No Way: il modello (vincente) australiano contro l’immigrazione illegale - www.altreinfo.org

No Way: il modello (vincente) australiano contro l’immigrazione illegale

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’Europa cerca disperatamente soluzioni e risposte alla crisi determinata dai flussi di migranti illegali e dalla svolta dell’Italia, non più disposta col governo Conte a continuare a essere con la Grecia il ricettacolo di tutta l’immigrazione clandestina diretta nella Ue.

Australia-Migrant-Poster

Eppure un modello di riferimento e di provato successo esiste e andrebbe imitato dall’Italia e dall’Europa: quello australiano che non ha sempre valutato l’immigrazione clandestina come un fenomeno di criminalità da combattere.

Il tema è stato trattato nel libro Immigrazione, la grande farsa umanitaria” (Aracne 2017) scritto da Giuseppe Valditara, Giancarlo Blangiardo e Gianandrea Gaiani, di cui riportiamo il relativo paragrafo.

L’Australia non ha mai incoraggiato l’immigrazione clandestina esprimendo la tendenza a valutarla più come un fenomeno di criminalità da combattere, perché lede gli interessi nazionali, che come un’emergenza umanitaria.

Nonostante gli ampi spazi oceanici che la circondano, l’Australia ha dovuto far fronte negli anni scorsi a crescenti flussi di immigrati illegali e richiedenti asilo provenienti per lo più dal sud–est asiatico, Iraq e Afghanistan. Non si tratta di numeri paragonabili a quelli registrati in Italia, dove gli spazi marittimi da percorrere sono più ristretti, ma nel 2013 in Australia si registrò il record degli sbarchi illegali con 20 mila arrivi.

La risposta del governo del Partito Liberale guidato allora da Tony Abbott fu il varo dell’Operazione “Sovereign Borders” tesa a ripristinare la sovranità sui confini marittimi con l’impiego della Guardia Costiera per respingere le imbarcazioni di immigrati illegali e riaccompagnarle nelle acque territoriali dei Paesi da dove erano salpati, generalmente Indonesia e Sri Lanka, con i quali Canberra ha stipulato accordi. Il governo indonesiano ha peraltro lamentato respingimenti non concordati di alcune imbarcazioni.

Il governo australiano ha sottolineato che non vi sono mai state vittime tra i migranti illegali. Se le imbarcazioni su cui viaggiavano sono in buono stato vengono riportate indietro al traino mentre i militari australiani forniscono cibo, acqua e assistenza sanitaria a chi ne ha bisogno.

Qualora le imbarcazioni utilizzate non siano in grado di reggere il mare o riescano a sfuggire ai controlli della Guardia Costiera e a raggiungere la costa australiana gli immigrati illegali vengono trasferiti nei centri d’accoglienza nelle isole Manus (in Papua Nuova Guinea) e nell’isola–Stato di Nauru.

Paesi che ricevono aiuti economici da Canberra e in cambio accettano di ospitare i richiedenti asilo i quali, se la loro richiesta verrà accolta, potranno vivere in queste isole pacifiche e prive dei pericoli che correvano nei loro Paesi d’origine, ma non potranno vivere in Australia.

In questo senso Canberra ha coerentemente attuato un notevole sforzo anche in termini di comunicazione e deterrenza con una campagna nota con lo slogan “No way” tradotta in 17 lingue con manifesti e spot diVusi in molti Paesi asiatici in cui si scoraggiano i migranti a partire.

L’immagine di una piccola barca in balìa dell’oceano, accompagnata dalla frase “Non c’è modo di stabilirsi in Australia arrivando illegalmente via mare”, esorta a non fidarsi dei trafficanti.

The_Australian_Search_and_Rescue_Region

«Se viaggiate in mare verso l’Australia senza un visto, sappiate che non farete mai dell’Australia la vostra casa. Questo vale per tutti: famiglie, bambini, bambini non accompagnati, perso ne istruite e lavoratori specializzati. Non ci saranno eccezioni», affermava con tono sicuro il generale Angus Campbell, oggi alla testa dell’esercito australiano, ma dal 2013 al 2015 comandante dell’operazione Sovereign Borders.

La politica australiana è quindi esattamente opposta a quella adottata in Europa e i risultati sono infatti molto diversi: nessun morto in mare negli oceani australiani contro le migliaia di vittime nel Mediterraneo; ripristino della legalità contro il trionfo del crimine organizzato; certezza che i clandestini non riceveranno il permesso di soggiorno in Australia contro la pretesa (soddisfatta per molti immigrati illegali) di scegliere il Paese europeo dove stabilirsi; l’efficace deterrenza australiana contrapposta al gonfiarsi dell’emergenza in Europa.

GettyImages-181526326

L’operazione Sovereign Borders e la campagna mediatica “No Way” sono stati un successo: nel primo anno, tra il settembre 2013 e l’ottobre 2014, sono arrivate nelle acque australiane soltanto 23 imbarcazioni con 1.350 persone a bordo e solo una è riuscita a raggiungere la costa australiana senza essere intercettata.

Nel maggio 2015 il premier Abbott sottolineò che «nel bloccare le imbarcazioni abbiamo anche salvato delle vite» aggiungendo che «l’operazione Sovereign Borders è una lezione che oggettivamente tutti gli Stati dovrebbero imparare ad applicare».

Chiaro il riferimento all’Unione Europea la cui risposta venne aYdata alla portavoce Natasha Bertaud che precisò: «La UE applica il principio di non–respingimento. Non abbiamo intenzione di cambiare questo principio, quindi il modello australiano non sarà mai un modello valido per noi».

8

Una risposta incauta e dilettantesca (a cui non a caso fece seguito un aumento dei flussi migratori illegali verso la UE) non solo perché di fatto sanciva la rinuncia dell’Europa ad applicare controlli ai suoi confini ma soprattutto perché annunciava apertamente tale rinuncia incoraggiando così nuovi esodi migratori e giganteschi profitti per le organizzazioni criminali.

Anche in termini di costi l’Operazione Sovereign Borders è conveniente: nell’anno fiscale 2013/14 l’Australia ha speso 300 milioni di euro per i controlli marittimi che però in gran parte vi sarebbero stati anche in assenza dell’emergenza determinata dall’immigrazione illegale.

Una commissione parlamentare australiana ha elevato i costi totali a 400 milioni includendo il coinvolgimento delle navi della Marina militare (Royal Australian Navy) a cui aggiungere le spese di assistenza ai richiedenti asilo a Manus e Nauru.

mx8vwf2g-1404551891

La mobilitazione delle flotte italiane ed europee al largo della Libia ha costi leggermente inferiori perché le distanze da coprire e gli spazi marittimi da pattugliare sono più limitati: un anno di operazione Mare Nostrum costò 108 milioni mentre nel 2016 le sole forze navali italiane delle operazioni Mare Sicuro ed Eunavfor Med hanno richiesto stanziamenti per 161 milioni di euro che coprono però solo i costi vivi, non certo l’usura di navi e velivoli.

La via percorsa dall’Australia risulta complessivamente molto più conveniente sul piano finanziario perché i respingimenti farebbero risparmiare all’Italia i 4/5 miliardi annui spesi per l’accoglienza degli immigrati illegali e determinerebbero la fine dell’emergenza scoraggiando le partenzee consentendo la riduzione delle forze militari e di sicurezza marittima mobilitate.

Canberra ha inoltre avuto successo nell’esercitare pressioni sui Paesi vicini per ottenere cooperazione, cosa che l’Italia non sta facendo con la necessaria incisività nei confronti delle autorità libiche, che pure Roma riconosce e sostiene.

93xnnqsm-1404551199

Superfluo poi sottolineare, al di là dei costi finanziari, il valore morale e legale del principio di inviolabilità dei confini nazionali ribadito con forza dall’iniziativa australiana e rafforzato sul piano giuridico dalla legge varata dal governo, ora guidato da Malcolm Turnbull che nega a vita visto, permesso di soggiorno o asilo a chiunque abbia tentato o tenti di entrare nel paese illegalmente.

Turnbull l’ha definita «una misura necessaria affinché venga recepito il messaggio risoluto e inequivocabile» che gli immigrati illegali non avranno alcuna possibilità di venire accolti in Australia.

«Si tratta di una battaglia tra il popolo australiano, rappresentato dal suo governo, e le organizzazioni criminali di trafficanti di esseri umani — ha aggiunto Turnbull — ammonendo che non bisognerebbe sottovalutare l’entità della minaccia perché i trafficanti sono i peggiori criminali e fanno affari multimiliardari». L’Australia è davvero agli antipodi rispetto all’Europa e non solo geograficamente.

 

Fonte: http://www.analisidifesa.it

***

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!