www.altreinfo.org - Pagina 4 di 101 -

Informazione libera

La Rivoluzione Francese e la scristianizzazione della Francia. Paolo Germani

Nella fase iniziale della Rivoluzione Francese ci si poteva aspettare che venissero confiscati i beni della Chiesa o almeno una parte di essi, con l’obiettivo di reperire nuove risorse finanziarie, visto l’enorme debito pubblico contratto dal Regno per far fronte alle varie guerre, in primis la guerra anglo-francese. Non c’era però alcun motivo per cui la Rivoluzione Francese dovesse scontrarsi con la fede cristiana, fino a trasformarsi in una vera e propria persecuzione dei cristiani, perdendo per strada ogni altra...

La comicità involontaria del politicamente corretto: la Cnn degrada le donne a “individui con la cervice”. Matteo Cassol

Contrordine, compagne femministe, semplici detentrici di cromosomi XX e antiquatissimi amanti della categoria: ora anche scrivere o dire “donne” è offensivo. La conferma è arrivata dalla Cnn, che, in un testo che parlava di prevenzione ginecologica, ha pensato bene di rivolgersi agli “individui con una cervice” e di non scrivere “donne” o “donna” in alcuna parte di un articolo di poco meno di seicento parole sulla salute delle donne e in particolare sul cancro all’apparato riproduttivo femminile. Sembra una delle geniali fake news di siti...

Il piano Lindemann, l’ebreo tedesco che voleva distruggere tutte le città del Reich. Paolo Germani

E’ sorprendente l’odio che negli anni trenta molti ebrei tedeschi nutrivano non solo verso Adolf Hitler e il regime nazista, il ché è comprensibile, ma anche e soprattutto verso il popolo tedesco, che non era mai stato ostile con gli ebrei e ne aveva accolti centinaia di migliaia. Ne citiamo solo alcuni: Theodore Kaufmann, Louis Nizer, Henry Kissinger, Henry Morgenthau, Friedrich Lindemann, Ernest Hooton, Robert Kempner, ma sono davvero tanti se comprendiamo anche quelli che lavorarono alla bomba atomica americana,...

Il terrorismo psicologico sta rompendo i legami sociali. Anya Lai

Queste sono le indicazioni che compaiono nelle stazioni ferroviarie. Ci chiedono di rispettare la distanza sociale. Ciò che dobbiamo rispettare è in realtà la distanza fisica interpersonale e non quella sociale, che è cosa ben diversa. Eppure questa confusione di linguaggio, molto subdola e fuorviante, è pressoché onnipresente. E di sicuro non è casuale. C’è in realtà una notevole pressione mediatica che ci spinge ad isolarci e ad avere paura di un qualcosa che non riusciamo a controllare. Ci dicono...

Prove di regime: i pieni poteri, la intolleranza dei tolleranti, la ferocia dei “buoni”, il silenzio-assenso di Mattarella. Max Del Papa

Ci sono gli aspetti eclatanti, costituzionali – anzi, anticostituzionali – di un regime in fieri: i pieni poteri, la reiterazione del terrore emergenziale, gli oppositori spediti a processo, la censura sulle risoluzioni del sinedrio virologico. E poi ci sono le spie, i segnali che passano e vanno ma non sono meno gravi, meno allarmanti: questi propedeutici a quelli. Frutto apparente di sventatezza, di avventurismo ma forse è il contrario, una tortura sottile, autorigenerante, una pressione psicologica continua e metodica. Ci...

simonino, pasque di sangue ariel toaff

Pasque di sangue, gli omicidi rituali imputati agli ebrei durante il Medioevo. Paolo Germani

Gli omicidi rituali di bambini cristiani, durante la Pasqua ebraica, furono una delle accuse più infamanti che vennero mosse agli ebrei durante il Medioevo. Ci furono molti processi finiti con la condanna a morte di ebrei in tutta l’Europa, come ad esempio quello di Landshut, in Baviera, dove cinquantacinque ebrei furono bruciati nel 1440 con l’accusa di aver ucciso un bambino o come a Trento, dove l’accusa di aver torturato, crocifisso ed evirato il piccolo Simonino, un bambino di due...

operazione catapult, churchill ordinò l'affondamento della flotta frances

Operazione Catapult: 1940, le bombe di Churchill sugli ex alleati francesi

Nel 1940, a pochi giorni dalla disfatta di Dunkerque, Winston Churchill diede ordine di affondare le navi disarmate francesi, che erano ormeggiate in Algeri (operazione Catapult). Morirono 1300 marinai francesi, molti dei quali avevano partecipato pochi giorni prima all’evacuazione dei soldati inglesi accerchiati dai tedeschi a Dunkerque. Il governo francese valutò la possibilità di rientrare in guerra, questa volta insieme alla Germania. La storia non ebbe questo seguito, ma i francesi non dimenticarono mai l’attacco ordinato da Churchill, considerato un...

L’attacco alla cristianità, un cliché di tutte le rivoluzioni. Elena Dorian

Chissà perché ogni volta che c’è una rivoluzione, piccola o grande che sia, va sempre in scena un attacco alla cristianità e ai simboli cristiani, come se questo attacco facesse parte del cliché rivoluzionario. Non fa eccezione la rivoluzione colorata inscenata negli Stati Uniti, una specie di rivoluzione nera che vede in prima linea i Black Lives Matter e gli Antifa. La priorità delle folle inferocite è quella di distruggere i simboli della cristianità, poi viene il resto. Anzi, qualche...

Scuola: campi di concentramento del Terzo Millennio. Marcello Pamio

Rimango sempre sconvolto dal fatto che molti genitori non si scompongono minimamente all’idea di portare a settembre i propri figli nei Gulag di seconda generazione! La loro coscienza è tranquilla perché hanno sempre pronta la giustificazione del lavoro. Siccome devono produrre (per pagare le rate del plasma da 50 pollici o le rate del viaggio a Sharm el Sheikh) non possono mica tenerli a casa, per cui: museruola in faccia al piccolo, gel disinfettante sulle mani, zainetto in spalla e...

Vandea, il primo genocidio della storia moderna. In nome della libertà, l’eguaglianza e la fratellanza

Il genocidio della Vandea è il marchio infamante di una rivoluzione che voleva cambiare il mondo. La Rivoluzione Francese, partita col motto “Liberté, Égalité, Fraternité”, ha compiuto, strada facendo, un vero e proprio sterminio, pianificato e legalizzato. In Vandea, su 650mila abitanti, 250mila furono sterminati. “Westermann galoppa alla testa dei suoi uomini folli di furore e di sangue. Si riuniscono i prigionieri a centinaia, e la fucileria crepita, le baionette lavorano. Alle donne furono riservati i trattamenti più terribili. Si...

I peccati della Rivoluzione Francese: il genocidio della Vandea

Molti eventi storici andrebbero riesaminati, gettando nuova luce sugli aspetti più controversi. Uno di questi è la Rivoluzione Francese, di cui ci sono almeno due aspetti oscuri che andrebbero riconsiderati e approfonditi. Il primo è la devastazione della Vandea, un vero e proprio genocidio. Il secondo è la scristianizzazione della Francia. I rivoltosi identificarono nella cristianità, e soprattutto nel cattolicesimo, il principale nemico da eradicare. Eppure, la religione Cattolica non sembra affatto incompatibile col ben noto motto della rivoluzione, “Liberté,...

Le bugie sulla Seconda Guerra mondiale. Paul Craig Roberts

All’indomani di una guerra, non è possibile scriverne la storia. Chi ha perso non ha nessuno con cui parlare mentre gli storici della parte vincente sono condizionati da anni e anni di propaganda bellica intesa a demonizzare il nemico e a nascondere i crimini di guerra commessi dai “giusti” vincitori. Le persone vogliono godersi la vittoria e non possono sapere se il proprio paese è stato responsabile dello scoppio della guerra o se la guerra stessa avrebbe potuto essere evitata,...

Il Presidente Lyndon Johnson, Israele e gli ebrei: l’olocausto del Vietnam fu una guerra per Sion? Paolo Germani

Lyndon B. Johnson non è stato un presidente molto amato dagli americani, soprattutto a causa del suo impegno nel Vietnam. E’ invece il presidente americano più amato dagli israeliani e dagli ebrei in generale. In effetti, fu Johnson, come leader della maggioranza del Senato, a ostacolare i piani di Dwight Eisenhower, quando era presidente degli Stati Uniti, di tagliare gli aiuti a Israele. Fu anche il primo presidente americano a invitare un primo ministro israeliano, Levi Eshkol, in visita di...

anima collettiva del popolo ebraico

L’anima collettiva del Popolo Ebraico. Elena Dorian

La religione ebraica, a differenza di tutte le altre religioni, non prevede un’altra vita, al di fuori di questa. Non ci sono compensazioni o premi, dopo la morte. Gli ebrei non hanno un’anima immortale. Dalla terra provieni e nella terra tornerai, questo è quello che dicono le sacre scritture del popolo ebraico. Per gli ebrei non c’è quindi un aldilà, ma soltanto una vita terrena che essi devono dedicare alla realizzazione del disegno di Yahweh. I premi e le compensazioni...

Italexit: ci possiamo fidare dei nuovi sovranisti?

VIDEO. Una ventina d’anni fa un ispirato Beppe Grillo. nei suoi spettacoli esilaranti, parlava di sovranità monetaria, signoraggio, banche, strozzinaggio, usura, ecc. ecc. Ne aveva per tutti. E il Movimento 5 Stelle fece propri tutti questi elementi di rottura col sistema. Era un Movimento sovranista, no-vax, no-euro, no-UE, no-finanza. Dopo aver raccolto un terzo dei voti degli italiani, il Movimento entra nel governo e cambia completamente faccia. Non si era mai verificato nella storia della Repubblica che un Movimento, forte...

error: Alert: Content is protected !!