www.altreinfo.org -

Sito di controinformazione

Il «grande gioco» delle basi in Africa. Manlio Dinucci

Creata nel 2017 a seguito di uno studio israeliano, l’AfriCom (Comando degli Stati Uniti per l’Africa) non è mai riuscito a stabilire sul continente il proprio quartier generale. Dalla Germania, questa struttura organizza – con il concorso della Francia nella regione del Sahel – operazioni antiterroriste. In cambio, le società transnazionali USA e francesi si assicurano un accesso privilegiato alle materie prime africane. I militari italiani in missione a Gibuti hanno donato alcune macchine da cucire all’organizzazione umanitaria che assiste i rifugiati in questo piccolo paese del Corno d’Africa, situato...

I terribili atti di antisemitismo commessi in Italia che fanno il giro del mondo. Elena Dorian

In un mondo in cui questa immagine di Gesù può girare tranquillamente per il web e lo spettacolo da cui è tratta può essere finanziato coi soldi pubblici: In un mondo in cui queste immagini di Gesù e Maria possono essere utilizzate per fare pubblicità a una marca di abbigliamento: In un mondo in questa immagine di Maometto può essere liberamente pubblicata: In un mondo in cui questa immagine non ha nulla di offensivo, anzi è la vittoria della “libertà di espressione”: In un mondo in cui tutto si può,...

Il vero razzista è chi deporta masse di africani sradicandoli dalle loro terre. Diego Fusaro

Questa è la vile narrazione razzista delle Sinistre del Costume al servigio delle Destre del Danaro. Diego Fusaro Ogni tanto occorre fare un po’ di pulizia ermeneutica, riorganizzando le categorie del nostro pensiero. E provando a delineare nuovi tracciati, che escano dall’alveo del sempre più omologato e omologante pensiero unico politicamente corretto ed eticamente corrotto. Chiariamolo una volta per tutte, allora. Il vero razzista, oggi, è chi deporta masse di africani, sradicandoli dalle loro terre, e sostenendo che così sono condotti alla “civiltà”. Questa è la vile narrazione razzista delle Sinistre...

Si scrive migrazione ma si legge mistificazione. Comidad

Prima ancora che vi fosse la “insurrezione” dei sindaci contro il Decreto Salvini, vi era già stata l’iniziativa del segretario del PD, Maurizio Martina: il lancio di un referendum abrogativo in coincidenza con i tavoli delle elezioni primarie del partito. Ad una prima analisi, l’idea di Martina sembra ripercorrere i consueti sentieri suicidi di marca PD, con la prospettiva più che certa di regalare a Salvini una vittoria referendaria con un 80% di percentuale. Salvini ha saputo sfruttare sul piano elettorale la psicosi migratoria, ma non si può dire che sia stato...

Senza muri non c’è casa, non c’è tempio, non c’è sicurezza. Marcello Veneziani

La parola d’ordine del Cretino Planetario per farsi riconoscere e ammirare è: vogliamo ponti, non muri. Appena pronuncia la frase, il Cretino Planetario s’illumina d’incenso, crede di aver detto la Verità Suprema dell’Umanità, e un sorriso da ebete trionfale si affaccia sul suo volto. Non c’è predica, non c’è discorso istituzionale, non c’è articolo, pistolotto o messaggio pubblico, non c’è concerto musicale, film o spettacolo teatrale che non sia preceduto, seguito o farcito da questa frase obbligata. L’imbecille globale si sente con la coscienza a posto, e con un senso di superiorità...

Come la stampa spinge verso una società multietnica e multiculturale, imponendo i valori della finanza globalista. Elena Dorian

Non è una novità che i mezzi di comunicazione di massa, completamente controllati dalla finanza predatoria apolide, indirizzino il dibattito, le idee e i valori verso un mondo globalizzato ed uno sviluppo sociale multietnico e multiculturale. E’ davanti agli occhi di tutti, giorno per giorno, come la televisione, i giornali, la radio, ed ogni altro mezzo di comunicazione di massa, condizionino le nostre scelte e i nostri pensieri. Prendiamo quindi soltanto un banale caso, giusto per mettere in evidenza quanto sia subdola e diffusa questa influenza dei media e quanto sia...

Ci hanno insegnato a vergognarci di noi. Silvana De Mari

Il primo passo per distruggere la libertà di un popolo è distruggerne l’identità. Per abbattere un albero, tagliare le radici. Occorre ridicolizzare la religione di quel popolo, con uno stillicidio continuo di minuscoli gnomi, sedicenti intellettuali, cantanti, presentatori, attori, registi, fotografi, pubblicitari, artisti postmoderni, giornalisti, scrittori, eccetera con uno stillicidio continuo di odio e sarcasmo. La storia di quella religione e la storia di quel popolo viene ridotta ai suoi episodi peggiori, ovviamente enfatizzati e i fiumi di gloria vengono cancellati. Questa Europa ogni istante più ridicola nega il cristianesimo...

Il Il Corriere ha sparato Fake News. Lo dice uno del Corriere. Maurizio Blondet

Ivo Caizzi è il corrispondente da Bruxelles per il Corriere della Sera. In un esposto al Comitato di redazione del suo giornale e a tutti i colleghi  (lo postiamo in fondo),  rivela e spiega come Il direttore abbia sparato in prima pagina, il 1 novembre, che contro il governo italiano “era pronta una procedura d’infrazione UE” che invece Caizzi sapeva (ed aveva riferito al giornale)  non esisteva, anzi era tecnicamente impossibile. “Si può aprire la prima pagina del Corriere ccon una “notizia che non c’è” del genere?”, domanda Caizzi ai colleghi. E spiega come...

Italia e Ue votano per i missili Usa in Europa. Manlio Dinucci

Presso il Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite, a New York, c’è una scultura metallica intitolata «il Bene sconfigge il Male», raffigurante San Giorgio che trafigge un drago con la sua lancia. Fu donata dall’Unione sovietica nel 1990 per celebrare il Trattato Inf stipulato con gli Stati uniti nel 1987, che eliminava i missili nucleari a gittata corta e intermedia (tra 500 e 5500 km) con base a terra. Il corpo del drago è infatti realizzato, simbolicamente, con pezzi di missili balistici statunitensi Pershing-2 (prima schierati in Germania Occidentale) e...

Un gruppo di hacker minaccia di rivelare la verità sull’11 settembre. Massimo Mazzucco

La notizia è decisamente curiosa: secondo Russia Today un famoso gruppo di hacker, chiamato The Dark Overlord, minaccia di rendere pubblica una lunga serie di documenti riservati che rivelerebbero “che cosa è veramente successo l’11 di settembre”. Si tratta di documenti che riguardano i patteggiamenti legali avvenuti intorno all’11 settembre, oltre che a documenti sensibili dell’FBI, della C.I.A. e del Pentagono relativi ai fatti di quel giorno. Il gruppo di hacker ha messo on-line 10 gigabyte di files criptati, e minaccia di rendere pubblica la chiave per decriptarli, se non verrà pagato...

Gli Stati Uniti si rifiutano di combattere per finanzieri transnazionali. Thierry Meyssan

Il 19 dicembre l’annuncio del ritiro parziale dei soldati americani dall’Afghanistan e del ritiro totale dalla Siria è arrivato come un fulmine a ciel sereno. Il segretario alla Difesa, James Mattis, si è dimesso l’indomani. Diversamente da quanto sostengono gli oppositori del presidente, Trump e Mattis si stimano reciprocamente e le loro divergenze non vertono sul ritiro delle truppe, bensì sulla gestione delle conseguenze. Gli Stati Uniti sono di fronte a una scelta che segnerà una cesura e farà vacillare il mondo. Innanzitutto, per rimuovere possibili fraintendimenti è opportuno ricordare...

wikipedia, controllo di massa

Il controllo sionista di Wikipedia, Enciclopedia Universale Ebraica. Elena Dorian

Wikipedia non ha bisogno di presentazioni. E’ un’enciclopedia disponibile in Internet che chiunque può modificare, togliendo o aggiungendo informazioni. Wikipedia afferma che i suoi articoli sono basati su un “punto di vista neutrale”, ma dal momento che sono gli esseri umani che scrivono gli articoli, ovviamente i contenuti possono essere influenzati dalla politica, come di fatto avviene. Ad esempio la CIA ha sicuramente cercato di influenzare alcune voci (“Wikipedia ‘mostra le modifiche alla pagina della CIA’”) mentre le grandi aziende, per motivi di immagine, cercano di controllare le informazioni che...

Gli ebrei: i più grandi sterminatori del ventesimo secolo. Ron Unz

Hitler voleva sterminare gli ebrei. Questo è quanto si legge pressoché in tutti i libri di storia. Prendiamo in considerazione il caso del Feldmaresciallo Erhard Milch, il potente numero due di Hermann Goering, che a sua volta era a capo della Luftwaffe tedesca. Suo padre era certamente ebreo, e secondo i ricercatori Robert Wistrich e Louis Snyder, ci sono prove di archivio che anche sua madre era ebrea. Ci chiediamo allora: E’ possibile che un Terzo Reich immerso con cupo fanatismo nello sterminio di ogni singolo ebreo possa aver combattuto...

Amazon e il controllo globale. Marcello Pamio

Amazon compra per un miliardo di dollari la società Ring! Come mai il mostro dell’e-commerce compra sganciando una cifra colossale un’azienda che produce campanelli e videocamere connessi ad Internet? Si tratta di una delle maggiori acquisizioni fatte dal gruppo di Seattle. La risposta sarà chiarissima alla fine del presente articolo. Amazon intende connettere prodotti e servizi legati al suo assistente vocale Alexa, nello stesso tempo sta sfidando l’altro colosso Google, e infine c’è tutto il discorso del controllo globale mascherato sotto la voce «sicurezza». Il disegno inizia a prendere forma leggendo il nuovo brevetto depositato...

Calenda e l’epica darwiniana dell’assistenzialismo per ricchi. Comidad

L’opposizione parlamentare del PD cerca di trasformare le brutte figure del governo Conte in proprie fortune, rischiando soltanto di essere percepita dall’opinione pubblica come sicario dell’Unione Europea. Intanto il dibattito precongressuale del PD langue e molti esponenti di spicco ne prendono persino le distanze. Uno degli interventi più apprezzati continua ad essere il “manifesto” dell’ex ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, che risale a vari mesi fa. Un manifesto apprezzato non per le proposte, ma per le sue premesse che sembrano mettere finalmente in discussione il quadro rassicurante sinora offerto sulle...

error: Alert: Content is protected !!