica la lista di alcuni insulti da lei ricevuti sul web, con nome e cognome degli autori, esponendoli quindi al linciaggio mediatico, per vendetta. Il presidente della Camera ha scritto: “Nella giornata contro la violenza sulle donne vorrei sottoporre alla vostra attenzione un fenomeno sempre più frequente e inaccettabile: l’utilizzo nei social network di volgarità, di espressioni violente e di...

black friday, il venerdì nero

“Black Friday”, il venerdì nero

Non bastasse la festa di Halloween, che sta soppiantando nelle giovani generazioni la tradizionale festa di Ognissanti e la ricorrenza dei defunti, ecco che da Oltreoceano sta arrivando, a colonizzare la vecchia Europa in generale e l’Italia in particolare, una nuova moda: “Black Friday”, il venerdì nero. Nato negli Stati Uniti anni orsono come giornata delle spese (compulsive) seguente il “Giorno del Ringraziamento”, con gli anni è diventato un osservatorio quasi infallibile sulle capacità di acquisti delle famiglie americane nel primo fine settimana che introduce e che traghetta in quelle che,...

giulietto-chiesa

Confesso: scrivo per diversi canali russi. Che ne sarà di me?

Il Parlamento europeo ha approvato ieri una risoluzione solenne che addita i media russi come pericolo per la sovranità dei paesi europei. La risoluzione, che ha avuto come iniziatrice e prima firmataria la deputata Anna Fotyga, ex ministro degli esteri della Polonia, equiparando i media russi allo Stato Islamico, costituisce a modo suo una specie di record del delirio russofobico ormai dilagante in alcuni circoli dirigenti dell’Occidente. Tuttavia il risultato della votazione appare indicare un significativo cambio di marcia all’interno delle componenti anti-russe del Parlamento europeo. Nonostante, infatti, l’esistenza di...

uliveto

Cronache dalla provincia profonda

Venerdì. Parto per il mio annuale pellegrinaggio nel Viterbese, a ridosso dell’Umbria. La raccolta delle olive. Col tempo questa ricorrenza è mutata nel mio animo. Qualche anno fa era una ricorrenza felice, con dei pallidi riflessi orgiastici, una sorta di Dionisiache dell’autunno. Oggi assomiglia a un itinerario del dolore, della privazione. Già quando si scavalla sulla Cimina ci si accorge che qualcosa non va. I castagni lungo la strada, che una volta donavano liberamente e spontaneamente i loro frutti, oggi sembrano stitici. Ricordo che, negli anni passati, decine di viaggiatori...

error: Alert: Content is protected !!