franco CFA Archivi - www.altreinfo.org

Tagged: franco CFA

Liberi di uscire dal franco coloniale CFA? Ecco come sono andati a finire quelli che c’hanno provato

Repubblica e Corsera naturalmente hanno giurato ai loro lettori che, no!, il franco CFA è il frutto di liberi accordi interstatuali con reciproci vantaggi e che accusare la Francia di neocolonialismo, provocando una crisi diplomatica nel giorno di “Aquisgrana”, è una scemenza che solo il governo sovranista poteva pensare. (da WikiLeaks – Hilary Clinton email archive Wikileaks.org) Gli “esperti” dicono che le 15 ex colonie francesi abbiano liberamente scelto di aderire al Franco CFA perché ne traggono vantaggio e, soprattutto, che possano uscirne in qualsiasi momento. Eppure … 1963: Sylvanus Olympio, primo...

Un anno fa l’arresto di Kemi Seba. Il panafricanismo dalla fine del colonialismo ad oggi. Filippo Bovo

Era esattamente un anno fa, sul finire d’agosto, quando Kemi Seba venne arrestato dalle autorità senegalesi per aver bruciato un Franco CFA (la moneta, strettamente controllata da Parigi, in uso in tutte le ex colonie francesi africane e con cui la Francia ne controlla quasi del tutto le economie, prelevando ogni anno da esse non meno di 400 miliardi di euro). L’ordine dell’arresto, si disse e non si smentì, era venuto dalla locale ambasciata francese. Molti pensano che il sogno panafricanista si sia estinto con la destituzione e la morte...

La schiavitù dell'africa francofona, tra oboli e franco CFA

14 paesi africani costretti a pagare tassa coloniale francese. Mawuna Remarque Koutonin

Quando Sékou Touré della Guinea decise nel 1958 di uscire dall’impero coloniale francese, e optò per l’indipendenza del paese, l’elite coloniale francese a Parigi andò su tutte le furie e, con uno storico gesto, l’amministrazione francese della Guinea distrusse qualsiasi cosa che nel paese rappresentasse quelli che definivano i vantaggi della colonizzazione francese. Tremila francesi lasciarono il paese, prendendo tutte le proprietà e distruggendo qualsiasi cosa che non si muovesse: scuole, ambulatori, immobili dell’amministrazione pubblica furono distrutti; macchine, libri, strumenti degli istituti di ricerca, trattori furono sabotati; i cavalli e...

Kemi Seba, incarcerato per aver bruciato un biglietto di Franco CFA

Due cose sul Franco CFA, sull’Euro e l’Africa. Giuseppe Masala

Il colonialismo è ancora un fenomeno reale e pervasivo che tarpa le ali di qualsiasi opportunità per i paesi africani. Il caso del Franco CFA, un mezzo per depredare immense risorse. L’arresto in Senegal del militante panafricano Kemi Seba (nella foto), di nazionalità francese, reo di aver bruciato, durante una manifestazione, alcune banconote di franchi CFA, ha riaperto il dibattito su questa moneta considerata da molti lo strumento principale con il quale la Francia (ma ora tutti i paesi della zona euro) esercitano il neo colonialismo nell’Africa francofona. Il Franco CFA nasce nel...

Il furto in Libia

Le ricchezze e l’oro della Libia: il furto del secolo

Le riserve di petrolio della Libia sono stimate in 60 miliardi di barili e sono le maggiori dell’Africa, con costi di estrazione tra i più bassi del mondo. E già, facevano gola a molti. Le riserve di gas naturale sono stimate in circa 1.500 miliardi di metri cubi. Beh, anche queste facevano gola a molti. Per non parlare degli immensi giacimenti di acqua cristallina e della gigantesca opera idraulica portata a termine da Gheddafi per renderla fruibile lungo tutta la costa libica. Tutto questo lo sappiamo già, forse. Ma comunque non è tutto,...

error: Alert: Content is protected !!