Turchia Archivi - www.altreinfo.org

Tagged: Turchia

Soros fuori anche dalla Turchia. Cristina Amoroso

L’Open Society Foundation di George Soros dichiara che cesserà le operazioni in Turchia, pochi giorni dopo che il presidente Recep Tayyip Erdogan ha accusato il filantropo miliardario di cercare di dividere e distruggere le nazioni. La fondazione del filantropo criminalizzata anche in Russia e in Ungheria. L’organizzazione ha affermato che non è più possibile lavorare in Turchia dopo essere diventata l’obiettivo di “affermazioni infondate” nei media e di una rinnovata indagine da parte delle autorità turche sulle proteste di massa contro il governo di Erdogan cinque anni fa, “il ministero...

Perché non siamo la Turchia. E il crollo turco è un argomento contro il globalismo. Maurizio Blondet

Sapete qual è il debito pubblico della Turchia? Il 30% sul PIL. Un paese modello secondo la dogmatica dell’ordoliberismo. E il deficit pubblico? 1.5% sul PIL. Per i dogmatici del “Restiamo nell’euro perché noi abbiamo un debito pubblico del 130%”,  il bassissimo debito pubblico turco sarebbe stato una “garanzia contro la speculazione”, e  “l’attacco dei mercati”: Invece la Turchia è stata travolta dalla speculazione.  E tutti i media idioti e i piddini, e gli economisti che non hanno studiato: “Ecco cosa succede   se torniamo alla nostra moneta sovrana! La lira turca si...

Siria. Se Erdogan è la lancia, e il Pentagono lo scudo. Maurizio Blondet

Se l’ennesima falsa accusa al governo di Assad servirà a giustificare il rinnovato intervento USA e occidentale in Siria, lo sapremo nelle prossime ore. In questo quadro, il sito Strategika invita a considerare se le truppe turche e quelle americane (e occidentali) non stiano muovendosi di concerto, nonostante sostengano il contrario. Perché attenzione: secondo Debka File, il 3 aprile, il giorno stesso in cui Trump annunciava il “rapido” ritiro delle forze statunitensi in Siria, Marines Usa insieme ai commandos francesi spediti da Macron sono invece arrivati al Nord della Siria....

Atene concentra truppe al confine con la Turchia. Maurizio Blondet

Sono settemila soldati, dispiegati  lungo il confine nord-orientale ma anche nelle isole. Sembra che sia stata un’idea autonoma del ministro della Difesa, Panos Kammenos – che è del minuscolo partito di estrema destra Anexartitis Ellines, ma alleato di governo con Syriza. Il primo ministro Alexis Tsipras ha invitato alla “calma e moderazione”. Kathimerini, il maggior quotidiano, chiede le dimissioni di Kommenos in un fondo firmato da un economista di primo piano, Babis Papadimitriou. Ricordando che “durante la visita di Erdogan, Kammenos si era trasformato in una bomba a mano nelle...

Guerra Greco Turca in vista? Maurizio Blondet

Il tedesco Die Welt ha dedicato un’analisi all’inasprirsi delle relazioni fra Atene ed Ankara. Le provocazioni turche contro la Gracia, consistenti per lo più in sconfinamenti su zone di territorio che la Turchia rivendica, si sono moltiplicate: l’anno scorso, navi da guerra turche sono entrate nelle acque greche duemila volte, ossia quattro volte più dell’anno precedente. I caccia turchi hanno violato lo spazio aereo 3.300 volte. Il 12 febbraio scorso una nave da guerra turca ha speronato un pattugliatore ellenico davanti all’isola di Imla, greca ma pretesa dai turchi; vero...

Guerra del gas nel Mediterraneo, Turchia Italia e non soltanto

Le navi da guerra di Ankara hanno impedito a una piattaforma Eni di operare in acque cipriote. Più a nord si scontrano motovedette turche e greche. Ma la prova di forza di Erdogan è soltanto il segnale più evidente di una partita energetica strategica che coinvolge tutti i Paese del Mediterraneo orientale. Tutto inizia ufficialmente giovedì 8 febbraio, una settimana esatta dopo la visita del presidente turco Erdogan a Roma. In un breve comunicato, Eni annuncia di aver scoperto un nuovo giacimento di gas naturale al largo di Cipro, all’interno del blocco...

Ankara: “Spezzeremo le gambe alla Grecia”. Maurizio Blondet

Lo ha minacciato di punto in bianco Ygit Bulut, uno dei primari consiglieri di fiducia di Erdogan. La ragione della sua furia: l’isoletta  disabitata di Imia, che i turchi chiamano Kardak, e di cui rivendicano il possesso. Ripetendo una minaccia che fu pronunciata da un altro, e non gli portò fortuna. “Atene dovrà subire la furia della Turchia, peggio di quella della nostra offensiva di Afrin. Spezzeremo le gambe e le braccia di ogni funzionario, parlamentare o ministro che osi mettere piede sull’isola”. Il motivo è che qualche giorno prima...

Brett McGurk

Segreti, bugie e confusione USA nel Nord della Siria. Thierry Meyssan

Dagli annunci e smentite dell’amministrazione Trump sugli sviluppi militari nel Nord della Siria traspare un pesante segreto. Paradossalmente, la Turchia viene in aiuto degli Stati Uniti per correggere “l’errore” di loro ufficiali superiori. La smentita del segretario di Stato Rex Tillerson, il 17 gennaio, delle affermazioni del 23 dicembre del comandante in capo del CentCom, generale Joseph Votel, e di quelle del 13 gennaio del portavoce della Coalizione anti-Daesh, colonnello Thomas Veale, ha generato confusione. La dichiarazione di Tillerson non ha soddisfatto la Turchia che, dopo aver avvisato il 10...

Putin “costruttore di pace” geopolitico (possibile che Sion…?). Maurizio Blondet

L’ultima è, ovviamente, la clamorosa visita del re saudita Salman a Mosca – una prima storica assoluta – con la firma del preliminare per l’acquisto dei missili antiaerei S-400 e l’impegno, parimenti firmato, per cui Mosca “aiuterà il Regno a sviluppare la sua propria industria militare”. Inoltre le due nazioni (ha detto Lavrov alla fine dell’incontro tra Putin e Salman) “sono d’accordo sull’importanza di combattere il terrorismo, di trovare soluzioni pacifiche nella soluzione dei conflitti in Medio Oriente e sul principio della integrità territoriale”. Ora, non occorre ricordare che l’Arabia...

Energia: Iran, Russia e Turchia firmano accordo per investimenti congiunti settore petrolio e gas

TEHERAN (Pars Today Italian) – Iran, Russia e Turchia hanno firmato un accordo per avviare investimenti congiunti in progetti di sviluppo del settore del petrolio e del gas. Lo riferisce l’agenzia di stampa legata al ministero del Petrolio iraniano “Shana”. L’accordo è stato firmato lo scorso 8 agosto a Mosca tra la società di investimenti iraniana Ghadir, l’intermediario russo Zarubezhneft e la turca Unit International. Secondo quanto riferisce “Shana” quello firmato a Mosca è il primo accordo tripartito di partenariato e investimenti tra imprese iraniane e straniere, in base al...

Avete temuto il Brexit? Vedrete come vi spaventerà Erdoxit… Maurizio Blondet

Altro che Brexit, l’Erdoxit. La Turchia diventa un gigantesco frammento dislocato e va per la sua rotta pericolosa e avventurista, e l’Unione Europea, la classe (cosiddetta) dirigente resta senza parole. Angela Merkel, quella che comanda su tutti noi, quella che ci ha fatto sborsare a tutti i 3 miliardi l’anno ad Erdogan per rimediare ad una sua ignobile follia, che fa? Auspica che il sultano apra “un dialogo rispettoso con le altre forze politiche e la società”; invoca Erdogan di “non mettere fine al sogno europeo”, cioè all’aspirazione di farsi...

Preoccupati dallo sbilanciamento di poteri turco? Date un’occhiata a chi sta comandando negli USA. Mauro Bottarelli

Immagino che tutti sappiate come è andato a finire il referendum costituzionale in Turchia: il “Sì” alla svolta presidenzialista voluta fortemente dal presidente Erdogan ha avuto la meglio con il 51% a fronte di un’affluenza altissima, quasi l’86% degli aventi diritto. Molto polarizzata la distribuzione del voto: a valanga in favore del presidente l’Anatolia profonda e musulmana, in favore del “No” le grandi città come Ankara, Istanbul e Smirne. Decisivo, ancora una volta, il voto dei residenti all’estero, dichiaratisi al 60% per il “Sì” con percentuali bulgare in Germania e...

erdogan

L’inquietante ordine di Erdogan ai turchi in Europa: “Fate figli e diventate maggioranza”

Il tirannico premier turco ha pubblicamente invitato i suoi compatrioti che vivono nel nostro continente a fare almeno 5 figli per superare numericamente gli europei. “Da qui faccio un appello ai miei fratelli in Europa. Non fate tre figli, ma cinque, perché voi siete il futuro dell’Europa.”: queste inquietanti parole, che presagiscono un vero e proprio tentativo di sostituzione etnica, sono state pronunciate dal tirannico premier turco, Erdogan, durante un comizio vicino Istanbul. Il clamoroso “ordine” impartito ai suoi compatrioti che vivono nel nostro continente è conseguenza delle tensioni tra...

libro di esther

Sconfitto in Siria, Netanyahu realizza il Piano B. Maurizio Blondet

Putin a Netanyahu: “Le tue accuse all’Iran si riferiscono al secolo V a. C.; ma da allora il mondo è cambiato, permettici di parlare di questo”. Diversi siti (e pochi media) hanno riportato questa risposta di Putin a Netanyahu, che l’ha visitato il 12 marzo a Mosca. Era la risposta all’affermazione di “Bibi” secondo cui le  forze iraniane in Siria miravano a distruggere Israele, e quindi la Russia doveva mandare via gli iraniani dalla Siria. Questo sunto manca di dare conto della tensione, e delle minacce implicite, del colloqui di...

Assassinio dell'ambasciatore russo, qualcuno avanza dubbi

Messa in dubbio la versione ufficiale dell’assassinio dell’ambasciatore russo in Turchia

L’analista argentino Guadi Calvo, nell’analizzare l’assassinio dell’ambasciatore russo ad Ankara, Andrei Karlov, per mano  del criminale, Mevlüt Mert Altıntas, un poliziotto turco di 22 anni, si è posto varie domande interessanti. Era l’assassino un lupo solitario? Formava parte di qualcuno dei molteplici gruppi terroristici che operano in Turchia, incluso lo Stato Islamico? Si è trattato di un carico di “fattura” al presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il quale da da vari mesi, nella sua corsa verso il “sultanato”, ha lasciato da parte centinaia di militari e uomini della sicurezza? L’analista...

error: Alert: Content is protected !!