Le origini ebraiche dunmeh di Mustafa Kemal Atatürk. Paolo Germani - www.altreinfo.org

Le origini ebraiche dunmeh di Mustafa Kemal Atatürk. Paolo Germani

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Sapere se Mustafà Kemal Atatürk era di origine ebraica, dunmeh per la precisione, a distanza di un secolo, non è soltanto una curiosità storica. Questa ascendenza, se provata, permetterebbe di comprendere meglio i fatti tragici che avvennero in quel periodo storico e di gettare nuova luce sui tre genocidi perpetrati dai Giovani Turchi, ai danni delle comunità cristiane che vivevano in Anatolia, vale a dire gli armeni, gli assiri e i greci del Ponto, senza minimamente scalfire la numerosa comunità ebraica.

Mustafa Kemal Ataturk, il padre dei turchi era di origine ebraica, dunmeh?

Chi era Mustafa Kemal Atatürk

Mustafa Kemal Atatürk, il Padre dei Turchi, è nato a Salonicco nel 1881.

In quell’epoca Salonicco apparteneva all’Impero Ottomano e contava 140.000 abitanti, di cui oltre 100.000 ebrei o cripto-ebrei. Questi ultimi erano ebrei convertiti all’Islam (dunmeh o dönmeh), che tuttavia non avevano mai abbandonato la fede ebraica, professata di nascosto.

Nel 1908 Mustafa Kemal aderì al movimento dei Giovani Turchi, profondamente legato alla comunità ebraica di Salonicco e alla massoneria italiana. Infine, nel 1920, dopo la disfatta della prima guerra mondiale, Mustafa Kemal conquistò il potere in Turchia, grazie all’appoggio finanziario della comunità ebraica della sua città natale.

Mustafà Kemal ebbe una doppia responsabilità nei tre genocidi: garantì la libertà ai tre maggiori responsabili, vale a dire Mehmed Talaat Pasha, Ismail Enver Pasha e Ahmed Cemal Pasha, tutti Giovani Turchi legati alla comunità dunmeh; portò a termine con ferocia il genocidio dei Greci del Ponto e degli Assiri.

Precisiamo che il movimento dei Giovani Turchi, al di là delle ascendenze ebraiche comprovate di alcuni dei loro maggiori esponenti, nacque a Salonicco e venne finanziato da banchieri massoni, tutti coordinati dall’ebreo sionista Emmanuel Carasso, e da noti banchieri ebreo-italiani, in particolare da Otto Joel e Federico Weil, esponenti di primo piano della Banca Commerciale Italiana.

Anche l’ascesa al potere dei Giovani Turchi venne finanziata dai banchieri ebrei, così come la presa del potere di Mustafa Kemal, avvenuta all’indomani della prima guerra mondiale.

Sappiamo che nessuna rivoluzione può avvenire senza un sostegno organizzativo, finanziario e mediatico. Nel caso di Mustafa Kemal e dei Giovani Turchi, tutti e tre i sostegni furono garantiti dalla comunità ebraica internazionale.

Le testimonianze sulle origini ebraiche di Mustafa Kemal

I primi scritti in cui si parla di Mustafa Kemal menzionano sempre le sue origini ebraiche. Ad esempio, il primo lavoro completo riguardante la prima guerra mondiale – History of the War – del famoso quotidiano britannico The Times, pubblicato in 22 parti tra il 1915 e il 1922 – non sorvola su questo fatto, bensì afferma:

“Mustafa Kemal, che alcuni riferiscono essere di discendenza ebraica di Salonicco, si è unito apertamente al movimento nazionalista solo nel giugno 1919″(1).

Un’altra famosa pubblicazione occidentale, l’American Literary Digest, descrive Mustafa Kemal nel 1922 come:

ebreo spagnolo per discendenza, musulmano ortodosso per nascita ed educazione”(2).

Le opere citate non rivelano nulla di nuovo, ma si limitano a fornire alcune delle numerose dichiarazioni fatte dalla stampa dell’epoca sulle origini dunmeh di Mustafa Kemal.

Ne aggiungiamo ancora qualcuna.

L’agenzia di stampa Associated Press, citando il Gran Visir di Turchia, scrive il 3 luglio 1920:

Mustafa Kemal, (il leader nazionalista turco), che il gran visir presenta come un ebreo, è nato turco e i suoi genitori erano di Salonicco ed erano dunmeh, cioè convertiti, come lo erano i genitori di Talaat.

Un riferimento degno di nota sulle origini del dunmeh Talaat sono conservate nelle memorie di matrimonio del celebre giornalista Zekeriya Sertel (1890-1980). Descrivendo le difficoltà che ha dovuto superare per sposare una donna dunmeh, Sabiha Dervish, scrive (3):

Al nostro fidanzamento, il testimone dalla parte della sposa era l’allora Primo Ministro Talaat Pasha.

Altre fonti ben informate sono le testimonianze di un ufficiale ottomano di alto rango, divenuto in seguito scrittore, Achmed Abdullah, e del noto uomo d’affari Leo Anavi, entrambi spie turche nell’esercito britannico e grandi sostenitori di Mustafà Kemal, che avevano incontrato in numerose occasioni.

Achmed Abdullah scrive che Kemal aveva origini ebraico-spagnole e che le sue origini “non erano di sangue Osmanli (Ottomano)” (4)

Le origini di Ataturk erano talmente certe negli anni ’20 che nessuno ormai le metteva in dubbio. Non a torto, anche uno dei più grandi storici del ventesimo secolo, Arnold Toynbee, era convinto che Mustafa Kemal avesse origini dunmeh. (5)

Le radici dunmeh di Mustafa Kemal si trovano anche nelle opere del Rabbino Joachim Prinze (1902-1988), persona molto ben informata quando si tratta di cripto-ebrei. Prinze, che fu presidente dell’American Jewish Congress dal 1958 al 1966, scrive:

“Tra i leader della rivoluzione che hanno portato a un governo più moderno in Turchia c’erano Djavid Bey e Mustafa Kemal. Entrambi erano ardenti dunmeh. Djavid Bey divenne ministro delle finanze; Mustafa Kemal divenne il leader del nuovo regime, col nome di Ataturk. I loro avversari cercarono di usare il loro passato da dunmeh per spodestarli, ma senza successo. Troppi giovani turchi nel gabinetto rivoluzionario appena formato pregarono Allah, ma avevano come vero profeta Shabtai Zvi (Sabbatai Zevi), il Messia di Smirne” (6)

Che Mustafa Kemal fosse di discendenza ebraica era una convinzione diffusa anche tra il popolo turco. Gli ebrei di Salonicco hanno sempre ritenuto che Mustafa Kemal fosse un dunmeh. (7)

Gli ebrei la pensano così ancora oggi, come si può constatare alla voce su Mustafa Kemal disponibile sulla Jewish Virtual Library online, un sito web che riporta informazioni su celebri figure ebraiche o di origini ebraiche.

Il popolo turco aveva, e continua ad avere ancora oggi, questa stessa opinione. A tal proposito c’è un interessante rapporto del 1933, redatto dall’Ambasciata degli Stati Uniti ad Ankara, in cui si riportano i risultati di un sondaggio condotto tra la popolazione turca. La maggioranza degli interpellati credeva che la causa dei disastri naturali che in quel periodo punivano il paese fossero dovute alle radici ebraiche del suo leader.

Uno degli intervistati riferisce:

“È quell’ebreo (cioè il presidente) che ci sta spingendo nell’abisso” (8).

Tale convinzione era così diffusa in Turchia che le autorità decisero di approvare una “Legge sui crimini commessi contro Ataturk” (n. 5816, 31 luglio 1951) per punire come crimine qualsiasi insulto o disonore pubblico alla memoria di Ataturk (9). Secondo questa legge, un tale “crimine” era punibile con la reclusione da uno a tre anni, fino a cinque anni in alcuni casi (ibid).

Le conferme indirette

Da quanto sopra, possiamo concludere che il padre dei turchi – Atatürk – si è sempre saputo non fosse un turco. Vediamo ora su quali basi storiche documentate possiamo considerare Mustafa Kemal come un dunmeh.

Ci soffermiamo innanzitutto sui fatti indiretti che indicano le origini dunmeh di Mustafa Kemal.

Mustafa è nato e cresciuto in una città, Salonicco, in cui la maggioranza della popolazione, a metà del XIX secolo, era ebrea. In realtà, all’epoca, Salonicco era l’unica città al mondo (fino alla fondazione di Tel Aviv nel 1909) con una popolazione a maggioranza ebraica. Se aggiungiamo i dunmeh agli ebrei della città, la popolazione di origine ebraica rappresentava di gran lunga la maggioranza assoluta della popolazione. Questo è il motivo per cui Salonicco era chiamata la Gerusalemme dei Balcani.

L’ambasciatore britannico a Costantinopoli, Sir Gerard Lowther (1858-1916), nel suo comunicato al Ministero degli Esteri del 29 maggio 1910, scrive quanto segue:

Salonicco ha una “popolazione di circa 140.000 persone, di cui 80.000 sono ebrei, e 20.000 dunmeh della setta di Sabatai Zevi, o cripto-ebrei, che professano esternamente l’Islam” (10).

Anche greci, bulgari e valacchi (rumeni) erano comunità importanti della città. C’erano almeno 13.000 cristiani (11). C’erano pochissimi armeni, solo circa 45 individui (12). Cioè, al tempo in cui nacque Mustafa, solo uno su sette degli abitanti di Salonicco era musulmano (e non solo turco), mentre gli ebrei e i dunmeh costituivano i tre quarti della popolazione. I turchi, come diceva un politico turco che all’epoca viveva a Salonicco, non erano molti, semplicemente “più di pochi” (13). È anche molto significativo notare che la famiglia di Mustafa viveva in un quartiere non musulmano di Salonicco:

“Mustafa Kemal visse [durante la sua infanzia a Salonicco] in un quartiere in cui vivevano minoranze [non musulmane]” (14).

Questo fatto diventa molto importante se consideriamo che l’Impero Ottomano si basava sul sistema del miglio, secondo cui i membri di una comunità vivevano insieme ai loro correligionari e compagni.

Nel sistema ottomano, ogni comunità dell’Impero aveva le proprie scuole e i propri istituti scolastici, mantenuti con i mezzi della comunità stessa. L’unica eccezione era l’elemento turco dominante, per il quale c’erano scuole finanziate dallo stato. È un fatto ben noto che Mustafa Kemal frequentò dapprima la scuola turca Hafiz Mehmet (15), e poi la scuola Shemsi Effendi (o Chemsi Effendi) (16). La scuola Shemsi Effendi (il vero nome era “Shimon Zwi”) (17) era una delle scuole della comunità dunmeh di Salonicco.

Nella società ottomana, le scuole erano istituite non solo in base alla comunità, ma anche in base a divisioni sotto-comunitarie. Poiché i dunmeh di Salonicco erano divisi in tre gruppi: Yakubi, Karakash, Kapanchi (18), ognuno aveva la sua scuola: il Fryz-i Ati per lo Yakubi, il Feyziye per il Karakash (fondato nel 1883-84) e il Yadigar-i Terakki per il Kapanchi (fondato nel 1879) (19).

Sappiamo con certezza che Mustafa Kemal frequentò la scuola di Feyziye, di cui parlò egli stesso in un’intervista del 1922 (20). Possiamo quindi supporre che appartenesse alla comunità dei Karakash dunmeh. Inoltre, anche Mehmed Djavid Bey (Mehmet Cavit Bey) era un Karakash; era il preside del Feyziye fino a quando divenne ministro delle finanze dell’Impero Ottomano nel 1908 (21).

Non è affatto possibile che Mustafa (in seguito Kemal e poi Ataturk) abbia frequentato una scuola dunmeh se fosse stato turco.

La società ottomana, come si è già detto, era strutturata sulle sue comunità e le distinzioni tra loro erano rigorosamente rispettate. Pertanto, le famiglie di ciascuna comunità mandavano i propri figli solo ed esclusivamente nelle scuole della propria comunità. Va anche sottolineato che la comunità dei dunmeh era molto chiusa. Chi non apparteneva a quella comunità non ne poteva far parte.

Il codice di condotta dei dunmeh imponeva che questi non avessero rapporti con altri musulmani (22). Cioè, se Mustafa non fosse stato dunmeh, la sua frequenza in una scuola dunmeh sarebbe stata inaccettabile sia per i musulmani ortodossi che per i dunmeh stessi. Va anche tenuto presente che le scuole dell’Impero Ottomano non avevano un unico programma di studi e che ai bambini venivano insegnate anche materie nazionali o religiose.

È importante notare che nell’Impero Ottomano, tutte le scuole, non importa quanto fossero progressiste, includevano nei loro programmi elementi di educazione religiosa. Le lezioni iniziavano, per la maggior parte, con le principali preghiere di una data religione o confessione.

Come hanno affermato i migliori studiosi della questione:

“La scuola Shemsi Efendi ha continuato a insegnare e praticare rituali religiosi dunmeh” (23). La scuola mirava contemporaneamente a stabilire relazioni tra i dunmeh (23): “A differenza di altri musulmani, il dunmeh manteneva la convinzione che Sabbtai Zevi (Shabtai Tzvi) fosse il messia, praticava rituali cabalistici e recitava preghiere in ladino [lingua giudaico-spagnola degli ebrei sefarditi], che era la lingua dell’ebraismo ottomano” (23).

La fede di Mustafa Kemal nei segni cabalistici, nel potere dell’occulto, fu mantenuta per tutta la vita. Secondo un racconto, sulla sua scrivania si trovava un panno quadrato verde, con segni esoterici. Lo stesso racconto indica che Kemal, un infedele dal punto di vista islamico, credeva nella virtù di quei segni (24). In definitiva, gli uomini credono nelle cose in cui è stato insegnato loro a credere fin dall’infanzia.

Di conseguenza, possiamo affermare che Mustafa Kemal non ha seguito soltanto un percorso di istruzione generale presso la scuola Shemsi Effendi, ma ha anche ricevuto un’educazione religiosa.

L’istruzione religiosa era così profonda che anche decenni dopo ricordava ancora le preghiere che aveva imparato.

Non a caso la lapide dello stesso Shemsi Effendi è contrassegnata come “Muallim Semsi Ef. [Fendi] Ataturkun hocasi”, cioè “l’insegnante di Ataturk”. Ciò che è degno di nota è anche che Shemsi Effendi (Shimon Zwi) viene indicato non solo come il “muallim” di Ataturk, insegnante, ma il suo “hoca”, mentore o precettore, vale a dire una guida religiosa. Senza alcun dubbio i suddetti argomenti sono tutti molto convincenti e testimoniano il fatto che Mustafa Kemal fosse davvero un dunmeh.

Le conferme dirette

Ora vediamo se ci sono conferme dirette che supportino le origini ebraiche di Ataturk.

Per quanto possa sembrare strano, alcune esistono davvero. Tra queste conferme, la più importante è quella contenuta nelle memorie di Itamar Ben-Avi, che descrisse un incontro con Mustafa Kemal nel 1911 all’Hotel Kamenitz, mentre quest’ultimo era in viaggio verso la Libia per prendere parte alla guerra Italo-Turca.

Itamar Ben-Avi (1882-1943) era il figlio di Eliezer Ben-Yehuda, il padre dell’ebraico moderno, ed è stato quindi il primo bambino dei tempi moderni a parlare ebraico. Nelle sue memorie cita quanto detto da Mustafa Kemal:

“… A casa ho un Tanakh (Bibbia ebraica) molto vecchio (25) stampato a Venezia, e se non ricordo male mio padre mi mandò da un insegnante karaite (i karaiti includono gli ebrei turchi di Crimea) perché imparassi a leggerlo: poche parole mi sono rimaste in mente, come… ‘. A quel punto si fermò un attimo e i suoi occhi [sembrava che stessero] scrutando intorno. Poi, altrettanto improvvisamente, si ricordò: “Shma’a Israel, Adonai Eloheinu, Adonai Echad!” (Ascolta, Israele: il SIGNORE nostro Dio, il SIGNORE è uno! (Deuteronomio, 6: 4)) “Questa è la nostra più grande preghiera, capitano signore.” “E anche la mia preghiera segreta, Cher Monsieur,” rispose e versò un altro drink per entrambi”(26).

Alcuni, avendo in mente le implicazioni politiche di queste affermazioni, mettono in dubbio la veridicità del racconto. Come argomento principale, dicono che il Capitano Mustafa Kemal viaggiò via mare da Istanbul ad Alessandria d’Egitto per prendere parte alla guerra italo-turca (18 dicembre 1911 – 24 ottobre 1912), e quindi non avrebbe potuto essere a Gerusalemme in quell’epoca (27). Questa è una distorsione dei fatti, se non una vera e propria falsificazione. Infatti, è innegabile che Mustafa Kemal prese una rotta terrestre verso la Libia, passando per la Siria e la Palestina. La seguente dichiarazione viene dalla spia britannica Harold Armstrong, che all’epoca era ben consapevole delle questioni relative al Medio Oriente:

“A parte il lungo percorso attraverso la Siria e l’Egitto, la Turchia era tagliata fuori dal Nord Africa. Gli italiani avevano il controllo del mare e avevano chiuso i Dardanelli. […] Con due amici Mustafa Kemal ha preso la via terrestre. Hanno viaggiato attraverso l’Asia Minore e giù per la Siria e la Palestina, utilizzando la ferrovia, dove esisteva, ma facendo il resto a cavallo o in carrozza” (28).

È irragionevole pensare che Itamar Ben-Avi avesse potuto inventare una storia del genere per scriverla nelle sue memorie, anche perché non ne sarebbe chiara la motivazione. Ben-Avi non sapeva nemmeno se le sue memorie sarebbero state pubblicate o meno. Infatti, morì nel 1943 e le sue memorie non furono pubblicate se non nel 1961; la suddetta citazione è rimasta inosservata per molto tempo.

Mustafa Kemal stesso una volta diede una risposta molto interessante a una domanda quasi diretta di uno dei suoi amici più stretti, Nuri Conker, sulle sue radici ebraiche. Kemal rispose:

“Alcune persone dicono che sono ebreo – perché sono nato a Salonicco. Ma non bisogna dimenticare che Napoleone era un italiano della Corsica, eppure è morto francese ed è passato alla storia come tale” (29).

Conclusioni

Non è semplice risalire alle origini di Mustafa Kemal. Occorrerebbe condurre un’indagine documentale molto approfondita che solo i turchi sono in grado di affrontare, ma che non sono interessati a fare. La motivazione è molto semplice:

Chissà chi si nasconde dietro al Padre dei Turchi in persona. E chissà chi lo manovrava.

Alcuni sostengono che Atatürk fosse di origine greca o albanese. Dai lineamenti sembrerebbe piuttosto di origine slava, forse macedone. In ogni caso, non sembrerebbe affatto un turco. Ma come abbiamo visto in precedenza, ci sono molti indizi inoppugnabili che fanno pensare a origini ebraiche dunmeh.

In ogni caso non è importante conoscere le sue origini etniche o religiose. E’ invece importante sottolineare che era affiliato alla setta dei Giovani Turchi, completamente controllata da ebrei e cripto ebrei di Salonicco e che salì al potere grazie a loro. Mustafa Kemal voleva una Turchia laica e moderna, ma mentre laicizzava il paese, bruciava le chiese e portava a termine il genocidio dei cristiani armeni, greci e assiri, senza motivo apparente e in netto contrasto con le idee che egli stesso propagandava.

E mentre compiva questi odiosi crimini contro i cristiani, non torceva nemmeno un capello agli ebrei. Non bruciò nemmeno una sinagoga, non scalfì neanche lontanamente gli interessi della comunità ebraica. Anzi, aprì il paese e i palazzi del potere agli ebrei, permettendo che sostituissero in tutto e per tutto gli armeni sterminati.

Quanto sopra basta e avanza per sapere chi era esattamente Mustafa Kemal Atatürk. Mai avrebbe potuto prendere decisioni di sterminio così gravi senza il consenso dei suoi mentori. E questo vale anche per i tre pashà che lo precedettero.

Nel 1923 la Turchia di Mustafa Kemal, vestiti i panni del leader tollerante e illuminato, stipulava il Trattato di Losanna, in cui garantiva i diritti civili, religiosi e politici alla comunità ebraica e a quel poco che rimaneva della comunità cristiana, impegnandosi pure a proteggere i loro organismi religiosi.

In quegli stessi giorni in Turchia si stava ancora consumando il genocidio dei cristiani, con il consenso e la complicità del loro leader.

In Turchia è oggi severamente vietato criticare Mustafa Kemal Atatürk. Si capisce anche il perché. E chi lo critica va incontro a gravi conseguenze penali.

 

di Paolo Germani

Fonte: www.altreinfo.org

***

Note:

(1) (The Break-up of Turkey, The Times History of the War, vol. XXI, Londra, 1920, p. 433).

(2) (The Sort of Man Mustafa Kemal is, The Literary Digest, 14 ottobre 1922, vol.75, n. 2, pp. 50-53).

(3) Rifat N. Bali, Un capro espiatorio per tutte le stagioni: The Donmes o Crypto-Jewish of Turkey, Istanbul, 2008, p. 161) e Djavid “(prende in considerazione la dichiarazione di Turk sugli armeni, dall’Associated Press, The Evening Progress, Sabato 3 luglio 1920, pag. 5).

(4) Achmed Abdullah, Leo Anavi, The Rise of Mustapha Kemal Pasha from Obscurity, The Bridgeport Telegram, 28 settembre, 1922, p. 4).

(5) John Gunther, Procession, New York, 1965, p. 98; John Gunther, Inside Europe, New York, 1938, p. 417.

(6) (Joachim Prinz, The Secret Ebrei , New York, 1973, p. 122).

(7) https://www.jewishvirtuallibrary.org/doenmeh

(8) Documenti diplomatici statunitensi sulla Turchia, Family life in the Turkish Republic of the 1930s , ed. Rifat N. Bali, Istanbul, 2007 , p. 57).

(9) Rifat N. Bali, A Scapegoat for All Seasons: The Donmes or Crypto-Jewish of Turkey , Istanbul, 2008, p 227

(10) Elie Kedurie, Young Turks, Freemasons and Jewish , Middle Eastern Studies, v. 7, n. 1 (gennaio 1971), p. 94).

(11) Marc Baer, Globalizzazione, cosmopolitismo e Donme sull’Istanbul ottomana e turca, Journal of World History, vol. 18, # 2 (gennaio 2007), p. 150

(12) Kazim Nami Duru (1876-1967), Arnavutluk ve Makedonya Hatiralarim (1959). In: Rifat N. Bali, ibid. P. 119.

(13) ibid

(14) ibid. P. 244.

(15) Barbara K.Walker, Filiz Erol e Mine Erol, To Set Them Free, The Early Years of Mustafa Kemal Ataturk, New Hampshire, 1981, p. 26.

(16) HC Armstrong, Grey Wolf: An Intimate Study of a Dictator, New York, 1933, p. 5.

(17) Rifat N. Bali, ibid . Pp. 36-37

(18) Cengiz Sisman, The History of naming the Ottoman / Turkish Sabbatians, p. 50; in Studies on Istanbul and Beyond, The Freely Papers, v. I, 2007 , pp. 37-53) – secondo la domanda su chi sarebbe succeduto a Sabata (The Donmes in the Memoirs of Fuat Andic, in Rifat N. Bali, ibid . p. 126.

(19) (Rifat N. Bali, ibid . P. 126. Marc Baer, ibid . P. 154)

(20) (Riportato da A. Emin (Yalman), “Buyuk Millet Meclisi Reisi Başkumandan Mustafa Kemal Pasa ile bir mulakat [Intervista con Mustafa Kemal Pasha, Presidente della Grande Assemblea Nazionale e Comandante in Capo; in turco]”, Vakit (quotidiano turco), 10 gennaio 1922)

(21) Rifat N. Bali, ibid. P. 120

(22) Marc Baer, ibid . P. 143

(23 ) ibid. ibid. p. 153. ibid. p. 143.

(24) (HC Armstrong, ibid. p. 143)

(25) Il Tenakh o Tanakh è la parola per la Bibbia ebraica. È un’abbreviazione, “TaNaKh”, basata sulle iniziali di tre parole – Torah, Nevi’im, Ketuvim – che si riferiscono a parti della Bibbia come raccolte di insegnamenti ebraici

(26) Itamar Ben-Avi, Im Shahar Atzmautenu: Zichronoto shel HaYeled Ha’lvri HaRishon (At the Dawn of Our Independence: the Memoirs of the First Hebrew Child) , 1961, pp. 213-218.

(27) Andrew Mango, Ataturk, Londra, 1999, p. 452)

(28) HC Armstrong, ibid . P. 31.

(29) (Rifat N. Bali, Un capro espiatorio per tutte le stagioni: The Donmes o Crypto-Jewish of Turkey, Istanbul, 2008, p. 248).

***

Bigliografia e sitografia

  1. https://hetq.am/en/article/50143
  2. http://hugequestions.com/Eric/TFC/Young-Turks.html
  3. http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&task=view&id=9715&Itemid=100021
  4. http://armeniansa1915.blogspot.com/2009/08/2925-opinions-kassesian-sassounian.html
  5. https://www.unite.it/UniTE/Engine
  6. https://ilfarosulmondo.it/furono-cripto-ebrei-progettare-eseguire-genocidio-armeno/
  7. https://www.rivistaetnie.com/ebrei-di-turchia-88349/
  8. http://web.tiscalinet.it/nostreradici/Magdi-Turchia.htm
  9. http://www.istitutoeuroarabo.it/DM/le-minoranze-in-turchia-un-quadro-storico/
  10. Stanford J.S., The Jews of the Ottoman Empire and the Turkish Republic, Palgrave MacMillan, 1991, p. 245.

***

 

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...

error: Alert: Content is protected !!