ISIS Archivi - www.altreinfo.org

Tagged: ISIS

isis dichiara guerra a gaza e a hamas

Isis dichiara guerra anche ad Hamas (a Israele proprio MAI?), Maurizio Blondet

Un video di 22 minuti. Dove uno speaker dell’ISIS (Stato Islamico, sezione Penisola del Sinai) dichiara guerra ad  Hamas, l’organizzazione ultrà che controlla la striscia di Gaza, bollandola come “apostata”, e alla fine, compie l’esecuzione di un barbuto in tuta gialla, che si dice essere un membro della Brigata Izzeddin al-Qassam, la milizia armata di Hamas. Lo speaker, che parla brandendo un coltello, incita i giovani dentro Gaza a distruggere Hamas, dando come motivo che non ha saputo impedire il riconoscimento da parte americana di Gerusalemme come capitale di Israele....

USA: “Abbiamo vinto NOI Daesh, quindi restiamo in Siria”. Maurizio Blondet

Il Pentagono ha annunciato: “Le truppe Usa resteranno in Siria fino a quando ne   avremo bisogno, per sostenere i nostri partners e prevenire il ritorni di terroristi”: così il portavoce del Pentagono Eric Pahon. Poche ore prima di questa dichiarazione, Putin aveva dichiarato che l’operazione per sconfiggere Daesh in Siria stava arrivando a conclusione, essendo stati i terroristi islamici cacciati anche dalle  zone storicamente popolate dai cristiani. Lo scorso ottobre, il ministro della Difesa Sergei Shoigu aveva riferito che le forze di terra siriane sostenute dall’aviazione russa avevano liberato il...

“USA hanno aiutato migliaia di terroristi ad evacuare indenni Raqqa”. E stavolta lo dice BBC. Maurizio Blondet

“I terroristi dello Stato Islamico hanno potuto evacuare da Raqqa e Deir ez-Zor sotto la protezione della coalizione detta anti-Daesh guidata dagli Stati Uniti”. Finché a dirlo è stata Damasco o sono i russi, i nostri media han fatto finta di niente, sprezzando la cosa come propaganda di Mosca. Ma che fare quando ad affermarlo è la BBC? In un eccezionale servizio pubblicato lunedì, intitolato “Raqqa dirty secret”  la storica emittente britannica  esordisce: “centinaia di combattenti dell’IS e loro familiari sono usciti da Raqqa sotto l’occhio della coalizione a guida Usa...

Strage Las Vegas: risposte e domande

Della strage di Las Vegas, la più grave in America dopo quella dell’11 settembre, hanno parlato a diffusione i media. Così, al di là dello sconforto per l’ennesimo eccidio, ci limitiamo ad alcuni cenni. L’assassino sarebbe Stephen Paddock, un pensionato di 64 anni, e avrebbe sparato da una camera d’albergo che dominava l’area affollata di spettatori di un concerto country. Si sarebbe suicidato all’appressarsi delle forze di sicurezza, quindi non potrà mai negare la sua colpevolezza. Aveva armi, come usuale in tanta parte d’America. Diciannove ne sono state trovate presso la sua...

Strage di Las Vegas: Ma Rita Katz, che cosa stai dicendo? Alba Giusi

A Las Vegas un certo Stephen Paddock ha ucciso 59 persone e ne ha ferite più di 500. Si è appostato in una stanza del 32° piano del Mandalay Bay ed ha sparato sulla folla che stava assistendo a un concerto. Nella sua stanza sono state trovate armi automatiche di precisione. La polizia fa fatto irruzione e lui si è suicidato. Stephen Paddock era un americano di 64 anni, di razza bianca. Fin qui la storia. Interviene poi Rita Katz, l’unica al mondo ad avere accesso ai siti jihadisti e dice: 22)...

ISIS – Rivendica sempre-sempre la propria responsabilità. Peter Koenig

Ogni volta che un attacco terroristico colpisce da qualche parte in Europa o nel mondo, la polizia e i media riferiscono in poco tempo che l’ISIS/ISIL/Daesh ha rivendicato la propria responsabilità. Per aumentare credibilità, solitamente sostengono che la notizia sia stata confermata dall’agenzia di stampa dell’ISIS Amaq. Non appena questo stralcio di informazione è resa pubblica, il popolo sconvolto prende un respiro profondo e si lascia convincere. Sono i soliti colpevoli. Sono loro, non noi. Noi stiamo bene. Possiamo tornare al lavoro come al solito. Questo solo in Europa è successo...

Site di rita katz

Il katziatone di Rita Katz: o zitti e buoni, o l’attentatone. Fulvio Grimaldi

ISIS/SITE: tocca a voi! A proposito dell’annuncio post-Barcellona di un imminente attentato in Italia,  ce ne sono stati altri che minacciavano sfracelli in Vaticano, al Colosseo, la conquista di Roma. Ma stavolta potrebbe essere diverso. Intanto la notizia proviene da fonte autorevole e credibile: il sito SITE di Rita Katz, portavoce e diffusore da anni del jihadismo più efferato, in particolare dell’ISIS, con il quale la collaborazione nella promozione di quel panico che si sa funzionale alle aggressioni belliche e all’instaurazione di regimi di polizia, è stretta e, come provano...

ISIS minaccia l'Italia, lo dice Rita Katz

Rita Katz minaccia l’Italia. Maurizio Blondet

Stavolta la minaccia è seria e grave: data la fonte da cui viene. In quegli uffici han deciso che l’Italia è stata risparmiata troppo dalla loro strategia della tensione. https://ent.siteintelgroup.com/Chatter/pro-is-telegram-channel-suggests-italy-as-next-target-of-is-attack.html Sicuramente sono pronti i terroristi. Sono pronti i passaporti da lasciare sul furgone e sull’auto, ormai una firma. Il passaporto intatto di  un dirottatore che attraversò intatto l’inferno di fuoco delle Twin Tower. Il documento dimenticato di fratelli Kouachi il giorno della strage di Charlie Hebdo. Un SMS rivelatore delle identità dei terroristi trovato nella memoria di un cellulare intatto...

Jihad in Spagna. La costruzione della narrativa. Maurizio Blondet

Notate la data: il 19 settembre 2016. Titolo: “Stan preparando un attentato a bandiera falsa in Barcellona?”. Lo prospettava un sito spagnolo, El Robot Pescador. Quasi un anno prima, gli estensori del sito si sono allarmati per come “l’idea viene inoculata nell’immaginario pubblico” attraverso gli articoli di grandi giornali iberici. ¿ESTÁN PREPARANDO UN ATENTADO DE FALSA BANDERA EN BARCELONA? El Mundo, il 31 gennaio 2016: “IS avverte che la Spagna pagherà molto cara l’espulsione dei musulmani da El Andalus”. Da cui sono stati cacciati nel 1492. Voz Populi, 28 aprile 2016: “I Jihadisti lanciano...

finte cinture esplosive, un classico del terrorismo

I cinque terroristi uccisi a Cambrils dalla polizia avevano cinture esplosive – finte. Maurizio Blondet

Peccato che siano stati tutti ammazzati: sarebbe interessante sapere per quale stortura mentale degli islamisti si erano rivestiti di cinture esplosive innocue. O qualcuno gliele aveva fornite facendo loro credere che erano vere? Anche i tre terroristi dell’attentato al ponte di Londra il giugno scorso indossavano cinture esplosive finte, fatte da bottigliette d’acqua ricoperte di nastro opaco argenteo. Peccato che i tre, Khuram Butt, Rachid Redouane and Youssef Zaghba, siano morti anche loro. Non resterebbe che chiedere alla CIA, che “due mesi fa la aveva segnalato all’intelligence catalana, i Mossos...

Attentato barcellona, rivendicato da ISIS, tramite il site di Rita Katz e Amaq

A Barcellona manca solo un idraulico moldavo, poi il cast è al completo. Ma il segnale è arrivato. Mauro Bottarelli

C’è una sola cosa che mi sento di dirvi senza timore di smentita: anche dopo la peggior notte di bisboccia, il mattino dopo ho sempre fornito versioni dell’accaduto più lineari e credibili di quelle degli inquirenti spagnoli. Sempre. Magari sbiascicando ma mai inondando di cazzate il mio interlocutore come il fiume in piena di non-sense che arriva a getto continuo dalla Catalogna. Riassumo, per quanto sia riuscito a capirci qualcosa, per sommi capi. Attorno alle 5 del pomeriggio di ieri, un furgone entra nella rambla all’altezza di Plaza de Catalunya...

I jihadisti festeggiano l’attentato di Barcellona e l’ISIS rivendica. Parola di Rita Katz e di Amaq. Alba Giusi

Come in ogni attentato che si rispetti, anche per l’attentato di Barcellona è il SITE di Rita Katz a darci le informazioni di prima mano. Lei ha accesso al deep web, lei conosce le password ed accede in incognito ai siti jihadisti criptati. I tagliagole lo sanno benissimo, ma non fanno nulla per bloccarla, anzi, la accolgono a braccia aperte, fanno vedere la loro gioia per i morti e i feriti causati dagli attentati perpetrati in Occidente e la invitano ad un prossimo incontro. Cambiare password? No, non se ne...

terroristi dell'ISIS in ritiro dalla Siria

Al Masdar: L’ISIS inizia il ritiro delle sue forze dalla Siria centrale

Dopo la dura sconfitta segnata dalla liberazione da parte dell’esercito siriano della città di Sukhnah, nella provincia di Homs, secondo il portale ‘Al Masdar News’, l’ISIS ha avviato il ritiro delle sue forze dalla Siria centrale. L’ISIS ha iniziato a ritirare le proprie forze nella centrale Siria a seguito dell’ultim vittoria dell’Esercito siriano nella parte orientale della provincia di Homs, ha riferito, oggi, una fonte militare siriana ad ‘Al-Masdar News’. “I nostri aerei hanno scoperto che i terroristi dell’ISIS fuggono dalla zona orientale di Salamiyah orientale in gran numero”, ha dichiarato...

IRAQ, tornano a casa gli sfollati di Mosul

Iraq, oltre 250mila civili sfollati tornano a Mosul. Cristina Amoroso

Oltre 250mila civili sfollati sono ritornati a Mosul dopo che le forze governative, sostenute dai combattenti delle Forze di mobilitazione popolare, hanno liberato la città settentrionale dai terroristi Daesh il mese scorso. “Il numero di civili sfollati che sono tornati a casa a Mosul ha raggiunto 253mila”, ha dichiarato il ministro iracheno della Migrazione Jassem al-Jaff, affermando che il ministero sta lavorando per facilitare il processo di ritorno dei civili sfollati nelle loro città in tutta l’Iraq. Sono 839.118 persone (139.853 famiglie) che, secondo l’Organizzazione Internazionale per la Migrazione (Iom) risultano ancora sfollate dopo...

Terroristi delle Filippine

Manila è la nuova frontiera: attentato à la carte, scegli tu dinamica e finale. E rivendi(Katz)ione. Mauro Bottarelli

Pensavo di averle viste e sentite tutte relativamente a “terrorismo” e sue espressioni ma da ieri abbiamo anche l’attentato à la carte. Un po’ come al ristorante, dove si sceglie ciò che si vuole mangiare dal menù, l’assalto al resort di Manila ci consente di scegliere varie opzioni: motivazione, rivendicazione, dinamica, epilogo, conseguenze e mandanti. Se fate caso alle informazioni che sono state diffuse, c’è di tutto: l’attentatore prima aveva fatto un massacro, poi solo feriti, poi nulla, poi ancora aveva bruciato la sala da gioco, causando indirettamente la morte...

error: Alert: Content is protected !!