Berlino, 1933: capitale mondiale del sesso e della depravazione. Il ruolo degli ebrei nel degrado morale della Repubblica di Weimar - www.altreinfo.org

Berlino, 1933: capitale mondiale del sesso e della depravazione. Il ruolo degli ebrei nel degrado morale della Repubblica di Weimar

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“Il decadimento dei valori morali in tutte le aree della vita, il periodo di più profondo degrado tedesco, coincise esattamente con l’ascesa del potere ebraico in Germania”. Friederich Karl Wiehe, La Germania e la questione ebraica. [1]

Nessun resoconto sulla questione ebraica in Germania può essere completo senza menzionare l’ondata di immoralità sessuale che inghiottì l’intero paese dopo la prima guerra mondiale, durante il periodo della Repubblica di Weimar (1919-1933). Questo periodo coincide anche con l’apogeo del potere ebraico in Germania.

Durante la Repubblica di Weimar ogni singolo ganglio del potere era ormai passato sotto il controllo ebraico.

Otto Dix, Metropolis (1928). Berlino nel periodo di massimo splendore della Repubblica di Weimar: un inferno edonistico della depravazione sessuale.

Il controllo culturale della Germania da parte degli ebrei

Il dott. Karl Wiehe, nel suo libro “La Germania e la questione ebraica”, è scrupoloso nei dettagli che fornisce:

Ben prima del 1933 gli ebrei si erano impossessati dell’industria cinematografica e ancor di più del teatro. Era comprensibile, perché i guadagni nell’industria cinematografica oscuravano i guadagni di qualsiasi altra attività artistica.

Tuttavia, il più grande passo nella direzione del declino della vita culturale tedesca è stato fatto nella direzione dell’intrattenimento leggero. Nel genere della commedia musicale e soprattutto nel burlesque la frivolezza e la lascivia facevano da battistrada. Tanto che in questi anni

Berlino è stata giustamente considerata la città più immorale del mondo.

Sono stati gli ebrei ad introdurre questa “forma d’arte” pornografica in Germania, un tipo di degrado del tutto sconosciuto prima della Grande Guerra, e sono quindi gli ebrei i responsabili del declino generale della morale.

I sessuologi ebrei Ivan Bloch e Magnus Hirschfeld divennero i più importanti esponenti della cosiddetta “ricerca sessuale” – una scienza fasulla che era solo una scusa per la pornografia e la propaganda progettata per distruggere l’istituto del matrimonio e la sacralità della famiglia. [2]

Wiehe fornisce i seguenti fatti e statistiche utili:

Nel 1931, oltre il 60 percento dei film tedeschi furono prodotti dagli ebrei e l’82 percento delle sceneggiature dei film furono scritte da autori ebrei, sebbene gli ebrei costituissero meno dell’1 percento della popolazione tedesca (lo 0,90%). Un rapido sguardo ai nomi di registi, produttori, scenografi, attori, sceneggiatori e critici “rivela ovunque una schiacciante preponderanza degli ebrei”.

Alexander Szekely, bordello tedesco a Gand

Un’indagine superficiale dei titoli del film, fa notare Wiehe, ci dimostra che gli ebrei avevano solo una cosa in testa: il sesso. Ecco alcuni titoli tipici: “Moral und Sinnlichkeit” ( Morale e Sensualità) ; “Was Kostet Liebe?” (Qual è il prezzo dell’amore); “Wenn ein Weib den Weg verliert” (Quando una donna perde la sua strada); “Prostitution” (prostituzione); “Sündige Mutter” (Madre peccaminosa) ; “Das Buch des Lasters” (Il libro dei vizi).

“Ai titoli sensazionali corrispondono contenuti squallidi”, si lamenta Wiehe. “Tutti sguazzano nella sporcizia e mostrano con cinica franchezza le scene più vili della perversione sessuale.” [3]

L’intrattenimento leggero (rivista/burlesque) era un’innovazione ebraica. I teatri delle riviste e del burlesque, tutti concentrati in grandi città come Berlino, erano di proprietà e gestiti quasi esclusivamente da ebrei. Gli spettacoli consistevano in poco più che scuse per la provocazione sessuale che comportava l’esibizione della forma femminile in danze lascive che dovevano degenerare in seguito in striptease e scene di masturbazione pubblica. “In queste riviste,” nota indignato Wiehe,

“il desiderio sessuale disinibito si arrende alle orge disgustose. Tutta la vita è stata ridotta a un comune denominatore della lussuria e della sua soddisfazione. La castità e l’autodisciplina sono derisi come pregiudizi antiquati”.

Gli ebrei erano riusciti, nel giro di soli quattordici anni, a determinare una “trasvalutazione dei valori” [4] nella Germania di Weimar. I vizi del passato erano ora le sue virtù. L’unico vizio rimasto era la castità.

Uno sguardo ai titoli della rivista è di nuovo sufficiente: “Zieh dich aus” (Spogliati); “Tausend nackte Frauen” (Mille donne nude); “Die Sünden der Welt” (I peccati del mondo); “Häuser der Liebe” (Le case dell’amore); “Streng Verboten!” (Severamente vietato!); “Sündig und Süss” (dolce e peccaminoso). [5]

Infine, c’era il ricco campo della sessuologia: una nuova scienza costituita in gran parte da “case history” dubbi che pretendevano di rivelare le abitudini sessuali depravate di vari pazienti anonimi. Per conferire un’aria accademica di rispettabilità ed erudizione a queste fantasie masturbatorie – avvincenti storie d’avventura che coinvolgevano necrofilia, bestialità e feticismo – i dettagli più eccitanti erano spesso dati in latino volgare “per escludere il lettore laico”. [6] Tuttavia, non passò molto tempo prima che il latino venisse diligentemente tradotto in lingua volgare a beneficio del lettore comune”.

Wiehe snocciola una lunga lista di sessuologi ebrei che sostiene essere in prima linea nella stesura di trattati così salaci che non erano altro che la pornografia mascherata da scienza. I dottori Magnus Hirschfeld [7] e Ivan Bloch [8] sono stati i più importanti scrittori in questo campo, i loro libri sono letti avidamente ancora oggi da un pubblico credulone affamato di dettagli bizzarri, perversi e pervertiti. I dottori Ludwig Lewy-Lenz, Leo Schidrowitz, Franz Rabinowitsch, Georg Cohen e Albert Eulenburg sono altri nomi menzionati da Wiehe.

Ecco alcuni dei loro titoli deprimenti: “Sittengeschichte des Lasters” (Storia della perversione); “Sittengeschichte des Schamlosigkeit” (Storia della spudoratezza); “Bilderlexikon der Erotic” (Lessico dell’erotismo); “Sittengischichte des Geheime und Verbotene” (Storia del segreto e del proibito). Ed ecco alcuni dei titoli pubblicati dall’Istituto di scienze sessuali del dott. Magnus Hirschfeld a Berlino [9]: Afrodisiaci, prostituzione, catastrofi sessuali, patologia sessuale, i pervertiti. Wiehe descrive tutti questi libri come “le sporche pubblicazioni di questi pseudo-scienziati”, tutti scritti da autori ebrei e pubblicati da editori ebrei.

Otto Dix, The Salon , 1921. Prostitute berlinesi in attesa dei piaceri della serata

Si presumeva che questi libri fossero trattati scientifici, il loro scopo apparente era quello di “educare” le grandi masse sui pericoli degli eccessi sessuali. Sotto l’apparenza della scienza, tuttavia, gli autori speculavano sulla lussuria e sui bassi istinti del loro pubblico. Criminali, prostitute e omosessuali erano al centro del loro repertorio.

Non esistevano “scienziati del sesso” che non fossero ebrei! [10]

Wiehe fa notare che la masturbazione, fino a quel momento considerata un vizio, cominciò a essere promossa spudoratamente, per la prima volta nella Germania di Weimar, da organizzazioni gestite da ebrei. Karl Wiehe cita il dottor Max Hodan, ufficiale medico ebreo di Berlino, che spinge per far circolare un opuscolo in cui si raccomanda la regolare masturbazione per le classi lavoratrici.

Vale la pena notare che uno dei peggiori serial killer del mondo, Peter Kürten, commise tutti i suoi crimini in Germania durante il periodo 1925-1930.

Questo fu naturalmente il periodo di massimo splendore della Repubblica di Weimar, quando il popolo tedesco si trovò completamente sotto la dominazione ebraica e quando fu probabilmente gestita la prima prova generale della Rivoluzione sessuale degli anni ’60.

Fu nella Germania di Weimar, molto prima di Hannibal Lecter, che il serial killer divenne una figura iconica – una fonte di brividi e fantasie segrete.

E’ significativo che quando chiesero a Peter Kürten per quale motivo avesse ucciso, egli rispose: “per reagire ad una società oppressiva”. [11]

In realtà, questa fu una società in cui il serial killer divenne un’icona popolare, quanto basta per creare un intero genere letterario e sensazionale basato sul crimine sessuale.

La discesa nella depravazione sessuale

Lo storico britannico Sir Arthur Bryant descrive folle di prostitute minorenni fuori dalle porte dei grandi hotel e ristoranti di Berlino. Aggiunge:

“La maggior parte dei night club e dei resort erano di proprietà degli ebrei e gestiti da loro. E furono gli ebrei coloro che promossero questo commercio, di cui ci si ricorda ancora, a distanza di anni. “[13]

Arrivato a Berlino durante la crisi di iperinflazione (1923), Klaus Mann, figlio del grande romanziere tedesco Thomas Mann, ricordò di aver oltrepassato un gruppo di dominatrici:

Alcune di loro sembravano feroci amazzoni, impettite in stivali alti fatti di pelle verde lucida. Una di loro brandì un bastone flessibile e mi guardò mentre le passavo accanto. “Buona sera, signora,” dissi. Mi sussurrò all’orecchio: “Vuoi essere il mio schiavo? Costa solo sei miliardi e una sigaretta ». [14]

Georg Grosz, prima dell’alba. Le prostitute e i loro clienti nel quartiere a luci rosse … ecco come si vestivano e camminavano per le vie sgargianti, illuminate dai lampioni.

Bambine di 10 anni si prostituivano nelle stazioni ferroviarie. Un gruppo di ragazze russe di 14 anni, profughe del Terrore Rosso nel mattatoio comunista di Stalin, riuscirono a fare una vita lucrosa a Berlino come dominatrici. Le bambine erano disponibili per il sesso nei bordelli, potevano essere ordinate per telefono e consegnate ai clienti in taxi, come fossero pasti da asporto. Particolarmente bizzarri erano le coppie madre-figlia che offrivano i loro servizi allo stesso cliente per un sesso a tre. Scrive Mel Gordon:

“Un giornalista francese, Jean Galtier-Boissière, descriveva, con dettagli pornografici, l’orrore strisciante di sentire le dita minuscole ma profonde della bambina di nove anni accarezzargli la parte superiore della coscia mentre la madre dai denti spezzati copriva la sua faccia con baci bollenti. “[15]

In Voluptuous Panic di Mel Gordon : The Erotic World di Weimar Berlin, entriamo in un ambiente deprimente e sordido simile al mondo sotterraneo del ratto delle fogne: un mondo che doveva la sua esistenza in gran parte all’ebraismo tedesco.

Senza il denaro e l’influenza degli ebrei, un simile mondo non sarebbe mai esistito.

Né c’era nulla che i tedeschi potessero fare per liberarsi da questa stretta di erotomania e devianza sessuale, creata artificialmente, in cui ora si trovavano immersi.

C’erano non meno di 17 diversi tipi di prostitute in questa città di bordelli creata da ebrei: otto tipi all’aperto e nove all’interno dei locali, ognuno con le loro specialità e la terminologia gergale.

Prostitute all’aperto:

(1) Kontroll Girls: prostitute legali, sottoposte a controlli per le malattie veneree. (2) Half-Silks: dilettanti part-time con lavori diurni come impiegate, segretarie e commesse; lavoratrici della sera e del fine settimana. (3) Grasshoppers: umili spogliarelliste che masturbavano e si concedevano in piedi lungo i vicoli bui. (4) Nuttesragazze adolescenti che lavoravano per avere una “paghetta” dopo la scuola senza che i genitori ne fossero a conoscenza. (5) Boot-girls: dominatrici, che indossavano lucidi stivali di vernice, e si offrivano per segnare letteralmente i loro clienti. (6) Tauentzien girlseleganti coppie madre e figlia, vestite alla moda, che offrivano i loro servizi a uomini che volevano sesso a tre. (7) Münzis: donne gravide che aspettavano sotto i lampioni (molto costose, dal momento che offrivano una specialità erotica). (8) Gravelstones: orribili streghe con arti mancanti, gobbi, nani e donne con varie deformità. “La parola tedesca più comune per loro era Kies o Steinhuren. [16]

Otto Dix, Three Wenches. Queste prostitute erano disposte a lavorare individualmente o in gruppo.

Prostitute al chiuso:

(1) Chontes: prostitute ebree di basso grado, per lo più polacche, che cercavano i loro clienti nelle stazioni ferroviarie. (2) Fohses (argot francese per “vagine”): donne eleganti che si pubblicizzano discretamente su riviste e giornali come massaggiatrici private e manicure. (3) Demi-castors (o “half-beavers”): Giovani donne di buona famiglia che lavoravano in case di alta classe nel tardo pomeriggio e in prima serata. (4) Table-ladies: Bellissime escort di aspetto esotico che si presentavano al tavolo riservato nei nightclub esclusivi. I clienti dovevano essere molto ricchi per permettersi la conversazione colta di queste ragazze squillo di alta classe che accompagnavano il caviale con lo champagne e che in seguito svelavano pienamente il loro fascino in una sala sontuosamente arredata. (5) Dominas: donne vestite di pelle, atletiche e amazzoni, specializzate nell’umiliazione erotica. (6) Minettes (francese per “femmina gatta”): ragazze squillo esclusive che offrivano scene di fantasia sado-maso, adorazione dei piedi, schiavitù e travestimento. Lavoravano in alberghi di alta classe. (7) Race-horses: Prostitute masochiste che si lasciavano frustare in “aule scolastiche” o “prigioni sotterranee” liberamente fornite di strumenti di tortura. I clienti erano attentamente controllati per assicurarsi che non esagerassero. (8) “Medicine”: prostitute minorenni (12-16 anni), così chiamate perché prescritte come “medicine” nelle farmacie. Tutto ciò che il cliente doveva fare era dire al farmacista per quanti anni aveva sofferto del suo disturbo (ad esempio, 12), senza menzionare quale disturbo fosse, e richiedere il colore della pillola che preferiva (ad esempio, il rosso). Veniva poi accompagnato in una cameretta dove lo attendeva la sua “medicina”: una rossa di 12 anni. (9) Telephone-girls (spesso pubblicizzate come “vergini”): costose prostitute minorenni (età 12-17) ordinate per telefono come un pasto da asporto; le ninfette venivano consegnate in limousine o in taxi. [17]

Luigi Barzini, nel suo libro di memorie sociali The Europeans, descrive le scene dei varietà e degli squallidi bordelli di Berlino, impazzita per il sesso negli anni ’20, l’età d’oro degli ebrei:

Ho visto i protettori offrire di tutto a tutti: ragazzini, ragazze, giovani robusti, donne libidinose, animali. Girava la storia che un’oca maschio con il collo tagliato al giusto istante ti avrebbe dato il più delizioso orgasmo, perché ti avrebbe permesso di godere della sodomia, della bestialità, dell’omosessualità, della necrofilia e del sadismo in un colpo solo. Anche della gastronomia, in quanto avresti potuto mangiare l’oca in seguito. [18]

Nell’ottobre del 1923, quando con un dollaro USA si potevano comprare 4,2 miliardi di marchi e sei carriole di banconote bastavano appena per acquistare un pezzo di pane, si diceva che

“il pompino più squisito che si potesse avere a Berlino, ad un turista americano non sarebbe mai costato più di 30 centesimi”. [19]

“La vita notturna di Berlino. Il mondo non ha mai visto niente del genere!” Klaus Mann, figlio del grande autore tedesco Thomas Mann, scriveva ironicamente

“Avevamo un esercito di prima classe. Ora abbiamo perversioni di prima classe.”[20]

L’autore tedesco Erich Kästner, scrivendo della Berlino di Weimar, rifletteva sulla malattia dell’anima che ora aveva preso possesso della città un tempo orgogliosa:

“A est c’è il crimine; al centro i truffatori dominano; nel nord risiede la miseria, l’ovest è nella lussuria; e ovunque – il declino. “[21]

Weimar Berlin Brothel Scene, Erich Schütz, Raiding the Nacktlokal, 1923

L’autore ebreo tedesco Stephan Zweig ha scritto molto sull’omosessualità, sottolineando che persino nell’antica Roma – dove quattordici dei primi quindici imperatori romani erano omosessuali – il grado di depravazione, ubriachezza e spudoratezza pubblica era molto meno scioccante se confrontato con la Berlino di Weimar:

Bar, parchi di divertimenti, bettole sorsero come funghi. Uomini truccati passeggiavano lungo l’intero Kurfürstendamme, non erano tutti professionisti; ogni ragazzo delle superiori voleva guadagnare un po ‘di soldi e nei bar poco illuminati si vedevano funzionari governativi e uomini d’affari corteggiare senza vergogna marinai ubriachi. Persino la Roma di Svetonio non aveva mai conosciuto orge simili a quelle della pervertita Berlino, dove centinaia di uomini travestiti da donne e centinaia di donne da uomini ballavano davanti agli occhi benevoli della polizia.

Nel crollo di tutti i valori prese piede una sorta di follia.

Le ragazze si vantano orgogliosamente della loro perversione; avere sedici anni ed ancora il sospetto di verginità sarebbe stato un disonore. “[22]

La città della favolosa gioia. Weimar Berlin, 1928

Note finali

[1]  Dott. Friedrich Karl Wiehe, Germania e Domanda ebraica. Pubblicato nel 1938 a Berlino dall’Istituto per gli studi sulla questione ebraica, questo opuscolo in otto parti contiene circa 23.500 parole nella traduzione inglese. Come ho citato estensivamente questo importante lavoro sia qui che nel mio saggio in 4 parti Come gli ebrei sono saliti al potere mondiale, ho ritenuto opportuno parafrasare / tradurre completamente l’inglese germanico difettoso della versione inglese, citando la traduzione originale solo quando l’inglese era privo di errori grammaticali e ortografici. I lettori che conoscono il tedesco sono invitati a consultare il saggio originale tedesco qui: Deutschland und die Judenfrage.

[2]  Wiehe, Ibid.

[3]  Wiehe, Ibid.

[4]  “Trasvalutazione dei valori”

[5]  Wiehe, Ibid.

[6]  La psicopatia sessuale di Krafft-Ebing

[7]  Magnus Hirschfeld(1868-1935). Il primo difensore dei diritti omosessuali e transgender e lui stesso omosessuale, Hirschfeld ha capito che c’erano 64 diversi tipi di maschi, che vanno dal maschile estremamente maschile eterosessuale al maschio omosessuale estremamente femminile. Non è chiaro se ci siano anche 64 diversi tipi di femmine, che vanno dalla femmina eterosessuale estremamente femminile alla lesbica mascolina estremamente mascolina. Descritto come “l’Einstein del sesso”, Hirschfeld riteneva che l’aborto fosse una buona cosa e approvava l’incrocio di razze e il meticciamento della razza bianca.

[8]  Ivan Bloch (1872-1922). Così come Hirschfeld, anche Bloch era un omosessuale ebreo il cui principale interesse per la vita era la perversione sessuale. Autore del volume di Handbuch der gesamten Sexualwissenschaft in 3 volumi di Einzeldarstellungen (“Manuale di sessuologia nella sua interezza presentato in studi separati”), Bloch era un esperto di sadismo e contribuì a rendere popolare il lavoro del marchese di Sade. Probabilmente scoprì il manoscritto de I 120 giorni di Sodoma di Sade e lo pubblicò sotto uno pseudonimo nel 1904, presumibilmente intascando i diritti d’autore.

[9] L’Istituto per le scienze sessuali(Institut für Sexualwissenschaft ). Fondato nel 1919 a Berlino, l’Istituto era ospitato in una villa acquistata da Hirschfeld non lontano dall’edificio del Reichstag. Ospitava la sua immensa biblioteca di libri di sesso, la maggior parte dei quali pornografici, e offriva consigli pubblici sui loro problemi sessuali (“consultazioni mediche”). Persone provenienti da tutta Europa hanno visitato l’Istituto, compreso il duo omosessuale Auden e Isherwood, “per ottenere una comprensione più chiara della loro sessualità”. (Wikipedia). L’Istituto, che incoraggiava visite “educative” di bambini in età scolare, includeva un Museo del sesso pieno di immagini pornografiche, dildo, “macchine per masturbarsi” e altre curiosità di natura simile. Nel maggio del 1933, dopo la presa del potere da parte dei Nazisti, l’Istituto fu attaccato e migliaia dei libri pornografici e degli artefatti erotici vennero distrutti in un “falò delle vanità” – questo evento in seguito fu interpretato dagli interessi ebraici come una tragica perdita per la civiltà, paragonabile solo al rogo della Grande Biblioteca di Alessandria nel 645 d.C.

[10] Wiehe, Ibid.

[11]  Peter Kurten, “per rispondere ad una società oppressiva”.

[12] Un esempio: Marina Tatar’s Lustmord: Sexual Murder in Weimar Germany.

[13] Sir Arthur Bryant, Unfinished Victory (1940), pp. 144-145

[14] Mel Gordon, Voluptuous Panic: The Erotic World of Weimar Berlin , p.39

[15] Mel Gordon, Ibid., P.43

[16] Mel Gordon, in una e-mail a questo autore (1 marzo 2013).

[17] Mel Gordon, Ibid. , pp.28-32

[18] Citato inStephen Lemons, il paradiso riacquistato : le notti depravate e piene di peccato di Weimar Berlin stuzzicano di nuovo l’immaginazione nel “Voluptuous Panic” di Mel Gordon.

 [19] Stephen Lemons, Ibid. Se 30 centesimi per un pompino era considerato un affare per il turista americano a Weimar in Germania, è interessante notare che il costo di un pompino per i turisti sessuali in Moldavia oggi è considerevolmente più basso – solo 20 centesimi al bar. Lo apprendiamo da un libro originariamente pubblicato in ebraico in Israele ( di Ilana Hammerman in Foreign Foreign: La tratta delle donne in Israele ., Amved. 199pp). “La tariffa locale per i servizi sessuali presso la stazione ferroviaria di Chisinau”, ci dicono, “riguarda NIS 0,70 per un pompino.” (Citato in ” Terra di sporcizia e miele “, di Eli Shai, Jerusalem Post, 5 novembre 2004). 0.70 I nuovi shekel israeliani raggiungono i 20 centesimi. La Moldavia, il paese più povero d’Europa, dove il reddito medio è di US $ 300 al mese e il 20% della popolazione vive in povertà estrema con $ 3 al giorno, è una destinazione preferita per i turisti sessuali europei e israeliani, specialmente per i pedofili. Chisinau è la capitale della Moldavia ed è alla sua stazione ferroviaria che i bambini magri, con gli occhi vuoti, alcuni dei quali giovani di 7 anni, offrono i loro servizi ai turisti sessuali in arrivo. (Vedi qui ).

[20] Klaus Mann, The Turning Point (1942) , citazione.

[21] Erich Kästner, citato in ” Istituto per lo studio della civiltà occidentale: il ventesimo secolo. Conferenza 9: Cultura di Weimar. “

[22] Citato nella Columbia University Rassegna stampa del cinema di Weimar: una guida essenziale ai film classici dell’epoca , a cura di Noah Isenberg

 

 

di Lasha Darkmoon

Fonte: https://www.darkmoon.me

Traduzione: www.altreinfo.org

***

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!