Settembre 2017 - www.altreinfo.org

Monthly Archive: Settembre 2017

Murale di Putin in Crimea

Russia: distrutte tutte le armi chimiche e condonati 20 miliardi di debiti africani. Pino Cabras

Sono due notizie ‘hard’ di notevole rilevanza politica mondiale e provengono da Mosca. In sé meriterebbero un’attenzione cospicua, ma il sistema informativo occidentale è impermeabile. Distrutte tutte le armi chimiche e condonati 20 miliardi di debiti africani. Sono due notizie “hard” di notevole rilevanza politica mondiale e provengono da Mosca. In sé meriterebbero un’attenzione cospicua, ma il modo di operare del sistema informativo dominante è così impermeabile alle notizie vere sulla Russia, che anche gli eventi suscettibili di grande peso simbolico e politico in campo militare ed economico passano praticamente...

Barnard parla ai mostri. E intanto vi dà una prospettiva. Paolo Barnard

Sono al telefono ogni giorno con i Mostri (quando i media mi pagavano ci sarei andato di persona, sorry). Chiamo prefisso 001+ e parlo con le Start Ups americane che fanno A.I., ma soprattutto i robot chirurgici del presente e del futuro. Quelli del futuro saranno in A.I. quantistica, cioè rispetto a quelli di oggi un salto come dire dalla ruota di pietra allo Space Shuttle. Sto su questo tema perché nella devastazione di TECH-GLEBA la salute è il lato più orripilante. (poi vi dirò cosa gli chiedo e come mi...

Così si vive a Gaza

Gaza continua a morire. Mafalda Insigne

Si muore una sola volta nella vita. Ma non a Gaza. Gaza muore, continuamente. Sono passati tre anni dall’ultima ferita, l’ennesima, sferrata da Israele al cuore della Striscia. Da quel luglio del 2014 la situazione umanitaria è precipitata ulteriormente, e Gaza è condannata, dichiarata dall’Onu invivibile entro il 2020. Gaza è ormai una prigione a cielo aperto, totalmente isolata dal mondo, dove gli abitanti, qualora potessero, non saprebbero neppure dove scappare. Una terra dove i bambini crescono a latte e sangue, i giovani camminano a braccetto con l’incertezza del futuro,...

Vogliono guerra. Allora ricordiamo chi ci trascinò nelle altre. Maurizio Blondet

(Il nostro Parlamento, bipartisan, ha aumentato le nostre spese militari da 70 a 100 milioni al giorno: +43%. Gli eventi in corso tra Irak, Siria e Iran mi inducono a riproporre questo mio testo): Benjamin Freedman (1890–1984) è stato un uomo d’affari di successo (era il proprietario della Woodbury Soap Co.), ebreo di New York, patriota americano. Era anche stato membro della delegazione americana al Congresso di Versailles nel 1919, dunque un “insider”. Ruppe con l’ebraismo organizzato e i circoli sionisti dopo il 1945, accusandoli di aver favorito la vittoria del comunismo in Russia....

La sovranità monetaria la dobbiamo prendere a colpi di cannone

Perché con A.I. la moneta sovrana va pretesa a colpi di cannone. Paolo Barnard

Premessa: Queste note sono per quei pochissimi italiani che non sono nati immortali, o per quei pochissimi sfigati che non sanno evitare cancro, ictus, infarto e la morte toccandosi le palle, o un chiodo di ferro o un cornino napoletano. Tutti gli altri ignorino questo articolo. PB All’immane importanza, nel futuro certo di TECH-GLEBA, di tornare alla sovranità monetaria ci si arriva alla fine. Partiamo. C’è un notizia enorme, sempre che sia accurata, nella narrativa di TECH-GLEBA, ed è una buona notizia, no ironia. Uno studio di Accenture Consulting (Artificial Intelligence:...

Finito Daesh, si passa ai curdi per innescare la nuova guerra per Sion. Maurizio Blondet

La fine di Daesh si avvicina, ma col referendum curdo i gestori della sovversione globale stanno innescando il prossimo conflitto. Per Israele, ovviamente, e sempre secondo il Piano Kivunim, la destabilizzazione dei paesi  islamici per linee etnico-religiose. No, il Medio Oriente non deve aver pace. Netanyahu esulta apertamente. Bernard Henry Lévy è accorso ad abbracciare (e farsi fotografare accanto) a Masud Barzani e a suo figlio Najerfane, due vecchi amici. Del resto, alla sicurezza dei Barzani provvede il Mossad, che ne dirige anche i servizi di informazione. La presenza di BHL è...

il pensiero unico in economia

Il pensiero unico in economia. Simone Lombardini

Nella storia, si sa, le idee susseguono continuamente; il metodo scientifico suggerirebbe di abbandonare quelle che via via si dimostrano irragionevoli o incomplete in favore di quelle più aderenti al vero. Nella disciplina economica vige invece un sapere a senso unico teso a interpretare i fenomeni economici alla stregua di forze naturali che obbediscono a leggi fisiche fuori dal controllo umano. Lo spread, la borsa, i tassi d’interesse, i prezzi, la disoccupazione, sembrano tutti muoversi indipendentemente dalla volontà umana e quindi l’economista, come semplice spettatore, dovrebbe limitarsi a riportare i...

alice weidel, afd

AfD partito nazista? Guardate la biografia del suo leader, Alice Weidel. Il problema è che AfD dice cose che vanno contro gli interessi dei globalisti!

Io non pensavo di dover vivere dei periodi così tenebrosi: tutti vediamo succedere fatti, eventi, situazioni e la stampa ce li racconta in modo diverso da quello che osserviamo. Sempre, o quasi. E per chi osa dissentire ecco il coro, “ma tutti la pensano in maniera diversa, i giornali dicono un’altra cosa…“. Ecco, i mass media: i fatti ci dicono che sono in mano ad un manipolo di persone, tutti facenti parte delle elites globali e tutti con interessi globalisti. Gli editori sono guarda caso gli stessi che benedicono da...

USA e ISIS attaccano insieme le forze russe in Siria. Giulietto Chiesa

Ci sono le prove della convergenza tra ISIS e i consiglieri USA. Pentagono e CIA furono fin dall’inizio protettori e alleati di Daesh. Secondo informazioni di diversi siti statunitensi e russi, raccolte dal blog di Paul Craig Roberts, in almeno tre occasioni documentate, i servizi segreti USA che operano sul campo in Siria, agiscono con il deliberato scopo di uccidere soldati e ufficiali russi. In un caso ci sono riusciti, uccidendo il generale Valerij Asapov, insieme a due colonnelli di cui non viene fornito il nome. In un altro caso, nei pressi di...

Carlo Azeglio Ciampi e signora Franca durante il viaggio in Cina svoltosi nel 2004

Chi sono i responabili della situazione economica in cui si trova l’Italia? Molti politici, ma anche un Padre della Patria. Paolo Germani

Qualche volta è bene ricordare chi sono i responsabili della situazione economica in cui ci troviamo oggi. Lo facciamo nel modo più semplice possibile, rileggendo qualche vecchio articolo di giornale. Il primo articolo risale al 6 dicembre 2004 ed è stato pubblicato su La Repubblica: Montezemolo in Cina con Ciampi: “Insieme con strategia unica” L’articolo si occupa di un viaggio fatto da una folta delegazione di industriali (circa 200 persone), presieduta da Luca Cordero di Montezemolo, l’allora presidente di Confindustria, insieme al Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, quattro ministri...

Il Sionismo controlla il secessionismo catalano

“Il sionismo è contrario alla identità dei popoli europei, al risorgimento spitituale dell’Europa, al rinascimento del genio europeo, al futuro libero ed alla integrità dei nostri figli” . Sono le parole pronunciate dal presidente di “Soluciona en Cataluña” e candidato alla Muncipalità di Barcelona, Gerard Bellalta. Bellalta ha lanciato una dura requisitoria contro l’influenza del sionismo nella maggior parte degli avvenimenti drammatici che si stanno verificando nel mondo e, in questo contesto, ha richiesto al Governo Spagnolo che prenda le distanze dallo Stato sionista di Israele, che esercita un sistema di apartheid...

Anche Keynes ha commesso un errore. Comidad

Dopo mesi di annunci a vuoto da parte di CialTrump, finalmente è arrivata la promessa svalutazione del dollaro. A salutare con la maggiore preoccupazione l’evento è stato il Super-Buffone di Francoforte, in arte Mario Draghi. Il presidente della BCE ha paventato gli effetti negativi che la corrispondente rivalutazione dell’euro rispetto al dollaro comporterà sulla esitante ripresina economica europea. In tal modo Draghi ha confermato quanto gli osservatori marginalizzati dai grossi media dicevano da tempo, cioè che il mitico “bazooka” di Draghi, il Quantitative Easing, non ha rilanciato l’economia europea per le...

Dopo il Califfato, il Rojava. Thierry Meyssan

Mentre l’esercito arabo siriano, l’aeronautica russa e Hezbollah si stanno preparando a porre fine a Daesh, il Pentagono sta progettando una nuova guerra contro la Siria, stavolta con truppe curde. Proprio come la missione del Califfato era quella di creare un Sunnistan a cavallo tra l’Iraq e la Siria, anche la missione del “Rojava” è quella di creare un Kurdistan a cavallo tra due Stati, così come il Pentagono prevede pubblicamente da quattro anni in qua. econdo la Grande strategia statunitense, definita dall’ammiraglio Cebrowski nel 2001 e pubblicata nel 2004...

Lasciateci almeno andare a puttane. Massimo Fini

Con un’ordinanza urgente il sindaco di Firenze Nardella ha istituito il divieto di chiedere o accettare prestazioni sessuali a pagamento. Il cliente è punito con l’arresto fino a tre mesi e con una multa di 200 euro. Le sanzioni si applicano anche se non c’è stato un rapporto sessuale (la prostituta invece rimane indenne). Per la prima volta in Italia, almeno a Firenze, per ora, la prostituzione in sé diventa un reato. Il sindaco Nardella si è avvalso di un recentissimo decreto del ministro degli Interni Minniti che consente ai...

Lipoveni, i pirati del po

I lipoveni stanno depredando il delta del Po e tutti i fiumi del Nord Italia. Caro Boeri, saranno loro a pagarci le pensioni? Alba Giusi

Dal primo semestre del 2012, tra le province di Ferrara e Rovigo, principalmente nel territorio Polesano, si è insediata con intensità sempre maggiore, una popolazione proveniente dalla Romania, e in particolare dalla zona del Delta del Danubio: sono i lipoveni. Si tratta di un popolo slavo che basa la sua cultura e il suo sostentamento, soprattutto sulla pesca con le reti ed altri sistemi molto invasivi, senza minimamente preoccuparsi dell’impatto ambientale che ne deriva, al punto di avere distrutto la fauna ittica dell’intero bacino del Delta del Danubio, creando un enorme...

error: Alert: Content is protected !!