L'anima collettiva del Popolo Ebraico. Elena Dorian - www.altreinfo.org

L’anima collettiva del Popolo Ebraico. Elena Dorian

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

La religione ebraica, a differenza di tutte le altre religioni, non prevede un’altra vita, al di fuori di questa. Non ci sono compensazioni o premi, dopo la morte. Gli ebrei non hanno un’anima immortale.

Dalla terra provieni e nella terra tornerai, questo è quello che dicono le sacre scritture del popolo ebraico.

Per gli ebrei non c’è quindi un aldilà, ma soltanto una vita terrena che essi devono dedicare alla realizzazione del disegno di Yahweh. I premi e le compensazioni sono di questa terra ed è Yahweh che li decide, in base a come l’ebreo si è comportato, a quanto è stato utile al suo progetto di dominio sugli altri popoli della Terra e sui loro dei, o funzionali al suo disegno. Yahweh decide il bene e il male, la ricompensa e la pena, la gioia e la sofferenza. Gli ebrei hanno una sola certezza: devono far proprio il progetto di Yahweh e contribuire a realizzarlo.

Il dio degli ebrei non aspira a costruire un regno Celeste, non è interessato. Yahweh vuole un regno in questa terra, un regno materiale che domini su tutti gli altri.

Yahweh non ha concesso agli ebrei un’anima individuale, ma ha concesso loro un’anima collettiva: l’anima del popolo ebraico, l’anima di Israele, che si fonde in lui e si fa essa stessa dio. Quindi, ogni ebreo è parte di dio, immortale in quanto tale, ed è parte attiva in questo disegno di potere terreno fortemente voluto da Yahweh.

Non c’è castigo dopo la morte. Non ci può essere perché non c’è nulla dopo la morte. Ma ogni ebreo che muore fonde la propria anima in quella del popolo ebraico, si fonde in dio e in questo continua ad esistere. E il buon ebreo deve fare tutto il possibile perché il disegno di Yahweh si realizzi. Generazione dopo generazione. Vita dopo vita.

Questa è la grande forza del popolo ebraico. Possono spezzarlo, disperderlo, devastarlo, sconfiggerlo, ma dopo qualche generazione il popolo ebraico si ricompone e torna a perseguire con forza il disegno di Yahweh, come se nulla fosse successo. L’unico grande obiettivo che hanno gli ebrei in questa Terra, l’unico motivo per cui sono nati, è realizzare il disegno di Yahweh, che è il loro dio, di cui ogni ebreo fa parte, in cui ogni ebreo si riconosce e identifica. Se un ebreo si discosta dai piani di Yahweh smette di essere un ebreo.

Questo rapporto con dio e il conseguente asservimento ai suoi obiettivi sono due elementi fondamentali per comprendere la storia moderna.

anima collettiva del popolo ebraico

Gli aggressori muoiono, ma l’ebraismo sopravvive

Così scriveva Henry Ford nel libro “L’Ebreo internazionale, il problema più importante del mondo”, pubblicato nel 1920:

“Una caratteristica eccezionale della razza ebraica è la sua persistenza. Ciò che non può raggiungere questa generazione, lo raggiungerà la prossima. Sconfiggila oggi, non rimane sconfitta; i suoi conquistatori muoiono, ma l’ebraismo continua, senza mai dimenticare, senza mai deviare dal suo antico obiettivo di controllo del mondo in una forma o nell’altra”.[1]

Henry Ford scriveva queste parole prima che gli ebrei dovessero affrontare una delle prove più importanti della loro storia: Adolf Hitler e l’ideologia nazista. La storia per l’ennesima volta è confermata:

“i suoi aggressori muoiono, ma l’ebraismo continua”.

Anzi, l’ebraismo è molto più forte di prima.

In effetti, nessun altro popolo è stato capace di perseguire con tale perseveranza un obiettivo incrollabile, passo dopo passo per molte generazioni – cento generazioni se facciamo risalire il progetto sionista al periodo dell’esilio babilonese. Gli ebrei si trovano spesso divisi su questioni cruciali e coinvolti in movimenti radicalmente opposti; eppure, alla fine, anche i loro antagonismi fanno progredire sinergicamente il loro obiettivo comune. Si possono trovare molti esempi della straordinaria capacità delle élite ebraiche di separarsi come un branco di pesci e poi riunirsi al momento del bisogno.

anima collettiva del popolo ebraico

La Bibbia ebraica è materialistica?

Il rabbino americano Harry Waton aveva una teoria particolare per spiegare l’unità organica, la persistenza e il progresso degli ebrei. Egli scrisse nel suo Programma per gli ebrei, pubblicato nel 1939:

“La religione ebraica è intensamente materialista ed è proprio questo che le ha dato persistenza ed efficacia.

Gli ebrei sono diversi da tutte le altre razze e popoli a causa del giudaismo; Giudaismo si differenzia da tutte le altre religioni a causa di Yahweh; e Yahweh si differenzia da tutti gli altri dei.

Tutti gli altri dei dimorano in cielo. Per questo motivo, tutte le altre religioni si preoccupano del cielo, e promettono ogni ricompensa in cielo dopo la morte. Per questo motivo, tutte le altre religioni negano la terra e il mondo materiale e sono indifferenti al benessere e al progresso dell’umanità su questa terra. Ma Yahweh scende dal cielo per abitare su questa terra e per incarnare se stesso nell’umanità. Per questo motivo l’ebraismo si preoccupa solo di questa terra e promette ogni ricompensa proprio qui e non altrove.

Il Regno di Dio deve essere realizzato proprio qui, su questa terra.

“Gli ebrei che hanno una comprensione più profonda del giudaismo sanno che l’unica immortalità che c’è per l’ebreo è l’immortalità nel popolo ebraico. Ogni ebreo continua a vivere nel popolo ebraico, e continuerà a vivere finché vivrà il popolo ebraico”.

Questo, spiega Waton, si basa sul Tanakh ebraico:

“La Bibbia parla di un’immortalità proprio qui sulla terra. In cosa consiste questa immortalità? Consiste in questo: l’anima continua a vivere e a operare attraverso i figli e i nipoti e le persone che discendono da loro. Così, quando un uomo muore, la sua anima è raccolta al suo popolo. Abramo, Isacco, Giacobbe, Mosè e tutti gli altri continuano a vivere nel popolo ebraico, e a tempo debito vivranno in tutto il genere umano. Questa era l’immortalità del popolo ebraico, ed è sempre stata nota agli ebrei”[2].

Questo è come dire che gli ebrei hanno un’unica anima immortale collettiva. E’ significativo che Israele sia l’unica nazione che porta il nome di una sola persona (a Giacobbe viene dato il nome di Israele in Genesi 32:29).

La comprensione di Waton dell’antropologia biblica è corretta? La risposta è sì. Il punto di vista di Waton era ed è ancora ampiamente condiviso dagli ebrei istruiti. Nel suo ultimo libro, Mosè e il monoteismo, anch’esso pubblicato nel 1939, Sigmund Freud ha giustamente sottolineato che, sulla questione dell’immortalità individuale, gli egiziani e gli israeliti erano all’opposto:

“Nessun altro popolo dell’antichità [quanto gli Egiziani] ha fatto così tanto per negare la morte, ha provveduto con tanta cura a un aldilà […]. La prima religione ebraica, invece, aveva completamente rinunciato all’immortalità; la possibilità di un’esistenza dopo la morte non è mai stata menzionata in nessun luogo”[3].

Non ci si aspetta un aldilà nella Torah. C’è invece una negazione implicita:

“Mangerai il pane con il sudore del tuo volto, finché ritornerai nella terra da cui fosti tratto; perché sei polvere e in polvere ritornerai».”, dice Yahweh ad Adamo (Genesi 3:19)[4]

Questa è una logica conseguenza del modo in cui “Yahweh ha plasmato l’uomo [Adamo] dal suolo della terra [Adamo] e gli ha insufflato la vita [ruah] nelle narici, e l’uomo è diventato un essere vivente” (2:7). La vicinanza tra Adamo, “uomo” e Adamo, “terra” o “terra”, rafforza l’idea.

Questo antispiritualismo biblico non deve essere spiegato come un tratto “primitivo” che dimostra la grande antichità della Bibbia ebraica, come se la credenza in un altro mondo dei morti fosse uno sviluppo tardivo nella storia delle idee religiose. Al contrario, la negazione ebraica dell’aldilà era legata al rifiuto di culti stranieri, che universalmente includevano una preoccupazione per l’aldilà.

anima collettiva del popolo ebraico

L’ebraicità come anima collettiva

Una “religione materialista” può sembrare una contraddizione. In effetti, è discutibile se il concetto di “religione”, come la maggior parte della gente oggi lo comprende, si applichi all’ebraismo biblico. L’evoluzione dell’ebraismo degli ultimi duemila anni è un’altra storia.

Nel periodo ellenistico, il dualismo greco-egiziano si è infiltrato nel pensiero ebraico. La Saggezza di Salomone, scritta in greco ad Alessandria nel primo secolo a.C., afferma che “Dio creò gli esseri umani per essere immortali” e critica coloro che “non credono in una ricompensa per le anime irreprensibili” (2, 22-23). Ma tali libri non sono mai entrati nel canone ebraico, poiché l’ebraismo rabbinico rifiutava vigorosamente qualsiasi cosa provenisse dalla Grecia. Inoltre, anche all’interno dell’ebraismo ellenistico prevaleva il punto di vista materialista.

Secondo l’Ecclesiaste, infatti:

“il destino degli uomini e il destino degli animali è lo stesso: come l’uno muore, così l’altro muore; […] tutto viene dalla polvere, tutto ritorna alla polvere” (3,19-20).

“I vivi sono almeno consapevoli che stanno per morire, ma i morti non sanno nulla. […] Non c’è realizzazione, né pianificazione, né scienza, né saggezza in Sheol dove stai andando” (9,5-10).

Privando gli ebrei di ogni singola anima, e divinizzando invece la loro identità razziale, la Torah programma Israele come un nazione olistica, come un essere vivente. L’immortalità che viene negata all’individuo viene reinvestita interamente sul popolo nel suo insieme (“Ho istituito un popolo eterno” Isaia 44,7), come se gli ebrei fossero uniti da un’unica anima nazionale e genetica, personificata da Yahweh.

In un “Saggio sull’anima ebraica” (1929), Isaac Kadmi-Cohen descrive in realtà il giudaismo come “la spiritualizzazione che divinizza la razza”, in modo che “la divinità nel giudaismo è contenuta nell’esaltazione dell’entità rappresentata dalla razza”[5] Israele è posseduto da un destino unico, e ogni ebreo contribuisce a tale destino. L’apologeta ebreo Maurice Samuel scrive in Voi gentili (1924): “Il sentimento nell’ebreo, anche nell’ebreo libero pensatore come me, è che essere un tutt’uno con il suo popolo significa essere ammessi al potere di godere dell’infinito“[6] e il sionista tedesco Alfred Nossig scrisse nel 1922:

“La comunità ebraica è più di un popolo nel senso politico moderno del termine. […] Essa forma un nucleo inconscio del nostro essere, la sostanza comune della nostra anima”[7].

Da un punto di vista religioso, l’immortalità individuale sembra mancare nell’antropologia biblica. Ma la nozione di immortalità collettiva che la sostituisce è la fonte della più grande forza del popolo ebraico. Un individuo ha solo pochi decenni per compiere il suo destino, mentre una nazione ha secoli, anche millenni. Geremia può rassicurare gli esuli di Babilonia che tra sette generazioni torneranno a Gerusalemme (“Lettera di Geremia”, in Baruch 6, 2). Sette generazioni nella storia di un popolo non è diverso da sette anni nella vita di un uomo.

Mentre il Goy attende il suo tempo sulla scala di un secolo, il popolo eletto vede molto di più. L’orientamento nazionale dell’anima ebraica inietta in ogni progetto collettivo una forza spirituale e una resistenza con cui nessun’altra comunità nazionale può competere.

Il popolo ebraico ha un tempo infinito per realizzare i propri obiettivi. anima collettiva del popolo ebraico

Israele opera nel lungo termine

Israele opera con una scala temporale totalmente diversa da quella delle altre nazioni. Si definisce con una visione panoramica che scruta millenni nel passato e nel futuro. Conserva un vivido ricordo dei suoi inizi di 3000 anni fa, e guarda con un’anticipazione al compimento del suo destino alla fine dei tempi. Non fa differenza se la sua memoria non è una storia accurata.

Come sottolinea Yosef Hayim Yerushalmi a Zakhor in Storia ebraica e memoria ebraica:

“Solo in Israele e in nessun altro luogo l’ingiunzione di ricordare è sentita come un imperativo religioso per un intero popolo”[8]

Questa caratteristica è certamente ereditata dal suo passato nomade, perché i popoli nomadi sono più intensamente impegnati nella memoria collettiva e nella genealogia rispetto ai popoli sedentari, che sono anche radicati nella terra (la terra conserva la loro memoria). La memoria è individualità, e la straordinaria memoria di Israele ne fa un’individualità di carattere straordinario.

Il paradigma dell'”anima nazionale”, radicato nella negazione biblica dell’immortalità individuale, si combina con il paradigma del “popolo eletto”, altro aspetto fondamentale della matrice biblica.

Perché se l’anima ebraica è in qualche modo identificabile in Yahweh, e se Yahweh è Dio, ne consegue che l’anima ebraica è Dio.

Questa combinazione di materialismo biblico ed etnocentrismo biblico (o pseudo-universalismo) è la semplice equazione E=mC2 che spiega la “mente ebraica” (meglio, almeno, del libro di Raphael Patai con lo stesso titolo)[9].

 

di Elena Dorian

Fonte: www.altreinfo.org

 

Bibliografia

– “From Yahweh to Zion”, Laurent Guyenot

– “A Program for the Jews and Humanity. An Answer to All Anti-Semites”, Harry Waton

 

Note

[1] Henry Ford, The International Jew (on archive.org)vol. 2, chap. 23, November 13, 1920, The Occidental Press, 2007, p. 240.

[2] Harry Waton, A Program for the Jews and Humanity. An Answer to All Anti-Semites, 1939 (archive.org), pp. 52, 125, 132.

[3] Sigmund Freud, Moses and Monotheism, Hogarth Press, 1939 (archive.org), pp. 33-34.

[4] New Jerusalem Bible.

[5] Isaac Kadmi-Cohen, Nomades: Essai sur l’âme juive, Felix Alcan, 1929 (archive.org), pp. 98, 143.

[6] Maurice Samuel, You Gentiles, New York, 1924 (archive.org), pp. 74–75.

[7] Alfred Nossig, Integrales Judentum, 1922, pp. 1-5 

[8] Yosef Hayim Yerushalmi, Zakhor: Jewish History and Jewish Memory (1982)University of Washington Press, 2011.

[9] Raphael Patai, The Jewish Mind, Wayne State University Press 1977 (on books.google.fr).

***

 

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!