controllo globale Archivi - www.altreinfo.org

Tagged: controllo globale

Prove tecniche di dittatura. Nicola Bizzi

Chi, per motivi anagrafici, è troppo giovane o chi non ha avuto l’opportunità di vivere nei paesi dell’Europa dell’Est ai tempi del cosiddetto “Socialismo reale” non può capire le incredibili analogie di tali realtà con la folle situazione che stiamo vivendo oggi in Italia: Controllo totale dei cittadini, dei loro spostamenti e delle loro telefonate. All’epoca non esistevano certe “applicazioni”, ma lo Stato non si faceva sfuggire niente, con l’impiego massiccio e sistematico di semplici ma efficienti metodi “tradizionali”, quali...

La definizione di antisemitismo approvata dal Ministero della Verità. Giorgio Lunardi

Il Governo Italiano, dopo un pressing mediatico estenuante, ha finalmente adottato la tanto attesa definizione di antisemitismo, così come proposta dall’Alleanza internazionale per la memoria dell’Olocausto (IHRA). Si è trattato di un pressing mediatico di portata planetaria che la comunità ebraica internazionale ha esercitato contemporaneamente in tutti i paesi Occidentali e che in Italia, in meno di tre mesi, ha portato all’istituzione della Commissione Segre, alla nomina del Commissario per l’Antisemitismo e all’adozione della definizione di antisemitismo voluta dall’IHRA, la...

Come la finanza apolide utilizza le “echo chamber” per condizionare gli elettori e mandare avanti la propria agenda politica. Elena Dorian

Le camere d’eco, meglio conosciute come echo chamber, sono quei contesti sociali in cui le persone si isolano da un punto di vista comunicativo, scambiano idee soltanto con soggetti che la pensano allo stesso modo, ed estremizzano le proprie convinzioni, soprattutto di natura politica. Le echo chamber sono un mix di luoghi virtuali e luoghi reali dove circolano sempre le stesse informazioni, provenienti sempre dalle stesse fonti. Nella echo chamber si crea un martellante effetto eco di conferma e riconferma...

Povertà, immigrazione, debito pubblico, cambiamento climatico, shoah: Il senso di colpa serve al potere per sfruttarci e sottometterci. Elena Dorian

Il senso di colpa viene promosso dall’oligarchia che sta dominando il mondo per sottomettere il popolo e far accettare a tutti noi ogni genere di vessazione e imposizione. Noi non abbiamo nessuna colpa se l’Africa è povera, se i migranti bussano alla nostra porta, se gli ebrei sono stati perseguitati, se c’è un debito pubblico immenso. Semmai le colpe le hanno coloro che in passato hanno sottomesso e sfruttato l’Africa, o coloro che hanno gestito la tratta degli schiavi impedendone...

I finti naufraghi e la tratta degli africani. Nulla di nuovo sotto il sole. Alba Giusi

I magistrati non confermano il carcere per Carola Rackete perché “ha salvato vite umane” e quindi non può essere incarcerata e nemmeno espulsa. Tutto ciò che ha fatto è stato in qualche modo avallato e approvato dai magistrati, sulla base di questo assunto. E la manovra contro le motovedette? Era in stato di necessità. Doveva salvare vite umane che evidentemente contano più di quelle che ha messo a rischio con la consapevolezza di un capitano (o una capitana). Ma è...

Viaggi della speranza: il grande inganno dei migranti che attraversano il Mediterraneo coi gommoni. Elena Dorian

Questo è uno dei tipici gommoni che vengono soccorsi a 60 miglie nautiche dalla costa libica. Di solito portano almeno un centinaio di migranti. Ora, sembra incredibile che gommoni di questo tipo, con motori sottodimensionati, siano in grado di portare un carico del genere per 111 km. Si tratta di almeno dieci ore di navigazione. Basterebbe un’onda leggermente più alta o un movimento sbagliato di qualche migrante per ribaltare il tutto. Pura fantasia, ad uso di giornaloni immigrazionisti e TV....

I migranti adesso non scappano più dalle guerre, ma dai “campi di concentramento libici” e dalla «sedicente» Guardia Costiera Libica. Elena Dorian

Arrivano di nuovo i migranti. Adesso però non scappano più dalle guerre e dalla povertà. E nemmeno dai cambiamenti climatici. Adesso scappano dai “Campi di concentramento libici”. “Stiamo facendo rotta verso nord per evitare il maltempo, ci dirigiamo verso l’Italia dove chiederemo il porto sicuro per sbarcare queste persone scappate dai campi di concentramento libici“. Lo dice all’ANSA Luca Casarini, capomissione di Mediterranea Saving Human da bordo della nave Mare Ionio al termine del salvataggio di 50 migranti, tra cui...

Questa non è una crisi, è una guerra. Fabio Conditi

Sono più di 10 anni che siamo in crisi economica, e le conseguenze per la popolazione ed il nostro territorio sono simili a quelle di una guerra. Anzi forse peggio di una guerra. Si può parlare di crisi economica per un paese povero di risorse, senza capacità produttiva, costretto ad importare la maggior parte dei beni e servizi di cui ha bisogno. Oppure si può parlare di crisi economica se una particolare congiuntura richiede un riassetto delle strutture produttive. In...

Venezuela, Brexit e migranti: la “guerra sporca” del giornalismo mondialista. Filippo Redarguiti

Così recita un famoso epigramma di Vittorio Alfieri: “Dare e tor quel che non s’ha, è una nuova abilità. Chi dà fama? I giornalisti. Chi diffama? I giornalisti. Chi s’infama? I giornalisti. Ma chi sfama i giornalisti? Gli oziosi, ignoranti, invidi, tristi”. E’ possibile dare diverse interpretazioni opposte di questo simpatico componimento, ma quel che è sicuro, è che allo stato attuale il giornalismo generalista “antico ed accettato” come i riti massonici, stia dando il peggio di se stesso. A...

Ci hanno insegnato a vergognarci di noi. Silvana De Mari

Il primo passo per distruggere la libertà di un popolo è distruggerne l’identità. Per abbattere un albero, tagliare le radici. Occorre ridicolizzare la religione di quel popolo, con uno stillicidio continuo di minuscoli gnomi, sedicenti intellettuali, cantanti, presentatori, attori, registi, fotografi, pubblicitari, artisti postmoderni, giornalisti, scrittori, eccetera con uno stillicidio continuo di odio e sarcasmo. La storia di quella religione e la storia di quel popolo viene ridotta ai suoi episodi peggiori, ovviamente enfatizzati e i fiumi di gloria vengono...

Amazon e il controllo globale. Marcello Pamio

Amazon compra per un miliardo di dollari la società Ring! Come mai il mostro dell’e-commerce compra sganciando una cifra colossale un’azienda che produce campanelli e videocamere connessi ad Internet? Si tratta di una delle maggiori acquisizioni fatte dal gruppo di Seattle. La risposta sarà chiarissima alla fine del presente articolo. Amazon intende connettere prodotti e servizi legati al suo assistente vocale Alexa, nello stesso tempo sta sfidando l’altro colosso Google, e infine c’è tutto il discorso del controllo globale mascherato sotto la voce «sicurezza». Il...

11 settembre 2001, quel giorno cambiarono le regole della scienza, della convivenza civile e dell’informazione. Alba Giusi

L’11 settembre è sicuramente una delle date più importanti della storia moderna. A distanza di tanti anni possiamo dire che quel giorno cambiarono le regole della scienza, della convivenza civile e dell’informazione, facendo entrare il mondo in un lungo e interminabile tunnel da cui solo a tratti si vede la fine. Perché le regole della scienza? Dopo l’11 settembre, le regole della scienza sono cambiate, non sono più le stesse di prima. Ecco alcuni dei più importanti cambiamenti: Il fuoco...

I social media sono utilizzati dalla polizia e dalle agenzie di intelligence per raccogliere dati biometrici. Nicholas West

Tra la crisi di Facebook/Cambridge Analytica sulla sorveglianza generale e sull’utilizzo abusivo dei dati privati ​​degli utenti, c’è una tendenza emergente che è infinitamente più inquietante. Il primo episodio è apparso recentement nel Regno Unito, dove la polizia ha ammesso di aver utilizzato una foto inviata tramite WhatsApp per raccogliere le impronte digitali che in seguito sono state utilizzate per condannare 11 persone per reati di droga. Non si tratta di un caso isolato o particolare, ma di una tecnica...

La finanza ebraica controlla tutte le attività economiche e finanziarie del pianeta

Chi sono i banchieri ebrei e le famiglie ebraiche che governano il mondo e spingono verso la globalizzazione? Giorgio Lunardi

Non ero sicuro del titolo, ma poi ho pensato: Beh, non è mica colpa mia se il Pianeta Terra è governato da una cricca di banchieri ebrei, e poi tutti lo sanno che sono ebrei, è scritto anche su wikipedia, e loro ne sono giustamente orgogliosi, anzi, ci tengono proprio a far sapere che gli ebrei controllano tutto. Sarei orgoglioso anch’io… Voi no? Se lo scrivo anch’io che male c’è? Speriamo il ragionamento tenga, altrimenti a qualcuno potrebbe venire in mente di...

Chi sono gli avvoltoi della finanza?

Dittatura Globale: come l’elite finanziaria si sta impossessando di tutte le risorse e le ricchezze del pianeta. Alberto Rovis

Quarant’anni fa Thomas Sankara aveva denunciato il meccanismo del debito e aveva spiegato come il Fondo Monetario Internazionale si stesse impossessando dell’Africa, depredandola di tutte le sue risorse naturali. Ma Sankara non poté fare molto, oltre a denunciare pubblicamente il furto. Pestare i piedi all’elite è un reato che si paga con la morte. Gheddafi cercò di andare oltre, liberando le ex colonie francesi dell’Africa Nera dal giogo del Franco CFA (un tempo Franc Colonies françaises d’Afrique, oggi Franc Communauté...

error: Alert: Content is protected !!