censura Archivi - www.altreinfo.org

Tagged: censura

L’Unione Europea e il diritto d’autore. La censura della rete. Roberto Pecchioli

La direttiva dell’UE sul diritto d’autore è stata approvata dal Parlamento europeo con 348 voti a favore, 274 contrari e 36 astenuti. Una volta di più le istituzioni comunitarie si sono dimostrate nemiche della libertà concreta dei cittadini e spudorati servitori dei grandi gruppi di interesse. Non stupisce l’impegno dei grandi raggruppamenti politici – popolari, socialisti, liberali – a favore della nuova normativa, tantomeno l’unanime entusiasmo della cosidddetta “grande stampa”, i cui editori sono i maggiori beneficiari della nuova normativa. E’ bene rammentare che le direttive dell’UE non diventano subito...

polizia del pensiero unico globale e ministero della verità

Ministero della Verità e Polizia del Pensiero Unico Globale. Strategie per il XXI secolo. Chris Hedges

L’abolizione della neutralità della rete e l’uso di algoritmi da parte di Facebook, Google, YouTube e Twitter per spostare lettori e spettatori da siti di controinformazione verso siti di informazione omologata hanno dato ai regimi occidentali il potere di distruggere la libertà di parola. Nel corso dell’anno 2017 il World Socialist Web Site, sito di sinistra che si concentra sui crimini del capitalismo terminale, ha perso il 75% delle visite. E non è l’unico sito che si trova in questa situazione. Il traffico di ricerca di AlterNet è calato del...

Sei vittima della propaganda russa? Adesso ci pensa Facebook. Lorenzo Vita

La scure della censura può colpire chiunque e ci ritroveremo a dover sapere, dai social network, se una verità è certificata e una verità non lo è. Nell’era della post-verità, si rischia anche di scatenare il panico nel mondo dei social network. Non deve quindi sorprenderci se la Russia sia diventata oggetto di allarmismo anche da parte di Facebook, che in un ultimo regolamento ci fornisce indicazioni sulla sua attività per promuovere una rete d’informazione che faccia capire all’utente se sia stato vittima di propaganda russa. “Alcune settimane fa abbiamo condiviso...

Fake News, la libertà di internet sarà solo un triste ricordo. Jonathan Cook

Qualcuno ha dubbi sul fatto che l’accesso a un internet relativamente libero e aperto stia rapidamente finendo in Occidente? In Cina e altri regimi autocratici, i leader hanno piegato internet alla propria volontà, censurando contenuti che minacciano il loro operato. Ma nell’Occidente “democratico”, le cose funzionano diversamente: lo stato non interferisce direttamente, ma delega il lavoro sporco alle corporations. Il mese prossimo, internet potrebbe diventare il giocattolo di queste grosse aziende, determinate a usarlo per spremere profitti. Nel frattempo, gli strumenti che ci servono per sviluppare un pensiero critico, il dissenso e la mobilitazione...

Facebook chiude i profili di chi fa controinformazione. La censura la fanno spie ed informatori. Elena Dorian

Notiamo sempre più spesso che molti dei commenti alle notizie riportate nei vari siti di informazione vengono bannati e i profili facebook di coloro che li hanno effettuati vengono chiusi. Questo avviene di regola sul sito dell’ANSA, dove per commentare una qualunque notizia bisogna per forza entrare col proprio profilo facebook. I commenti non graditi ad un gruppo di spie ed informatori che agiscono a tempo pieno sul sito vengono da questi segnalati a Facebook che provvede con grande tempestività a chiudere il profilo dell’utente e a cancellare tutti i...

I politici italiani riuniti in seduta piena

Ecco i Rappresentanti del Popolo Italiano. Gli eletti che siedono in Palamento e si dividono la torta (e le banane). Elena Dorian

Se avessimo potuto scegliere a caso tra i 40 milioni di candidabili, avremmo ottenuto una classe politica di ben altro spessore. Avremmo avuto buone probabilità di trovare gente intelligente, altruista, in grado di gestire con un minimo di onestà la cosa pubblica, gente consapevole delle proprie responsabilità verso gli italiani, soprattutto i giovani. E invece no, abbiamo dovuto scegliere tra i candidati già scelti in precedenza dai partiti. Quindi, non abbiamo potuto scegliere i nostri rappresentanti, ma i loro. E questi sono i risultati. Hanno approvato il Rosatellum, la nuova legge...

LA CENSURA AVANZA: You Tube tappa la bocca ad Antonio Rinaldi. E’ gravissimo! Marcello Foa

Qualcuno nei giorni scorsi ha accolto con incredulità la notizia del disegno di legge voluto dal piccolo Grande Fratello Paolo Gentiloni per imporre la sorveglianza di massa sul web – da oggi lo Stato italiano monitorerà per 6 anni tutta la vostra attività sul web, incluse le chat! – e la censura, impedendo ai singoli utenti di accedere a siti scomodi (leggi qui e qui). Il pretesto è quello della violazione del copyright, che in internet significa poter censurare praticamente qualunque sito. Basterà che appaia una foto scaricata dai motori di ricerca e...

La guida di Harvard sulle fake news: il moderno “indice dei libri proibiti”. Presto anche in Italia? Stephen Lendman

L’Index Librorum Prohibitorum era una lista di pubblicazioni ritenute eretiche, bandite dalla Chiesa cattolica. I genitori pagano $63.000 all’anno affinché i loro figli vengano così disinformati? Dopo il colpo di stato ucraino del 2014, con l’instaurazione di una “dittatura democratica” guidata da due partiti neo-nazisti, Harvard ha espresso preoccupazione per una futura “aggressione russa”. Alcuni membri di facoltà hanno chiesto l’intervento militare degli Stati Uniti. Non una parola sul golpisti appoggiati dagli USA. È stato il più sfacciato colpo di stato europeo dai tempi della marcia su Roma. Nessuna spiegazione...

Per i miei post rischierò la reclusione

Per i miei post rischierò la reclusione. Alberto Micalizzi

Sta sollevandosi un’onda repressiva che ci farà rimpiangere regimi bollati come dittatoriali dalla storia. Sta sollevandosi un’onda repressiva che ci farà rimpiangere regimi bollati come dittatoriali dalla storia. Questo il comma più preoccupante del testo del DDL presentato il 7 Febbraio 2017 in Senato dall’On. Adele Gambaro (ALA): Art. 265-bis. – “(Diffusione di notizie false che possono destare pubblico allarme o fuorviare settori dell’opinione pubblica). – Chiunque diffonde o comunica voci o notizie false, esagerate o tendenziose, che possono destare pubblico allarme, o svolge comunque un’attività tale da recare nocumento agli interessi...

Il DDL che vuole censurare le informazioni diffuse tramite il web rappresenta una limitazione delle libertà personali

DDL Gambaro: arriva la Censura del WEB

Se foste stati eletti nelle liste di un movimento nato e cresciuto online, se poi fossero successi incidenti, vi avessero espulsi e aveste occupato la legislatura in un lungo pellegrinaggio fra i più cangianti gruppi parlamentari (Misto, Gruppo Azione Partecipazione Popolare, Italia Lavori in Corso…) per poi approdare alla corte di Denis Verdini (sì, il gruppo di Ascari inviati da Berlusconi in missione dall’altra parte dell’emiciclo per tenere in vita i vari governi del PD)… Se aveste votato la fiducia a qualsiasi ipotesi di governo avesse il coraggio di presentarsi alle...

Il DDL Disposizioni per prevenire la manipolazione dell'informazione online, garantire la trasparenza sul web e incentivare l'alfabetizzazione mediatica" rappresenta in realtà un tentativo di censurare i blogger e le notizie diffuse attraverso il web

Disegno di Legge anti bufale: bavaglio ai blogger e legalizzazione delle fake news diffuse dal regime

In questi giorni è stato presentato il Disegno di Legge “Disposizioni per prevenire la manipolazione dell’informazione online, garantire la trasparenza sul web e incentivare l’alfabetizzazione mediatica”. Il DDL vuole contrastare la diffusione delle fake news o bufale nel web. Il Disegno di Legge è stato presentato dai seguenti senatori: Adele Gambaro: Indipendente dal 2013. In precedenza faceva parte del Movimento 5 Stelle (gennaio 2013-giugno 2013). Riccardo Mazzoni:  Scelta Civica per la Costituente Liberale e Popolare (Dal 29/07/2015 ad oggi). In precedenza: Forza Italia – Il Popolo della Libertà (da inizio legislatura al...

Vladimiro Giacche: vogliono il ministero della verità

Vogliono il Ministero della Verità, siamo come in “1984” di Orwell. Vladimiro Giacché

Vladimiro Giacché – economista, filosofo e firma del Fatto – ha scritto nel 2008 La fabbrica del falso. Strategie della menzogna nella politica contemporanea: il libro ha avuto due successive edizioni, l’ultima ad aprile di quest’anno, ma come spiega l’autore, “l’ho solo aggiornato, non ho dovuto cambiare la struttura. Le cose così stanno: c’è un tentativo di far passare pseudo verità come fatti oggettivi”. Cosa pensa dell’agenzia statale invocata dal presidente dell’Antitrust Pitruzzella? Non è una proposta nuova: in 1984 di Orwell c’è il ministero della Verità, che si prefiggeva...

L'obiettivo delle elites che ci governano è il pensiero unico globale

Cosa sono le “fake news” e perché tutti ne parlano

In questi giorni si sta parlando molto di fake news. E sono molti quelli che propongono di censurare internet, contrassegnando i siti che le diffondono, in modo tale da renderli subito riconoscibili. Tra gli altri, la nostra Laura Boldrini. Le “fake news” altro non sono che le false notizie, le “bufale”, come si direbbe nel gergo italiano. Si parla tanto di questo perché Hillary Clinton ha dato la colpa alle fake news se ha perso le elezioni. Ma in realtà non è così. La Clinton ha perso le elezioni perché sono...

Censura in internet

I colossi di internet creano un database comune per censurare il web

Secondo Yahoo News, il database dovrebbe essere installato e funzionante nei primi mesi del 2017 e più aziende potrebbero unirsi al partenariato nel corso del tempo. La diffusione della cosiddetta “notizie false – fake news“ hanno iniziato a dominare l’immaginazione del mondo intero da quando sono state accusate per la sconfitta di Hillary l’8 novembre scorso. L’idea che i media mainstream non possono più esercitare il controllo completo della narrazione e, di conseguenza, l’opinione popolare, ha seminato il panico tra le agenzie di stampa tradizionali e i giganti dei social media....

error: Alert: Content is protected !!