Nel Lazio la pandemia non c'è. Il nemico mortale è la dittatura sanitaria, non il virus. Mattia Liviani - www.altreinfo.org

Nel Lazio la pandemia non c’è. Il nemico mortale è la dittatura sanitaria, non il virus. Mattia Liviani

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
image_pdfimage_print

Questi dati sono stati diffusi dall’Istat e si riferiscono ai decessi avvenuti nel Lazio tra il 1° gennaio e il 30 settembre 2020. Sono dati ufficiali e pubblici. Li trovate nel sito dell’Istat.

Anche in questo caso, i dati sono molto chiari, nel Lazio sono morte 618 persone in meno rispetto alla media degli ultimi cinque anni, l’1,4% in meno.

Come potete vedere nel secondo diagramma, la mortalità si è sempre mantenuta al di sotto della mortalità media degli ultimi cinque anni. Non c’è stato nemmeno il picco di marzo-aprile, come in Lombardia o in Veneto.

I numeri diffusi dall’Istat dicono che nel Lazio non c’è stata alcuna pandemia.

Hanno distrutto l’economia della regione, bloccato il turismo, separato le famiglie, indebolito il sistema immunitario dei laziali, hanno chiuso la gente in casa, obbligandola a respirare la propria anidride carbonica. Hanno detto ai laziali che dovevano combattere contro un nemico invisibile e mortale.

E’ vero, quel nemico invisibile c’è, ma non è un virus, è una dittatura sanitaria che giorno dopo giorno si sta divorando la nostra democrazia, quella per cui hanno combattuto i nostri genitori.

Nel Lazio la pandemia non esiste, lo certifica l’Istat.

 

di Mattia Liviani

Fonte: www.altreinfo.org

***

***

image_pdfimage_print
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...