www.altreinfo.org - Pagina 3 di 141 -

Sito di controinformazione

Sperimentazione sociale: in Argentina chi non è in regola coi vaccini non può rinnovare i documenti, nemmeno la patente

Come abbiamo già detto in un altro articolo, l’Argentina è un paese ai margini dell’Impero, completamente controllato dalla finanza predatoria, la stessa che controlla l’intero Occidente. Come tutti i paesi marginali, si presta ad attuare sperimentazioni sociali e ad introdurre novità legislative, per verificare come reagisce la società. Da quest’anno, grazie ad una legge approvata alla fine del 2018, in Argentina, per rinnovare i documenti, quali ad esempio la carta d’identità, il passaporto, la patente, è necessario presentare il CUV (Certificato Unico Vaccinazioni), con tutte le vaccinazioni in regola. Il...

Viaggi della speranza: il grande inganno dei migranti che attraversano il Mediterraneo coi gommoni. Elena Dorian

Questo è uno dei tipici gommoni che vengono soccorsi a 60 miglie nautiche dalla costa libica. Di solito portano almeno un centinaio di migranti. Ora, sembra incredibile che gommoni di questo tipo, con motori sottodimensionati, siano in grado di portare un carico del genere per 111 km. Si tratta di almeno dieci ore di navigazione. Basterebbe un’onda leggermente più alta o un movimento sbagliato di qualche migrante per ribaltare il tutto. Pura fantasia, ad uso di giornaloni immigrazionisti e TV. Tanto più che la maggior parte dei migranti non sa...

I padroni del mondo. Roberto Gallo

In relazione alla importantissima – e recente – mossa con la quale la “ banca delle banche” cioè la BIS (Bank for International Settlements) impone al settore bancario mondiale di rimettere l’oro alla base di un possibile sistema di garanzia (ritorno al “gold standard” parziale), possono essere utili, per una piena comprensione del sistema di potere, le seguenti informazioni. Quattro banche americane (Bank of America, JP Morgan Chase, Citigroup, Wells Fargo) detengono i quattro giganti del petrolio (Exxon Mobil, Royal Dutch/Shell, BP Amoco e Chevron Texaco) assieme ad altre banche europee – in misura minore Deutsche...

L’eutanasia e il futuro che verrà. Elena Dorian

In Olanda, nel 2016 hanno fatto ricorso all’eutanasia 6672 persone, 6585 nel 2017. Secondo le statistiche ufficiali olandesi riferite al 2016, il 13% hanno un’età compresa fra 17 e 65 anni, il 46% tra 65 e 80 anni, il 41% hanno più di ottant’anni. Per ottenere l’eutanasia non occorre essere malati terminali. Solo il 30% lo sono. Il Sistema Sanitario olandese è interamente in mano ai privati. Le assicurazioni che gestiscono la sanità forniscono questo tipo di “servizio” gratuitamente agli ultrasettantenni ed alle persone bisognose. In sostanza, i poveri e...

L’invasione dei Trojan, i file “malevoli” amati dalle procure. Giulia Merlo

L’ultima “vittima” è stata l’ex governatrice umbra. Si installa in tutti i dispositivi mobili trasformandoli in microspie portatili registrano audio, messaggi e fotografie dell’indagato che non ha più nessun segreto L’ultima in ordine di tempo a incappare nel loro utilizzo a fine giudiziari è stata l’ormai ex presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini. L’inchiesta sulla sanità in regione e sui presunti scambi di favori per le nomine di persone amiche si regge principalmente su intercettazioni: telefoniche, ambientali e attraverso il cosiddetti Trojan horse. Questo strumento di indagine, che in gergo...

Tpp, Ttip e Tisa: la grandissima Trinità, ultima arma del sionismo imperiale. Cristina Amoroso

Nella patria dell’Umanesimo e del Rinascimento ci chiediamo che cosa ci è rimasto per poter ripensare ciò che è accaduto e ciò che non è stato combattuto e prendere in considerazione ciò che può accadere, e cosa combattere. I fatti sono veri e le proposte provenienti dal futuro sono già qui. Si intravede il futuro che ci permette di esplorare che cosa fare e come. In primo luogo ci porta a guardare il tempo in cui viviamo al seguito del complesso politico-militare-mediatico-econimico degli Stati Uniti d’America. Subito ci rendiamo conto...

I modelli sociali della TV spazzatura. Tra mediocrità ed eterni adolescenti. Enrica Perucchietti

Una delle regole auree della manipolazione e del controllo sociale è la tecnica volta a stimolare il pubblico a essere compiacente con la mediocrità. Specchio del lato peggiore e più volgare della nostra società, si stanno imponendo modelli (sulla falsariga estera) di uomini e donne sguaiati, ignoranti, violenti, mostruosamente rifatti e gretti in modo da aumentare la morbosità del pubblico e sdoganare comportamenti sempre più mediocri. Sta cioè andando in onda lo spettacolo della banalità: un modo per distrarre l’opinione pubblica dai problemi che assillano il Paese e per imporre nuovi costumi...

Da sovranista a globalista: Jovanotti e la coerenza delle idee. L’isola che non c’è. Elena Dorian

Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, che oggi vive tra Cortona e New York, in una sua famosa lettera indirizzata a Repubblica scriveva queste dure parole contro la globalizzazione: La globalizzazione è la faccia moderna della colonizzazione, la colonizzazione è quel capitolo della storia che si pensava chiuso con tutte le sue terribili conseguenze davanti agli occhi di tutti. La globalizzazione è la forma moderna di sfruttamento dell’uomo sull’uomo, seppure la parola abbia un aspetto così perbene, detta da qui. La parola globalizzazione ha questo suono neutro che la rende più...

Soprattutto i ricchi piangono: il vittimismo delle oligarchie globaliste al potere. Comidad

La vera notizia di queste ultime elezioni non è il previsto trionfo di Salvini, quanto la sopravvivenza politica del PD, il quale vede finalmente esaurirsi l’effetto Renzi. Nelle elezioni europee di cinque anni fa, Renzi aveva condotto il PD al suo massimo storico, poi, nel giro di qualche anno lo ha condotto al minimo storico. Da quella vicenda Salvini dovrebbe trarre una lezione sia sul carattere volatile dei successi elettorali, sia sull’illusorietà del voler trasferire il risultato delle elezioni europee alle politiche, dove vota un 20% in più di elettori....

I Minibot non creano debito e aiutano l’economia, ma innervosiscono i mercati (cioè le banche). Alberto Rovis

Lo Stato italiano deve alle imprese circa 58 miliardi di euro e molte imprese falliscono proprio perché non riescono ad incassare questi crediti. E’ un controsenso: lo Stato insolvente costringe le imprese al fallimento. La Commissione Finanze ha quindi approvato all’unanimità una mozione che invita lo Stato a pagare i propri debiti alle imprese, ricorrendo anche all’emissione di titoli di piccolo taglio, i cosiddetti Minibot. I mercati (cioè le banche) però si sono innervositi, e parte di quelli che in un primo momento avevano votato a favore si sono scusati...

Il dilemma degli Stati Uniti: scegliersi un nemico tra Russia e Cina. Gaetano Colonna

Sta maturando sempre più negli Usa la discussione sul quale potenza straniera rappresenti il vero pericolo per l’egemonia mondiale americana. La discussione è tanto più interessante in quanto riprende temi classici della politica imperiale statunitense. La linea Brzezinski Da una parte la linea più tradizionale, quella che si ispira alle idee di uno dei più influenti strategists della politica internazionale americana, Zbigniew Brzezinski, intramontabile consigliere dei presidenti da Lyndon B. Johnson a Jimmy Carter, che nel 1997 aveva affermato che la maggiore minaccia per gli interessi a lungo termine degli...

Trieste, la nave d’assalto dei nuovi crociati. Manlio Dinucci

Alla presenza del Capo della Stato Sergio Mattarella, del ministro della Difesa Elisabetta Trenta, del ministro dello sviluppo economico Luigi di Maio, e delle massime autorità militari, è stata varata il 25 maggio nei Cantieri di Castellammare di Stabia (Napoli) la nave Trieste, costruita da Fincantieri. È una unità anfibia multiruolo e multifunzione della Marina militare italiana, definita dalla Trenta «perfetta sintesi della capacità di innovazione tecnologica del Paese». Lunga 214 metri e con una velocità di 25 nodi (46 km/h), ha un ponte di volo lungo 230 metri per...

Strategia della distrazione. Miracoli e circensi per distrarre le masse. Enrica Perucchietti

In Ritorno al mondo nuovo Aldous Huxley notava come i potenti avessero capito che per controllare le masse fosse necessario agire sull’«appetito pressoché insaziabile di distrazioni» che prova l’uomo. Insomma, basta offrire sufficiente pane e circensi, miracoli e misteri per tenere soggiogati i cittadini. Gli attuali governi continuano ad affamare le masse, ma sicuramente sono bravi a distrarle con notizie artefatte, emergenze create a tavolino e soprattutto con lo spettacolo. Torniamo così alla strategia della distrazione. Si tratta dell’elemento principale del controllo sociale e consiste nel deviare l’attenzione del pubblico...

Ma le razze umane, ci sono o non ci sono, esistono o non esistono? Alba Giusi

Gli esseri umani possono essere suddivisi in razze? E’ una domanda alla quale è difficile rispondere in modo certo e sicuro, molti dicono di si, altri dicono di no. La cosa importante, al di là delle proprie convinzioni, è rispettare questo fondamentale principio, sancito dall’articolo 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo: «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.» Affermato questo basilare principio, disatteso da...

La Magistratura, inquisitori mai inquisiti. Tra buchi nell’acqua, gogna mediatica e inutili polveroni. Giorgio Lunardi

La Magistratura, dopo anni di intercettazioni telefoniche ed ambientali, al modico costo di qualche miliardo di euro, ogni tot anni, sancisce chi è corrotto e chi no. O meglio, trova alcuni corrotti, o presunti tali, e li espone al pubblico ludibrio ed alla gogna mediatica, suscitando immani quanto inutili polveroni. Di solito poco prima delle elezioni. Ma questa è soltanto una coincidenza. Il costo a carico dello Stato per questo lavoro certosino, visti gli intercettati, gli indagati e i condannati, può essere quantificato in 60/80 milioni di euro per ogni fascicolo...

error: Alert: Content is protected !!