E ora le Nazioni Unite vogliono rifilarci un patto per ulteriore immigrazione - www.altreinfo.org

E ora le Nazioni Unite vogliono rifilarci un patto per ulteriore immigrazione

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

A dicembre si terrà a Marrakech la conferenza per adottare il Patto Globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare. Le Nazioni Unite hanno chiesto di fare di tutto per proseguire i loro piani di multi cultura a tutti i costi. Il 14 luglio 2018 hanno concordato la carta per le regole della migrazione globale e questa verrà firmata in Marocco l’ 11 dicembre 2018. Nel testo la migrazione viene rappresentata come opportunità e destino. I firmatari si obbligano a promuovere l’abbattimento delle barriere, a eliminare gli intolleranti e chi critica l’immigrazione di massa e a perseguirli penalmente. Nel patto si parla esplicitamente di 250 milioni di immigrati verso l’Europa.

Vero è che il patto dal punto di vista del diritto internazionale non è vincolante, ma parla in modo esplicito di legami ed impegni. USA, Ungheria e Australia si sono rifiutati di firmarlo. La Svizzera ora sta muovendo critiche.

L’ONU vuole dirci che non esistono soluzioni alternative alla immigrazione di massa. Loro vogliono negoziati per portarci a un diritto internazionale e a una governance sovranazionale del fenomeno migratorio, dove però verrà ristretta la nostra libertà d’azione e la sovranità.

Tic Tac Tic Tac dicembre arriva molto velocemente e “loro” sono generosi: a Natale i regali devono essere grossi e grandi.

 

https://www.diplomaziaitaliana.it/immigrazione-onu-contro-i-popoli/

https://www.bbc.com/news/uk-politics-18519395

http://www.un.org/esa/population/publications/migration/migration.htm

https://refugeesmigrants.un.org/sites/default/files/180713_agreed_outcome_global_compact_for_migration.pdf

https://www.blick.ch/news/politik/einwanderung-waere-nicht-mehr-kontrollierbar-svp-wehrt-sich-entschieden-gegen-uno-migrationspakt-id8849868.html

http://www.un.org/esa/population/publications/ReplMigED/Italy.pdf

 

***
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Alert: Content is protected !!