L’intervista di Paul Craig Roberts all’American Herald Tribune - www.altreinfo.org

L’intervista di Paul Craig Roberts all’American Herald Tribune

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

AHT: Lei crede che nessun accordo con Washington possa essere ritenuto degno di fiducia; che cosa ci insegna la storia a questo proposito?

PCR: C’è una maglietta con la scritta: “Certo che puoi fidarti del governo, chiedi agli Indiani.” Alcuni governi sono più degni di fiducia di altri. Reagan, per esempio, aveva detto che avrebbe posto termine alla stagflazione e lo ha fatto. Reagan avevava detto che avrebbe terminato la guerra fredda e lo abbiamo fatto. Eisenhower ci aveva messo in guardia sul pericolo che rappresentava per la democrazia il complesso militare industriale, e noi abbiamo ignorato l’avvertimento.

Sembra che, quando c’è la possibilità di ritagliarsi grosse fette di potere e il governo è nelle mani di persone che perseguono programmi politici occulti, questi programmi vengono portati avanti con l’inganno. Per esempio, la “guerra al terrore” è in realtà una guerra contro quei paesi mussulmani che hanno una politica estera indipendente dai voleri di Washington e di Israele; è una guerra alle libertà civili degli Stati Uniti, ma è anche una guerra a quelle nazioni del Medio Oriente che ostacolano l’espansionismo territoriale di Israele. Ma Washington finge che sia una “guerra per la democrazia,” una “guerra per la libertà dal terrorismo, “ ecc.

I Russi hanno imparato, o avrebbero dovuto farlo, che, per Washington, nessun accordo è significativo. Quando la Russia aveva acconsentito alla riunificazione della Germania, le era stato promesso che la NATO non si sarebbe spostata di un centimetro verso est, ma l’amministrazione Clinton ha portato la NATO fino alla frontiera con la Russia. L’amministrazione Bush ha buttato nel cesso il trattato Anti-ABM e la Russia è ora minacciata dalle batterie dei missili antibalistici che si trovano a ridosso dei suoi stessi confini.

Non bisogna sforzarsi troppo per vedere che la parola di Washington, nella maggior parte dei casi, non vale nulla.

AHT: Perchè chiama gli stati europei “vassalli?” Quali sono i costi per gli Europei?

PCR: Tutta l’Europa, il Canada, la Gran Bretagna, l’Australia, il Giappone e la Corea del Sud sono vassalli di Washington. Ad essi non è consentito avere una politica estera o economica indipendente. L’Europa, per sempio, non ha nessun interesse a mettersi in conflitto con la Russia, ma è costretta a farlo da Washington. La NATO, l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico, che, dopo la scomparsa dell’Unione Sovietica non aveva più scopo di esistere, serve ora come copertura ai crimini di guerra di Washington in Medio Oriente, in Serbia e in Nord Africa. Tutti i leaders europei, con l’eccezione di Charles de Gaulle, [hanno servito e] servono Washington, non i loro popoli. Nessuno dei vassalli di Washington è uno stato sovrano. Se, per esempio, la Francia fosse uno stato sovrano, sarebbe una decisione tutta francese permettere, o no, che una banca francese presti denaro alle aziende che intrattengono attività commerciali con l’Iran. Ma la Francia non è uno stato sovrano e il maggiore istituto di credito francese è stato costretto a pagare miliardi di dollari di penale a Washington per aver finanziato società che facevano affari con l’Iran. Un altro esempio è quello dei cantieri navali francesi che avevano un contratto con la Russia per la costruzione di navi militari, navi che non hanno potuto consegnare per l’opposizione di Washington. Più o meno una settimana fa, il governo tedesco è stato informato da Washington che, se avesse collaborato con la Russia alla costruzione del gasdotto Nord-Stream 2, sarebbe stato colpito da sanzioni.

Gli esempi sono infiniti.

AHT: Lei ha più volte criticato la Russia per aver cercato di blandire Washington; crede che Russia voglia scendere a compromessi?

PCR: Non ho mai criticato la Russia per aver offerto l’altra guancia nel tentativo di raggiungere un accordo con Washington. Rispetto i tentativi della Russia per evitare la guerra. Mi sono chiesto se questi sforzi siano in grado di evitare una guerra o se invece rischino di provocarla. Ho espresso la preoccupazione che la grande resistenza di Putin agli insulti ed alle provocazioni finisca con l’attirarne ancora di più, fino al punto che l’unica alternativa rimasta alla Russia sarebbe la guerra. Ho suggerito che, forse, un atteggiamento più fermo da parte della Russia manderebbe un messaggio di allarme all’Europa sull’aggressività di Washington e potrebbe costringere gli Europei ad adottare nei confronti della Russia una politica più indipendente, che ridurrebbe le probabilità di un conflitto armato.

AHT: Riuscirà la Russia a stare in bilico fra Iran ed Israele, in Siria?

PCR: Se il governo russo non riuscirà a capire che la politica di Washington in Medio Oriente è determinata da Israele, allora il governo russo è completamente fuori di testa. Israele vuole destabilizzare la Siria e l’Iran perché queste due nazioni sostengono gli Hezbollah, la milizia libanese che ha frustrato per ben due volte i tentativi israeliani di occupare il Libano meridionale. Israele vuole le risorse idriche di quella regione. Se Israele riuscisse ad utilizzare l’esercito americano per togliere di mezzo i propri avversari, porterebbe avanti il suo progetto senza incontrare ostacoli.

Il governo russo si rende sicuramente conto che un Iran destabilizzato è una minaccia per la Russia anche più grande di una Siria destabilizzata.

AHT: In una sua frase famosa lei ha detto: “La Russia potrà entrare a far parte dell’Occidente solo se si arrenderà all’egemonia di Washington.” Ce la può spiegare?

PCR: Gli Stati Uniti sono un impero che, come quello di Roma, tollera con molta difficoltà le nazioni indipendenti. Le basi della politica estera degli Stati Uniti erano state formulate nel 1991 dall’allora Capo del Pentagono Paul Wolfowitz. Conosciuta come “Dottrina Wolfowitz” (reperibile su Internet), definisce come scopo principale della politica americana la prevenzione della crescita di qualsiasi nazione, in modo particolare della Russia, che possa in qualche modo ostacolare l’unilateralità di Washington. La Dottrina Wolfowitz è pienamente in vigore ed è la ragione per cui la Russia e il suo presidente sono stati demonizzati con oltraggiose bugie e false accuse, fin da quando la Russia aveva bloccato la prevista invasione della Siria (voluta da Obama) e il bombardamento dell’Iran. I Neoconservatori sono furiosi perché la Russia (e la Cina) hanno raggiunto un livello militare tale che permette loro, uniche nazioni al mondo, di non doversi piegare ai voleri di Washington.

AHT: Qual’è il modo migliore per trattare con gli Stati Uniti?

PCR: Il modo migliore per Russia, Cina, Iran e Corea del Nord di trattare con Washington è ignorare Washington e andare per la propria strada. Devono sganciarsi completamente dai sistemi occidentali che vengono usati per tenerli sotto controllo, dal sistema di compensazione SWIFT, dall’Internet con i server in America, dall’uso del dollaro americano come moneta di riserva, dal pareggio di bilancio nelle banche occidentali, dall’accettazione, all’interno dei propri confini, delle ONG finanziate dall’Occidente, dei media di proprietà straniera, dei capitali e delle banche occidentali nella propria economia. La maggior parte di questi avvertimenti riguarda la Russia e la Cina. La Corea del Nord è un paese chiuso, ma l’Iran è parzialmente aperto, come si è potuto vedere alcuni anni fa dai tentativi, sponsorizzati dagli Stati Uniti, di dar vita ad una “Rivoluzione Verde.”

Se volete sapere la verità, la propaganda americana è stata, fin dalla Seconda Guerra Mondiale, la forza più di successo in tutto il mondo. In tutte le nazioni, con l’eccezione forse della Corea del Nord, ci sono persone, compresi gli uomini politici, che credono alla propaganda americana. Vogliono solo copiare i successi magnificati dalla propaganda americana.

AHT: Lei ha scritto in precedenza: “Il problema di Washington con l’Iran non è mai stato il programma nucleare iraniano.” Allora, qual’è?

PCR: Washington ha due problemi con l’Iran. Il primo è che l’Iran è una nazione sovrana che contrasta la politica degli Stati Uniti. L’altro problema è che l’Iran è sulla strada di Israele. L’Iran sostiene gli Hezbollah e gli Hezbollah impediscono ad Israele l’annessione del Libano meridionale.

AHT: Una settimana prima della firma dell’accordo sul nucleare iraniano lei aveva scritto: “Il finto problema del nucleare serve a mascherare l’intenzione di Washington di abbattere l’indipendenza dell’Iran; finora il governo e i media iraniani hanno seguito le indicazioni di Washington e dei suoi organi di stampa venduti nell’accettare come vera una questione in realtà fittizia. Se l’Iran sopravviverà, sarà un miracolo.” Crede ancora che l’Iran abbia commesso un errore firmando l’accordo? E’ cambiato qualcosa da allora?

PCR: Non ho detto che l’Iran aveva fatto un errore firmando l’accordo. Indubbiamente, l’Iran non aveva scelta. Se l’Iran non avesse firmato il trattato avrebbe gettato al vento la protezione fornitagli dalla Russia. Avevo semplicemente avvertito l’Iran sul fatto che Washington non avrebbe tenuto fede agli accordi e ne sarebbe uscita il più in fretta possibile. Evidentemente avevo ragione. Una delle prime azioni di Trump è stata proprio quella di ritirarsi dall’accordo internazionale sul nucleare iraniano e minacciare di sanzioni gli altri firmatari, se non si fossero anch’essi ritirati dell’accordo.

Nel caso dell’Iran, Trump fa gli interessi di Israele, che lo comanda a bacchetta. Ogni persona sulla Terra con un minimo di cognizione sa che l’Iran non ha un progetto per la costruzione di armi atomiche e che, anche secondo la CIA, ha rinunciato molti anni or sono ad un simile programma di armamento. L’Iran ha tenuto fede agli accordi che ha firmato. Sono gli Stati Uniti che si sono rifiutati di farlo. Il problema è se Gran Bretagna, Francia e Germania staranno ai patti o faranno il contrario, così come ordinato da Washington. E’ chiaro che Russia e Cina, a meno che i loro due governi non impazziscano, terranno fede all’accordo.

AHT: Che suggerimenti pratici darebbe agli Iraniani per controbilanciare il ritiro statunitense dall’accordo?

PCR: La mia risposta a questa domanda è praticamente identica a quella di una domanda precedente: l’Iran dovrebbe sganciarsi completamente dall’Occidente.

L’Iran dovrebbe perseguire accordi di cooperazione militare con l’alleanza russo-cinese. L’Iran dovrebbe usare gli introiti petroliferi per i servizi sociali di base dei suoi cittadini e per investimenti in Russia, Cina e, tramite la Cina, nelle altre economie asiatiche. L’Iran dovrebbe capire che il credo religioso è una questione interna della nazione, che non va esportato e dovrebbe concentrarsi sul compito di rendere l’Iran un paese felice. Visto che è sotto attacco da parte degli Stati Uniti e di Israele, l’Iran ha assolutamente bisogno del sostegno della sua gente e questo significa che l’Iran non può essere governato come l’America e non può permettersi una politica che favorisca solo i ricchi e i benestanti.

L’Iran, come la Russia, sta cercando di creare una popolazione moralmente elevata, immune alla depravazione dell’Occdente.

Il problema è se i Russi e gli Iraniani potranno resistere alla dissolutezza dell’Occidente e segnare la via per il futuro.

 

Paul Craig Roberts

Tratto da: https://comedonchisciotte.org/

Fonte: ahtribune.com

Link: https://ahtribune.com/world/2317-paul-craig-roberts.html

Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

***

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!