Giornalisti del NYT, della Reuter e dell’Economist autocensurano i propri articoli da Israele per non essere “schedati e presi di mira”. Philip Weiss

Negli USA la lobby israeliana viene citata di rado in modo critico sui media più importanti. Ma controllate questo brano del programma politico ”Drum” [“Tamburo” in inglese] della ABC australiana di due giorni fa: i corrispondenti, veterani del Medio Oriente, Antony Loewenstein e John Lyons descrivono le incessanti pressioni da parte di Israele e della sua lobby su giornalisti che sono critici nei confronti di Israele. La conduttrice del programma Ellen Fanning ha notato che nel nuovo libro di Lyons (“Balcony Over Jerusalem: A Middle East Memoir” [“Una finestra su … Leggi tutto Giornalisti del NYT, della Reuter e dell’Economist autocensurano i propri articoli da Israele per non essere “schedati e presi di mira”. Philip Weiss