Siria, dodicimila studenti tornano a scuola - www.altreinfo.org

Siria, dodicimila studenti tornano a scuola

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Siria – Almeno dodicimila studenti elementari sono tornati a scuola martedì scorso dopo che il governo siriano ha riabilitato con successo quattro scuole alla periferia della capitale Damasco.

I funzionari del ministero dell’Istruzione in Siria hanno inaugurato quattro scuole a Kafr Batna e altre due a Saqba, secondo quanto riferito dall’agenzia ufficiale Sana. Il capo del dipartimento dell’istruzione di base della Direzione della periferia di Damasco, Abdelkader Amouri, ha confermato il ritorno di 1350 studenti nella scuola Kafr Batna, 175 studenti alla scuola Hafez al-Zahabi, 750 studenti alla scuola Saqba, ottomila studenti alla scuola di al-Horjelah e 1240 studenti nella scuola del centro di accoglienza di al-Doueir.

Tre scuole saranno riabilitate e aperte ad Harasta nei prossimi 15 giorni, ha dichiarato Amouri, aggiungendo che il processo di riabilitazione delle scuole con danni minori e moderati nella Ghouta orientale sta ancora andando avanti velocemente. Amouri ha aggiunto che il ministero dell’Istruzione siriano ha fatto dei passi per rispondere ai bisogni degli studenti della Ghouta che stavano studiando il curriculum ufficiale e compensano le lezioni che hanno perso.

La sconfitta del terrorismo e delle trame saudite

A sette anni dall’inizio della brutale aggressione terroristica contro la Siria, le forze governative e i loro alleati hanno liberato la strategica regione della Ghouta orientale, una delle ultime aree rimaste sotto il controllo dei terroristi sostenuti dall’Arabia Saudita. Liberare la periferia di Damasco è considerata una vittoria importante per le forze fedeli al presidente Bashar al-Assad e un duro colpo per Riyadh e per gli altri Paesi sostenitori dei terroristi.

Le ultime vittorie dell’esercito siriano stanno irritando ulteriormente gli Stati Uniti, che temono per la propria influenza in Medio Oriente. È importante ricordare che l’intervento militare della Russia e il know-how militare dell’Iran sono stati fattori importanti alla base della sconfitta dei “ribelli” sostenuti dall’Occidente e dai suoi alleati regionali.

 

Fonte: ilfarosulmondo.it

***

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!