I brogli elettorali. Non è ancora finita. Elena Dorian - www.altreinfo.org

I brogli elettorali. Non è ancora finita. Elena Dorian

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Proviamo ad analizzare le tre mappe che seguono, riguardanti le elezioni americane.

La prima riporta in rosso le zone in cui i voti dei Repubblicani sono aumentati. Ricordiamo che ci sono oltre 10 milioni di americani in più, rispetto al 2016, che hanno votato per Donald Trump.

Questa mappa riporta invece le zone degli Stati Uniti in cui sono aumentati i voti dei democratici. Ricordiamo che Biden ha ricevuto circa 12 milioni di voti in più rispetto a Hillary Clinton. Come potrete facilmente osservare, i voti dei democratici sono aumentati proprio nelle stesse zone in cui sono aumentati i voti di Trump. Solo che in quelle zone i voti dei democratici sono aumentati talmente tanto che anziché vincere Trump, come ci si poteva aspettare, ha vinto Biden.

Si tratta di una strana coincidenza.

Ma la cosa più strana è che in quasi tutte le zone in cui Trump si è rafforzato, che spesso sono zone storicamente repubblicane, hanno vinto i democratici. Questa analisi non ha valore legale, naturalmente, ma da un punto di vista statistico è una strana coincidenza.

Anzi, quando una coincidenza si ripete puntualmente in tanti luoghi vuol dire che non è più una coincidenza.

Chissà, forse qualcuno ha studiato  i flussi elettorali, in particolare dove si rafforzava Trump, ed ha inondato di voti postali proprio quelle zone, ribaltando completamente la situazione. Ecco a cosa servono i sondaggi.

Donald Trump, oggi 18 novembre, scrive su Twitter:

In Detroit, there are FAR MORE VOTES THAN PEOPLE. Nothing can be done to cure that giant scam. I win Michigan!
A Detroit ci sono MOLTI PIÙ VOTI CHE PERSONE. Non si può fare nulla per sistemare quella gigantesca truffa. Ho vinto il Michigan!
E poi:
…AND I WON THE ELECTION. VOTER FRAUD ALL OVER THE COUNTRY!
… E HO VINTO LE ELEZIONI. FRODI ELETTORALI IN TUTTO IL PAESE!

Quindi, desumiamo che non è ancora finita.

Trump non molla, come invece vorrebbero i media di regime.

di Elena Dorian

www.altreinfo.org

***

***

***

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

You may also like...