Marzo 2019 - www.altreinfo.org

Monthly Archive: Marzo 2019

Mahmood: dopo la vittoria di San Remo ho scoperto di essere straniero nel mio paese. Il razzismo dei falsi antirazzisti. Elena Dorian

“Dopo la vittoria di Sanremo, per la prima volta nella mia vita, ho ricevuto commenti razzisti. Solo dopo il Festival ho scoperto di essere straniero nel mio Paese”. Così dichiara il cantautore Mahmood durante una recente intervista. Il problema nasce dal fatto che le due giurie di San Remo, esperti e giornalisti, hanno stravolto il voto popolare, creando malcontento tra la gente, che avevano invece scelto a larga maggioranza Ultimo. I giornalisti della giuria hanno poi preso in giro ed insultato sia Ultimo che i tre ragazzi de Il Volo, peggiorando...

Immigrazione: chi soffia sulla propaganda al contrario dei morti in mare. Andrea Zambrano

frutti della propaganda al contrario. Il senegalese che ha tentato la strage di 51 bambini nello scuolabus perché “bisogna fermare i morti in mare per colpa di Salvini” era integrato anche nella disinformazione. I morti sono quasi a zero proprio grazie ai porti chiusi. Ma la vulgata, i salotti e gli opinion maker raccontano un’altra storia. E chi viene indottrinato, ci casca. Vediamo già Francesco Merlo e Roberto Saviano appostati sulla tastiera. Quindi, prima che qualcuno prenda sul serio le parole di Ousseynou Sy e dia la colpa della tentata strage sullo...

Il bagno di sangue dell’Afghanistan. Gaetano Colonna

In questi giorni, l’ONU ha tracciato l’annuale bilancio delle vittime civili in Afghanistan: con 3.804 morti e 7.189 feriti, il popolo afghano ha pagato nuovamente il più alto tributo dall’inizio di un conflitto civile che insanguina il Paese dopo l’intervento occidentale, iniziato nel dicembre dell’ormai lontano 2001. Un bilancio impressionante In totale, si stima che i caduti civili nei diciotto anni di guerra siano stati almeno 32mila ed i feriti oltre 60mila. Ai quali si aggiungono 3.458 caduti delle truppe della coalizione occidentale (tra cui dobbiamo ricordare i 53 italiani che...

I migranti adesso non scappano più dalle guerre, ma dai “campi di concentramento libici” e dalla «sedicente» Guardia Costiera Libica. Elena Dorian

Arrivano di nuovo i migranti. Adesso però non scappano più dalle guerre e dalla povertà. E nemmeno dai cambiamenti climatici. Adesso scappano dai “Campi di concentramento libici”. “Stiamo facendo rotta verso nord per evitare il maltempo, ci dirigiamo verso l’Italia dove chiederemo il porto sicuro per sbarcare queste persone scappate dai campi di concentramento libici“. Lo dice all’ANSA Luca Casarini, capomissione di Mediterranea Saving Human da bordo della nave Mare Ionio al termine del salvataggio di 50 migranti, tra cui 12 minori, al largo della Libia. Fonte: http://www.ansa.it/sicilia/notizie/ La ONG cerca...

Il «partito americano» nelle istituzioni Ue costruisce una falsa immagine di Russia e Cina. Manlio Dinucci

«La Russia non può più essere considerata un partner strategico e l’Unione europea deve essere pronta a imporle ulteriori sanzioni se essa continua a violare il diritto internazionale»: così stabilisce la risoluzione approvata dal Parlamento europeo il 12 marzo con 402 voti a favore, 163 contro e 89 astensioni [1]. La risoluzione, presentata dalla parlamentare lettone Sandra Kalniete, nega anzitutto la legittimità delle elezioni presidenziali in Russia, definendole «non-democratiche», presentando così il presidente Putin come un usurpatore. Accusa la Russia non solo di «violazione dell’integrità territoriale dell’Ucraina e della Georgia», ma...

“L’Ottavo Blog” di Carlo Freccero: un’idea che non piace ai media mainstream, unici “produttori ufficiali di informazioni”.

Carlo Freccero ha proposto un nuovo programma RAI intitolato L’ottavo blog, dedicato all’informazione alternativa oggi disponibile in Internet. In questo modo vorrebbe dar voce a tutti quei siti e blog non allineati con l’informazione mainstream. Si tratta soltanto di un’idea, che però non è piaciuta ai “produttori ufficiali di informazioni”, i quali accusano i blogger di produrre non controinformazione, bensì disinformazione e bufale. A seguire alcune considerazioni di Carlo Freccero, tratte da un’intervista concessa al Corriere della Sera. Un programma d’informazione non ha per oggetto teorie ma fatti, eventi reali...

Sciopero per il clima, un altro abuso di minori. Riccardo Cascioli

Gli studenti si mobilitano in tutto il mondo per protestare contro i politici che non prendono provvedimenti seri per contrastare il riscaldamento globale. Una iniziativa che secondo la narrazione ufficiale nasce dall’esempio della 16enne svedese Greta Thunberg, candidata al Premio Nobel per la Pace, ma le cose stanno diversamente. E dietro la mobilitazione degli studenti ci sono élite ecologiste e fondazioni americane che stanno usando i giovani per battaglie che valgono centinaia di miliardi di dollari. Ma davvero qualcuno è disposto a credere che il movimento studentesco mondiale che scende...

Cambiamento climatico, tra realtà e fantasia. I grafici che non dobbiamo vedere. Le cose che non dobbiamo sapere. Alba Giusi

E’ difficile capire il perché del grande movimento ecologista e climatico costruito ad arte dal sistema dei media globalisti e turbocapitalisti. La finanza apolide e predatoria si è fatta umana e manda avanti i potenti senza scrupoli a parlare della necessità di salvaguardare il pianeta. Un problema che qualche tempo fa non c’era, è diventato in breve “il problema”, ovvero l’unico problema importante che accomuna tutti i paesi del mondo. L’uomo si fa addirittura portavoce degli interessi di tutti gli altri esseri viventi, insetti, piante e orsi polari compresi. Stiamo parlando...

Cambiamenti climatici, salviamo il pianeta

“Salviamo il pianeta Terra, sta morendo. Siamo l’ultima generazione che può far qualcosa!”. Urlano i globalisti di tutto il mondo. Giorgio Lunardi

Grandi manifestazioni in tutto il mondo per salvare il pianeta Terra, da Washington a Mosca, da Beirut a Gerusalemme, da Shanghai a Mumbai. I politici ci hanno abbandonato! Urla da una piazza la giovane attivista svedese Greta Thunberg, ripresa da centinaia di TV provenienti da ogni dove. Milioni di studenti si riversano nelle piazze, catapultati dalle scuole col beneplacito dei loro professori. Titoli di approvazione compaiono nelle prime pagine di tutti i giornali globalisti del mondo. Si organizzano speciali in TV, con ospiti di rilievo. Per una volta sono tutti...

La moneta dev’essere dello Stato e senza debito. Non può appartenere a banchieri privati. Alberto Rovis

Per finanziare un’opera pubblica lo Stato ha due opzioni. La prima è chiedere i soldi alle banche private, che creano i soldi dal nulla, con un click del computer. Lo Stato dovrà poi restituirli tutti, maggiorati di interessi, entrando in questo modo nel vortice del debito. La seconda opzione è costituire una Banca Centrale Pubblica che, così come fanno tutte le altre banche private, crea i soldi dal nulla. In questo caso però, lo Stato non dovrà restituire i soldi e non dovrà pagare nemmeno gli interessi, evitando di entrare...

Sale alle stelle il prezzo della «protezione» Usa. Manlio Dinucci

Gli Stati Uniti non intendono più considerare gli alleati alla stregua di protettorati e chiedono loro di pagare il costo della protezione. Se rifiuteranno, gli USA si ritireranno. È quanto ha annunciato al Pentagono il presidente Trump il 17 gennaio e che è stato presentato alla NATO a febbraio, ma reso pubblico soltanto questa settimana. Una decisione che riguarda tutti gli alleati, dalla Germania al Giappone. Il problema è che Washington chiede agli alleati di allinearsi alle proprie posizioni… come facevano da protettorati. A pretendere il pizzo in cambio di...

“Gli ebrei controllano la finanza globalista e predatoria”. Nel tempo dell’inganno, dire la verità è un atto rivoluzionario. Giorgio Lunardi

Ci sono alcune cose che si possono ancora scrivere nei giornali e dire in televisione, senza incorrere nel reato di opinione, reato non ancora previsto dall’Ordinamento Giuridico Italiano, ma in avanzata fase di introduzione. Ad esempio, si può dire che le banche stanno distruggendo l’economia occidentale, che dettano legge e governano l’Europa. Si può anche dire che in Occidente c’è una vera e propria “dittatura della finanza globalista, apolide, predatoria e turbocapitalista”. Tali affermazioni, almeno per ora, non vengono censurate dal sistema dei media e chi le pronuncia sopravvive alle sue parole,...

I democratici infrangono il grande tabù degli Stati Uniti: criticare Israele

I giovani irrompono nella scena politica degli Stati Uniti e sono determinati a rompere il più grande tabù, condannando Israele per la sua oppressione dei palestinesi. In un articolo scritto dal giornalista staunitense Eric Margolis e pubblicato ieri sul sito web del “The Ron Paul Institute For Peace and Prosperity” si evidenziano i cambiamenti che stanno avvenendo sulla scena politica degli Stati Uniti. Nell’articolo, in particolare, si indica la nuova generazione di senatori democratici che si impegnano per rompere gli antichi schemi della politica nordamericana e osano dire ciò che...

Questa non è una crisi, è una guerra. Fabio Conditi

Sono più di 10 anni che siamo in crisi economica, e le conseguenze per la popolazione ed il nostro territorio sono simili a quelle di una guerra. Anzi forse peggio di una guerra. Si può parlare di crisi economica per un paese povero di risorse, senza capacità produttiva, costretto ad importare la maggior parte dei beni e servizi di cui ha bisogno. Oppure si può parlare di crisi economica se una particolare congiuntura richiede un riassetto delle strutture produttive. In realtà sono ormai quasi trent’anni che assistiamo al lento ed...

error: Alert: Content is protected !!