NATO Archivi - www.altreinfo.org

Tagged: NATO

Il Summit lancia la Nato nello spazio, costi alle stelle. Manlio Dinucci

Si svolge a Londra, il 4 dicembre, il Consiglio Nord Atlantico dei capi di stato e di governo che celebra il 70° anniversario della Nato, definita dal segretario generale Jens Stoltenberg «l’alleanza di maggiore successo nella storia». Un «successo» innegabile. Da quando ha demolito con la guerra la Federazione Jugoslava nel 1999, la Nato si è allargata da 16 a 29 paesi (30 se ora ingloba la Macedonia), espandendosi ad Est a ridosso della Russia. «Per la prima volta nella nostra storia – sottolinea Stoltenberg – abbiamo truppe pronte al...

Le testate nucleari della NATO dislocate in Europa violano gli accordi internazionali

È un segreto di Pulcinella. Ma è anche la più madornale negazione della verità da parte dell’Alleanza Atlantica: bombe nucleari sono stoccate in Italia, Germania, Belgio, Olanda e Turchia, in violazione del diritto internazionale. Un membro dell’assemblea parlamentare della NATO l’ha scritto per errore in un rapporto che è stato immediatamente ritirato. Gaffe nucleare della Nato Che gli Stati uniti mantengano bombe nucleari in cinque paesi della Nato – Italia, Germania, Belgio, Olanda e Turchia – è provato da tempo (in particolare dalla Federazione degli scienziati americani) [1]. La Nato...

La strategia del caos guidato. Manlio Dinucci

Come un rullo compressore, Stati Uniti e Nato estendono al mondo la strategia Rumsfeld/Cebrowski di demolizione delle strutture statali dei Paesi non integrati nella globalizzazione economica. Per farlo strumentalizzano gli europei, convincendoli dell’esistenza una presunta “minaccia russa” e rischiando di scatenare una guerra generale. Tutti contro tutti: è l’immagine mediatica del caos che si allarga a macchia l’olio sulla sponda sud del Mediterraneo, dalla Libia alla Siria. Una situazione di fronte alla quale perfino Washington sembra impotente. In realtà Washington non è l’apprendista stregone incapace di controllare le forze messe...

Bombardamento della Jugoslavia, 1999: come l’Italia conquistò lo «status di grande paese». Manlio Dinucci

Massimo d’Alema è entrato nella storia per aver fatto partecipare il proprio Paese, l’Italia, all’aggressione criminale della NATO alla ex Jugoslavia. Il mondo era tornato unipolare e in Occidente più nessuno si preoccupava di violare il diritto internazionale e di fare una guerra contro il parere del Consiglio di Sicurezza. Lo stesso D’Alema è oggi coinvolto nella creazione di una Grande Albania, che includa l’attuale Kosovo. Il 24 marzo 1999, la seduta del Senato riprende alle 20,35 con una comunicazione dell’on. Sergio Mattarella, allora vice-presidente del governo D’Alema (Ulivo –...

Sale alle stelle il prezzo della «protezione» Usa. Manlio Dinucci

Gli Stati Uniti non intendono più considerare gli alleati alla stregua di protettorati e chiedono loro di pagare il costo della protezione. Se rifiuteranno, gli USA si ritireranno. È quanto ha annunciato al Pentagono il presidente Trump il 17 gennaio e che è stato presentato alla NATO a febbraio, ma reso pubblico soltanto questa settimana. Una decisione che riguarda tutti gli alleati, dalla Germania al Giappone. Il problema è che Washington chiede agli alleati di allinearsi alle proprie posizioni… come facevano da protettorati. A pretendere il pizzo in cambio di...

Le bugie nucleari di Stoltenberg. Manlio Dinucci

La NATO denuncia il fermo delle navi ucraine da parte della Russia senza considerare che avevano violato le acque territoriali russe; il suo segretario generale, Jens Stoltenberg, denuncia il pericolo dei missili russi. Il principio della propaganda è immutabile: eludere il contesto e deformare la valenza dei fatti. «Un pericolo i missili russi»: lancia l’allarme il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg in una intervista al Corriere della Sera, a cura di Maurizio Caprara, tre giorni prima dell’«incidente» del Mar d’Azov che getta benzina sulla già incandescente tensione con la...

Washington corrompe parlamentari macedoni per procurarsi l’adesione alla NATO e alla UE

Con il referendum del 30 settembre 2018 i macedoni hanno respinto la proposta del primo ministro Zoran Zaev di aderire alla NATO e all’Unione Europea [1]. La sera stessa della votazione il segretario generale della NATO e l’omologo della UE hanno esortato la classe politica a eludere la volontà popolare e a mandare avanti il processo di adesione ricorrendo alla via parlamentare [2]. Secondo Mina Report, il giornalista Milenko Nedelkovski ha rivelato che Washington ha immediatamente avviato un programma per comperare voti dei deputati [3]. Un responsabile del dipartimento di Stato USA, «l’agente Tesla»...

Ponti crollati e ponti bombardati. Manlio Dinucci

L’immagine è davvero apocalittica, sembra che una bomba sia caduta sopra questa importantissima arteria»: così un giornalista ha descritto il ponte Morandi appena crollato a Genova, stroncando la vita di decine di persone. Parole che richiamano alla mente altre immagini, quelle dei circa 40 ponti serbi distrutti dai bombardamenti Nato del 1999, tra cui il ponte sulla Morava meridionale dove due missili colpirono un treno facendo strage dei passeggeri. Per 78 giorni, decollando soprattutto dalle basi italiane fornite dal governo D’Alema, 1100 aerei effettuarono 38 mila sortite, sganciando 23 mila...

Settant’anni di sudditanza a Usa e Nato. Manlio Dinucci

Manlio Dinucci traccia il bilancio di settant’anni di relazioni dell’Italia con gli Stati Uniti e la Nato. Trascurando le vicende del terrorismo sotto sotto falsa bandiera, orchestrato dalla NATO sul suolo italiano durante gli anni di piombo, Dinucci si limita a rilevare esclusivamente lo schieramento delle forze armate italiane a fianco dell’”alleato”; una storia che parla da sola. Luigi Di Maio: «Se qualcuno pensa di sganciare l’Italia dai nostri alleati storici, che sono l’Occidente e i paesi della Nato, allora troverà sempre me contrario. L’Italia, e il Movimento 5 Stelle...

L’aggressione NATO alla Serbia

Il 24 marzo 1999, gli Stati Uniti e la NATO dettero inizio agli assalti aerei sulla Serbia, che continuarono per 78 giorni, fino al 10 giugno, infliggendo danni per miliardi di dollari, distruggendo le strutture industriali e dei servizi essenziali della nazione, e causando la morte di  migliaia di civili. L’ attacco fu preceduto e seguito da un’ imponente campagna mediatica volta a demonizzare la Serbia ed a far credere all’ opinione pubblica mondiale che i Serbi stessero ponendo in atto, scientemente e con premeditazione, una persecuzione ed un tentativo...

Basi USA in Italia: storia di una sottomissione palese. Simone Nasazzi

Da Paese uscito sconfitto dal secondo conflitto mondiale, e con una importanza geopolitica rilevante, all’Italia è stata imposta una presenza massiccia di basi militari su tutto il territorio nazionale. Con l’adesione al patto atlantico di difesa miliare NATO del 4 aprile 1949, l’Italia entra e si posiziona ufficialmente all’interno del blocco occidentale contrapposto a quello sovietico e del patto di Varsavia, diventando un’importante base logistico-militare per le truppe alleate, sopratutto per quelle americane. Basti pensare che dal dopoguerra in poi, la presenza militare americana ha garantito a Washington un controllo...

Marzo 1999: bombardamento Belgrado con uranio impoverito

Uranio impoverito: la Serbia denuncia la Nato dopo 18 anni. Cristina Amoroso

La Serbia ha costituito un team internazionale di avvocati per presentare una causa contro la Nato per i danni causati al Paese nei 78 giorni di bombardamenti sulla Jugoslavia del 1999, con l’uso di munizioni all’uranio impoverito. Il team includerà i migliori avvocati della Serbia, nonché dell’Ue, della Russia, della Cina e dell’India e sarà guidato dall’avvocato serbo Srdjan Aleksic, impegnati dopo 18 anni in una causa che coinvolge i 19 Paesi che facevano parte dell’Alleanza. Era il 24 marzo del 1999 quando ebbe inizio l’aggressione Nato alla Repubblica Federale...

Italia aumenta le spese militari

Italia «a testa alta» nelle spese per la guerra. Gentiloni vuole raggiungere il 2% del PIL. Manlio Dinucci

«L’Italia partecipa a testa alta all’Alleanza Atlantica, nella quale è il quinto maggiore contributore, e conferma l’obiettivo di raggiungere il 2 per cento del Pil nelle spese militari»: lo ha dichiarato il presidente del consiglio Gentiloni, ricevendo il 27 aprile a Roma il segretario generale della Nato Stoltenberg. Ha così ripetuto quanto già detto al presidente Usa Trump, ossia di essere «fiero del contributo finanziario dell’Italia alla sicurezza dell’Alleanza», garantendo che, «nonostante certi limiti di bilancio, l’Italia rispetterà l’impegno assunto». I dati sulla spesa militare mondiale, appena pubblicati dal Sipri, confermano che...

Il Montenegro fa parte della NATO. Un altro passo verso l'accerchiamento della Russia

Il Montenegro fa parte della Nato

Il Montenegro è ufficialmente il ventinovesimo paese membro della NATO: l’ultimo scoglio per l’ingresso di Podgorica nell’alleanza atlantica, era rappresentato dal voto del Parlamento italiano sul DDL di ratifica del protocollo di adesione del paese balcanico e quindi adesso la bandiera montenegrina potrà sventolare a Bruxelles assieme alle altre 28. Si chiude così il ‘cerchio’ balcanico – adriatico, visto che Slovenia, Croazia ed Albania era già entrati tra il 2004 ed il 2009; di fatto adesso, tutti i paesi ex jugoslavi che hanno uno sbocco sul Mediterraneo, fanno parte della...

error: Alert: Content is protected !!